HomeSpiritualitàCome gli Animali comunicano con l’Aldilà    

Commenti

Come gli Animali comunicano con l’Aldilà — 1 commento

  1. Ho un rapporto meraviglioso con i miei animaletti domestici, loro sono intelligentissimi e capiscono subito in effetti se stiamo per portarli a divertirsi o dal veterinario, poi si accorgono immediatamente se in casa qualcuno non sta bene a livello fisico o psicologico e restano accanto assorbendo letteralmente la negatività e spazzandola via, disintegrandola.

    Per me gli animali sono creature divine quanto l’uomo e più evoluti perché non hanno bisogno di fare esperienza di separazione dall’Uno essendoci già dentro, in totale armonia con l’intero universo.
    Imparo sempre da loro e non temo di dire che loro, più degli umani, mi hanno reso una persona migliore, specie da quando sono vegana e vivo con loro nella Natura.

    L’umanità deve evolvere e smettere di cibarsi dei corpi morti di creature che hanno un cuore e dei sentimenti come noi, che sono totalmente innocenti come bambini e non concepiscono il male. Meritano solo tanto Amore e rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Cosa significa Sentire la propria Divinità?

di Caroline Mary Moore
Tempo fa una signora mi scrisse, dicendomi che non si sentiva più connessa alla sua “divinità” e che non sapeva più a cosa affidarsi. La sua incertezza mi ha fatto riflettere molto, a tal punto da chiedermi: con la nuova frequenza dell’Uno multidimensionale, cosa significa sentire la propria divinità?
Nell’occidente, stanno finendo i tempi in cui la religione era considerata l’unica via per incontrare il divino. Per molti oggi, il divino non è più qualcosa d’astratto, bensì riconoscibile ovunque e raggiungibile da qualunque persona desiderosa di sperimentarsi, magari applicandosi alla meditazione, vivendo più connessi alla natura, osservando un fiore, tenendo in mano una pietra, vale a dire, trovando il mistero nella semplice quotidianità.
Nel terzo millennio, quindi, volendo, è possibile incontrare il sacro senza l’interferenza di terzi. Tuttavia, anche se abbiamo eliminato i mediatori, essendo governati dall’illusione della separazione, dalla dualità fuori/dentro, abbiamo ancora bisogno di un metodo o una pratica per accedere al nostro centro. Ora chi è consapevole dell’innalzamento della frequenza della terra, è sollecitato a compiere una transizione importantissima: incarnare la totalità nell’ordinarietà della vita e soprattutto quando prende il sopravvento l’emotività…

Continua a leggere →