HomeEvoluzione personale e consapevolezzaSvegliati! Stai vivendo in una Bolla…    

Commenti

Svegliati! Stai vivendo in una Bolla… — 2 commenti

  1. Proprio un bel pezzo. Vorrei vedere come comunicare le stesse idee ad un islamico oppure ad un ebreo o comunque a qualsiasi altra religione. Noi occidentali possiamo capire ed evolvere. Gli altri no. Finiremmo solo di essere inglobati nelle bolle altrui. E’ il destino comune in un mondo dove le religioni incutono ancora molto timore.

  2. No, non tornare alla realtà vista con gli occhi dell’intelligenza, bensì con gli occhi della CONSAPEVOLEZZA. Siamo qui per fare esperienza della dualità e capire che essa non esiste, se non lo capiamo continueremo ad incarnarci fino a quando non avremo compreso che tutto quello che in bene e in male facciamo agli altri…lo facciamo a noi stessi.
    La vita non è altro che assoluto mistero e ricerca di se stessi attraverso strumenti come le religioni o le filosofie, che sembrano adeguati finché ci si pone le domande sbagliate, ma che si rivelano del tutto inutili e dannose allorquando abbiamo raggiunto consapevolezza di noi stessi.

    Intanto, liberarsi dalla paura. La paura è il primo grande deterrente alla consapevolezza, poi fare un percorso verso il risveglio, allora si che tutto appare chiaro e si mollano giudizi, categorizzazioni, gabbie mentali, e si vede finalmente che TUTTO È, semplicemente e puramente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

Quando l’unica strategia vincente è “Non giocare”

Esiste un Risveglio di molti, nel mondo, che però viene contrastato in tutti i modi da alcune “Forze Oscure” che cercano di fomentare l’odio, la divisione, la contrapposizione.
Ma non si tratta di una battaglia che si deve combattere: già il fatto che noi “si scenda in campo” è un primo successo per chi vuole alimentare lo sviluppo del male. La migliore strategia, in questo caso, è esattamente il contrario: non raccogliere il “guanto” della sfida, ma perdonare, facendo prevalere l’Amore sull’odio.
Come diceva Gesù: “se ti percuotono una guancia, tu offri anche l’altra e se ti rubano il mantello, tu offri anche la tunica”. Nessuna contrapposizione, nessuna battaglia, dunque, come poi Egli stesso afferma e dimostra, con il sacrificio della Sua stessa vita, sulla croce. Più prosaicamente, è la stessa raccomandazione che viene fatta al giovane Skywalker di “Star Wars”, “… non cedere all’odio”, perché altrimenti finisci verso il “lato oscuro” della forza…

Continua a leggere →