HomeSalute ed alimentazioneLa trappola della prevenzione    

Potrebbero interessarti...



Commenti

La trappola della prevenzione — 9 commenti

  1. Anche nell’ultimo caso l’industria sanitaria, poichè anche gli ospedali oggi hanno il loro guadagno, ha percepito due volte il profitto dell’esame diagnostico ripetuto, per convalidare o scongiurare l’eventuale malattia, tutto a spese dello Stato che fa ricadere i costi sul contribuente. Pertanto, sarebbe giusto penalizzare, con tasse più alte, tutti quei prodotti che spesso sono causa di molte malattie, tra i quali non possiamo dimenticare, per l’impatto che hanno anche sull’ambiente, i prodotti alimentari di origine animale, gli alcolici, le farine e gli zuccheri raffinati, le bibite gassate e tutti quei prodotti industriali che hanno grande impatto sociale e sulla salute pubblica.

  2. Racconto un fatto: dopo aver fatto degli esami del sangue in ospedale (ho pagato il ticket , caro, e come dici hanno anche percepito soldi dallo Stato… cioè noi contribuenti) in cui mi hanno prelevato 6 o 7 fialette di sangue, vado a ritirare il referto ed era palesemente errato, avevo i valori di superman!!! Ho dovuto perciò ripeterli… bè…. incredibilmente dato che a quel punto l’errore era a carico loro mi hanno tolot solo uan fialetta di sangue e indovina?

    Hanno potuto darmi le stesse risposte (4 o 5 pagine !!!!)

    Ha dell’incredibile… sembra la moltiplicazione di pani e pesci!

  3. Salve, hai ragione, tutte le industrie sono per il guadagno, ma soprattutto quella farmaceutica è oltre ogni limite, perché si parla dell’essere umano. Se tutti responsabili degli ospedale dicessero ai malati che per esempio i tumori sono infezioni delle cellule, che guariscono in fretta… le cellule di ogni tipo nel corpo umano si rigenerano, eliminando le cellule malate. Così le persone non penserebbero di essere vicine alla morte, questi cosiddetti tumori sono infezioni come tutte le altre che guariscono, basta pensare positivo, se un dottore dicesse ai suoi ammalati “non c’è niente di grave, guarisce in fretta”… l’effetto placebo è stato dimostrato in mille modi. Per esempio quanti di noi pensano a come si gestisce il nostro corpo tutto quello che ci buttiamo dentro? Quanti di noi sannoo come il cuore ci sveglia ogni mattina? Se tutto questo dipendeva da noi eravamo già spariti dalla faccia della terra, ringraziamo ciò che si chiama corpo fisico, gestito da forze sottili non ancora scoperte bene neanche adesso. Quanti di noi ringraziano per tutto questo? E poi se non pensiamo noi per il nostro bene, chi ci pensa? L’ospedale? No, le grande industrie (per esempio luce,)energia libera,(no alla scienza di Tesla)e via cosi, sono cosi tanti che servirebbe eterno per scriverli, tutto e materialismo, e noi schiavi(la parola CIAO– suo significato “schiavo”, che è stata usata da tempi antiche a Venezia) siamo per loro un animale evoluto (pochino) per loro sperimenti di ogni genere. Chiedo scusa se ho offeso qualche persona, capi oppure industrie, perché neanche questo diritto non ce l’abbiamo. Ringrazio tutti quelli che scrivono libri che aiutano a sviluppare in noi qualcosa di bello, per capire che manca poco tempo e passeremo nella quarta-quinta dimensione, non c’è più bisogno di tutto questo. Salve a tutti

  4. lo stato d animo, e quindi l osservatore modifica la realta osservata, il pensiero focalizzato sulla malattia attrae, il cervello n0n conosce il negativo , il pensiero attrae comunque. io credo che bisogna lavorare con se stessi per continuare a vivere da sani, e pensarsi sani, evitare di correre a fare accertamenti, liberarsi dalla paura, non farci programmare da altri , i medici per i quali siamo solo numeri… è difficile contrastare la struttura medica attuale, personalmente prima di qualsiasi consulenza mi rivolgo a Dio, a Lui mi rivolgo, in Lui confido, e come posso mi abbandono, racconterò il mio seguito, così spero

