Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaScienza e… spiritualità

di Luca Bertolotti e Silvia Salese

E’ sempre più evidente il fatto che le nuove rivelazioni scientifiche presto o tardi si imporranno sulla visione classica e riduzionistica della vita in tutti gli ambiti di studio e di pensiero.

Scienza e spiritualitàEppure, non ci si riesce a rallegrare nel vedere che sempre più frequentemente gli argomenti promossi dalla nuova scienza – proprio per la loro portata rivoluzionaria – si prestano ad essere facilmente adottati, in modo semplicistico, da una qualsivoglia improvvisata corrente di pensiero filosofica, psicologica o spirituale. Pensiamo ai vari libri e dvd di pensiero creativo, leggi dell’attrazione e acrobazie simili, che certamente mal si prestano dall’offrire una visione concreta e realmente trasformativa della vita umana.

A tal proposito, si avverte l’esigenza di rimarcare un profondo atteggiamento di rispetto nei confronti di quelle correnti mistiche o religiose, che da sempre hanno accompagnato l’essere umano nel tentativo di migliorarne le condizioni di vita (interiormente, non tecnologicamente), cercando di offrirgli la possibilità di assumere un atteggiamento più nobile e dignitoso nei confronti dell’esistenza.

Anche se, bisogna sottolineare, che non tutte queste correnti sono oggi vissute seguendo i dettami tradizionali (che le accomunano tutte, al di là dei differenti linguaggi simbolici utilizzati), ma spesso subiscono l’ingiuria di essere distorte, interpretate e divulgate, a seconda dei propri obiettivi o interessi personali – cosa che accade frequentemente quando una religione diviene istituzionalizzata.

Non accade di rado, infatti, di incontrare persone che promuovono “dottrine” di qualunque tipo, siano esse di origine antica o di formazione recente, basando su di esse i propri introiti economici personali – e a volte anche con significativi giri di affari – avendo oltretutto il coraggio di proporle come sistemi di evoluzione spirituale, e presentandosi essi stessi come motivati da uno spirito missionario nei confronti del prossimo!

Sempre più spesso colpiti da titoli altisonanti e da progetti (definiti “scientifici”) che hanno come banale scopo quello di “salvare l’umanità”, ci si chiede se questo ‘corri corri’ verso le nuove frontiere della scienza sia, alla fine, un bene o un male. Il tono con cui qualcuno si avvicina a questo affascinante percorso, ha qualcosa di molto più simile ad un tentativo di rivalsa e di interesse personale, che non ad una reale curiosità ed esigenza di comprendere come stanno veramente le cose o, meglio, di come non stanno le cose.

Consapevolezza di séLa nostra personale idea sul concetto di spiritualità è strettamente legata al concetto di consapevolezza di sé, di ricerca di una trasformazione che passa primariamente attraverso il riconoscimento di come si è fatti, di come si “funziona”. Non escludiamo quindi che vi siano persone che si muovono in tal senso, esempi pratici di un modo di vivere rispettoso nei confronti dell’esistenza. Ma, certo, queste persone non si definiscono come portavoce di verità e conoscenze universali.

In questo triste mercato della spiritualità dei nostri giorni – che molte volte si rivela essere una paradossale strada per rifuggire dalle difficoltà quotidiane, dimenticandosi di se stessi – ci è capitato spesso di immaginare la reazione di un ipotetico Gesù contemporaneo di fronte a questo caos di mercanti… forse si indignerebbe rovesciando tutti i banchi come già in passato (a quanto si può leggere) ha fatto, accusando tutti costoro di aver abusato degli insegnamenti originari, trasformando la sacralità in lucro.

Ben lontani dal voler fare di tutta l’erba un fascio, non ci si può comunque esimere dal sottolineare disapprovazione per tutti i vari “venditori di fumo” che, avvalendosi dei concetti scientifici moderni, si sentono in diritto di associarli alle loro improvvisate proposte religiose o tecniche terapeutiche, le cui conseguenze applicative possono rivelarsi spesso addirittura pericolose.

