Articolo in evidenza
HomeScienza di confineLe prove della reincarnazione secondo Ian Stevenson

Ian Stevenson, professore di psichiatria presso l’Università della Virginia, si dedica da molti anni allo studio di bambini che spontaneamente presentano memorie di quelle che sembrano essere vite precedenti.

Ian stevensonIn qualità di psichiatra, Stevenson cercava di comprendere il perché di certe paure e fobie, o anche di certi talenti innati riscontrabili spesso nei bambini piccoli; voleva inoltre spiegarsi il motivo delle simpatie e antipatie che a volte i piccoli dimostrano fin dalla più tenera età.

Studiando questi aspetti, Stevenson si rese conto che i bambini, oltre a mostrare fobie o attitudini particolari, a volte ricordavano cose che non avrebbero dovuto sapere: parlavano di vicende di vita diverse da quelle attuali e soprattutto di episodi di morte (presumibilmente riferibili a vite precedenti), che sembravano spiegare e giustificare proprio quelle paure e quelle fobie.

In Ian Stevenson, che si dichiara di religione protestante, l’interesse per la reincarnazione nacque poco a poco, nel corso degli anni: gradualmente si rese conto che questo tipo di credenza, questa concezione della vita, per così dire, più “allargata”, poteva offrire spiegazioni plausibili a situazioni apparentemente enigmatiche ed inspiegabili. Una volta convintosi di questa possibilità, Ian Stevenson cominciò a girare il mondo proprio alla ricerca di bambini, i cui ricordi potevano essere, in questo senso, rivelatori. Ne ha ormai incontrati e studiati a centinaia, sia nei paesi che credono alla reincarnazione, come l’India, sia in quelli che non la contemplano.

Per le sue accuratissime indagini, Stevenson ha messo a punto una tecnica quasi poliziesca: parla coi bambini, interroga i familiari, i parenti e i vicini, analizza i ricordi, li mette in relazione con le situazioni reali, fa sopralluoghi nei posti che i piccoli dicono di ricordare e organizza incontri con le persone che i bambini asseriscono di aver conosciuto nella vita precedente.

I riscontri sono spesso straordinari: bambini di pochi anni che riconoscono con esattezza persone che non avevano mai visto, le chiamano per nome, discutono con loro di vicende passate, si muovono con disinvoltura in case e città dove non sono mai stati; a volte, addirittura, mostrano di conoscere lingue straniere che non sono state loro mai insegnate(anche perché molto piccoli) e che non hanno neppure mai udito, né in casa né altrove.

Sulla sua casistica il professor Ian Stevenson ha scritto molto: il suo libro più importante, ormai un classico in materia, è “Reincarnazione – venti casi a sostegno”, pubblicato diversi anni or sono. Ma le sue indagini sulla reincarnazione non si fermano qui: esistono infatti altri elementi riguardanti questo fenomeno, che mettono in luce aspetti a dir poco inquietanti. Ed è a questi che facciamo ora riferimento.

reincarnazioneCerti bambini infatti nascono avendo sul corpo segni inspiegabili, come cicatrici lasciate da ferite mai ricevute o presentando anomalie fisiche, di cui i medici non riescono a individuare l’origine. E appena incominciano a parlare, questi bambini affermano di essere morti di una morte violenta, che sono in grado di descrivere nei dettagli e che giustifica e spiega quelle cicatrici.

C’è per esempio “Jacinta Agbo”, una bambina nigeriana, che alla nascita (1980) presentava sulla nuca una strana, lunghissima cicatrice. Quando fu in grado di parlare, Jacinta descrisse una situazione che spiegava quella ferita: parlò di un uomo di nome “Nsude” che durante una lite era stato pesantemente ferito alla testa. Portato all’ospedale di Enugu, era stato operato e il chirurgo gli aveva praticato una lunga incisione sulla nuca. In seguito tuttavia l’uomo era morto. I fatti erano avvenuti nel 1970 e Stevenson ebbe modo di controllarli e di verificarne l’autenticità.

Un altro caso incredibile è quello di “Ma Htwe Win”, una bambina nata a Burma nel 1973. La piccola presentava fin dalla nascita strani segni e anomalie agli arti inferiori, che sembravano riconducibili ad anelli di costrizione alle gambe. Quando sua madre era incinta, sognò un uomo che si trascinava sulle ginocchia, che la seguiva e le si avvicinava sempre più. Quando la piccola fu in grado di parlare, rievocò la morte terribile di un uomo di nome “Nga Than”, che era stato brutalmente assassinato dalla moglie e dal suo amante, e poi legato con delle corde per poter essere meglio occultato. Il corpo fu in seguito a queste informazioni ritrovato e l’omicidio scoperto. E i segni che la bambina portava sul corpo, corrispondevano esattamente alle legature traumatiche a cui quell’uomo era stato sottoposto.

