HomeSpiritualitàLa notte buia dell’Anima    

Commenti

La notte buia dell’Anima — 2 commenti

  1. X la articolo la notte oscura dell’ anima. Mi è dispiaciuto leggere le varie spiegazioni e poi alla fine sentir trattato e codificato come ” malato” chi passa questi periodi. Sembra che alla fine tutta la enfasi Delle spiegazioni prima, affoghino in un semplice messaggio che dice chi è fuori dalla normalità è malato. Piccola riflessione

  2. Tutto questo è stato scritto nel 1933 ed è tutt’ora profondamente attuale. Che grande osservatore, ricercatore e studioso… e che grande mente libera Roberto Assaggioli. Tutto ciò ha suscitato in me non paura o oppressione ma certezza che lo sviluppo interiore è fortemente connesso allo stato esteriore e fisico e l’armonia del nostro sistema cresce anche grazie alla sofferenza, grande o piccola che sia, nella opposizione o diffidenza di chi ci circonda. Anche noi siamo osservatori della realtà ma c’è stato e c’è, ancora oggi, chi riesce a esporre in maniera completa ed esaustiva il tutto. Molto interessante. Da leggere con calma riflettendo sui vari passaggi. Grazie per averlo proposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Cosa significa Sentire la propria Divinità?

di Caroline Mary Moore
Tempo fa una signora mi scrisse, dicendomi che non si sentiva più connessa alla sua “divinità” e che non sapeva più a cosa affidarsi. La sua incertezza mi ha fatto riflettere molto, a tal punto da chiedermi: con la nuova frequenza dell’Uno multidimensionale, cosa significa sentire la propria divinità?
Nell’occidente, stanno finendo i tempi in cui la religione era considerata l’unica via per incontrare il divino. Per molti oggi, il divino non è più qualcosa d’astratto, bensì riconoscibile ovunque e raggiungibile da qualunque persona desiderosa di sperimentarsi, magari applicandosi alla meditazione, vivendo più connessi alla natura, osservando un fiore, tenendo in mano una pietra, vale a dire, trovando il mistero nella semplice quotidianità.
Nel terzo millennio, quindi, volendo, è possibile incontrare il sacro senza l’interferenza di terzi. Tuttavia, anche se abbiamo eliminato i mediatori, essendo governati dall’illusione della separazione, dalla dualità fuori/dentro, abbiamo ancora bisogno di un metodo o una pratica per accedere al nostro centro. Ora chi è consapevole dell’innalzamento della frequenza della terra, è sollecitato a compiere una transizione importantissima: incarnare la totalità nell’ordinarietà della vita e soprattutto quando prende il sopravvento l’emotività…

Continua a leggere →