HomeParanormaleLa straordinaria esperienza di pre-morte di George Ritchie

Potrebbero interessarti...



Commenti

La straordinaria esperienza di pre-morte di George Ritchie — 10 commenti

  1. E’ uno dei più toccanti e convincenti resoconti disponibili nella letteratura del genere!

  2. Grazie di Cuore per questo bel articolo.
    Mi conferma molte cose del mio sentire, solo con meno razionalità in modo più semplice che sottoforma di racconto entra meglio nella comprensione ed accettazione.
    Mi da anche gradi spunti di riflessione su me stesso ancora molto preso da matrix che faccio fatica ad essere come vorrei, ma vado avanti.
    Un caro saluto.
    Renzo

  3. Meraviglioso! Avrei voluto leggere il proseguo ovvero come lui ha poi vissuto la sua vita, perche’ l’ha pubblicato dopo tanti anni e se ha avuto la conferma dei 45 anni. Le sue descruzioni mi ricordano cmq molto il film “nosso lar” 🙂 mi ha dato pace grazie

  4. Ho visto il film Nossolar, che strana rappresentazione, chi lo ha visto? Sembra talmente bizzarro che a me personalmente non ha aiutato nel credere che ci sia un passaggio Terra aldilà, anzi.

  5. Che splendido racconto anche io mentalmente rappresento l inferno il purgatorio e il paradiso in un modo simile per me è una conferma a ciò che penso grazie per averlo inserito

  6. Scusate, di quale racconto state parlando, non riesco a leggere, lo riportate qui sotto, vorrei leggere anche io, grazie.

  7. Molto bello come ricordo-racconto, ma molto letterario e non molto diverso dagli altri simili. Vorremmo tutti che fosse vero. Credo di piu’comunque alle esperienze durante i periodi intercorrenti tra la sospensione della vita durante un’intervento operatorio, come per esempio quello di colui che mentre l’operavano in una sala se ne andava in giro per l’ospedale vedendo e poi descrivendo nei dettagli cioe’ che aveva visto e che non avrebbe mai potuto vedere da nessuna posizione se non quella dalla quale ha visto, cioe’ una scarpa su una soglietta esterna di una vetrata verticale della tromba delle scale, quindi invisibile da qualsiasi posizione sia da dentro(vetrocemento) che da fuori, 20 mt dal suolo, solo volando, come in pratica fece lui. La scarpa fu fotografata e presa dai pompieri. Inutile dire che i finestroni in vetro cemento non avevano aperture verso l’esterno. La scarpa cadde dal terrazzo all’ultimo piano dell’ospedale posandosi su quella soglietta, un’infermiere la perse e poi confermo’. L’aveva appoggiata sul parapetto in travertino per allacciarla.
    Tutto questo fu spiegato dopo grazie ad un dottore che dava credito alle esperienze di premorte.
    La scarpa sulla soglietta non poteva essere vista da nessun posto interno o esterno dell’ospedale, ma forse solo da un’elicottero, che non poteva agire in quel cortile dato che non c’era spazio sufficiente.
    Ho trovato questo il caso piu’suggestivo e veritiero di una esperienza di NDE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Paranormale"