Articolo in evidenza
HomeSpiritualità10 Malattie Spiritualmente Trasmissibili

di Mariana Caplan

C’è una giungla là fuori e questo è vero per la vita spirituale non meno che per ogni altro aspetto della vita. Crediamo davvero che una persona, per il semplice fatto di avere fatto meditazione per cinque anni, o pratiche yoga per 10 anni, sia meno nevrotica di un’altra? Nel migliore dei casi sarà un po’ più consapevole di esserlo.

Errori spiritualiE’ per questo che ho speso gli ultimi 15 anni della mia vita facendo ricerche e scrivendo libri sul coltivare il discernimento nel percorso spirituale. Dopo aver conosciuto centinaia di insegnanti spirituali e migliaia di praticanti, attraverso il mio lavoro e i miei viaggi, sono rimasta colpita dal modo in cui le nostre opinioni spirituali, esperienze e prospettive possano divenire similmente “infette” da “contaminanti concettuali”. Ecco perché un relazionarsi confuso e immaturo con principi spirituali complessi, può risultare alla lunga qualcosa di pericoloso, malsano e insidioso.

Ho stilato una decina di classificazioni riguardanti alcuni tipici errori – “Malattie Spiritualmente Trasmissibili” – in cui è possibile incappare nel percorso spirituale. Essi sono da intendersi come puro strumento di conoscenza e di consapevolezza.

1- Spiritualità Fast-Food: mescolando la spiritualità con una cultura che celebra la velocità, il multitasking e la gratificazione istintiva, il risultato è molto simile ad una “Spiritualità Fast Food”. E’ un prodotto della fantasia comune, secondo cui il sollievo dalla sofferenza della condizione umana, può essere veloce e facile. Una cosa è chiara comunque: la trasformazione spirituale non può essere ottenuta con una soluzione tampone.

2- Spiritualità d’imitazione: è la tendenza a parlare, vestirsi e comportarsi come immaginiamo farebbe una persona spirituale. E’ un tipo di imitazione che emula la realizzazione spirituale, così come una fabbrica di pelle di leopardo cerca di imitare la sembianza della vera pelle di un leopardo.

3- Motivazioni confuse: sebbene il nostro desiderio di crescita possa essere genuino e puro, finisce spesso mischiato con motivazioni minori, quali il desiderio di essere amati, il desiderio di appartenenza, il bisogno di colmare il nostro vuoto interiore, la credenza che il sentiero spirituale eliminerà la nostra sofferenza, l’ambizione spirituale, il desiderio di essere speciali, migliori degli altri, “unici”.

4- Identificazione con le Esperienze Spirituali: in questa malattia l’ego si identifica con le proprie esperienze spirituali ritenendole “le proprie”, e iniziando a credere di incarnare intuizioni speciali. Nella maggior parte dei casi non dura per sempre, sebbene tenda a durare più a lungo in coloro che ritengono di essere illuminati e/o fungono da insegnanti spirituali.

5- L’Ego Spiritualizzato: questa patologia si produce quando la struttura della personalità egoica diviene profondamente intrisa di concetti e idee spirituali. Il risultato è una struttura egoica “anti-proiettile”. Quando l’ego diventa spiritualizzato, siamo invulnerabili all’aiuto, a nuovi stimoli o a feedback costruttivi. Diventiamo esseri umani impenetrabili e bloccati nella crescita spirituale, paradossalmente, tutto nel nome proprio della spiritualità.

6- Produzione di massa di Insegnanti Spirituali: ci sono diverse tradizioni spirituali trendy, che producono persone convinte di essere ad un livello di illuminazione spirituale o Maestria, che è ben al di là del loro reale livello. Queste persone si sentono illuminate e quindi pronte ad illuminare altri in modo simile. Il problema non è che questi “insegnanti” insegnino, ma che rappresentino se stessi agli allievi come veri maestri spirituali.

7- Orgoglio Spirituale: nasce quando il praticante, dopo anni di sforzi laboriosi, ha effettivamente raggiunto un certo livello di saggezza e usa questo traguardo per giustificare la chiusura verso un’ulteriore esperienza. Un sentimento, insomma, di “superiorità spirituale”, che si manifesta come una sottile sensazione del tipo: “Io sono migliore, più saggio e al di sopra degli altri, perché sono spirituale”.

8- Mente di Gruppo: anche descritta come pensiero di gruppo, mentalità cultica o malattia dell’Ashram, la mente di gruppo è un virus insidioso che contiene molti elementi della tradizionale co-dipendenza. Un gruppo spirituale sigla in modo inconscio e sottile, degli accordi rispetto al modo corretto di pensare, di parlare, vestire e comportarsi. Individui e gruppi contagiati dalla “Mente di Gruppo” rigettano, quindi, altri individui, atteggiamenti e circostanze che non si conformano alle regole, spesso non scritte, del gruppo.

