Articolo in evidenza
HomeSpiritualitàLe dodici Energie Spirituali del DNA umano

di Rosario Surace

Chi siamo realmente? La nostra realtà tridimensionale è limitata e noi non siamo ciò che la nostra mente lineare ci dice di essere.

I 12 strati del DNA umanoIl DNA, il codice della vita, che i due famosi scienziati James Watson e Francis Crick scoprirono nel 1953, aprì la strada allo studio dei geni, dei cromosomi e dell’ereditarietà. Ma dopo 64 anni soltanto il 4% del DNA è conosciuto, il restante 96% è considerato ancora DNA spazzatura.

In pratica, gli scienziati non sono stati in grado di capire a che cosa serve la maggior parte del nostro codice genetico, e per semplificare lo hanno chiamato spazzatura. Ma in natura tutto ha una funzione, quindi il 96% del DNA umano non può essere inutile. Nell’approfondire le mie ricerche sul DNA, ho attratto un libro illuminante di Lee Carroll che canalizza Kryon: bene… vi riassumo l’interessantissimo materiale esoterico e quantico che questo libro contiene.

Il DNA è il portale tra fisica e spiritualità, il ponte multidimensionale che ci conduce al Creatore. Un giorno la scienza e la spiritualità saranno unite in un’unica coscienza quantica. Kryon divide in dodici gli strati del nostro DNA; questi strati sono interconnessi tra di loro e si scambiano istantaneamente informazioni. Possiamo però descriverli e comprenderli a fondo, soltanto se cambiamo la nostra mente lineare in mente quantica; la mente lineare, infatti, descriverebbe gli strati, uno per uno, in ordine, con un inizio e una fine, mentre la mente quantistica vede il tutto, l’insieme, vede i vari strati in un cerchio, dove si interconnettono e collaborano, si sovrappongono senza un ordine ben preciso, ma dove il fine ultimo è l’armonia e il funzionamento dell’intero essere umano.

Questa illuminante rivelazione di Kryon, ci fa comprendere la vera essenza spirituale degli esseri umani, i quali non sono consapevoli che il 96% del loro DNA è un portale spirituale che fa parte della infinita Coscienza Divina. Vi descrivo, allora, i dodici strati del DNA seguendo un “errato” ordine lineare.

Il primo strato è l’Albero della Vita, è la parte biologica, composto da un parte tridimensionale e da una parte multidimensionale, in pratica riceve e trasmette informazioni, riceve informazioni dal campo multidimensionale e le utilizza nella struttura genetica. Il secondo strato è quello relativo alle “lezioni di vita” e alla dualità, è la parte di noi che deve apprendere, di vita in vita, i principi universali dell’amore, del perdono, della compassione, la gioia.

Il terzo strato è quello dell’Ascensione e dell’attivazione, è lo strato del risveglio spirituale, l’attivatore degli altri strati, è lo strato della nostra coscienza e dell’azione. Il quarto e il quinto strato sono insieme, poichè contengono il cristallo del Registro Akashico, dove sono contenute tutte le vite precedenti, la nostra parte divina e la connessione con Gaia.

Il Sesto strato è lo strato del Sé superiore, il portale tra noi e il divino, che si separa da noi quando scendiamo sulla terra nella dualità, è lo strato che comunica con l’altra parte del velo multidimensionale. Gli Strati sette, otto e nove sono gli strati Lemuriani e Pleiadiani. 100.000 anni fa i Pleiadiani, il “Popolo delle sette Sorelle”, il più evoluto spiritualmente nell’universo, modificò tre strati del nostro DNA, per donarci la maestria di noi stessi, la saggezza e la responsabilità, l’interconnessione con il divino, il registro Akashico della nostra anima, l’interdimensione quantica e il potere di autoguarigione, (la fiamma violetta scoperta dal grande Maestro Asceso Saint Germain): i nostri fratelli e sorelle delle Pleiadi ci hanno, in questo modo, donato l’immortalità spirituale.

Gli strati dieci, undici e dodici rappresentano gli strati quantici del divino, il riconoscimento di Dio dentro di sé, la saggezza del sacro femminino e la compassione della Madre, Dio onnipotente, il Dio interiore, l’essenza di Dio nell’essere umano.

