HomeEvoluzione personale e consapevolezzaDa 2 a 3 o 4 eliche del DNA: la nuova Era è già iniziata!    

Commenti

Da 2 a 3 o 4 eliche del DNA: la nuova Era è già iniziata! — 3 commenti

  1. Credo di capire che stiamo parlando dei bambini indaco o cristallo…io credo di essere un adulta indaco ho fatto il test il punteggio è stato altissimo certo non posso esserne sicura al 100%…….vorrei tanto che qualcuno potesse dirmi il colore della mia aura…è fantastico quello che sta accadendo….vorrei avere più informazioni su questo argomento….

  2. Io penso che quelli che sono sul percorso della linea v sul grafico sopra non potranno più tornare indietro, una volota passato il tempo. Io sono dell’anno 1984, indaco e starseed, ho iniziato la transformazione fin dal 1995: dolori forti alla testa, apprendimento di informazioni sulla tecnologia avanzata, io posso risolvere un problema senza mai leggere come sono fatti, non mi viene informazione da una parte sconosciuta, ho una telepatia molto forte per cose che succedono, il mio corpo ha iniziato ad essere molto sensitivo per quelle cose che succedono, sento le vibrazioni e i rumori da molto lontano, a volte sento la voce dei morti nell’altro universo parallelo, vedo il mio corpo che si sta sviluppando e mi sento molto bene, però sto aspettando cos’altro succederà di bello dentro di me, perché so che ancora non è finita completamente la transformazione. In un mio vecchio sogno, fin da bambino, il mio corpo può attraversare anche i muri, questa sarà l’ultima fase della transformazione, quando la frequenza del corpo transformato sarà altisima e completa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

Quando l’unica strategia vincente è “Non giocare”

Esiste un Risveglio di molti, nel mondo, che però viene contrastato in tutti i modi da alcune “Forze Oscure” che cercano di fomentare l’odio, la divisione, la contrapposizione.
Ma non si tratta di una battaglia che si deve combattere: già il fatto che noi “si scenda in campo” è un primo successo per chi vuole alimentare lo sviluppo del male. La migliore strategia, in questo caso, è esattamente il contrario: non raccogliere il “guanto” della sfida, ma perdonare, facendo prevalere l’Amore sull’odio.
Come diceva Gesù: “se ti percuotono una guancia, tu offri anche l’altra e se ti rubano il mantello, tu offri anche la tunica”. Nessuna contrapposizione, nessuna battaglia, dunque, come poi Egli stesso afferma e dimostra, con il sacrificio della Sua stessa vita, sulla croce. Più prosaicamente, è la stessa raccomandazione che viene fatta al giovane Skywalker di “Star Wars”, “… non cedere all’odio”, perché altrimenti finisci verso il “lato oscuro” della forza…

Continua a leggere →