HomeEvoluzione personale e consapevolezzaLa Sicurezza Materiale e la Sicurezza Interiore    

Commenti

La Sicurezza Materiale e la Sicurezza Interiore — 3 commenti

  1. Salve cari amici,considero i vostri suggerimenti e pensieri ogni giorno e li trovo di grande aiuto!!!
    Grazie infinite!
    Celestri Giovanna.

  2. Quanto scritto sopra è valido solo se la persona è già consapevole di sè. inoltre bisogna comunque provvedere sempre con consapevolezza ad una sicurezza anche esterna non solo interiore e non dimenticare mai che siamo corpo ed anima, che il mondo è materia e spirito e non smettere mai di conoscere e discernere tutto ciò per essere fedeli alla verità e a se stessi fino alla morte!

  3. Più sicurezza interiore si ha, più sicurezza materiale arriva.
    Tutto arriva dallo spirito e dalle energie universale, bisogna solo saper chiedere e si otterrà, sempre.
    Ma per avere sicurezza interiore bisogna lasciar evaporare la paura, perché ci inchioda ad un vita vuota e falsa snaturandoci.
    La paura fa accettare ciò che è ingiusto e ci rende deboli, vigliacchi, poveri di spirito.

    Mollando la paura la magia ha inizio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

“Non ce la faccio più!” O Cambi o… ti arrendi al Peggio

di Andrea Di Lauro
I monti sono maestri silenziosi. Le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, su me stesso e la vita in generale. Una delle consapevolezze che l’alta quota mi ha lasciato, è quella che dice: “non sai quanto è lontano il tuo limite”.
Camminavamo già da quattro, cinque o forse sei ore ormai. Avevamo lasciato la vetta già da un po’. Per quanti sassi calpestavamo, la meta sembrava sempre inarrivabile. Non so quante volte ho ripetuto mentalmente (e non solo) “non ce la faccio più…”, fatto sta che ho faticato per altre sei ore quel giorno, prima di poter tornare a casa.
Come dicevo, le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, soprattutto riguardo ai nostri veri limiti. Per quante volte io dicevo che non ce l’avrei fatta, che le gambe non ne volevano sapere di fare un altro passo, che avrei fatto meglio a dormire nel bosco, continuavo a camminare, sorprendendomi più volte delle folate di energia che mi arrivavano di tanto in tanto. Queste esperienze, quando ancora si facevano quelle uscite in “modalità survivor” da 12/14 ore non stop, mi hanno sempre fatto capire che il limite umano è sempre molto più lontano di ciò che pensiamo…

Continua a leggere →