HomeScienza di confineCancro: il rimedio dimenticato… le “Tossine di Coley”    

Commenti

Cancro: il rimedio dimenticato… le “Tossine di Coley” — 1 commento

  1. Sono vegana da qualche anno e seguo i principi della “health science” o naturopatia, e non prendo medicine di alcun genere da anni, perché come ogni buon naturopata o “seguace” di questa scienza bistrattata poiché pericolosa per le multinazionali farmaceutiche sa, tutto si basa sul sistema di eliminazione delle tossine e quindi anche delle cellule cancerose attraverso quella che viene definita “crisi eliminativa” da parte dell’organismo, la febbre è uno dei sintomi ed è una benedizione, non una seccatura come ahimé pensa la società occidentale, ormai schiava dei farmaci e della fretta di “guarire” che non è una vera guarigione ma un’ulteriore intossicazione da farmaci. Anche a me a seguito di un tumore era stato quasi imposto di fare la radioterapia, ho rifiutato e sto bene, sono ancora qua. Anni fa ho avuto un fibroma rimosso, era enorme. Da quando sono vegana un secondo fibroma ancora piccolo è letteralmente scomparso, così come altri disturbi sono spariti dalla mia vita, e sono rinata letteralmente. Le terapie che guariscono o che allungano comunque la vita ci sono, e non sarebbero considerate “alternative” se non ci fosse l’imposizione della chemio, che è solo un business e che uccide, ne ho esperienza con carissimi amici che a distanza di 7-8 anni da una remissione con chemio hanno sviluppato metastasi dalla sera alla mattina morendo nel giro di un paio di mesi. L’informazione è TUTTO nella vita, non accettate mai solo una versione dei fatti e fate sempre solo quello che sentite, senza lasciarvi trasportare dalla paura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli nella categoria "Scienza di confine"

Emozioni e Pensieri Negativi possono modificare il Cibo e l’Acqua che ingeriamo?

di Carmen Di Muro
La realtà vibra all’unisono con noi e si adatta rispondendo con frequenze ordinate. Il cibo, come ogni essere vivente, oltre ad avere un potere calorico (chimico-energetico), ha anche un potere elettromagnetico e vibrazionale.
Il grande filosofo L. Feuerbach sosteneva che “l’uomo è ciò che mangia”, ma è pur vero che “l’uomo è dove, quando e come mangia”. Il cibo è una forma altamente concentrata di energia, che apporta non solo sostanze nutritive, ma anche campi d’informazione specifici che influiscono sul nostro stato di salute globale.
Ogni cosa presente in natura è composta da una frequenza ben precisa e strutturata. Cose, persone, cibi e ambienti ancor prima di poter essere colti nella loro componente tangibile, sono caratterizzati da un’energia specifica che li contraddistingue, in virtù della carica dominante di cui sono portatori.
La realtà vibra all’unisono con noi e si adatta rispondendo con frequenze ordinate. Ad ogni azione energetica sussegue sempre una reazione di pari o maggiore intensità vibrazionale…

Continua a leggere →