Canale Telegram ›››
HomeEvoluzione personale e consapevolezzaCi siamo ridotti come “Schiavi impazziti”    

Commenti

Ci siamo ridotti come “Schiavi impazziti” — 2 commenti

  1. Farei notare il fatto di come la maggioranza delle persone crede a questo vaccino con crede ad un dogma!
    E’ convinto che sia salvifico senza averne nessuna prova! I media danno input del tipo “e’ l’unico modo per tornare alla normalità” e moltissimi ci credono.
    Molti si vaccinano perchè lo fanno gli altri!
    Molti si vaccinano perchè temono di avere ripercussioni sul posto di lavoro!
    Sopratutto perchè glielo dicono le istituzioni.
    Ma quale credibilità residua hanno ancora queste istituzioni?
    Fin dall’inizio NON si sono mai prodigate per trovare una cura subito praticabile, ma al contrario hanno sempre e solo spinto per il vaccino!
    Dicono che è sicuro o per lo meno che i pregi siano meglio dei difetti ma la verità è che NON lo sanno!, I test per determinare la sicurezza o il pericolo si concluderanno a fine 2023!
    Ma come si fà ad imporre mediaticamente (almeno per adesso) un farmaco sperimentale che inevitabilmente si insinuerà nelle cellule della gente senza studi preventivi sugli effetti a breve ma sopratutto lungo termine? chi pagherà gli eventuali danni?
    Personalmente sono convinto che questa sia la prova che TUTTE MA PROPRIO TUTTE le istituzioni che ci governano siano ormai non solo incapaci ma peggio in mala fede! Non operano più per il benessere della popolazione ma altri interessi.
    Peggio, chi non si vaccinerà sarà discriminato, sarà additato come “untore” sarà ghettizzato.
    Nessuno può decidere per gli altri, ognuno deve decidere per se stesso, ed alla fine cioè tra 2 o 3 anni ne trarremo le dovute conseguenze.
    Comunque mai come in questa occasione capiamo come di persone che hanno anime evolute ce ne sia solo una piccola parte sul totale. Auguri a tutti.

  2. L’articolo che hai postato Francesco è di una realtà evidentissima…grazie, sono in pieno accordo. Dobbiamo risvegliare le nostre coscienze. Ma stiamo CALMI, FERMI E BENE ORDINATI, SVEGLI E VIGILI. Il grande cambiamento è già in atto. Abbiamo FIDUCIA FEDE. I giovani che vengono sono là salvezza del nostro futuro. Ma per generare o se preferite, creare un futuro di gioia e grazia dobbiamo capire,internizzare,diventare consapevoli di VIVERE l’oggi, l’adesso nel migliore dei modi, sentendoci bene, sentire momento per momento quell’entusiasmo per la vita.Sentendoci forti. Anche se siamo in pochi, mai perdiamoci d’animo. Grazie a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

“Non ce la faccio più!” O Cambi o… ti arrendi al Peggio

di Andrea Di Lauro
I monti sono maestri silenziosi. Le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, su me stesso e la vita in generale. Una delle consapevolezze che l’alta quota mi ha lasciato, è quella che dice: “non sai quanto è lontano il tuo limite”.
Camminavamo già da quattro, cinque o forse sei ore ormai. Avevamo lasciato la vetta già da un po’. Per quanti sassi calpestavamo, la meta sembrava sempre inarrivabile. Non so quante volte ho ripetuto mentalmente (e non solo) “non ce la faccio più…”, fatto sta che ho faticato per altre sei ore quel giorno, prima di poter tornare a casa.
Come dicevo, le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, soprattutto riguardo ai nostri veri limiti. Per quante volte io dicevo che non ce l’avrei fatta, che le gambe non ne volevano sapere di fare un altro passo, che avrei fatto meglio a dormire nel bosco, continuavo a camminare, sorprendendomi più volte delle folate di energia che mi arrivavano di tanto in tanto. Queste esperienze, quando ancora si facevano quelle uscite in “modalità survivor” da 12/14 ore non stop, mi hanno sempre fatto capire che il limite umano è sempre molto più lontano di ciò che pensiamo…

Continua a leggere →