HomeSpiritualitàLasciate andare i vostri morti    

Commenti

Lasciate andare i vostri morti — 3 commenti

  1. Salve, ho vissuto un lutto ma non vorrei essere derisa perchè si tratta di un gatto… il problema è in realtà il mio stato attuale. Sono depressa, triste ed ansiosa da molto tempo e questo fatto ha dato il colpo di grazia. Essendo attaccata a questo caro angioletto e mancandomi così tanto mi sono rifugiata nella speranza “fisica” di revederlo un giorno reincarnato per stare ancora insieme, forse lassù qualcuno riterrà opportuno un nuovo incontro oppure no il problema sono io, perchè con tutto questo dolore, tristezza e depressione non riesco a “lasciarlo andare” come è giusto che sia. Come posso accettare il dolore, viverlo e superarlo? Sono passati più di due mesi e continuo ad aggrapparmi ad una foto, a piangerlo e a desiderare una nuova opportunità per stare insieme e sò che è sbagliato ma purtroppo non riesco as uscirne. Sono debole e questo piccolo essere mi ha aiutata tanto, quando capisco che il mio stato potrebbe fermarlo o creargli dolore tutto peggiora in un circolo vizioso poichè mi sento ancora più in colpa per ciò che provo. Non voglio ripartire con un altro micio, ho il terrore che così facendo con gli anni lo dimenticerò e non voglio che accada.
    Scusate se questo mio post può essere banale e superficiale, vorrei solo capire come imparare a controllare me stessa, a mutare queste emozioni negative in positive o almeno fermarle perchè l’ultima cosa che voglio è fare del male a chi voglio bene ma in realtà è proprio quello che succede anche se io non voglio assolutamente.
    Aspetto vostri consigli o pareri per poter “crescere” e star bene per poter far star bene anche gli altri. Grazie

  2. Ciao, non so come, mi sono imbattuta in questa pagina. Anche io, come te, ho perso il mio bambino micio. Non è passato molto, sono sincera, ma sento che questa batosta mi è entrata nel sangue. Io non voglio raccontarti del mio stato d’animo, solo donarti la mia comprensione. Mi chiedo sempre “dov’è?”, immagino abbia fame, si senta trascurato. Tutto quello che vorrei è sapere che sta bene, che pensa ai suoi genitori ed ai suoi fratelli, ma che stia bene, sazio e coccolato. E invece… lo vedo smarrito per strade buie… continuo ad allucinarmi con questa immagine. Vorrei capire solo… come faccio a lasciarlo andare? È ancora in tutti i posti di casa…

  3. Carissima, condivido ciò che hai scritto sulle anime bloccate, ma voglio precisare che anche quella è una libera scelta. A ciascuna di loro è data la possibilità di ascoltare una guida affinché progrediscano “ripetendo tutto da capo e bene”. Le nostre preghiere possono aiutarle moltissimo ma bisogna pregare pensando a loro e al loro percorso “lì”…piuttosto che pensare e ricordare la loro dimensione terrena. Posso assicurare, a chi ha perso anche degli animali molto cari che quando l’amore è ricambiato continua anche lassù! non preoccupatevi minimamente, anche i nostri pelosi stanno bene nell’altra dimensione! Cara Rosalba i nostri cari, pelosetti compresi, STANNO MALE SOLO SE NOI SOFFRIAMO per loro, ecco perché devi assolutamente pensare a lui felicissimo nell’altra dimensione. Questo significa “lasciarli andare”. In ogni caso ce li ritroveremo tutti là quando sarà il nostro momento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Cosa significa Sentire la propria Divinità?

di Caroline Mary Moore
Tempo fa una signora mi scrisse, dicendomi che non si sentiva più connessa alla sua “divinità” e che non sapeva più a cosa affidarsi. La sua incertezza mi ha fatto riflettere molto, a tal punto da chiedermi: con la nuova frequenza dell’Uno multidimensionale, cosa significa sentire la propria divinità?
Nell’occidente, stanno finendo i tempi in cui la religione era considerata l’unica via per incontrare il divino. Per molti oggi, il divino non è più qualcosa d’astratto, bensì riconoscibile ovunque e raggiungibile da qualunque persona desiderosa di sperimentarsi, magari applicandosi alla meditazione, vivendo più connessi alla natura, osservando un fiore, tenendo in mano una pietra, vale a dire, trovando il mistero nella semplice quotidianità.
Nel terzo millennio, quindi, volendo, è possibile incontrare il sacro senza l’interferenza di terzi. Tuttavia, anche se abbiamo eliminato i mediatori, essendo governati dall’illusione della separazione, dalla dualità fuori/dentro, abbiamo ancora bisogno di un metodo o una pratica per accedere al nostro centro. Ora chi è consapevole dell’innalzamento della frequenza della terra, è sollecitato a compiere una transizione importantissima: incarnare la totalità nell’ordinarietà della vita e soprattutto quando prende il sopravvento l’emotività…

Continua a leggere →
FOOTERBANNER; elseif(time()