Articolo in evidenza
HomeSpiritualitàSei depresso o sei sul Cammino Spirituale?

di Giulio Pietro Benati

Tutti nell’arco della vita abbiamo avuto una giornata storta, in cui si è giù di corda, tristi, irritabili. Per alcuni questa condizione si prolunga più a lungo e prima che uno se ne accorga, la giornata “no” diventa una settimana, poi un mese, fino a che non si trasforma nello stato normale in cui vivere.

Depressione o inizio del cammino spiritualeL’umore peggiora di giorno in giorno senza un apparente motivo e ci si ritrova costantemente chiusi in casa, tormentati da pensieri negativi e senza alcuna energia. La vita non ha più senso e viene vista più come un peso che come una gioia.

La crisi depressiva vera e propria è una delle esperienze più terribili che si possano avere: ci si sente senza speranza, senza risorse, completamente impotenti di fronte alla vita e alle persone. Si è troppo deboli per impegnarsi in qualsiasi attività, sia fisica che mentale, ma questo ha ben poca importanza! La cosa peggiore è piuttosto il fatto che nulla sembri più interessante o capace di destare piacere. Tutto nella propria vita sembra un fallimento, ci si sente arrabbiati con il mondo e l’isolamento sembra l’unica risposta sensata. Per questo ci si chiude in casa in uno stato di totale apatia. Questa condizione è considerata una malattia dalla medicina tradizionale, che cerca di curarla con la psicoterapia e con farmaci per riequilibrare la serotonina nel sangue.

Depressione: un’antica… nuova prospettiva

Esiste però un’altra maniera di guardare alla depressione: diversi maestri spirituali considerano questo stato (indubbiamente molto difficile) un’occasione per guardarsi dentro. Essendo isolati dal mondo e stando veramente male con se stessi, si sviluppa, infatti, un impulso naturale che induce a portare l’attenzione verso l’interno. La depressione, secondo questa visione, può dare una chance in più a chi ne soffre, di evolvere spiritualmente rispetto a chi è felice e contento della propria vita. Questo perenne stato di malinconia, come ogni altro evento traumatico, può essere utile per cominciare a porsi le domande fondamentali alla base di ogni genuino percorso spirituale: da dove vengo? Cosa ci faccio qui? Chi sono io?

Misticismo e depressione

Notte oscura dell'animaEsiste, dunque, un gran numero di mistici provenienti dalle più disparate tradizioni, che parla della depressione come fonte di trasformazione spirituale. Un esempio è San Giovanni della Croce, asceta cristiano vissuto nel 1500, il quale sosteneva che nel percorso di ascesa spirituale, il praticante, prima di trovare Dio, dovesse passare attraverso una fase denominata “notte oscura dell’anima”. In questa fase il cercatore, con molto dolore, si distacca e perde interesse per le cose materiali, per cercare lo Spirito. Tutto ciò che in passato destava piacere e gioia, ad un certo punto del percorso, provoca sentimenti esattamente opposti, come disgusto e ribrezzo. Il praticante si trova abbandonato da Dio e dagli uomini, niente sembra avere più senso nella sua vita. Tutto sembra futile, superficiale, privo di scopo.

“…il Signore ottenebra questa luce e chiude la porta, ed essi annegano in questa notte, la quale li lascia tanto aridi che essi non trovano alcun gusto nelle cose spirituali e nelle devozioni, in cui erano soliti trovare diletto e piacere, ma al contrario vi trovano disgusto e amarezza”. (San Giovanni della Croce – Poeta e Mistico)

Questo stato, secondo Giovanni della Croce, è fondamentale e addirittura benefico per il cercatore dello Spirito. La “notte oscura” è un passaggio obbligato per cercare risposte dentro se stessi, per porsi le domande fondamentali, per distaccarsi completamente dal superfluo e badare solo al sostanziale. Quando il ricercatore alla fine trova quello che cerca, la “notte oscura” della depressione si trasforma in “notte pacifica, abissale e oscura intelligenza divina”.

