HomeScienza di confineMedicina quantistica    

Commenti

Medicina quantistica — 1 commento

  1. “Considerando l’uomo come un circuito elettro-fisico, tutte le patologie, dal banale raffreddore alla psoriasi acuta, sono dovute ad alterazioni di percezione del reale, che nell’arco di mesi o anni, conducono ad alterazioni delle frequenze elettriche ed elettromagnetiche del nostro organismo, e di conseguenza, al malfunzionamento del DNA, che prima di essere la composizione di adenina, guanina, citosina e uracile, è un’elica di frequenza cristallina. A seconda del tipo di squilibrio personale, l’alterazione di frequenze crea la malattia in un organo o in un altro.”

    esistono prove scientifiche a sostegno di queste affermazioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli nella categoria "Scienza di confine"

Emozioni e Pensieri Negativi possono modificare il Cibo e l’Acqua che ingeriamo?

di Carmen Di Muro
La realtà vibra all’unisono con noi e si adatta rispondendo con frequenze ordinate. Il cibo, come ogni essere vivente, oltre ad avere un potere calorico (chimico-energetico), ha anche un potere elettromagnetico e vibrazionale.
Il grande filosofo L. Feuerbach sosteneva che “l’uomo è ciò che mangia”, ma è pur vero che “l’uomo è dove, quando e come mangia”. Il cibo è una forma altamente concentrata di energia, che apporta non solo sostanze nutritive, ma anche campi d’informazione specifici che influiscono sul nostro stato di salute globale.
Ogni cosa presente in natura è composta da una frequenza ben precisa e strutturata. Cose, persone, cibi e ambienti ancor prima di poter essere colti nella loro componente tangibile, sono caratterizzati da un’energia specifica che li contraddistingue, in virtù della carica dominante di cui sono portatori.
La realtà vibra all’unisono con noi e si adatta rispondendo con frequenze ordinate. Ad ogni azione energetica sussegue sempre una reazione di pari o maggiore intensità vibrazionale…

Continua a leggere →