Citiamo infine il caso di “Semith Tutusmus”, un ragazzino turco nato con una pesante malformazione all’orecchio destro: anche lui ricordava la morte violenta di una personalità precedente, dovuta a colpi di arma da fuoco che, fra le altre cose, gli avevano maciullato un orecchio. Come si spiegano dunque questi fatti? Il professor Stevenson ritiene che questi segni presenti in alcuni bambini fin dalla nascita, confermino i ricordi dei bambini stessi, dimostrando la verità del processo di reincarnazione, ed anche che un’essenza vitale sopravvive alla morte fisica, influenzando con un’azione psicocinetica il nuovo corpo in formazione nel ventre materno.

Le prove della reincarnazione:

Le-prove-della-reincarnazioneLa teoria della reincarnazione spiegherebbe dunque alcune alterazioni della pelle, come le voglie, nonché altri più gravi difetti che alcuni individui presentano alla nascita. lan Stevenson, al fine di suffragare la teoria della reincarnazione con prove scientifiche, ha analizzato nel dettaglio centododici casi di persone, soprattutto bambini, che presentano segni sul corpo attribuibili ad eventi traumatici risalenti ad esistenze precedenti, di cui essi stessi hanno infatti memoria: incisioni chirurgiche, pugnalate, ferite d’arma da fuoco, morsi di serpente e persino tatuaggi.

Referti medici e autoptici, esame dei segni sui corpi, materiale fotografico, riscontri in loco delle dichiarazioni dei soggetti studiati, studio comparato del comportamento, della postura, dei tic , nonché interviste con familiari e conoscenti, rappresentano l’ampia documentazione che il medico ha raccolto per ogni caso, durante un ventennio dedicato allo studio serio e appassionato di questo fenomeno. La vasta casistica, l’approccio rigorosamente scientifico e critico, la cautela con la quale Stevenson azzarda delle conclusioni, convincono anche gli scettici ad assumere una posizione più “possibilista”, non escludendo “aprioristicamente” una teoria che affascina e sconvolge le salde certezze del pensiero occidentale.

Nel libro “Reincarnazione – 20 casi a sostegno”, Ian Stevenson esamina l’ipotesi della sopravvivenza della personalità umana (per molti l’anima, l’essenza vitale eterna) dopo la morte, presentando venti casi che sembrano suffragarla. I soggetti presi in esame sono in genere bambini o ragazzi che conservano precisi ricordi di un’esistenza precedente: se non si ammette l’idea della reincarnazione, ricordi di questo tipo (che si affievoliscono con il passare degli anni) rimangono inspiegabili. Il libro mette a disposizione del lettore tutto il materiale raccolto dall’autore nell’arco di molti anni di studio, dando vita a una suggestiva “geografia della reincarnazione”, che va dall’India allo Sri Lanka, dal Brasile all’Alaska sud-orientale.

“Bambini che ricordano altre vite” è un altro libro di Stevenson, nel quale l’autore presenta una ricerca sistematica e approfondita su altri dodici tipici casi di bambini (orientali e occidentali, americani ed europei) che affermano di ricordare vite precedenti. A questi sono aggiunti numerosi altri casi che illustrano particolari aspetti della reincarnazione. L’autore fornisce inoltre, un’ampia analisi delle più comuni convinzioni che negano la reincarnazione, dimostrandone l’infondatezza, sfatando anche numerosi pregiudizi sull’argomento. Inoltre, Stevenson sottolinea alcuni aspetti connessi, e spesso presenti, nei numerosi casi di reincarnazione da lui studiati: ovvero alcuni fenomeni paranormali quali apparizioni, impressioni telepatiche, sogni telepatici ecc., studiati anche dalla parapsicologia in questo ultimo secolo.