9- Il Complesso dei Prescelti: è la credenza per la quale “Il nostro gruppo è spiritualmente più evoluto, potente, illuminato e, per farla semplice, migliore di ogni altro”. C’è un’importante differenza tra il riconoscere di aver trovato il sentiero, l’insegnante o la comunità giusta per se stessi, e l’aver trovato l’Unico sentiero.

10- Il Virus Mortale: “sono arrivato”. Questa patologia è così potente da essere terminale e mortale per la nostra evoluzione spirituale. E’ la credenza di essere ormai giunti all’obiettivo ultimo del sentiero spirituale. Il nostro progresso termina nel momento in cui questa credenza si cristallizza nella nostra psiche, perché appena cominciamo a credere di aver raggiunto la fine del sentiero, cessa ogni crescita ulteriore.

Secondo gli insegnamenti di Marc Gafni “L’essenza dell’amore è la percezione, quindi l’essenza dell’amore per se stessi è la percezione di se stessi. Puoi innamorarti soltanto di qualcuno che riesci a vedere chiaramente, incluso te stesso. Amare è avere occhi per vedere. Solo quando guardi te stesso chiaramente, puoi cominciare ad amare te stesso”.

Credo che una parte decisiva nell’apprendere il giusto discernimento nel sentiero spirituale, sia la scoperta della pervasiva malattia dell’ego e dell’auto-inganno presenti in tutti noi. Ed è qui che abbiamo bisogno di una buona dose di senso dell’humor e del supporto di veri amici spirituali. Via via che affrontiamo i nostri impedimenti alla crescita spirituale, arrivano momenti in cui è facile cadere nella disperazione, nell’auto svalutazione e perdere fiducia nella Via. Dobbiamo, tuttavia, sforzarci di mantenere la fede, in noi stessi e negli altri, se vogliamo fare una qualche differenza in questo mondo.

Tratto da “Eyes Wide Open: Cultivating Discernment on the Spiritual Path” di Mariana Caplan

Amatorialmente tradotto in italiano da: http://lameditazione.com

Fonte: http://lameditazione.com/2010/10/10-malattie-spiritualmente-trasmissibili/

Potrebbero interessarti...



Commenti

10 Malattie Spiritualmente Trasmissibili — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Attacchi di panico: significato e cause sottili

Attacchi di panico

Gli attacchi di panico sono un fenomeno crescente in questi ultimi anni. Sempre più persone ne soffrono.
Poi quando qualcuno si apre e ne parla, allora si scopre che molte altre persone hanno da raccontare esperienze analoghe, e viene così a galla un sommerso comune fatto di notti insonni e paure soffocanti talvolta inesprimibili a parole. Allora mi sono chiesto come mai ci sia così tanta gente affetta da questo problema, se è solamente perché adesso se ne parla più che in passato e perché sono ormai stati delineati gli aspetti precisi che lo contraddistinguono (ma in realtà la gente…

Continua a leggere →

L’ultima profezia di Peter Deunov

Madre Terra

di Peter Deunov
Alcuni giorni prima della sua morte, Peter Deunov – grande Maestro spirituale bulgaro – fece una profezia straordinaria, sulla “fine dei tempi” e la venuta di una nuova Epoca d’Oro per l’umanità, nota come “l’Ultima Profezia”.
Peter Deunov (1864-1944), il Maestro bulgaro noto anche con il nome spirituale di Beinsa Douno, fu un essere di elevatissima coscienza, che durante tutta la sua vita diede esempio di purezza, saggezza, intelligenza e creatività. È stato anche un maestro di pensiero e pratica spirituale, medico e chiaroveggente. Alcuni giorni prima…

Continua a leggere →

L’innocuità

L’innocuità

Le dannose condizioni prodotte dall’erroneo impiego della forza da parte dell’uomo, sono la causa del male nel mondo che ci circonda.
Come può ognuno di noi, individualmente, cambiare tali condizioni? Sviluppando l’innocuità in sé stesso. Esaminatevi quindi da questo punto di vista, sorvegliate la vostra condotta giornaliera, le vostre parole e i vostri pensieri, in modo da renderli assolutamente innocui. Coltivate pensieri su voi stessi e sugli altri, che siano positivi e costruttivi, quindi innocui. Osservate l’effetto emotivo che esercitate sugli altri, in modo che né il…

Continua a leggere →

Incontrarsi oltre le dimensioni

Incontrarsi oltre le dimensioni

Dott. ssa Carla Sale Musio
Esiste un “ponte” tra le dimensioni che permette di incontrarsi a dispetto del tempo, della distanza e della possibilità di utilizzare i sensi fisici o la tecnologia.
Appartiene a una saggezza che gli esseri umani hanno dimenticato, abbagliati da una scientificità che non considera i sentimenti e che valorizza soltanto le cose che si possono manipolare, riprodurre e misurare. Questa sapienza profonda se ne infischia delle scienze e della logica e parla direttamente alla parte invisibile ed emotiva di noi stessi.