Dunque, ci si astiene dal luogo comune secondo cui un individuo che si reputa scientifico, si debba sentire in dovere di screditare o considerare non accettabile una visione non “razionalizzabile” dell’esistenza; così come, parallelamente, ci si astiene dal luogo comune secondo cui un uomo di fede debba guardare con sospetto e diffidenza le ricerche compiute dalla scienza.

Infatti, l’una non esclude l’altra, dato che la scienza e il misticismo impiegano metodi incompatibili, ma i loro risultati non sono incompatibili. Una volta che sia stato realizzato che la scienza non ha niente da dire circa un mondo che si trova oltre l’esperienza razionale, non ci deve essere un conflitto, poiché la scienza e la fede si occupano di domini di esperienza completamente diversi.

D’altro canto, reputiamo che la scienza moderna porti con sé una moltitudine di spunti di riflessione sulla natura dell’essere umano e sul significato della sua esistenza, cosa che ne rappresenta forse il suo tesoro più prezioso; essa apre le porte ad una riesamina dello stile di vita attuale della civiltà (autodistruttivo), conducendo ciascuno di noi verso una presa in carico delle proprie responsabilità.

Volgere gli occhi all’esistenza con spirito critico e analitico, non significa necessariamente assumere una posizione antropocentrica nell’universo, ma può anche voler dire riconoscere, con umiltà, la nostra incapacità attuale di comprendere l’immenso mistero che la vita costantemente utilizza per stupirci, nella sua imprevedibilità, e nella sua bellezza.

Fonte: https://spaziomente.wordpress.com/2010/03/13/scienza-e-spirito/

Potrebbero interessarti...



Commenti

Scienza e… spiritualità — 6 commenti

  1. Negli ultimi anni sono cresciuti in modo esponenziale libri e corsi di spiritualità che ben poco hanno a che fare con il benessere del anima questi pseudo profeti approfittano del fatto che moltissime persone sono stressate da una vita che è basata più sull avere che sull essere ma da buona ottimista quale sono spero che la nostra intelligenza ci porti a distinguere chi si prende gioco di noi per riempirsi il portafoglio.
    Ps buon inizio settimana a te Beatrice a e Mauro

  2. un altro bell’articolo da leggere e rileggere con attenzione ; pieno appoggio basato sulla ricerca personale , passando dal buddismo allo yoga,dalla biodanza alle arti marziali , bagni di gong,trance dance , approfondimenti su argomentazioni parapsicologiche ecc ecc. I luoghi comuni si sprecano pur volendo spesso affermare l’escusiva della verità assoluta in ogni ambito. No , non si fa di tutta l’erba un fascio , ma quasi . Va bene tutto in quanto esperienza conoscitiva specie se provato sulla propria pelle , purchè non se ne crei una dipendenza e non si vada a danneggiare fasce più vulnerabili di individui non sempre al passo con il proprio risveglio . Non per essere allarmisti a tutti i costi , ma realisti nel senso stretto del termine. Tanti mercanti del sapere le cui consulenze guarda caso ti snelliscono il portafogio . Vi osservo con sospetto , provo a non giudicarvi e promuovo auspicando un rispetto maggiore nei confronti altrui in quanto parte di Sè.