Fonte: http://www.viteprecedenti.com/ian_stevenson.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

Le prove della reincarnazione secondo Ian Stevenson — 4 commenti

  1. Salve!
    Mi chiedo una cosa e cercherò di porre questa domanda anche ad un ipnologo.
    Ma perché quando una persona in regressione ipnotica supera i confini del tempo del concepimento e racconta di altre cose che non hanno a che fare con la vita di quell’individuo si va a pensare subito alle vite precedenti? E mi chiedo, lo spazio/tempo esiste? per me non esiste (o sbaglio?) e allora tutte le vite di miliardi di persone che sono transitate in questo pianeta, i loro ricordi, i loro traumi dove sono? A me mi è capitato in onde beta di assorbire qualcosa da quello che io chiamo inconscio collettivo… Non è quindi possibile che questi ricordi non appartengano alla persona che sta attuando la regressione?
    Ecco, non capisco come si possa affermare con certezza che questi ricordi siano relativi a vite precedenti.
    spero di essermi spiegato bene dal basso della mia terza media
    p.s. Io personalmente credo ad una continuità dell’anima ma se fossi sicuro dell’esistenza di vite precedenti vorrei diventare un partigiano ribelle cosmico 🙂

  2. Per Pierangelo: il fatto che questi racconti spesso combaciano con dei segni anche sul corpo.
    Tu hai scritto “spero di essermi spiegato bene dal basso della mia terza media”;
    Ti sei ben spiegato, non è solo il titolo di studio a rendere una persona abile nel ragionare e nell’argomentare.
    Saluti.

  3. Il punto non è credere che ciò esista, ma spiegare ai pazienti come avviene la reincarnazione. Questo chiedono!

  4. Si può credere nella reincarnazione se si accetta il concetto che la nostra essenza, al di là del nostro corpo fisico, è una “scintilla eterna di energia intelligente e sensibile”. E’ cioè quell’energia che trasforma un corpo materiale in una persona sensibile e pensante. Questa energia esiste al di là di quei corpi fisici che essa in varie successioni va ad animare. L’uomo comunemente dà a questa energia l’appellativo di “anima”. Io credo in questi termini alla realtà della reincarnazione. Del resto in un Universo in cui l’Intelligenza trova la propria espressione in ogni e qualsiasi aspetto, la morte definitiva di una persona non darebbe alcun senso a quella vita stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Scienza di confine"

La terapia del Suono

La terapia del Suono

Molte culture riconoscono l’importanza della musica e del suono come metodo di guarigione.
Nelle civiltà antiche dell’India, in Oriente, in Africa, in Europa e fra gli Aborigeni e gli indiani d’America, la pratica di usare il suono per guarire e realizzare l’equilibrio interiore del corpo è sempre esistita. I tibetani usano ancora le flange, i carillon, le campane e il canto come fondamento per loro pratica spirituale.

A Bali, Indonesia, il “gamelang“, il gong ed il tamburo sono utilizzati nei riti religiosi, mentre gli shamani nativo-americani usano la tonalità vocale e la…

Continua a leggere →

Pineale: la ghiandola anticancro

Pineale e spirito

di Paolo Lissoni, Giusy Messina, Fernando Brivio
La ghiandola pineale, per lungo tempo ignorata dalla medicina, si è recentemente rivelata di fondamentale importanza nella cura dei tumori.
La melatonina – principale ormone secreto dall’epifisi – ha un effetto antitumorale riconosciuto, e il difetto nella produzione notturna di tale ormone, è la principale causa endocrina della malattia tumorale. La ghiandola pineale, una delle sette ghiandole endocrine, è il principale organo responsabile della regolazione del ritmo biologico circadiano, sulla base del principale ritmo cosmologico,…

Continua a leggere →

La prova scientifica che la coscienza influenza la realtà

La coscienza influenza la realta

di Niccolò Angeli
Una nidiata di pulcini e un robot con un generatore di numeri casuali, sono stati sufficienti a dimostrare che la coscienza esiste e influenza la materia. Un piccolo ma geniale esperimento mai diffuso dai media ufficiali.
Chi ha detto che la scienza non è ancora in grado di verificare e misurare i più insondabili misteri spirituali? La verità è che ogni volta che uno scienziato scopre qualcosa di importante in tal senso, i suoi risultati vengono ignorati sistematicamente, oppure ridotti al silenzio molto rapidamente.
Sono rimasto fulminato dalla semplicità del lavoro di Rene Peoc’h, un ricercatore francese, che nel 1986 ha effettuato una serie di esperimenti con pulcini, conigli, umani e un robot…

Continua a leggere →

Il futuro “si può sentire”

Prevedere il futuro

di Giulia Belardelli
Una delle più importanti riviste americane di psicologia, pubblicherà presto il lavoro di un professore – Daryl Bem – il quale sostiene di aver dimostrato come gli eventi non ancora accaduti possano influenzare quelli presenti.
A tal riguardo, come spesso accade, la comunità scientifica è scettica e divisa. Ma qui non c’entra la palla di cristallo, né i fondi di caffè. Il futuro “si può sentire” e a dirlo non è un manipolo di finti chiaroveggenti e fattucchiere, ma un gruppo di scienziati della Cornell University di Ithaca, nello Stato di New York. Il loro…

