HomeSpiritualitàNel Film Matrix vengono chiamati “Agenti”    

Commenti

Nel Film Matrix vengono chiamati “Agenti” — 2 commenti

  1. Gentile Redazione, parole profonde queste di Marika Moretto, che mi hanno trasmesso una grande gioia, come se parlasse per il mio cuore. Grazie!
    Una 15ina di anni fa, isolata per essermi ribellata alle “loro” verità, ho pensato che probabilmente era stata la mia continua ribellione a provocare tutto ciò che mi era finito addosso… intorno nessuno la pensava come me.
    … Siamo in balìa delle emozioni e quando si spezza l’armonia nel nostro essere, le cellule del nostro corpo vengono attaccate e si fa spazio la malattia…
    Ma se tutto è già dentro di noi ad aspettare il momento giusto per emergere, se non siamo “distratti” lo percepiremo.
    “Ripulendo” i pensieri dai condizionamenti, ho scoperto che stavo improvvisamente beneficiando di qualcosa che non conoscevo, di cui non avevo mai fatto conoscenza. Tutte le interferenze subìte per cambiare/annullare il mio modo di essere si erano come frantumate.
    Una nuova energia mi portava una gioia profonda per non avere mai accettato di essere un’altra.
    Questi “agenti/disturbatori hanno perduto la loro forza contro di me nel momento stesso che ho imparato a lasciarli andare per lasciare spazio a me…
    Viviamo un momento straordinario della storia dell’umanità, come non essere felice di essere qui, ora, a fare parte della meravigliosa minoranza di persone che illuminerà il buio….
    Con tanta stima.
    Grazie per lo spazio e buon lavoro.

  2. Vorrei aggiungere una personale considerazione analizzando la potenzialità dei concetti. Se ne osserviamo solo la superficie sembrerebbero argomenti più che conosciuti per chi è alla ricerca dello scopo della vita, ma se si entra in profondità, si aprono diverse opportunità di apprendimento. Dal cosmo, l’energia a noi arriva purissima, ma a causa del libero arbitrio siamo capaci di inquinarla creando quelle distonie che attraggono attacchi contrapposti alla frequenza della legge di equilibrio. Questi attacchi sono definiti da Jung la nostra Ombra classificata come archetipo, forma primaria di esperienza umana vissuta nella dualità. Oppure da quelli che noi chiamiamo “Demoni”, energie che prendono forza attaccando i nostri punti deboli quando cerchiamo di aiutare gli altri nel cammino del risveglio. E più vi è un numero elevato di persone che attraggono lo squilibrio, più gli attacchi verso chi aiuta diventano intensi. Alla fine siamo sempre NOI la causa dei nostri effetti nel bene e nel male. Quando arriveremo a raggiungere un equilibrio di maggioranza che sarà in sintonia con le leggi divine, riusciremo ad incontrare il punto di svolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"