Quando due persone si vogliono bene,…

Continua a leggere →

Magia, simboli e “medicina degli animali”

Animali nell'immaginario dell'uomo

di Mirial
C’era un tempo in cui l’umanità si riconosceva parte della natura e viceversa. Sogno e veglia erano realtà inseparabili. Il naturale e il soprannaturale si fondevano e si mescolavano tra loro.
La gente usava le immagini della natura per esprimere questa unità e per comunicare un genere di esperienza transpersonale. In passato, sciamani, sacerdoti e sacerdotesse erano i custodi della sacra conoscenza della vita. Questi individui erano legati ai ritmi e alle forze della natura, e capaci di camminare sul filo che lega il mondo invisibile a quello visibile…

Continua a leggere →

Nascere e morire

Nascita e morte

di Paolo Vita
La nascita è sempre considerata un avvenimento gioioso, mentre la morte, nonostante gli insegnamenti religiosi basati sull’immortalità dell’anima, spaventa l’uomo, che la vive come annientamento finale.
Quando si annuncia la gravidanza di una donna, parenti ed amici si precipitano a congratularsi con la gestante, col marito ed i parenti più prossimi, ritenendo tale evento molto felice e propizio. La cosa diventa ancor più eccitante quando la madre partorisce felicemente ed il bambino viene alla luce sano e vispo.

E’ giusto che sia così dal punto di vista dei genitori e…

Continua a leggere →

Indagine sull’Oltrevita

La transizione dopo la morte

di Alessia Giovannini
Una scoperta di “enormi proporzioni spirituali”. Il dott. Michael Newton (noto ipnoterapeuta) afferma che è possibile rievocare i ricordi che l’anima registra dopo la morte fisica fino all’incarnazione successiva.
Il dott. Michael Newton non avrebbe mai potuto immaginare che la sua attività di ipnoterapeuta, esperto di regressione nelle vite precedenti, stesse per prendere una piega a dir poco incredibile. Era un pomeriggio di dicembre di inizio anni ’70, quando una donna si presentò nel suo studio per chiedergli di aiutarla a superare la depressione da cui era…

Continua a leggere →

Shambhala – la Città della Luce

Shambhala guida dell'umanità

Secondo testi antichissimi, Shambala è il centro spirituale del nostro pianeta, un regno sottile che può essere comparato ad un “Sole spirituale” attorno al quale gravita tutta la saggezza planetaria.
Shambala, come regno spirituale che governa ed ispira l’umanità e il nostro pianeta, è in definitiva la fonte di tutti gli insegnamenti e dei cammini spirituali autentici. Tutte le grandi religioni, tutte le grandi tradizioni iniziatiche, le correnti esoteriche divinamente ispirate, tutte le scuole e i cammini spirituali autentici, vengono ispirate da Shambala.

Shambala è un’oasi…

Continua a leggere →

Che timbro aveva la Voce di Gesù Cristo?

Gesù insegna alla folla

di Daniel Meurois-Givaudan
La sua voce non si avvicinava al Verbo, Lo incarnava davvero, pur tenendo conto dei limiti della natura vibratoria di questo nostro mondo.
La sua voce, era caratterizzata da due aspetti: il timbro e il ritmo. Vi parlerò prima del timbro. In esso la legge degli armonici era costantemente evidente, sebbene in modo sottile. Alcuni dei suoni che uscivano dalla gola del Maestro, se ci si prestava attenzione, erano perfettamente costruiti come gli armonici. Lasciavano dunque sull’anima un’impronta che invitava a un ascolto e a una ricettività davvero speciali. Oggi,…

Continua a leggere →

Genesi di un cambiamento: l’archetipo spirituale precede quello fisico

Genesi di un cambiamento

Ultimamente si sono diffuse voci riguardanti la possibilità di mutamenti nel DNA umano. Ma qualsiasi cambiamento sul piano fisico-materiale, un possibile “salto qualitativo”, avviene sempre prima sul piano spirituale. Dall’archetipo del piano sottile spirituale, alla forma densa. Questa è l’evoluzione.
La natura ci insegna che qualunque trasformazione incomincia nelle minuscole strutture del DNA, e non si può discordare da questa verità scientifica, se il termine di riferimento “vita”, è inteso per ciò che è puramente fisico. Tuttavia, per chi riconosce e scorge la “Vera Vita” e…

Continua a leggere →