HomeEvoluzione personale e consapevolezzaVelo di Maya: cos’è e perché ci rende prigionieri    

Commenti

Velo di Maya: cos’è e perché ci rende prigionieri — 1 commento

  1. Salve a tutti, una sera in un luogo di culto si pregava per i bambini in situazioni di disagio guerre fame eccetera…. Ho chiesto all’universo perché questi bambini dovevano venire al mondo per soffrire in questo modo a quale scopo? Ho chiesto perché devono provare la paura della morte , senza aver provato gioia! Alla fine del culto alle 3 del mattino però insieme ad altre persone, ci stavamo salutando quando mi sento soffiare dietro l’orecchio mi giro, pensando fosse un’amica che mi facesse uno scherzo, non c’era nessuno rimango un po’ basita mi rigiro a parlare con la persona che avevo davanti è una presenza entra dentro di me l’ho sentita molto chiaramente, una gioia immensa una leggerezza, sentivo il mio corpo appesantito che mi stava lasciando per cadere sul tappeto che c’era davanti a me, ero in estasi felicissima, nessun dolore ,nessun pensiero ,solo gioia, il mio corpo se ne stava andando stava cadendo le persone intorno a me hanno incominciato a tenermi ma io ero felice sentivo dentro di me una presenza con due occhi grandissimi e io era come se ne facessi parte non ero affatto spaventata Era come se facesse parte di me o io facessi parte di questa presenza però nessuno è riuscito a spiegarmi che cosa mi fosse successo? Tornando a casa a riuscivo a stare in piedi però era ancora in estasi vedevo le strade i palazzi mi sembravano delle strutture che non facevano parte più di me,del mio mondo , è durato circa 6 ore scemando pian piano fino a scomparire. Nessuno del gruppo ha saputo darmi una spiegazione. Io mi sono fatta un’idea, però gradirei sentire qualche altro parere anche per confrontare, per capire meglio per approfondire. Vi ringrazio comunque se mi risponderete oppure no. Vi saluto … cordialmente Miriam.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"