HomeEvoluzione personale e consapevolezzaL’umanità deve decidere se vuole evolvere od estinguersi    

Commenti

L’umanità deve decidere se vuole evolvere od estinguersi — 1 commento

  1. Articolo molto bello che condivido in pieno.
    Il mio percorso mi ha portato al volere una vita quanto più possibile minimalista e rivolta all’essenziale, immersa nella Natura e con gli animali.
    Non credo ad un risveglio globale dell’umanità, i livelli di consapevolezza di 7 miliardi di persone sono troppo diversi, credo però che nei prossimi 20-30 anni assisteremo al crollo della vita appartata in famiglia come la conosciamo. Stanno nascendo sempre più comunità di persone che vogliono fare un cammino umano e spirituale insieme, smantellando sempre più schemi e paradigmi obsoleti e schiavizzanti.
    Ci sarà da una parte ancora più superficialità e consumismo, dall’altra risveglio, e questo porterà forse ad una decisione finale sulla vita su questo pianeta.
    Di sicuro tutto ciò che è ancorato al vecchio dovrà essere spazzato via per far posto ad un nuovo paradigma dove il lavoro e i beni materiali non conteranno più come ora. La scienza dovrà necessariamente andare di pari passo con l’etica, o sempre meno persone crederanno nei suoi benefici, che non ci sono già adesso.

    Il futuro si costruisce adesso, partendo dal cambiare noi stessi, io lo sto facendo ogni giorno e noto la differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

“Non ce la faccio più!” O Cambi o… ti arrendi al Peggio

di Andrea Di Lauro
I monti sono maestri silenziosi. Le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, su me stesso e la vita in generale. Una delle consapevolezze che l’alta quota mi ha lasciato, è quella che dice: “non sai quanto è lontano il tuo limite”.
Camminavamo già da quattro, cinque o forse sei ore ormai. Avevamo lasciato la vetta già da un po’. Per quanti sassi calpestavamo, la meta sembrava sempre inarrivabile. Non so quante volte ho ripetuto mentalmente (e non solo) “non ce la faccio più…”, fatto sta che ho faticato per altre sei ore quel giorno, prima di poter tornare a casa.
Come dicevo, le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, soprattutto riguardo ai nostri veri limiti. Per quante volte io dicevo che non ce l’avrei fatta, che le gambe non ne volevano sapere di fare un altro passo, che avrei fatto meglio a dormire nel bosco, continuavo a camminare, sorprendendomi più volte delle folate di energia che mi arrivavano di tanto in tanto. Queste esperienze, quando ancora si facevano quelle uscite in “modalità survivor” da 12/14 ore non stop, mi hanno sempre fatto capire che il limite umano è sempre molto più lontano di ciò che pensiamo…

Continua a leggere →