HomeEsoterismoAiutare i morti    

Commenti

Aiutare i morti — 11 commenti

  1. Non ero a conoscenza che viventi nella dimensione terrena materiale potessero assurgere al ruolo di spiriti “chiarificatori” attraverso il viaggio astrale, consapevole o meno, durate il sonno, e aiutare chi si trova smarrito nell’altra dimensione. So, che ci sono ruoli acquisiti da viventi nell’altra dimensione, che durante il periodo tra una incarnazione e l’altra, possono assumere il compito di accompagnare e chiarire il necessario all’entità smarrita lì giunta e che non riesce a comprendere lo stato in cui si trova.

  2. I bambini quando muoiono in tenera età è più facile il trapasso per loro, dato non hanno sperimentato la vita materiale appieno?

  3. Scusatemi ma ……..quali sono le fonti? Come fate a sapere che succederanno queste cose? Perdonatemi io, purtroppo, non sono mai riuscita davvero a credere in una vita dopo quella terrena. Da quando è morta mia madre (avevo già perso mio padre) e mi sono ritrovata sola non avendo fratelli o figli, sto cercando disperatamente di credere che non tutto finisca con la morte. Ma faccio fatica a crederci (anche se lo vorrei) e mi domando, appunto, come nascono queste idee, queste credenze, queste………non so come definirle. Grazie.

  4. Per Daniela
    provo in sintesi se riuscirò a spiegarmi, per darti qualche dritta. Premetto però che mi risulta difficile capire come mai, desideri disperatamente credere nella vita dopo la morte e nonostante ciò fai fatica. Quanto asserito è frutto di anni di ricerca, esperienze dirette, letture, confronto con altre tesi. Non è mia volontà convincere nessuno, mio intento è se ci riesco, alleviare il dolore per la perdita di una persona cara. Ti suggerirei alcune letture che potrai consultare, se già non lo hai fatto.
    – “La vita oltre la vita” di raimond Moody
    – “Esiste l’aldilà” di Lino sardos Albertini
    – tutti i vari libri del “Cerchio Firenze 77” ed mediterranee
    La letteratura è vastissima, i sopra citati li ritengo fra i più seri, insieme a molti altri. Tanti auguri: Il Credere è un Sentire.
    E’ il tuo animo che si può aprire a questa possibilità.
    Cordialmente Antonio

  5. Ti ringrazio moltissimo Antonio, leggerò i libri che mi hai consigliato.
    Desidero fortemente credere che non finisca tutto con questa vita perché, se così fosse, specialmente per chi non è riuscito a viverla bene, come me, sarebbe “una gran fregatura”. Poi il rapporto con mia madre è stato un rapporto conflittuale, irrisolto che mi ha lasciato molti sensi di colpa e un disperato bisogno di comunicare ancora con lei. Non so perché faccio fatica a credere che la vita prosegua in maniera diversa. Non ho mai avuto fede, ho sempre pensato che le varie religioni fossero state inventate dagli uomini a scopo consolatorio e per vari altri motivi e non mi sono mai posta troppi problemi.
    Certo mi sembra che qua non sia questioni di religiosità, piuttosto forse di spiritualità che pure in me è sempre stata carente. Però ci sono tante cose inspiegabili, tanti misteri e tutto può essere possibile. Un libro che ho letto è
    “Esperimenti sull’aldilà” di Gary Schwartz che forse avrai letto anche tu, è scritto da uno scienziato, un neurologo mi pare che ha fatto esperimenti molto seri su bravi medium e la lettura di questo libro mi ha aperto la speranza, certo non la certezza, che non finisca tutto qua. Ancora grazie.

  6. Consiglierei a Daniela di accostarsi ad una lettura biblica, nuovo e antico testamento, possibilmente con qualcuno che la possa guidare. Cominciato a far questo, sentirà lei stessa se dedicarsi ad altro o invece porre un confine ad eventuali esplorazioni che potrebbero portarla in territori solo apparentemente gratificanti!

  7. Per giobast
    se permetti, l’A.T. è stato tradotto in modo così ambiguo che di tutto tratta tranne che di spiritualità. Il N.T. contiene spiritualità tradotta in Fede. Ma come ha ben compreso Daniela non si tratta di Fede ma di comprensione spirituale. Credo che lei abbia necessità di chiarimenti razionali e logici, la Fede è altra cosa. L’esplorazione logica e lucida porterà a comprensioni gratificanti.
    Per chi volesse scoprire in che modo è stata tradotta nel tempo la Bibbia (A.T.), consiglio di leggere o sentire le conferenze o i libri di Mauro Biglino.
    A Daniela, prima leggi e documentati, senza metterti nelle mani di di veri medium o ciarlatani, buona lettura e buon percorso, .

