Caro Amico, attualmente le newsletters inviate ai domini @hotmail.it, @hotmail.com, @live.it, @live.com, ritornano tutte indietro. Non sappiamo il motivo, probabilmente il problema è temporaneo. Se però hai un indirizzo e-mail sotto un altro gestore, ti consigliamo di inserire quest’ultimo. Noi inviamo le newsletters direttamente dal nostro dominio, senza fare uso di servizi terzi esterni, quindi il rispetto della tua privacy è assoluto. Questo metodo di invio può però creare dei problemi di rifiuto per destinatari sotto determinati domini (in questo caso @hotmail.com, etc).

Grazie, Mauro & Beatrice

Se riscontri problemi nel processo di iscrizione, inviaci un messaggio vuoto cliccando il seguente link: info@fisicaquantistica.it

LA SAGGEZZA DEGLI INDIANI D'AMERICA
Versione nuova
di Kent Nerburn

Le massime, gli insegnamenti e i discorsi dei grandi capi e delle figure più autorevoli fra i nativi americani permettono al lettore di cogliere la profondità e la purezza della loro filosofia, di apprezzareil modo in cui affrontavano i piccoli e grandi problemi dell'esistenza (il cibo, la caccia, la religione, il rapporto con la natura, la guerra e la morte), e di conoscere le vicissitudini che li hanno portati prima ad accogliere e poi a combattere l'uomo bianco, il quale li ha privati della terra e relegati nelle riserve.
 Le parole dei nativi possiedono una saggezza, un'intensità e un'energia ancora capaci di sorprenderci, rasserenarci, rinvigorirci.
 Come afferma Kent Nerburn, "esse sembrano assumere una "vita propria, nella quale i ritmi  e le cadenze creano una profusione di immagini e armonie, finchè non avvertiamo il battito del cuore dell'autore e non percepiamo la linfa vitale dell'esperienza che contengono".
 In questo libro il lettore troverà un’ampia selezione dei pensieri degli Indiani d’America, con una speciale attenzione alle parole di tre dei loro più grandi capi (Red Jacket, Joseph e Seattle), e di una delle figure più intriganti della storia indiana, Ohiyesa.
 "Tutte le cose sono legate. Ciò che accade alla terra, accade ai figli della terra"
Capo Seattle
 "Siamo tutti poveri perchè siamo tutti onesti"
Cane Rosso
 "Nerburn conosce l’anima di noi Indiani, come forse nessun altro scrittore non nativo."
Sicangu Lakota
 "Il libro di Kent Nerburn è un regalo, che siamo onorati di ricevere e obbligati a diffondere."
Steven R. Heape, cittadino della nazione Cherokee
 Kent Nerburn - Anteprima - La Saggezza degli Indiani d'America Gli indiani d'America (parte I) L'apprendimento
 Ai bambini si insegnava che la vera cortesia doveva essere espressa con le azioni piuttosto che con le parole. Era loro proibito frapporsi tra il fuoco e una persona anziana o un ospite, parlare mentre altri parlavano, prendere in giro una persona deforme o sfigurata. Se un bambino lo faceva senza volere, uno dei genitori lo rimproverava subito sottovoce.
Espressioni come «scusate», «perdonatemi» e «mi dispiace», che ora sono usate spesso alla leggera e inutilmente, non esistono nella lingua Lakota. Se per sbaglio qualcuno feriva o creava disturbo a qualcun altro, diceva la parola wanunhecun, «errore». Questo era sufficiente per indicare che non intendeva essere scortese e che ciò che era accaduto era un incidente.
 Continua a Leggere Kent Nerburn - Anteprima - La Saggezza degli Indiani d'America...

La Saggezza degli Indiani d'America

Versione nuova

di Kent Nerburn

Le massime, gli insegnamenti e i discorsi dei grandi capi e delle figure più autorevoli fra i nativi americani permettono al lettore di cogliere la profondità e la purezza della loro filosofia, di apprezzareil modo in cui affrontavano i piccoli e grandi problemi dell'esistenza (il cibo, la caccia, la religione, il rapporto con la natura, la guerra e la morte), e di conoscere le vicissitudini che li hanno portati prima ad accogliere e poi a combattere l'uomo bianco, il quale li ha privati della terra e relegati nelle riserve.

Le parole dei nativi possiedono una saggezza, un'intensità e un'energia ancora capaci di sorprenderci, rasserenarci, rinvigorirci.

Come afferma Kent Nerburn, "esse sembrano assumere una "vita propria, nella quale i ritmi  e le cadenze creano una profusione di immagini e armonie, finchè non avvertiamo il battito del cuore dell'autore e non percepiamo la linfa vitale dell'esperienza che contengono".

