HomeEvoluzione personale e consapevolezzaQuando la rabbia non va via    

Commenti

Quando la rabbia non va via — 3 commenti

  1. Era bellissimo il commento, e poi per la vita frenetica, così come è strutturata è difficile non avere la rabbia, hai la rabbia, nei momenti di sconfitta, nel sentirti messa a parte, di non appartenente al tessuto del contesto, e io credo che sia sano e civile avere la rabbia ma è importante sapere come canalizzarla. Credo che nessuno nasce né criminale né rabbioso, ma è la cultura individuale che forma il recipiente per la canalizzazione delle nostre emozioni reperesse. Ecco, credo che l’arte del linguaggio giochi molto alla soluzione, e credo che i deboli per farsi sentire usano i muscoli e i forti usano l’arte del linguaggio.

  2. vi suona questa frase : ” divide et impera ” io e la rabbia, io sono arrabiato, quando separiamo creiamo e poi osserviamo come se esistesse veramente e staccata da noi, e cosi ci sfugge e non possiamo esserci quando arriva… c’è un video molto utile alla comprensione del nostro “dramma”, si chiama “lo sfidante” youtube… per 60 anni un certo j. krishnamurti ha continuato a descrivere il Pensiero, l’ego e tutti i suoi attributi, di cui la “rabbia” è uno. Ego e rabbia sono una cosa sola, così, per trascendere, che letteralmente significa cambiare la frequenza della energia coinvolta, per trascendere la rabbia bisogna comprendere a fondo l’ego, la sua struttura, il suo mondo, le basi da cui trae la sua identità… per arrivare ad avere una visione pulita, non distorta da immagini o informazioni esterne, è necessario passare tempo all’ascolto di tutta la sua attivitaà, e svillupare la capacità di riconoscere da dove nascono le nostre azioni… è un viaggio che quando lo si intraprende già non si ritorna… ma la meta è la totalità, l’unicità… buon viaggio, buona sfida…

  3. quando si vede con chiarezza la automaticità che caratterizza l’ego, si comprende che cercare di cambiarlo è del tutto illusurio, se non ti piace un disco non cerchi di cambiarne il contenuto, cambi il disco… l’ego si basa su una rete di programmi che funzionano in modo del tutto automatico… così la questione diventa: possiamo cambiare i programmi che riconosciamo come negativi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

“Non ce la faccio più!” O Cambi o… ti arrendi al Peggio

di Andrea Di Lauro
I monti sono maestri silenziosi. Le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, su me stesso e la vita in generale. Una delle consapevolezze che l’alta quota mi ha lasciato, è quella che dice: “non sai quanto è lontano il tuo limite”.
Camminavamo già da quattro, cinque o forse sei ore ormai. Avevamo lasciato la vetta già da un po’. Per quanti sassi calpestavamo, la meta sembrava sempre inarrivabile. Non so quante volte ho ripetuto mentalmente (e non solo) “non ce la faccio più…”, fatto sta che ho faticato per altre sei ore quel giorno, prima di poter tornare a casa.
Come dicevo, le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, soprattutto riguardo ai nostri veri limiti. Per quante volte io dicevo che non ce l’avrei fatta, che le gambe non ne volevano sapere di fare un altro passo, che avrei fatto meglio a dormire nel bosco, continuavo a camminare, sorprendendomi più volte delle folate di energia che mi arrivavano di tanto in tanto. Queste esperienze, quando ancora si facevano quelle uscite in “modalità survivor” da 12/14 ore non stop, mi hanno sempre fatto capire che il limite umano è sempre molto più lontano di ciò che pensiamo…

Continua a leggere →