  8. Daniela ha chiaramente manifestato problemi di fede: Non riesce a concepire come possa esserci, dopo quest’esistenza compresa in una dimensione spaziale e temporale, un altro tipo di vita al di fuori di questi parametri. Un chiarimento razionale e logico, come dici tu Antonio, credo non possa venire dal percorso che le proponi: La ragione e la logica dicono che esalato l’ultimo respiro è già iniziata la fine di quel tipo di fisicità che ti ha consentito di vivere, di capire, di relazionarti, di desiderare, di litigare con la madre, insomma di tutto ciò che è stato possibile sviluppare usando i sensi che la natura ha messo a disposizione! Il dopo non appartiene più alla sfera della logica umana ma ad un ambito in cui è arduo e irto di pericoli inserire procedimenti esplorativi proposti da altri di cui giocoforza non si può sempre conoscere l’onestà globale. Capisco che la a proposta di fede di Gesù possa apparire spesso di difficile comprensione e accettazione, non sazia quel desiderio di dinamica conoscitiva propria dell’uomo, ma è grande nel suo offrire a tutti una soluzione definitiva alla terribile debolezza costituzionale dell’uomo, chiedendo solamente una incondizionata adesione di tutto se stesso! Non è SOSPETTA proprio perchè non appaga la curiosità del divenire, ma chiarisce sostanzialmente che l’essere umano al di fuori dei limiti della specie (deviazione originale) può trovare la sua vera ancora di salvezza in uno spazio che è fuori dalla specie, in una comunicazione che non appartiene all’umano. E’ un cammino difficile ma possibile! Dissento dalla tua asserzione riguardo i testi dell’ A.T. arrivati fino a noi; mi dibatto anch’io riguardo un’accettazione incondizionata di essi ed una critica testuale ancora forse in itinere, ma da quì a dire che manchino di spiritualità… Biglino, con tutto il rispetto per la persona, non gode di credito nell’ambito degli studiosi dell’A.T. Io non ho le conoscenze linguistiche per poter avvalorare le sue tesi!

  9. Buonasera, ho letto i vostri commenti e… mi presento mi chiamo Patrizia e sono una che ha sempre creduto nell’aldilà. Tanti anni fa ho dovuto sopportare un immenso dolore… la morte di mio padre, al quale ero molto legata. Dio lo ha chiamato a sé lasciandomi in una valle di lacrime. Un giorno mi resi conto che mio padre c’era… era qui con me… lo sognai e… mi disse: sono ancora quì, non piangere, ancora sto facendo fatica, non ho visto il volto di Dio… ma tu, prega per me e vedrai papà sarà con te. La mattina dopo mi svegliai con una serenità dentro di me… era una serenità mai provata prima… mi sentivo bene, rilassata anche mentalmente e… provai un’immensa gioia nel cuore perchè papà mi ha fatto comprendere che comunque sia, lui c’è, è con me ed esiste ancora, lo prego e penso sempre, mando a lui pensieri di amore di luce di gioia perchè loro hanno un immenso bisogno di questi pensieri per evolversi sempre di più.

  10. Grazie Patrizia. Io sogno spesso i miei genitori (entrambi morti) anche se non sono belli come il tuo, spesso sogno di chiedere scusa a mia madre, le dico che le voglio bene ma lei non mi risponde. Però quando mi sveglio non sono
    particolarmente triste, non più di quanto lo sono durante il resto della giornata.
    A volte poi penso che siano davvero incontri che avvengono quando anche noi siamo un pò come morti durante il sonno………..Due settimane fa è morta una gatta a cui volevo bene come a una figlia, ho sognato che la accarezzavo, mentre lei mi guardava dolcemente e la ringraziavo per essermi venuta a trovare.
    Mah!

  11. Buongiorno Daniela, rispondo al tuo commento. Dici di sognare tua madre ma non ti risponde alle tue scuse… falle dire una messa solo per lei, magari ne ha bisogno, ogni tanto anche loro hanno bisogno di messe di suffragio. Scusami se ti dico questo.. non devi comunque essere triste, lo so benissimo che e’ tanto dura… ma i morti, specialmente i genitori non vogliono vedere i propri cari tristi.. e’ come soffocare la loro anima che deve evolvere sempre di piu’.
    Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Esoterismo"