Articolo in evidenza
HomePsiche Mente CervelloAnche tu hai il diritto di dire “basta”

di Ana Maria Sepe

Molto spesso la bontà di certe persone viene scambiata per mancanza di carattere, assenza di personalità. Associare una persona disponibile ed educata ad un contenitore vuoto, o peggio ad uno “zerbino emotivo” è davvero una cosa orribile, ma accade… e anche molto spesso.

Quante volte ti sei sentito in difficoltà nel dire “basta” o non sei riuscito a dire di “no” alle richieste degli altri? Certo, ormai sei stato etichettato come quello sempre disponibile, ma questo non vuol dire sottomettersi al volere degli altri. Anche se sei una persona buona, hai il diritto di dire basta!

Quando essere accondiscendenti diventa un problema?

Non riuscire a dire di “no” alle richieste degli altri è un’abitudine molto comune, ma quand’è che ci si deve realmente preoccupare? Il problema nasce nel momento in cui si agisce facendo l’esatto opposto di ciò che si farebbe.

Ecco un piccolo esempio, facciamo finta che un’amica ti chieda un banale favore, del tipo: “Sabato mi accompagneresti all’aeroporto?”

Risposta mentale: “Assolutamente no non posso, sabato volevo andare a fare delle commissioni urgenti che rimando da tempo, poi ci sarà traffico… e poi potrebbe chiedere tranquillamente a qualcun altro che non ha impegni”.

Risposta reale: “Si, certo che ti accompagno, a che ora?”

È importante ricorrere a dei rimedi nel momento in cui alle richieste di chi ci circonda, la nostra reazione reale discosta totalmente da ciò che pensiamo. In questo caso, vuol dire che stiamo reprimendo ciò che siamo. Ovviamente è d’obbligo un po’ di buon senso: può infatti capitare a tutti di acconsentire ad una richiesta, anche quando non si ha tanta voglia; il problema nasce quando le reazioni reali discostano praticamente sempre dalla propria volontà.

Perché dico sempre si?

Rispondere a tutto con un “si” nasconde generalmente un bisogno profondo di accettazione. Sono due i motivi principali che ci spingono ad essere accondiscendenti:

– Si ha paura di non piacere agli altri
– Si temono le conseguenze legate ad un eventuale “no”.

Si tratta di paure che, in realtà, risalgono all’infanzia, epoca durante la quale pensavamo di dover obbedire ai genitori per poter avere il loro affetto. Dire di no, significa osare affermare i propri desideri e i propri bisogni, significa capire che gli altri possono amarci, anche se non siamo sempre d’accordo con loro. E che possono addirittura rispettarci di più, quando ci affermiamo ed esprimiamo con decisione la nostra volontà!

Cosa significa dire “basta”

Saper dire di noDire “basta” talvolta diventa necessario, un vero e proprio bisogno. Trovare la fermezza per dire di “no”, vuol dire mostrarsi per ciò che si è, togliere la maschera facendo vedere in tal modo il proprio vero io. Per farlo, naturalmente, ci vuole del coraggio, ma è anche vero che alimentare un rapporto basandosi sulle bugie e sulla mera sopportazione, non è mai positivo e può generare tutta una serie di problematiche.

“Un ‘no’ detto con la più grande convinzione è migliore e ha più valore di un ‘sì’ pronunciato solamente per compiacere o, cosa peggiore, per evitare dei problemi” (Mahatma Gandhi)

Avere un’opinione diversa rispetto a chi ci sta vicino, non significa per forza scatenare un putiferio, è del tutto normale! Dicendo “basta” vengono messi in evidenza i propri differenti punti di vista, ma non per questo vuol dire mettere in discussione un intero rapporto! Spesso infatti vi è anche una concezione fittizia delle conseguenze legate a un eventuale rifiuto ad una richiesta, in cui tali conseguenze vengono sovrastimate perché non si crede abbastanza in se stessi.