Tutti i più grandi maestri spirituali, sono dovuti passare attraverso questo percorso di sofferenza, prima di giungere all’apice del loro percorso spirituale. Eckhart Tolle, mistico contemporaneo, scrittore del best seller “Il potere di adesso” e maestro di Advaita Vedanta, è dovuto passare anch’esso attraverso questa “notte oscura” di cui parlava San Giovanni della Croce.

Secondo Tolle è stato proprio questo continuo stato di depressione a risvegliare in lui le domande fondamentali e ad illuminarlo con una conoscenza più profonda di se stesso, della sua vita e della sua missione su questa terra. A questo proposito afferma: “Fino al mio trentesimo anno di età, ho vissuto in uno stato di ansia quasi continua, intervallato da periodi di depressione suicida. Adesso mi sembra di parlare di qualche vita passata o della vita di qualcun altro”.

Come utilizzare la depressione per scoprire la tua vera natura

Utilizzare la depressione per scoprire la propria vera naturaSe sei depresso, perciò, non ti sconfortare, potresti essere nel mezzo del percorso spirituale (forse senza che nemmeno tu lo sappia) o se ancora non hai mosso i primi passi sul cammino della RR, adesso potrebbe essere un ottimo momento per farlo. Anche se tutto sembra essere senza senso, continua a cercare, e ad un certo punto vedrai che le risposte arriveranno!

Ti assicuro che alla fine del difficile percorso che stai attraversando, la vita continuerà e riprenderà a scorrere con la gioia di un tempo, ma tu avrai una accresciuta consapevolezza di te stesso. Il percorrere la strada tortuosa e difficile della depressione ti avrà insegnato tanto: ti sarai posto le domande e in qualche modo ti sarai dato (o ti saranno arrivate) le risposte.

Quando sei senza energia e senza entusiasmo, o nel bel mezzo di una crisi acuta di tristezza e malinconia, l’atteggiamento che ti consiglio di tenere è quella che descrive Rumi, filosofo, mistico ed importantissimo esponente del Sufismo vissuto nel XIII secolo, in questa poesia:

“Questo essere umani è come un ostello.
Ogni mattina un nuovo arrivo.
Una gioia, una depressione, una meschinità,
un momento di consapevolezza passeggera,
giungono come ospiti inattesi.
Dà loro il benvenuto e intrattienili tutti!
Anche se sono una moltitudine di dispiaceri,
che scuotono con violenza la tua casa
svuotandola di ogni cosa,
comunque, tratta ogni ospite con onore.
Forse qualcuno di loro ha in serbo per te una nuova delizia.

I cattivi pensieri, la vergogna, la malizia,
dà loro il benvenuto sulla soglia, ridendo, e invitali a entrare.
Sii grato per chiunque arriva,
perché ognuno di loro è stato inviato
come guida dal mondo dello spirito”.

Cosa succederebbe se invece di considerare la depressione una malattia, tu provassi a considerarla un ospite degno di onore, come dice Rumi? E se le emozioni negative che sentiamo fossero veramente messaggi mandati dal mondo dello spirito, dal nostro io più profondo, non varrebbe la pena ascoltarle?

La prossima volta che uno di questi “ospiti” bussa alla tua porta, prova semplicemente ad invitarlo ad entrare. Dagli la seggiola più comoda e ascolta le storie che ha da raccontarti. Potresti meravigliarti di quello che ha da dirti! Ovviamente non sarà né facile, né piacevole… ma provaci! Potrebbe essere l’inizio di una trasformazione profonda che ti regalerà frutti meravigliosi.

Articolo di Giulio Pietro Benati

Fonte: https://www.ilgiornaledelloyoga.it/sei-depresso-o-sul-cammino-spirituale

Potrebbero interessarti...



Commenti

Sei depresso o sei sul Cammino Spirituale? — 2 commenti

  1. sono d’accordo , credo che stia avvenendo su larga scala, depressione globale e tante possibilità di risvegliarsi…..

