HomeEvoluzione personale e consapevolezzaCome evitare la perdita di Energia    

Commenti

Come evitare la perdita di Energia — 4 commenti

  1. non è un commento all argomento ma una richiesta di informazione:mi succede, quando faccio lunghi percorsi in macchina e , guido io, di non ricordare assolutamente tratti di strada notevoli 30- 50 km. l ultima volta era in macchina una amica, entrambe non ricordiamo di aver percorso dal km 120 al km.80. come si spiega? grazie

  2. Questo articolo è illuminante nella sua semplicità eppure spesso ci troviamo a lottare con i fantasmi del passato senza rendercene conto fino al momento che ci sentiamo svuotati e stanchi se riusciamo a spegnere i pensieri almeno per un po’ sicuramente diventiamo più forti e pieni di energia io ci provo ma la mente e’ un frullatore e non è facile fermarla

  3. I condizionamenti di una vita sono costantemente al lavoro nella nostra mente e spesso questi ci sono stati indotti per seguire certi schemi facenti parte “il sistema” , anche se non ce ne accorgiamo le nostre energie sono razionate in base a questi programmi mentali e per loro consumiamo il nostro carburante. A guardarci dall’esterno , siamo davvero robotizzati , facendo riferimento a stereotipi o modelli per ogni azione da compière. Costantemente bombardati di imput da ogni dove , la frenesia di base e i conflitti interiori creano un dispendio di energie massiccio . In rari momenti di chiarezza mentale non strumentalizzata possiamo ricordare a noi stessi di vivere quì ora , non le nostalgie del passato , non l’ansia del futuro. Adesso , in ogni istante , mi osservo da fuori (senza giudicarmi) e scego come governare il corpo e la mente.

  4. bisognerebbe essere sempre sereni per non farci portare dalla mente nel passato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

Quando l’unica strategia vincente è “Non giocare”

Esiste un Risveglio di molti, nel mondo, che però viene contrastato in tutti i modi da alcune “Forze Oscure” che cercano di fomentare l’odio, la divisione, la contrapposizione.
Ma non si tratta di una battaglia che si deve combattere: già il fatto che noi “si scenda in campo” è un primo successo per chi vuole alimentare lo sviluppo del male. La migliore strategia, in questo caso, è esattamente il contrario: non raccogliere il “guanto” della sfida, ma perdonare, facendo prevalere l’Amore sull’odio.
Come diceva Gesù: “se ti percuotono una guancia, tu offri anche l’altra e se ti rubano il mantello, tu offri anche la tunica”. Nessuna contrapposizione, nessuna battaglia, dunque, come poi Egli stesso afferma e dimostra, con il sacrificio della Sua stessa vita, sulla croce. Più prosaicamente, è la stessa raccomandazione che viene fatta al giovane Skywalker di “Star Wars”, “… non cedere all’odio”, perché altrimenti finisci verso il “lato oscuro” della forza…

Continua a leggere →