Continua a leggere →

Melatonina, traghetto per l’infinito

Infinito

di Giorgio Pattera
Chi scrive ha avuto modo di occuparsi, in un recente passato, dei neurotrasmettitori (serotonina, dimetiltriptamina, encefaline, endorfine), cioè di quei neuropeptidi ad azione psicoattiva, prodotti a livello encefalico e non solo, in grado di indurre nella “mente” dell’individuo uno stato alterato di coscienza, durante il quale sarebbe possibile (il condizionale è d’obbligo) accedere ad altre dimensioni, al di là di quella umana; dimensioni che abbiamo ipotizzato “parallele”.
Anche altri ricercatori (come “Brian O’Leary”) ritengono che solo mediante uno…

Continua a leggere →

Coscienza Globale: un esperimento ne conferma finalmente l’esistenza

Coscienza globale

La Princeton University ha dimostrato scientificamente l’esistenza della Coscienza Globale e che la Noosfera, cioè la mente umana collettiva, riesce ad influenzare in qualche modo anche gli elaboratori informatici.
«Anche con molti uomini colti non si può parlare di Inconscio senza venir tacciati di misticismo. L’angoscia è giustificata perché la nostra visione razionale del mondo, con le sue certezze scientifiche e morali ardentemente credute (perché dubbiose), è scossa dai dati dell’altra parte». Carl Gustav Jung

“Cittadini del mondo, tutti noi disincantati e delusi dal

Continua a leggere →

La “Scienza dell’Intenzione”

Focalizzazione del pensiero

di Cinzia Malaguti
La scienza dell’intenzione cerca di porre un ponte tra spiritualità e fisicità. Come possono le nostre intenzioni modificare la realtà e il nostro pensiero influenzare la materia?
Lynne McTaggart, esperta di scienze di frontiera e di medicina alternativa, ha raccolto ricerche e studi su quel campo della scienza che lei – ma anche altri – chiama “Scienza dell’Intenzione”. Ecco dunque un assaggio dei contenuti di questa scienza “ponte”, tratto da “La scienza dell’intenzione – come usare il pensiero per cambiare la tua vita e il mondo” di Lynne…

Continua a leggere →

Quoziente Emotivo (Qe) e Qi

Intelligenza emotiva

di Marcello Andriola
Si stanno affacciando nuovi paradigmi dall’ambito delle neuroscienze, che cercano di unificare le nuove scoperte della ricerca scientifica: si tratta della “teoria del Quoziente Emotivo”, delle Intelligenze Multiple, della “teoria dei due Cervelli”.
L’interesse per una struttura ad elevata complessità (e ancora per molti versi sconosciuta) come il cervello, ha condotto a elaborare nuove metodologie integrate di ricerca, applicabili al sistema nervoso nel suo insieme e nelle sue parti strutturalmente e funzionalmente correlate, dando nuovo impulso a quel settore di…

Continua a leggere →

La “Teoria dei Mondi molteplici” e le Vite parallele

Linee temporali dell'anima

di Gerrit Gielen
Quando fate una scelta importante nella vostra vita, voi scegliete in effetti tra due possibili situazioni future. Non appena fate la scelta, uno dei possibili futuri scompare. E’ vero? Oppure questo futuro alternativo seguita comunque ad esistere in un mondo parallelo, ed è vissuto da un’altra parte di voi?
Secondo la “teoria dei mondi molteplici” in fisica, ogni qualvolta ci sia un momento di scelta, avviene una divisione nell’universo: le varie possibilità coesistono in mondi paralleli. Da un punto di vista spirituale, qual è il significato dei mondi paralleli e come possiamo farne esperienza nella nostra vita quotidiana?

Continua a leggere →

8 Hertz: il codice della vita

8 Hertz: il codice della vita

Le ricerche di “Andrija Puharich”, medico pioniere in elettrobiologia sono volte a scoprire le capacità extrasensoriali del cervello…
“Andrija Puharich”, (morto nel 1995) durante la sua brillante carriera scientifica, ottenne cinquantasei brevetti per le sue invenzioni nel campo della medicina elettronica, della neurofisiologia e della biocibernetica. Inoltre fu autore di oltre cinquanta pubblicazioni scientifiche e di diversi libri divulgativi.

Durante la sua vita fu membro dell’Accademia delle Scienze di New York, dell’Associazione americana per l’avanzamento della Scienza,…

Continua a leggere →