Nei Maestri Ascesi, il DNA è attivo al 100%, ecco perché sono in grado di operare miracoli e prodigi; nell’uomo tridimensionale, invece, il DNA è attivo solo al 30%, ma il divenire coscienti dell’immenso potenziale contenuto nel nostro DNA, cambierà un giorno la nostra esistenza radicalmente, proiettandoci nell’universo multidimensionale delle infinite possibilità.

L’umanità in un prossimo futuro, riuscirà a dialogare con il proprio DNA, ottenendo così il grande potere spirituale. Il salto evolutivo è quindi imminente e la consapevolezza di chi siamo realmente, ci unirà finalmente alla fonte divina da cui tutti noi proveniamo.

Articolo di Rosario Surace, autore de: Il cammino verso il risveglio

Fonte: http://www.newshaumbra.it/ns/scienze-e-spiritualita/scienze/le-dodici-energie-spirituali-del-dna-umano

Potrebbero interessarti...



Commenti

Le dodici Energie Spirituali del DNA umano — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Gli stati di emergenza spirituale – impazzire… per bene!

Stati di emergenza spirituale

di Maurizio Falcioni
Secondo lo psichiatra Stanislav Grof, alcuni disturbi psicologici diagnosticati come patologici sono invece una forma di richiamo spirituale.
La consapevolezza della nostra natura cosmica, genera una rivoluzione interiore apparentemente disordinata, che ci proietta verso un equilibrio superiore, generando un’espansione verso la realizzazione spirituale.

Negli anni ’70, sull’onda beat e dei primi focolai New Age, uno psichiatra rivoluzionario di nome Stanislav Grof, diede vita ad un progetto che categorizzava diversi aspetti della patologia psichica, inserendo…

Continua a leggere →

Immortalità “natale”

Anima immortale

L’io inconscio potrebbe essere quella parte di essenza immortale che abbiamo e che dirige l’io conscio mortale, con cui tutti noi abbiamo a che fare tutti i giorni.
L’io conscio è il nostro riferimento con il corpo fisico e senza tale interazione non avremmo coscienza di niente, vivremmo come in un sogno inconsapevole e non avremmo coscienza lucida. Quindi l’io conscio è una creazione dell’io inconscio immortale ed è fondamentale per avere una comunicazione completa con il proprio corpo fisico.

Ma quando questo Io immortale si è unito al corpo fisico, creando in questa maniera…

Continua a leggere →

Viviamo immersi in un mare di energie sottili

Viviamo in un mare di energie sottili

di Anna Spiga
Viviamo inconsapevolmente immersi in un mare di energie, di cui, tuttavia, possiamo diventare consapevoli, imparando anche ad utilizzarle.
Le antiche culture avevano capito che viviamo in un vasto mare di energia. Avevano capito che i pianeti e le stelle sono esseri coscienti che comunicano tra di loro. Gli individui che appartenevano a queste culture, credevano infatti che gli alberi fungessero da antenne, consentendo alle energie sottili naturali e alle informazioni di fluire dalla Terra alle stelle e ai pianeti, e da tutti gli altri corpi celesti verso la terra…

Continua a leggere →

Eckhart Tolle: la mia esperienza di Illuminazione

Eckhart Tolle

Fino al mio trentesimo anno di età, ho vissuto in uno stato di ansia quasi continua, intervallato da periodi di depressione suicida. Adesso, mi sembra di parlare di qualche vita passata o della vita di qualcun altro.
Una notte, non molto dopo il mio ventinovesimo compleanno, mi svegliai nelle ore piccole con una sensazione di terrore assoluto. Molte altre volte mi ero destato con una tale sensazione, ma in quella circostanza era più intensa che mai. Il silenzio della notte, i vaghi contorni dei mobili nella stanza buia, il rumore lontano di un treno in corsa: tutto sembrava così estraneo…

Continua a leggere →

Cosa significa essere centrati?