  3. Grazie Cinzia, anche a te, anche da Beatrice!
    Per quanto riguarda queste nuove “figure professionali”, sono d’accordo con te. In fondo, quella che attraversiamo, possiamo credere si tratti di una fase: stiamo andando verso nuove conoscenze, e lo facciamo per gradi, passando prima per le speranze, le illusioni, e perfino gli inganni di qualcuno e i comodi insegnamenti di qualcun altro. A volte sembra proprio che qualcuno cerchi di raccontarci le favole giuste per noi, allo scopo di venderci qualcosa. Ma è vero, sarà inevitabile metabolizzare anche costoro, capiremo che la vera profondità dell’uomo interiore ha radici anche nella realtà materiale, nell’esperienza quotidiana, nei rapporti con gli altri, e nel vero movente di pensieri ed azioni. E invece ci sono persone che ti voglio vendere ali in offerta speciale, per farti volare chissà dove, facendoti perdere il buon senso guadagnato in una vita di vicende e sofferenza. Questo è quello che credo. Un grande abbraccio, Mauro

  4. Ciao Mauro hai esposto in maniera eccellente il mio pensiero solo che tu hai più dimestichezza nel mettere nero su bianco i tuoi pensieri un abbraccio a te e Beatrice dalla vostra amica Cinzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

Come trasformare un sogno in un Sogno Lucido

Sogni lucidi e sogni normali

di Michele Pasculli
Spesso tendiamo a confondere i viaggi astrali con i sogni lucidi, ma la realtà è che i sogni lucidi sono soltanto sogni. Ci chiediamo allora che cosa siano realmente i sogni lucidi e perché sono considerati “speciali” rispetto ad un comune sogno.
I sogni lucidi, a differenza del viaggio astrale, proprio come dice il nome, sono quei sogni in cui sei consapevole di essere nel sogno. In realtà questo tipo di sogni non sono poi così rari come crediamo, e sicuramente è capitato un po’ a tutti di trovarsi in un sogno e di sapere di stare sognando. Ecco, quello è un sogno lucido…

Continua a leggere →

Uomini o Schiavi?

Moderna schiavitù

di Domenico De Simone
Gli uomini sono schiavi e sono felici di esserlo!
Le generazioni precedenti a questa si erano rese conto di questo fatto ed hanno lottato con forza contro la schiavitù moderna. Questa generazione non lo capisce, non lo sente, ha paura della libertà, ha paura della coscienza. Hanno paura di essere umani. Rifiutano istintivamente ogni discorso di liberazione, perché pensano di essere già liberi. Inutile parlare della differenza tra lavoro creativo e lavoro necessario, tra…

Continua a leggere →

Quando la distrazione diventa un’abitudine

Distrazione e iperconnettività

Quando la distrazione diventa un’abitudine, un modo di essere, ti ruba e ti appiattisce la vita, ti trasporta in quel limbo dove tutto sembra frenetico, pieno di impegni, di cose da fare, ma dove in realtà non succede nulla… è solo del tempo che vola via.
Soprattutto da quando esiste il mondo di internet, degli smartphone, delle notifiche, tutti abbiamo ormai dimenticato cosa significhi essere davvero concentrati, focalizzati completamente in un’attività di valore, riuscire finalmente a realizzare qualcosa di importante nella nostra vita.

Purtroppo concentrazione e distrazione…

Continua a leggere →

Barbarie o civiltà?

Francesco Guadagnuolo: Pace in Terra Santa

di Giovanna D’Arbitrio
Un inevitabile, epocale bivio…

Ogni giorno i telegiornali e le altre fonti di informazione ci mostrano orrende immagini di violenza e morte: tra attentati terroristici, decapitazioni, roghi, torture e quant’altro sembra di essere ritornati ai secoli bui del Medio Evo, in un progressivo oscuro sprofondamento nell’abisso dell’inciviltà.

Siamo sgomenti e ci chiediamo attoniti quali siano le cause che producono tali effetti. C’è una spiegazione a tutto ciò? Noi comuni mortali, lontani dai complicati interessi internazionali ci poniamo inquietanti…

Continua a leggere →

Desideri indotti

Condizionamento mentale

Noi tutti, viviamo oggi una condizione che ci imbriglia ad un volgare conformismo, oltre al quale non riusciamo ad andare.
E chiamiamo questo conformismo “buon senso”, “saper vivere” e persino lealtà alla patria, o addirittura fede. Così siamo giunti al punto che manifestare un desiderio di conoscere, di pensare, oppure dichiarare di avere un punto di vista diverso da quanto le varie autorità ci propongono, significa candidarsi al sospetto o giudizio altrui e trovarsi emarginati.