  5. A proposito dello stato d’animo che modifica la realtà, questo concetto é studiato in modo approfondito dall’antropologia medica. Esistono molti libri in proposito. Inoltre si studia non solo la medicina occidentale, ma anche quella “altra” , cioè di altre culture al cui centro c’è l’individuo e non il principio attivo… La questione è però controversa anche all’interno degli stessi studiosi. Ci sono casi evidenti raccontati in cui la mente effettivamente condiziona lo stato di salute, in certe culture. Sicuramente il fatto che noi occidentali crediamo nel buon funzionamento del principio attivo potrebbe avere lo stesso effetto. Esiste inoltre un altro ramo di pensiero che si domanda se i tumori e il cancro, debbano essere obbligatoriamente curati con una medicina che palesemente distrugge tutto, creando altri disturbi e se questo non sia voluto dalle case farmaceutiche.. Se fosse vero sarebbero veri assassini. Spero proprio di no, certo la storia ci insegna che la realtà spesso supera la fantasia!

  6. ciao Loredana, temo proprio che sia così, che sia molto in mano alle case farmaceutiche,e non solo per le malattie gravi ma per tutte, vale in ortopedia, vale per l influenza, molti virus li creano in laboratorio….i cibi sono contaminati!! chi ha il potere di gestire i cittadini ti provoca paure di ogni genere. Pensa come le case sono “protette” da serrature e inferriate, come noi siamo prigionieri delle paure, dell altro che ci fanno vedere come nemico. il discorso sarebbe lungo. noi possiamo viaggiare nei nostri status, cioè in una condizione spirituale di non paura…

  7. Infatti le malattie le creano. sembrerà incredibilie a molti, io per 29 anni vissi intolleranza al nikel, mangiavo solo 8 alimenti. niente vita sociale, perchè era un dramma andare a cena fuori. fin quando conobbi un canalizzatore, che attraverso delle entità chiamate University.. mi dicono attraverso lui (che non mi conosceva affatto, andai ad un suo piccolo seminario)mi dissero che avevo circa il 758% del corpo pieno di CADMIO… ricordo che me lo guardai e dissi, come cadmio? e quando è successo? pensavo il nikel. lui canalizzo’ nuovamente e mi disse due date e la causa.. 24- 34- casua funghi.. rimasi basita, in effetti a 24 anni lavorai in un azienda di famiglia, manovrando respirano le polveri dei funghi porcini secchi, li mangiavo anche. e ripensandoci, in effetti a volte quando entravo in azienda provavo sbandamento, ma gli davo altre cause. a 34 anni esattamente 10 anni dopo iniziano le crisi di vertigini, e da li’ scorpo l’intolleranza al nikel (che poi era una conseguenza) poichè mangiando alcune verdure che contenevano nikel cozzava, con il Cadmio, il nervo vago ne risentiva, l’ossigeno al cervello zoppicava, e io a letto. dico questo per una ragione. questo Uomo, mi ha curata dando informazioni all’acqua, nel senso che scrivo su un pezzo di carta il prodotto che mi serve (in quel caso presi la tarentula Cubensis diluita al 6 cc) su una bottiglietta scura. e iniziai la cura disintossicante, dopo 4 mesi, iniziai a mangiare di nuovo insalata cappuccina, pomodoro, biscotti, legumi, broccoletti. ora sto continuando ancora le cure perchè ovviamente gli organi sono riprensivi e danno le loro scossette per tornare a funzionare. ecco questo è quello che possiamo fare con il potere della mente. ho persino riformato il tendine della spalla, mi è scomparso il gomito del tennista… meraviglia

  8. la parola incide sulle emozioni pertanto ho pensato di non dare etichette alle nostre diversità di salute(al posto di malattia) dire incurabile scatena tante emozioni e sconvolge, è associata questa parola alla morte e a breve scadenza,tante sono le condizioni che possono portare alla morte, e questo noi lo sappiamo, tuttavia alcune associazioni di parole ci debilitano immediaamente. suggerisco di godere di ottima salute, eccetto qualche particolare, e vedremo diversamente tutto…

  9. Buona sera a tutti. Storia con la acqua che a memoria,lo trovi molto bene spiegato nei libri di Emoto. Salve a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Salute ed alimentazione"