HomeSpiritualitàLe Visioni sul letto di Morte    

Commenti

Le Visioni sul letto di Morte — 4 commenti

  1. Spesso mi chiedo se è vero che se c’è una speranza di vita ultra terrena perché chi ci ha lascito in maniera tragica strappato dal amore dei suoi non possa ribellarsi a tanta cattiveria e crudeltà che ha ricevuto senza chiederlo da chi tira le redini del destino.È mai possibile che si accetti nel mondo (se esiste) ultraterreno tanta cattiveria senza chiedersi il perché .È mai possibile che nessuno reagisca a tanta crudeltà.

  2. Sono a conoscenza che alcune persone hanno avuto visioni sul letto di morte! Una mia cara amica mi ha raccontato che suo fratello due giorni prima del trapasso , ha visto la nonna deceduta diversi anni prima, che vedendolo stare male piangeva, mentre lui chiedeva a sua madre di darle un fazzoletto e la indicava senza che la madre potesse vedere anche lei…!!! Poi il giorno dopo sembrava stare meglio, e due giorni dopo se n’è andato lasciando la sua famiglia nella disperazione! Successivamente, più volte la mia amica lo ha sognato bene, come prima che si ammalasse, le ha detto che non dovevano stare male per lui , perché lui ora stava bene. Vorrei dire a Giocondo che non esiste la cattiveria nel mondo ultraterreno, so che è difficile da accettare (ho subito due perdite nella mia famiglia, di cui una era molto giovane). Credo che ci siano dei “disegni” che noi qui non siamo in grado di capire, e che possiamo semplicemente accettare per fede, lasciando andare i nostri cari con la Speranza che un giorno li ritroveremo…

  3. mio padre stava in ospedale in una stanza a due posti,una notte mentre gli stavo vicino vidi il suo volto rasserenarsi e nella sua incoscienza mi disse che vedeva sua madre,suo padre e fratello che gli sorridevano dicendogli di non aver paura perchè loro erano li ad attenderlo ,ma la cosa più fuori dal comune fu che quella notte il signore che divideva la stessa camera e che anch’esso in rianimazione ,si alzò dal letto dicendomi che lui era stato fortunato perche era riuscito a tornare a casa ma il malato del letto accanto e mi descrisse senza conoscerlo tutto di mio padre .lavoro famiglia dove abitava, non ha avuto la sua stessa fortuna perchè morì due giorni dopo.dato che in rianimazione sono monitorati arrivarono gli infermieri e quel signore fu rimesso a letto senza che si ricordasse di ciò che aveva detto e fatto .io credo che quello che ho vissuto era un messaggio per prepararmi alla morte di mio padre .devo dire sinceramente che mi è stato d’aiuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Cosa significa Sentire la propria Divinità?

di Caroline Mary Moore
Tempo fa una signora mi scrisse, dicendomi che non si sentiva più connessa alla sua “divinità” e che non sapeva più a cosa affidarsi. La sua incertezza mi ha fatto riflettere molto, a tal punto da chiedermi: con la nuova frequenza dell’Uno multidimensionale, cosa significa sentire la propria divinità?
Nell’occidente, stanno finendo i tempi in cui la religione era considerata l’unica via per incontrare il divino. Per molti oggi, il divino non è più qualcosa d’astratto, bensì riconoscibile ovunque e raggiungibile da qualunque persona desiderosa di sperimentarsi, magari applicandosi alla meditazione, vivendo più connessi alla natura, osservando un fiore, tenendo in mano una pietra, vale a dire, trovando il mistero nella semplice quotidianità.
Nel terzo millennio, quindi, volendo, è possibile incontrare il sacro senza l’interferenza di terzi. Tuttavia, anche se abbiamo eliminato i mediatori, essendo governati dall’illusione della separazione, dalla dualità fuori/dentro, abbiamo ancora bisogno di un metodo o una pratica per accedere al nostro centro. Ora chi è consapevole dell’innalzamento della frequenza della terra, è sollecitato a compiere una transizione importantissima: incarnare la totalità nell’ordinarietà della vita e soprattutto quando prende il sopravvento l’emotività…

Continua a leggere →