L’attuale sistema ha come presupposto che qualcuno pensi e giudichi per tutti. Ed allora,…

Continua a leggere →

La categorizzazione sociale come strategia di sopravvivenza

di Raffaella Addato
C’era un tempo in cui l’individuo e la sua identità erano privati di ogni forma di autonomia, minacciati dal peso incombente della collettività di cui si era parte.
Un individuo, di cui emergeva esclusivamente la sfera pubblica, a cui non era consentito percepire bisogni esclusivi e differenti rispetto all’aggregato di cui faceva parte. Un soggetto che neppure poteva essere definitivo tale, privo di identità, a cui era richiesto un adattamento ed una assimilazione totali al gruppo sociale di appartenenza.

Con il tempo, con l’affermazione…

Continua a leggere →

In bilico tra due mondi

L’essere umano in questa epoca cammina in bilico tra due mondi, ma non se ne rende conto.
Le nuove frontiere della fisica azzardano teorie che sembrano provenire da sceneggiature fantascientifiche, eppure l’uomo e la donna comuni proseguono la loro vita come se esistesse solo ciò che si può vedere o toccare con mano. In totale controtendenza, alcune persone fanno quotidiana esperienza di stati di coscienza superiori, espansi ed estranei ai sensi fisici, di percezioni extra-sensoriali. Tra queste, alcune scelgono di ignorare tali percezioni per timore, altre le sperimentano e coltivano…

Continua a leggere →

Persuasori occulti e neuro marketing

Persuasori occulti e neuro marketing

di Marcello Pamio
Nel 1957 il giornalista “Vance Packard” scrisse “I persuasori occulti”, un libro che svelava i trucchi psicologici e le tattiche usate dal marketing, per manipolare le nostre menti e convincerci a comprare.
Libro inquietante per l’epoca. Oggi però, i pubblicitari sono diventati più bravi, furbi e spietati. Grazie ai nuovi strumenti tecnologici, alle scoperte nel campo del comportamento, della psicologia cognitiva e delle neuroscienze, sanno cosa ha effetto su di noi molto meglio di quanto noi stessi possiamo immaginare.

Scansionano i nostri cervelli e mettono in…

Continua a leggere →

Bilancio di un Annus Horribilis…

Annus Horribilis

di Piero Cammerinesi
Con la fine del 2016, vale la pena di cercare di tirare qualche somma di quanto è realmente accaduto nel mondo in questi dodici mesi.
Ciò significa cercare di intuire quanto si è mosso dietro le quinte degli avvenimenti esteriori, in modo da dar loro, per quanto possibile, una interpretazione organica, unica garanzia di una efficace comprensione della storia. Per comprendere il senso dell’andamento di quest’anno, bisogna innanzitutto richiamare alla mente gli eventi salienti che hanno caratterizzato le profonde trasformazioni geopolitiche, che in soli 365 giorni hanno modificato profondamente il volto del nostro pianeta…

Continua a leggere →

Graham Hancock: la civiltà perduta non era materialistica, conosceva l’essenza immortale

Civiltà perdute

“Credo che la civiltà perduta, nell’antichità preistorica, fosse una civiltà molto diversa dalla nostra, che non si occupava primariamente di cose materiali”.
Graham Hancock, qui intervistato da Nick Polizzi, è stato in passato un giornalista per gli affari esteri del ‘The Economist’, ma da ormai 25 anni si dedica totalmente all’indagine dei misteri del nostro passato umano.
D: Pensi che civiltà del passato fossero tecnicamente avanzate come noi o più di noi? E nel caso, dove sono sepolti i loro computer? Dove è il computer di 18.000 anni fa?…

Continua a leggere →