Come imparare a dire “basta”

Ecco una serie di dritte per imparare a dire “basta”:

– Siate diretti, non usate giri di parole
– Motivate la vostra risposta sfruttando elementi e situazioni esterne.
– Ponetevi in maniera rispettosa, con educazione, magari utilizzando un tono di voce accomodante
– Se proprio non sai come rifiutare una richiesta, allora esponi il tuo problema e rimanda il responso, specificando che devi valutare diversi elementi.

“Impara a dire ‘no’ a ciò che è buono, in modo da poter dire ‘sì’ a ciò che è meglio” (John C. Maxwell)

Le frasi per imparare a dire “basta”

– Grazie per la proposta ma proprio non mi è possibile;
– Scusa non posso aiutarti, purtroppo oggi devo sbrigare delle faccende importanti;
– Guarda vorrei poterti aiutare, ma al momento non so se riesco o meno. Ti faccio sapere più tardi, in modo da dirti con certezza se mi è possibile venirti incontro;

Quando decidi di dire un ‘sì’ o un ‘no’, hai il diritto di far valere prima le tue priorità!

Articolo di Ana Maria Sepe

Fonte: http://psicoadvisor.com/anche-tu-diritto-dire-basta-6845.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

Anche tu hai il diritto di dire “basta” — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Psiche Mente Cervello"

I tre Cervelli

Tre cervelli

di Diego Divenuto
Secondo alcune recenti ed innovative ricerche scientifiche, ognuno di noi non ha solo un cervello, ma dispone di ben tre distinti centri nervosi.
Quante volte ci è capitato di desiderare fortemente una cosa con la testa, mentre il cuore ci spingeva da un’altra parte, e la pancia ci diceva qualcos’altro ancora! Non ci riferiamo quindi alla ben nota teoria del cervello ripartito, elaborata negli anni ’60 del secolo scorso da Paul Mc Lean, secondo la quale ci siamo evoluti a partire da un cervello rettiliano, per poi sviluppare un cervello limbico ed infine, molto più…

Continua a leggere →

Non lasciarti dominare dal tuo Lato Oscuro

Conoscere il lato oscuro di se stessi

Dott.ssa Claudia Casalboni
Il “lato oscuro”, quello che Jung definiva Ombra, è una parte significativa e ben radicata in ognuno di noi: accettare questa realtà è il primo passo per comprenderla.
Conoscere se stessi significa esplorare il buio, addentrarsi in profondità e prendere contatto con tutto ciò che rifiutiamo di vedere, perché sommerso al di sotto della coscienza, ma che può essere dedotto facendo luce sulle nostre paure, i fastidi che proviamo, ciò che tendiamo a evitare, le emozioni negative, i pensieri distruttivi.

Accettare il fatto di non poter eliminare questo…

Continua a leggere →

Alla ricerca della felicità…

Felicità

Le emozioni sono componenti fondamentali della nostra vita. Da esse, sovente, traiamo gli stimoli che servono a vivacizzare le nostre giornate.
Sebbene ogni singola emozione sia importante e permetta a chi la sperimenta di sentirsi vivo, l’uomo è soprattutto alla ricerca di quelle sensazioni ed emozioni che lo facciano star bene e lo appaghino, in una parola è alla ricerca di quello stato emotivo di benessere chiamato felicità. Quest’ultima è data da un senso di appagamento generale, e la sua intensità varia a seconda del numero e della forza delle emozioni positive che un individuo…

Continua a leggere →

Il rapporto con nostra madre può farci guarire o ammalare

Mamma con bambino

di Elena Bernabè
Lei è il custode originario della nostra vita, ci ha accolto nel suo corpo e nella sua mente, ci ha condotto pian piano a divenire adulti.
Essere mamma ha un impatto emotivo, sociale, personale e storico molto forte. Si dice infatti che “La mano che fa dondolare la culla è la mano che regge il mondo”. (William Ross Wallace). Il mistero, il fascino e la magia di una mamma con il suo bambino, ha qualcosa di sacro e divino.
Diventare madre è un richiamo della vita con tutte le sue gioie e le sue fatiche, è un modo magnifico della donna di migliorarsi, di crescere…

Continua a leggere →

Libero arbitrio: siamo liberi o prigionieri del nostro cervello?

