Canale Telegram ›››
HomeEvoluzione personale e consapevolezzaSalto Vibrazionale della Terra: stiamo realmente vivendo la fine di un’Era Cosmica?    

Commenti

Salto Vibrazionale della Terra: stiamo realmente vivendo la fine di un’Era Cosmica? — 6 commenti

  1. Ho letto fino al punto in cui dice che la terra smetterà di ruotare ma la gravita non sparirà, perché la gravità non e legata solo alla rotazione. La gravita e’ dovuta alla massa non importa se ferma o in rotazione, anzi se ruota e’ contrastata dalla forza centrifuga.

  2. Grazie Lorenzo, non c’è contrasto tra quanto tu affermi, e quanto affermato nell’articolo, dove si afferma che appunto la gravità resta.
    Sarebbe interessante fare il calocolo per avere il rapporto percentuale tra forza centrifuga e forza gravitazionale a quota 0…
    Mauro

  3. Hem, non sono uno scienziato ma vorrei far notare che la terra ruota a 1700Km/h, nel caso smettesse di ruotare i venti che attualmente “assecondano” la velocità di rotazione continuerebbero il loro incessante essere ma, appunto, questa volta a circa 1700Km/h, dubito che possa continuare ad esistere qualcosa dopo…

  4. Massimo, hai tirato una conclusione errata, i venti girano con la terra e se si ferma rimarranno tali, a riprova che se riparte al contrario NON possono andare a 3400 kmh. In ogni caso salterebbe la conclusione dello studio: che qualcuno si salva. Stai sereno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

“Non ce la faccio più!” O Cambi o… ti arrendi al Peggio

di Andrea Di Lauro
I monti sono maestri silenziosi. Le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, su me stesso e la vita in generale. Una delle consapevolezze che l’alta quota mi ha lasciato, è quella che dice: “non sai quanto è lontano il tuo limite”.
Camminavamo già da quattro, cinque o forse sei ore ormai. Avevamo lasciato la vetta già da un po’. Per quanti sassi calpestavamo, la meta sembrava sempre inarrivabile. Non so quante volte ho ripetuto mentalmente (e non solo) “non ce la faccio più…”, fatto sta che ho faticato per altre sei ore quel giorno, prima di poter tornare a casa.
Come dicevo, le camminate in montagna mi hanno insegnato molto, soprattutto riguardo ai nostri veri limiti. Per quante volte io dicevo che non ce l’avrei fatta, che le gambe non ne volevano sapere di fare un altro passo, che avrei fatto meglio a dormire nel bosco, continuavo a camminare, sorprendendomi più volte delle folate di energia che mi arrivavano di tanto in tanto. Queste esperienze, quando ancora si facevano quelle uscite in “modalità survivor” da 12/14 ore non stop, mi hanno sempre fatto capire che il limite umano è sempre molto più lontano di ciò che pensiamo…

Continua a leggere →