HomeEvoluzione personale e consapevolezzaAprire i Chakra: perché è pericoloso    

Potrebbero interessarti...



Commenti

Aprire i Chakra: perché è pericoloso — 3 commenti

  1. Si parla di kundalini senza immaginarne la natura. Kundalini è il Leone verde degli alchimisti, e quindi corrisponde al Corpo Ammonio, che si conquista dopo decenni, e più spesso vite, di duro lavoro iniziatico. Questo percorso finale ha sette gradi dimensionali o colori, e ha per simbolo l’amenorah. L’avvio dell’ascesa della Forza, che è un percorso fisso, inizia quando è compiuta in modo perfettissimo la solarizzazione delle cellule.
    La Forza unica, Aur, il Prana, fuoco universale di vita, ha sette gradi di potere, e in particolare, quando si accende, si aprono i sette sigilli della Coscienza superiore. Il Serpente o Azoth è questo potere.
    Tutte le pratiche iniziatiche, fatte a caso, sono estremamente pericolose e quindi da evitare. La gente crede di iniziare il percorso evolutivo dalla più alta tegola dell’edificio, anche a causa dei troppi libri e falsi maestri che diffondono l’esoterismo senza minimamente conoscerlo. E il copia e incolla impazza, e diventa sempre più caotico.
    P.S.
    Kundalini (Beatrice dei Portinari) è un portale:
    …che intender non la può chi non la prova …e par che sia una cosa venuta dal CIELO IN TERRA a miracol mostrare
    (Dante)

  2. Finalmente qualcuno che spiega benissimo la pericolosità a dell”apertura” dei Chakra che io chiamerei Attivazione, come insegnatomi da Master Choa Kok Sui. Consiglierei di leggere i suoi libri. Altri insegnamenti come il percorso di Arhatic Yoga, non sono scritti. Qui si pratica la purificazione, la Costruzione del carattere fin da subito, la presenza e l’attivazione del cuore, il perdono verso se stessi e gli altri. Una via di crescita personale completa, semplice, sicura perché già tracciata e percorsa da Choa. Tecniche e strumenti da usare per noi occidentali. Tecniche utili per un lavoro su di Sè utilizzando il Prana, l’energia vitale. Ci aiutano a comprendere più in profondità le varie filosofie/ religioni.

  3. Certo, pur essendo le varie tappe fondamentali ed uguali per tutti, il camminino per arrivarvi è esclusivamente personale e irripetibile. Lo ammonisce anche Dante: O voi che siete in piccioletta barca …..non seguite il mio legno….tornate a riveder li vostri lidi………non vi mettete in pelago…
    L’attivatore dei sei centri energetici e del settimo sigillo che è
    quello della Luce Astrale, è il Figlio, l?Ermete, il Kristos, Visnu. Cioè Kundalini è sempre preceduta dalla manifestazione dalla Luce Aurea, l’attivatore. E tutto questo arriva alla fine di un lunghissimo percorso iniziatico, con la nascita del caduceo, nato da una Vergine, la fonte segreta, la Coppa del Graal.
    Lo assicurano i primi versi del XXXIII canto del Paradiso:
    Vergine Madre, (Kundalini) Figlia del tuo Figlio
    ……tu se colei che l’umana natura nobilitasti
    sicché il suo fattore, non disdegnò di farsi sua fattura.
    Prosit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"