In questo libro il lettore troverà un’ampia selezione dei pensieri degli Indiani d’America, con una speciale attenzione alle parole di tre dei loro più grandi capi (Red Jacket, Joseph e Seattle), e di una delle figure più intriganti della storia indiana, Ohiyesa.

"Tutte le cose sono legate. Ciò che accade alla terra, accade ai figli della terra"
Capo Seattle

"Siamo tutti poveri perchè siamo tutti onesti"
Cane Rosso

"Nerburn conosce l’anima di noi Indiani, come forse nessun altro scrittore non nativo."
Sicangu Lakota

"Il libro di Kent Nerburn è un regalo, che siamo onorati di ricevere e obbligati a diffondere."
Steven R. Heape, cittadino della nazione Cherokee

Kent Nerburn - Anteprima - La Saggezza degli Indiani d'America

Gli indiani d'America (parte I)

L'apprendimento

Ai bambini si insegnava che la vera cortesia doveva essere espressa con le azioni piuttosto che con le parole. Era loro proibito frapporsi tra il fuoco e una persona anziana o un ospite, parlare mentre altri parlavano, prendere in giro una persona deforme o sfigurata. Se un bambino lo faceva senza volere, uno dei genitori lo rimproverava subito sottovoce.
Espressioni come «scusate», «perdonatemi» e «mi dispiace», che ora sono usate spesso alla leggera e inutilmente, non esistono nella lingua Lakota. Se per sbaglio qualcuno feriva o creava disturbo a qualcun altro, diceva la parola wanunhecun, «errore». Questo era sufficiente per indicare che non intendeva essere scortese e che ciò che era accaduto era un incidente.

Continua a Leggere Kent Nerburn - Anteprima - La Saggezza degli Indiani d'America

...


Commenti

Iscriviti alla Newsletter di fisicaquantistica.it — 13 commenti

  1. Buon giorno Beatrice e Mauro, che dire.. sempre piu’ affascinante e interessante
    “fisica quantistica” approfitto per farvi tantissimi auguri di buone feste!! e con la speranza che il prossimo anno sia.. non voglio dire splendido.. mi sembra un parolone..ma un po’ meglio di questo.
    Auguri!!
    Patrizia.

  2. Grazie Patrizia, sei troppo gentile. Ti auguriamo un Buon Natale, e tanta Gioia, e che l’anno nuovo porti a tutti un po’ di serenità.
    Mauro e Beatrice

  3. Buongiorno fisica quantistica grazie infinite per il vostro lavoro nel divulgare e informare su tematiche che mi appassionano. GRAZIE MILLE !!!

  4. …sono affascinato da una sensazione…da un pensiero che ho in me da quando avevo 16anni…quando mi sentivo stanco/debole… mi concentravo… mi concentro e…sdraiato/abbandonato… nel letto…comando a tutto il mio corpo di far “girare” tutti gli atomi insieme…come a sollevarmi… e ne ottengo un beneficio di energia…

  5. non solo e’ interessante ma reso credibile e aperto a nuova e stimolante ricerca….bravi

  6. la fisica-chimica quantistica,secondo me è in sintonia con MENS-PSICHE-ANIMA-SPIRITO SANI SE IN CORPORE SANO ED IN SINTONIA CON LA SCOPERTA DI ALEXIS KARREL, fisiologo-scienziato-ricercatore e premio Nobel,per la Madicina,anno 1912, completamente ignorato dallamedicina ufficiale. A. Karrel dimostro,fino alla sua morte,come si può tenere in vita-longeva e sana,le micro-cellule del cuore di un pollo,in una soluzione salina e relativi ricambi,per ben 29 anni !!,risultati completamente ignorati ed affossati dalla mecicina-business-farmaci-mala-salute !! e lui stesso,ignorato al pari di Nicola Tesla, negli studi-formazione-medici !! e ricerca-salute-cellulare !!. A. Karrel ha dimostrato la potenzialità della Immortalità delle cellule viventi sul pianeta Terra e,la applicazione-verità del fenomeno alchemico detto di TRASMUTAZIONI-ELEMENTI CHE SONO ALLA BASE DELLA VITA-LONGEVITA’ di tutte le micro-cellule viventi e quindi della veridicità delle TAVOLE PERIODICHE DI MENDELIEEV E DELL’AMBENTE NEUTRO-ALCALINO, FONTE DI VITA-RINNOVO-MICRO-CELLULE E QUINDI LORO VITA-LONGEVITA’-SALUTE A TEMPO INDETERMINATO A NOI ANCORA IGNOTO.

  7. Mi incammino in questa entusiasmante avventura, che sa di favola, con animo sereno e spensierato.
    Spero di apportare con la mia piccola realtà terrena, una nuova forza innovatrice e rigeneratrice del genere umano.
    Auspico un buon lavoro a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *