Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaCome trasformare un sogno in un Sogno Lucido

di Michele Pasculli

Spesso tendiamo a confondere i viaggi astrali con i sogni lucidi, ma la realtà è che i sogni lucidi sono soltanto sogni. Ci chiediamo allora che cosa siano realmente i sogni lucidi e perché sono considerati “speciali” rispetto ad un comune sogno.

Diventare padroni del sognoI sogni lucidi, a differenza del viaggio astrale, proprio come dice il nome, sono quei sogni in cui sei consapevole di essere nel sogno. In realtà questo tipo di sogni non sono poi così rari come crediamo, e sicuramente è capitato un po’ a tutti di trovarsi in un sogno e di sapere di stare sognando. Ecco, quello è un sogno lucido.

Il problema è la conoscenza legata a quest’esperienza, infatti se non conosci il potere che acquisisci nel momento in cui scopri di essere in un sogno, lo vivrai come un momento banale. Io, in passato, l’unica cosa che mi limitavo a fare, quando me ne capitava uno, era di cambiare lo scenario del sogno oppure mi svegliavo, ma se avessi saputo in che modo avrei potuto sfruttare i sogni lucidi, non li avrei buttati al vento così!

Generalmente i sogni lucidi prendono vita partendo da un normale sogno, in cui però può succedere un evento insolito, grazie al quale il dormiente capisce di non trovarsi nella realtà, e quindi comprende di stare sognando. In quel momento il sogno diventa lucido, e la cosa straordinaria è che chi sogna diventa il padrone del proprio sogno! E’ questo che rende speciale il sogno lucido.

Da ragazzino avevo dei sogni lucidi, ma non riuscivo a sfruttarne il “potere”; infatti anche se mi rendevo conto di trovarmi in un sogno, non avevo la minima idea di poterlo controllare a mio piacimento. Quando, in seguito, scoprii cosa si può realmente fare durante un sogno lucido, mi sono letteralmente mangiato le mani! Si, perché durante un sogno lucido non si hanno assolutamente limiti: puoi volare, fare cose assurde, vivere delle situazioni che tu stesso ti costruisci… davvero senza limiti, un po’ come nei viaggi astrali. Ecco perché spesso vengono confusi i viaggi astrali con i sogni lucidi, anche se chi ha provato entrambi, sa bene che c’è una grande differenza tra l’uno e l’altro.

Sogno lucido: come funziona?

Anche se ci sono alcune teorie che dicono che i sogni lucidi siano in realtà dei viaggi astrali, ciò non è vero. Ci sono infatti alcune differenze nette che contraddistinguono un sogno lucido da un viaggio astrale, e la prima fra tutte, è che durante un sogno lucido si ha la sensazione di trovarsi effettivamente in un sogno, mentre nel viaggio astrale si ha la sensazione di trovarsi nella realtà (anche se in una realtà distorta).

Inoltre, se si ha intenzione di provare un viaggio astrale, c’è bisogno di applicarsi utilizzando delle speciali tecniche per far avvenire ciò che è chiamato “sdoppiamento”, mentre per avere un sogno lucido è sufficiente prendere coscienza di stare sognando, durante, per l’appunto, un sogno.

La cosa interessante dei sogni lucidi, è che nascondono in sé un enorme potenziale e possono essere uno strumento incredibile per scoprire la propria mente e possono essere sfruttati per i più svariati scopi.

Alcuni esempi

Sogni lucidi e sogni normaliPuoi combattere e sconfiggere per sempre le tue paure più profonde, puoi esplorare l’immensità della tua mente (e credimi, dietro la mente di ognuno si cela un mondo, anzi, un intero universo da esplorare), puoi accedere alle tue risorse nascoste, puoi risolvere problemi relativi alla tua vita quotidiana, puoi migliorare alcuni lati del tuo carattere, o anche scoprirne altri magnifici che ignoravi completamente, e tante altre cose.

Il viaggio astrale è un livello di esperienza ancora più profondo del sogno lucido, ma il sogno lucido può essere il punto di svolta nella scoperta e lo sviluppo della propria mente. Quindi come si fa ad aver un sogno lucido? Premetto che, così come nei viaggi astrali, anche i sogni lucidi hanno le loro belle tecniche, che in un certo senso, possono essere anche simili a quelle per avere un’esperienza extracorporea, tuttavia, esiste un approccio ancor meno “invasivo” (se così si può dire) che consiste nel semplice prendere coscienza del fatto che si sta dormendo (e quindi di essere in un sogno… che a quel punto diverrà lucido). In altre parole bisogna abituare il proprio cervello a pensare in funzione di essi.

Mi spiego meglio. Per prendere coscienza del fatto che si sta sognando, c’è come abbiamo detto la necessità di riuscire a capire di trovarsi in un sogno. Normalmente questo non accade, perché i sogni sono un pò come la vita reale, quando li viviamo non ci domandiamo se quello che stiamo vivendo sia un sogno o realtà. Ebbene, per trasformare un sogno da normale a lucido, non devi far altro che abituarti a farti delle domande nel sogno. Che genere di domande? Ma è ovvio, devi domandarti se ti trovi in un sogno o nella realtà. Detta così può sembrare facile, in realtà per far questo bisogna cambiare le proprie abitudini in modo tale che risulti naturale domandarsi se si ci trova in un sogno oppure no.

Come fare un sogno lucido

Ho accennato al fatto che le tecniche per indurre un sogno lucido sono molto differenti rispetto a quelle per avere un viaggio astrale. Infatti, mentre per fare un viaggio astrale occorre addormentare il corpo mentre si rimane “svegli” con la mente, il sogno lucido è soltanto una presa di coscienza del fatto che si sta dormendo. In pratica, se vuoi avere un sogno lucido devi riconoscere di stare sognando attraverso la ricerca di “segni” che indichino chiaramente una situazione che sarebbe impossibile nella vita reale.

Un pre-requisito necessario per avere dei sogni lucidi, è quello di ricordare i propri sogni. Come è noto, infatti, tutti quanti noi quando dormiamo, inevitabilmente facciamo dei sogni, il problema è ricordarseli. C’è, ovviamente, chi è più predisposto per questo e chi meno, ma come in tutte le cose, c’è la possibilità di allenarsi e migliorare.

In questo articolo, mi rivolgo quindi principalmente a chi ha già una “attività onirica” quantomeno presente. Come dicevo, un sogno lucido altro non è che un sogno in cui si è consapevoli di stare sognando. Ecco perché le tecniche per avere dei sogni lucidi sono molto diverse da quelle per compiere un viaggio astrale: mentre per avere un viaggio astrale c’è bisogno di esercitarsi per far si che il corpo si addormenti e la mente rimanga sveglia, per avere un sogno lucido è “sufficiente” riconoscere di trovarsi nel sogno attraverso dei ‘test di realtà’.

Che cosa sono i test di realtà?

Come indurre un sogno lucidoSono delle verifiche che si fanno durante il sogno, per testare se ci si trova nel mondo onirico oppure nel mondo reale. Un test di realtà potrebbe essere, ad esempio, quello di provare a saltare: se provi a saltare in un sogno, infatti, probabilmente ti ritroverai a galleggiare in aria e per questo capirai di stare sognando. Oppure potresti guardarti allo specchio. Se la tua immagine viene riflessa in modo distorto, o sostituita da qualche altra immagine, ecc., allora ti trovi nel “mondo dei sogni”.

Tuttavia il problema dei test di realtà, è che spesso ci si dimentica di effettuarli quando si sogna. Sembra banale, eppure quando ti trovi in un sogno, l’ultima cosa che ti viene in mente è proprio quella di fare dei test di questo tipo. In fondo, anche quando cammini per strada, non ti domandi mica se ti trovi in un sogno oppure nella realtà! Tu sei convinto di essere nella realtà, per cui la vivi senza farci caso, il problema è che questo atteggiamento si riscontra anche quando sogni. Quindi, se non ti abitui a fare dei test di realtà durante la vita quotidiana, allora non ne farai nemmeno durante un sogno!

Certamente questa è una soluzione ma è anche una scocciatura. Sarai d’accordo con me che fare tutte queste cose durante la giornata, è quanto meno una perdita di tempo e rischieresti anche di passare per matto. Quale alternativa puoi usare allora per riuscire ad accorgerti di trovarti in un sogno e poterlo comandare a tuo piacimento? Il modo più semplice in assoluto è quello di fare dei test appena mezz’ora prima di andare a dormire.

In altre parole, 30 minuti circa prima di andare a dormire, comincia a farti delle domande tipo “dove mi trovo adesso, sono in un sogno o nella realtà?”, e a questo punto non è neanche più necessario saltare o fare altri test di realtà. Domandarsi se ci si trova in un sogno o nella realtà è già di per sé un test di realtà, e ti assicuro che domande come questa sono estremamente efficaci durante un sogno, per capire se si sta effettivamente sognando oppure no.

Come ho già detto ci sono tante tecniche per avere sogni lucidi, ma non c’è niente di più semplice ed efficace che abituarti a porti delle domande-test prima di andare a dormire. Inoltre, potresti ripeterti frasi come: “adesso sto andando a dormire, quindi qualsiasi cosa succederà da qui in avanti potrebbe essere soltanto un sogno”. Una frase del genere aumenta di molto le probabilità di avere un sogno lucido, perché nel momento in cui sognerai ti ricorderai di questa frase e ti accorgerai di stare sognando.

A quel punto, non scordarti che durante un sogno lucido, tu diventi il padrone assoluto di ciò che stai sognando, e puoi sfruttare la situazione per fare ciò che ti suggerisce la tua fantasia!

Articolo di Michele Pasculli

Fonte: https://www.viaggioastrale.net/cosa-sono-i-sogni-lucidi/

Potrebbero interessarti...



Commenti

Come trasformare un sogno in un Sogno Lucido — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

Di che intelligenza sei?

Di che intelligenza sei?

di Valeria Zacconi
Intelligenze: il plurale è d’obbligo!
Che di intelligenze ne esistano di diversi tipi oramai è un fatto acquisito, così come è assodato che nelle diverse epoche e culture, si intendono talvolta abilità differenti fra loro per ‘intelligenti’, e se ne bollano altre (penso a come fosse bollato chi era dotato di forte intuito e capacità empatica nella nostra società, fino ai primi decenni del secolo scorso) come scarsamente dotate.

Dopo il flop dei test, in particolar modo della misurazione del QI, si è visto che in realtà l’intelligenza non è esattamente…

Continua a leggere →

Falsi e Bugiardi

ben kingsley - the love guru

di Parsifal A. Drake
Il fenomeno della manipolazione può avvenire su diversi piani dell’individuo. Anche sul piano della spiritualità e della ricerca interiore, è molto attiva e numerosa la schiera dei manipolatori di professione. Diviene quindi necessario restare in guardia, così da essere in grado di riconoscere tempestivamente i tentativi di manipolazione perpetrati ai nostri danni.
Costoro hanno un modo d’agire spropositato che segue le linee guida delle sette. Tutto ciò, per quanto possa puzzare di vecchio e apparentemente morto, è in realtà più vivo che mai…

Continua a leggere →

Scienza e… spiritualità

Scienza e spiritualità

di Luca Bertolotti e Silvia Salese
E’ sempre più evidente il fatto che le nuove rivelazioni scientifiche presto o tardi si imporranno sulla visione classica e riduzionistica della vita in tutti gli ambiti di studio e di pensiero.
Eppure, non ci si riesce a rallegrare nel vedere che sempre più frequentemente gli argomenti promossi dalla nuova scienza – proprio per la loro portata rivoluzionaria – si prestano ad essere facilmente adottati, in modo semplicistico, da una qualsivoglia improvvisata corrente di pensiero filosofica, psicologica o spirituale. Pensiamo ai vari libri e dvd di…

Continua a leggere →

Non c’è più lavoro… ma chi lo vuole!

Libertà dal lavoro

di Gianni Tirelli
C’è un dato oggettivo e inoppugnabile che oggi ci consegna una verità/realtà dai risvolti inquietanti, ma ancora invisibile alla gran parte della gente.
Questo perché gli individui delle società occidentali, sono affetti da una sorta di inconsapevolezza, che di fatto li esonera da ogni capacità di critica e di interpretazione del presente. In animo loro, sperano sempre che qualcosa cambi e che le difficoltà attuali vengano finalmente superate.

Ma di questi tempi, la speranza è il peggiore investimento che si possa fare, se parallelamente essa non è affiancata…

Continua a leggere →

Malinconia del Passato e Sorpresa del Presente

Cittadini ignari

tratto da: La Formula della Servitù, di Mauro Vanzini
Bei tempi quando ancora non sospettavamo niente, noi cittadini!
Non sapevamo che cosa stessero preparando per noi. Giorno dopo giorno, anno dopo anno, hanno legiferato sopra le nostre teste e sotto il nostro naso, lasciandoci l’illusione di essere protetti e garantiti, quasi fossimo i fortunati bambini di affettuosi genitori, coccolati dalle norme e dai regolamenti europei, dalle organizzazioni sovranazionali, dai gruppi industriali e dai colossi finanziari. Oggi siamo pieni di desideri soddisfatti, più mille altri che mai potremo…

Continua a leggere →

Buon Natale a tutti!

Buon Natale a tutti!