  2. Cari Sig. secondo un mio parere, la depressione avviene quando si cerca di dare un segnale e non si viene percepiti. Faccio un esempio: se una persona si trovasse sola sulla terra, la prima cosa che farebbe è di lanciare un messaggio di comunicazione a tutto ciò che potrebbe circondarlo, se si accorge che il segnale gli ritorna indietro senza aver trovato nessuno che ascoltasse, in questo caso si accorgerebbe di essere solo o sola. Tutto questo darebbe un momento di sconforto che con il tempo diventerebbe depressione, pertanto la scintilla è la solitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Il potere dell’Equanimità

Equanimità

di Maurizio Falcioni
In noi permane il ricordo di quando accoglievamo con amore tutto ciò che la vita ci portava. Quel tempo sta tornando e molti si stanno risvegliando al potere dell’equanimità, la nostra arma più segreta contro il dolore.
Un’arte di vivere e di morire ogni giorno, la scoperta di poter accettare noi stessi ed ogni cosa così com’è. Un percorso difficile che ci pone di fronte ogni giorno alla scelta tra agire o reagire. Non tutti, tuttavia, riconoscono nel termine equanimità (ovvero la caratteristica dell’essere sereni, giusti, imparziali) la vastità del mondo che in…

Continua a leggere →

L’Energia Reiki

Reiki

Reiki, è la capacità di riunire la forza vitale del corpo con l’energia universale dalla quale deriva. La forza vitale è calore ed energia emanati dal corpo.
 In India, questa forza viene chiamata Prana, in Cina Ch’i, ed in Giappone Ki. Con l’apertura dei canali energetici del corpo, una persona acquisisce la capacità di riequilibrare la propria energia vitale: si collega all’energia universale, diventando così esso stesso un elemento che la veicola.

Una volta appresa tale capacità, basterà appoggiare le mani al corpo, proprio o altrui, perché l’energia del Reiki inizi a scorrere…

Continua a leggere →

Omraam Mikhael Aivanhov: “Nessuna prigione può trattenere lo Spirito!”

Omraam Mikhaël Aïvanhov spirito libero

Omraam Mikhael Aivanhov è stato un grande Maestro, uno di quei rari iniziati che ha accettato su di sé sacrifici insopportabili per l’uomo comune, dalla povertà, alla solitudine, fino alla prigionia.
“Per due anni sono rimasto immerso nel buio. Ne ho accumulato con grande gioia. Si trattava del buio più nero, del tutto nero. Quel nero è un mistero. È in lui che si formano le cose, nell’oscurità. Il bianco è la manifestazione, il nero è la formazione. Il bambino si forma al buio. Il nero è due volte simbolico: per gli uomini comuni, il nero è il male, l’egoismo, l’inferno;

Continua a leggere →

L’ultima profezia di Peter Deunov

Madre Terra

di Peter Deunov
Alcuni giorni prima della sua morte, Peter Deunov – grande Maestro spirituale bulgaro – fece una profezia straordinaria, sulla “fine dei tempi” e la venuta di una nuova Epoca d’Oro per l’umanità, nota come “l’Ultima Profezia”.
Peter Deunov (1864-1944), il Maestro bulgaro noto anche con il nome spirituale di Beinsa Douno, fu un essere di elevatissima coscienza, che durante tutta la sua vita diede esempio di purezza, saggezza, intelligenza e creatività. È stato anche un maestro di pensiero e pratica spirituale, medico e chiaroveggente. Alcuni giorni prima…

Continua a leggere →

Indagine sull’Oltrevita

La transizione dopo la morte

di Alessia Giovannini
Una scoperta di “enormi proporzioni spirituali”. Il dott. Michael Newton (noto ipnoterapeuta) afferma che è possibile rievocare i ricordi che l’anima registra dopo la morte fisica fino all’incarnazione successiva.
Il dott. Michael Newton non avrebbe mai potuto immaginare che la sua attività di ipnoterapeuta, esperto di regressione nelle vite precedenti, stesse per prendere una piega a dir poco incredibile. Era un pomeriggio di dicembre di inizio anni ’70, quando una donna si presentò nel suo studio per chiedergli di aiutarla a superare la depressione da cui era…