Il cerchio della vita

di Ambra Guerrucci
Il centro è il punto in mezzo al cerchio della vita: alla periferia tutto muta costantemente, al centro tutto rimane immutato. È l’essenza di tutto, l’unità.
Non ne esiste uno per ognuno, anche se l’ego ce lo fa credere, in realtà è unico e universale, è l’unità di cui tanto si parla. Intorno al centro sono stati disegnati infiniti cerchi, personalità e identità per fare esperienza della separazione, ma questo è solo un gioco, la realtà è il centro, essenza di tutto ciò che esiste…

Quando scendi nelle profondità del tuo essere, ti accorgi che non esiste…

Continua a leggere →

Come riconoscere l’apertura dell’Occhio Interiore (ghiandola pineale)

Apertura dell'occhio interiore

L’apertura del terzo occhio è un processo lento e graduale, che è possibile riconoscere grazie ad alcuni segni o “sintomi”.
“L’uomo, sapete, ha soltanto due occhi che vedono e registrano tutto, una vista che è come una straordinaria macchina fotografica che riprende immagini minute, molto nitide, minuscole; e con quell’immagine l’uomo dice a se stesso: Questa volta conosco la realtà delle cose, e per un momento è tranquillo.

Poi, sovrapponendosi gradualmente all’immagine, compare un altro occhio, che riprende un’immagine del tutto diversa. A questo punto il nostro uomo non

Continua a leggere →

Il ritorno del Cristo

cristo

di Fabio Finucci
La storia biblica ci dice che gli ebrei non hanno riconosciuto il Cristo che da tempo aspettavano, colui che li avrebbe liberati dagli oppressori. Hanno ascoltato la loro mente, l’immaginario che avevano del Cristo e non hanno ascoltato le sue parole, riconosciuto il suo essere. Lo hanno rifiutato.
Penso che la storia biblica simbolizzi anche una storia individuale che risiede in ognuno di noi. Credo, infatti, che anche noi non riconosciamo il Cristo dentro di noi, quello vero, che forse non ci piace così tanto perché non assomiglia all’immaginario che abbiamo di lui…

Continua a leggere →

L’esperienza cosmica e mistica di un progettista di Linux

Esperienze di pre-morte

Una rara e sublime esperienza cosmica di Pre-morte vissuta da Mark Horton, genio dell’informatica, deceduto il 7 Settembre 1996.
Quarant’anni sono trascorsi, da quando il Dott. Raymond Moody raccolse, per la prima volta, la testimonianza di un essere umano dichiarato clinicamente morto e poi ritornato in vita. E sono ormai milioni le persone in tutto il mondo, che ci hanno raccontato le medesime incredibili storie ed esperienze: ad esempio, la sensazione di staccarsi dal corpo, di lasciare l’ospedale dove erano state ricoverate, per poi attraversare un tunnel, al termine del quale si trova…

Continua a leggere →

Il senso spirituale dei terremoti, secondo la teoria di Rudolf Steiner

Teoria di Rudolf Steiner sulle calamità naturali

di Laura De Rosa
Quanto segue è un frammento delle teorie di Rudolf Steiner sulle calamità naturali, in particolare i terremoti, argomento che l’antroposofo affrontò nel corso di alcune conferenze parigine dal titolo, “I vulcani, i terremoti e la volontà umana”.
Onde evitare interpretazioni falsate, premetto che Steiner non attribuiva tali calamità alla giustizia divina o di qualsivoglia natura, ma riteneva che la Terra, come tutti i pianeti e le stelle dell’universo, fosse influenzata dall’uomo in modo impercettibile…

Continua a leggere →

Tutti nasciamo con un progetto dell’Anima

Progetto dell'anima

di Vincenzo Bilotta
Tutti nasciamo con un progetto. Per questo, dopotutto, veniamo al mondo. Decidiamo di nascere, di esserci, di vivere sulla Terra, di esistere assieme agli altri nostri simili.
Tutto fila liscio fino a quando non incominciamo ad andare a scuola e ad essere educati alla razionalità. La razionalità, purtroppo, crea una mente ipertrofica che non lascia più spazio ai progetti della nostra Anima, nascondendoli in un angolo sperduto del nostro dimenticatoio interiore. Col tempo e man mano che la nostra educazione prosegue, il risultato sarà una dimenticanza delle nostre…

Continua a leggere →