Prigionieri del nostro cervello

di Luciano Peccarisi
Un’incursione tra alcuni filosofi e scienziati di oggi. Alcuni dicono che noi siamo solo macchine, sia pure altamente sofisticate. Le macchine, tuttavia, non hanno vita spirituale e non sono responsabili di quello che fanno.
“Il processo d’inizio di un’azione volontaria”, come dice Libet, “avviene in modo inconscio”. A parte nelle patologie, quali ad esempio la fuga epilettica (dove si cammina senza coscienza) o anche nel sonnambulismo che è una condizione particolare. Ci muoviamo spesso in modo automatico senza nemmeno rendercene conto. Guidando l’auto,…

Continua a leggere →

Le tre Menti: negativa, positiva e neutra

Le tre menti

La mente negativa è la più rapida. La mente positiva è espansiva e pratica. La mente neutra stima ogni cosa.
La mente negativa è la più rapida. E’ la prima a reagire ad ogni pensiero o sentimento. E’ la parte che ci aiuta a sopravvivere, ci mette in allerta verso rischi e pericoli e quindi ci protegge. E’ assolutamente automatica. Quando non è in equilibrio, si vive in uno stato mentale di paura, con dei sintomi che includono il nascondersi nella propria testa, invece di vivere partendo dalla propria Anima.

In questo caso, tutto viene filtrato attraverso la Paura. Si rimane quindi…

Continua a leggere →

Empatia: una marcia in più…

Empatia

Dott.ssa Monia Ferretti
L’empatia è una risorsa molto importante, e lo è soprattutto in termini relazionali.
Possedere empatia significa essere in grado di comprendere i pensieri e gli stati d’animo di un’altra persona. Essere in grado di mettersi nei panni dell’altro e capire come ci sentiremmo noi al posto suo. L’empatia facilita la conoscenza tra le persone e l’instaurarsi di un rapporto di fiducia.

Saper entrare in empatia con chi ci circonda, siano esse persone con cui abbiamo una relazione più o meno stretta, significa possedere una vera e propria marcia in più. Noi…

Continua a leggere →

Senso di colpa, il vampiro dell’equilibrio interiore

Senso di colpa

Dott.ssa Claudia Casalboni
Il senso di colpa è una difesa inconscia, utile per segnalare un disagio fatto di vergogna e non accettazione, che dobbiamo soffermarci ad ascoltare.
È un giudice che ci rimprovera quando agiamo contro il nostro codice morale e ci perseguita istigandoci a trovare un rimedio. E’ un’ossessione per il passato, riguarda qualcosa che avremmo potuto fare e che non abbiamo fatto e ci spinge a rimuginare sui nostri errori, allontanandoci dal momento attuale…

Continua a leggere →

La “Fabbrica della Depressione”

Dott. Mel Schwartz
La nostra società è in preda ad un’epidemia di depressione. La mia tesi è che i valori della nostra società ci inducono a vivere in modi che sono effettivamente intristenti.
I numeri sono piuttosto sconcertanti. Oltre il 20% della popolazione americana, sperimenterà nella vita, almeno un episodio di ciò che definiamo depressione clinica. Per poter comprendere e superare il fenomeno, è quindi necessario esaminarlo in profondità.

I valori o meglio i ‘non valori’ della nostra società ci inducono a intristirci. Inoltre, gran parte di ciò che definiamo depressione…

Continua a leggere →

Sii te stesso… ma te stesso chi? Sai chi sei?

Bambino interiore

“Sii te stesso”, è uno dei consigli più utilizzati, quando si vuol dare un consiglio comportamentale a qualcuno.
Ma mi viene da chiedere… te stesso chi? Sai chi sei veramente? Noi ci comportiamo in un certo modo tutto nostro, ognuno di noi è un personaggio unico, la nostra unicità è data da una miriade infinita di cose. Le prime influenze che determinano quel che siamo, sono gli elementi astrali che ci hanno influenzato alla nascita (il tema natale personale), che ci danno degli input ai quali noi quotidianamente e assolutamente in modo inconsapevole, reagiamo… Hai presente quando…

Continua a leggere →