Continua a leggere →

Mutazioni dell’anima

Incarnazione

di Sharatan
Le forme di vita si perfezionano acquisendo delle capacità e delle strutture sempre più complesse. Generalmente si crede che solo gli esseri umani si reincarnino, invece il fenomeno riguarda tutte le forme di vita e tutti gli organismi viventi.
Anche le piante e gli animali si reincarnano, però nel loro caso, l’anima che muore ritorna ad una grande “anima di gruppo” vegetale oppure al gruppo animale. Per capire, possiamo pensare che l’anima della rosa ritorna all’anima di gruppo delle Rosacee, mentre l’anima del gatto ritorna all’anima di gruppo dei felini. Nella…

Continua a leggere →

Il nostro Sé Superiore dimora nel Sole

L'uomo dimora nel Sole

di Omraam Mikhaël Aïvanhov
Dovete sapere che siamo venuti sulla terra per evolvere e che, per migliorarci, nulla è più importante del lavoro su noi stessi. Esso è la base del nostro successo, del nostro avvenire e della nostra felicità; al di fuori di questo non ci si deve attendere nulla…
Poiché ci stiamo occupando del sole, vorrei dire qualche parola… Più volte vi ho detto che ci si dovrebbe preparare per l’alba già la sera prima, non mangiare troppo, non coricarsi troppo tardi, non fare nulla che l’indomani potrebbe crearvi preoccupazioni o turbamenti, ma sistemare tutto…

Continua a leggere →

Illuminazione e Armonia Interiore

Illuminazione

Esistono numerose definizioni di Illuminazione. Ma quali sono le vere caratteristiche di un Illuminato?
Ecco alcune di queste definizioni. L’illuminazione è:

– uno stato che determina la fine del ciclo delle reincarnazioni; ma questa cosa non è direttamente verificabile ed è anche poco comprensibile… Cosa si fa quando finiscono le incarnazioni? Si diventa uno spirito immortale che vaga nello spazio infinito? O ci si disintegra nel Cosmo?
– uno stato in cui si trascendono desiderio e sofferenza, in cui non si provano più attaccamenti – alla propria famiglia, ai propri amici, alla…

Continua a leggere →

Le sette fasi dell’Evoluzione Spirituale

Percorso spirituale

Durante la sua evoluzione spirituale, l’uomo passa attraverso diverse fasi, ognuna delle quali ha alcune caratteristiche specifiche. Riconoscendo queste caratteristiche, si può aprire il percorso verso i livelli superiori che ci portano alla perfezione.
La prima fase è caratterizzata dall’ignoranza o dalla totale mancanza di conoscenza e di informazione riguardo la natura dello spirito e della realtà spirituale. Questo è, in termini generali, il caso della maggior parte delle persone ai giorni nostri, le quali limitano se stesse a credere ciecamente solo in quello che possono percepire con i loro cinque sensi, o alla scienza meccanicista…

Continua a leggere →

Gli “esercizi di ricarica” di Paramhansa Yogananda

Attingere dall'energia cosmica

Come trasformare corpo, mente e anima con l’energia vitale.
Quanto dipendiamo, oggigiorno, dall’energia? Moltissimo, la nostra vita ha costantemente a che fare con l’energia e con coloro che la controllano. E che cosa dire della nostra energia personale? Chi la controlla? Proviene forse dal cibo, dal sonno, dal caffè? O esiste piuttosto una fonte diretta alla quale possiamo attingere a volontà? Una fonte che non conosce confini geografici o politici, che è rinnovabile, inesauribile, universalmente accessibile? In altre parole: esiste un’energia “gratuita”?

La mia…

Continua a leggere →