Buon Natale a tutti!
Un augurio di cuore a tutti coloro che ci seguono con affetto. Grazie per i vostri commenti e per la vostra simpatia. Un augurio a coloro che vivono queste feste nella gioia, quella autentica e non solamente consumistica, che è il vero scopo per cui si festeggia il Natale. Un augurio particolare a coloro che vivono questi giorni nella malinconia, a causa delle difficoltà imposte da una crisi che sta impoverendo molti, e a coloro che si trovano in una situazione di disagio interiore o di sofferenza fisica. Che Gesù possa portare a tutti noi un conforto e un motivo di…

Continua a leggere →

Il Coraggio di dire quello che si pensa in un Mondo di Maschere

Togliersi la maschera, essere se stessi

Viviamo in un mondo di maschere, nel quale non è sempre facile dire quello che si pensa. C’è bisogno di molto coraggio e spesso si viene etichettati come persone non conformi e al di fuori delle regole.
Quello che dovrebbe essere un vantaggio, un pregio, ossia il voler dire la propria verità, diventa una “scomodità” per il sistema, per chi ci circonda e per chi ogni giorno è abituato ad indossare una maschera diversa. In un mondo che abbiamo costruito noi stessi, fatto di apparenza, di inganni e di rapporti umani di circostanza, dire quello che si pensa, è spesso considerato poco opportuno, specie se non coincide con quello che pensa il nostro interlocutore e in generale la massa…

Continua a leggere →

La standardizzazione del pensiero umano

Propaganda mediatica

La fusione delle aziende mediatiche, nelle ultime decadi, ha generato una piccola oligarchia di gruppi di controllo. Gli spettacoli televisivi che seguiamo, la musica che ascoltiamo, i film che guardiamo e i giornali che leggiamo, sono tutti prodotti da cinque corporations, che in questo modo riescono a creare una standardizzazione e omologazione del pensiero umano.
I proprietari di questi gruppi di controllo hanno legami stretti con le elites di potere e, in molti casi, fanno parte di quelle stesse elites. Possedendo gran parte dei mercati in grado di raggiungere le masse, hanno il potere…

Continua a leggere →

CICAP… se li conosci li eviti!

Membri del CICAP

di Niccolò Talenti
È ormai da qualche anno (diciamo da quando mi occupo di controinformazione, che poi in tanti casi è l’unica informazione possibile), che non appena tocco un qualsiasi argomento “interessante” perché ancora da esplorare e da interpretare, mi imbatto in qualche “esperto” del CICAP.
Sto parlando di tematiche comunemente (e spesso erroneamente) chiamate come “teorie del complotto”. Comincio dicendo che secondo me, l’utilizzo stesso dell’espressione “teorie del complotto” è fuorviante. Non ho mai avuto una chiara idea di come mai teorie e tesi alternative a quelle “ufficiali” vengano messe tutte insieme nello stesso calderone: insomma, uno che crede che la versione ufficiale degli attentati delle Torri Gemelle presenti molte incongruenze, per quale motivo deve essere messo dentro lo stesso gruppo di un “ufologo”? Che nesso hanno le due cose? Ecco per quale motivo mi fa storcere il naso l’espressione vaga “teorie del complotto”: ci sono le teorie valide e poi ci sono le panzane. Non bisogna buttare entrambe le categorie in un solo pentolone, il rischio è quello di non ragionare più con la propria testa, ma con quella degli altri.
Cos’è il CICAP?…

Continua a leggere →

Piacere o Felicità… una grande differenza!

Essere felici

di Marco Cammilli
Differenza tra Piacere e Felicità? Spesso facciamo l’errore di confonderli. E troppe volte rincorriamo il piacere pensando che possa offrirci un’autentica felicità. Chiediti se questa inesorabile corsa abbia mai funzionato fino ad ora? La risposta la conosciamo entrambi: no.
Ho trascorso le ferie d’Agosto in campeggio con la mia famiglia, esattamente in un bungalow. Quella sera i miei figli erano già a letto, mentre io e mia moglie eravamo seduti in veranda. Lei intenta a leggere un libro mentre io osservavo il cielo stellato che si stagliava oltre il profilo degli alberi.
Un silenzio, a cui non sono abituato, sembrava aver sfiorato ogni persona e ogni oggetto all’interno del campeggio. Le stelle brillavano con vigore nonostante la luna piena ostentasse tutto il suo chiarore. Un uccello notturno riempiva ritmicamente e con delicatezza quel silenzio. Alcune immagini si rincorrevano nella mia testa…

Continua a leggere →