Articolo in evidenza
HomeScienza di confineIl futuro “si può sentire”

di Giulia Belardelli

Una delle più importanti riviste americane di psicologia, pubblicherà presto il lavoro di un professore – Daryl Bem – il quale sostiene di aver dimostrato come gli eventi non ancora accaduti possano influenzare quelli presenti.

Daryl Bem A tal riguardo, come spesso accade, la comunità scientifica è scettica e divisa. Ma qui non c’entra la palla di cristallo, né i fondi di caffè. Il futuro “si può sentire” e a dirlo non è un manipolo di finti chiaroveggenti e fattucchiere, ma un gruppo di scienziati della Cornell University di Ithaca, nello Stato di New York. Il loro articolo, intitolato appunto “Feeling The Future”, è il primo studio su fenomeni tipicamente considerati paranormali, ad essere stato ammesso su una rivista di psicologia “seria”, in questo caso il Journal of Personality and Social Psychology.

Finora, frasi del tipo “me lo sentivo” o “sapevo che sarebbe successo” sono sempre state bollate dalla scienza come pure suggestioni. Daryl Bem e colleghi, tuttavia, sono convinti che non si tratti di questo. Per dimostrarlo hanno aspettato otto anni, nel corso dei quali hanno raccolto una “massa critica di dati” sufficiente a contrastare le obiezioni dei revisori che avrebbero passato al setaccio il loro lavoro. E ci sono riusciti: il loro lavoro ha già suscitato un dibattito destinato a fare parecchio rumore.

Indagando il fattore “psi”

Il termine chiave con cui psicologi e altri studiosi si riferiscono a fenomeni inspiegabili è il fattore “Psi”: con esso, spiega Bem nel suo articolo, “vengono indicati tutti quei processi anomali di trasferimento di energie e informazioni che non hanno una spiegazione fisica o biologica”. Tra questi, la telepatia, la chiaroveggenza, la psicocinesi (ovvero l’influenza apparente di pensieri e intenzioni su processi reali indipendenti), la precognizione e la premonizione di eventi futuri. La grande maggioranza del mondo accademico, soprattutto in psicologia, non crede in questi fenomeni, eppure il rigore scientifico degli esperimenti presentati da questo professore della Cornell University – che per inciso è sì un appassionato di fenomeni paranormali, ma anche uno psicologo stimato a livello internazionale per i suoi lavori sulla percezione del sé – ha lasciato attoniti anche i più ferventi oppositori dell’esistenza di fenomeni psi.

Prevedere il futuro

Prevedere il futuroPer riuscire a dimostrare l’esistenza di una “specie di relazione” tra eventi che devono ancora accadere e le decisioni che prendiamo nella vita quotidiana, lo psicologo ha esaminato oltre mille studenti volontari, sottoponendoli a nove tipi di esperimenti diversi. La novità dell’approccio sta nell’aver preso in considerazione fenomeni ben noti, invertendone però l’ordine logico-temporale. In sintesi, ciò che di solito viene interpretato come la causa di un comportamento, negli esperimenti è stato mostrato o raccontato solo dopo il verificarsi dell’evento stesso. I risultati – considerati statisticamente rilevanti in otto casi su nove – hanno mostrato che i processi analizzati funzionano anche se la causa arriva dopo la scelta, come se le nostre azioni fossero il frutto di qualcosa che deve ancora avvenire.

Sperimentare la premonizione

In uno di questi esperimenti, ad esempio, Bem ha testato un fenomeno psicologico studiato a lungo: il priming affettivo. Nello scenario classico una persona, dopo aver osservato una parola su uno schermo, deve giudicare nel più breve tempo possibile, se l’immagine che segue è piacevole o meno. Da tempo è stato notato che se la parola che precede l’immagine ha un significato inverso rispetto alla figura (ad esempio, l’aggettivo “brutto” e un disegno piacevole) le persone impiegano più tempo a rispondere.

Il ricercatore americano ha invece rigirato l’esperimento: i partecipanti vedevano l’immagine e dovevano esprimere un giudizio prima di leggere la parola. Stranamente, anche in questo caso, quando la parola (scelta casualmente dal computer solo dopo la risposta) aveva un significato opposto, i soggetti impiegavano più tempo a esprimere un giudizio. Allo stesso modo, Bem ha testato altri effetti psicologici, come l’attrazione verso cose piacevoli, l’istinto ad allontanarsi dai pericoli, la facilità con cui si richiamano parole e oggetti già visti: in tutti i casi, ha però invertito l’ordine temporale, ottenendo sempre come risultato la conferma della retroattività della causa.

Fisica o evoluzione?

Riguardo le origini di questa capacità, lo psicologo non ha dubbi: la possibilità di predire la presenza di pericoli, così come di prevedere dove c’è qualcosa di attraente avrebbe conferito e continuerebbe a conferire benefici notevoli a chi la possiede. Ma come giustificare tali fenomeni? Su questo Bem mette le mani avanti, scrivendo che spesso nella scienza i dati empirici arrivano quando le spiegazioni non sono state ancora neanche immaginate, e che varie teorie ritenute impossibili si sono poi rivelate vere. A questo proposito, prende l’esempio della meccanica quantistica: all’inizio – ricorda lo psicologo – anch’essa fu oggetto di numerosissime critiche, eppure oggi è la teoria su cui poggia gran parte della fisica moderna.

Le reazioni

Com’era prevedibile, lo studio ha suscitato un certo clamore nel mondo accademico. A passarlo al vaglio è stato un team di quattro revisori, che pur avendo suggerito delle modifiche non hanno riscontrato alcuna incongruenza di fondo negli esperimenti di Bem.  “Personalmente, credo che tutto ciò sia ridicolo e non possa essere vero – scrive su Psychology Today, Joachim Krueger, psicologo della Brown University (Providence) che ha fatto di tutto per trovare un tallone d’Achille al lavoro di Bem – tuttavia dal punto di vista della metodologia e di come sono stati ideati e portati avanti gli esperimenti, lo studio è inattaccabile”.

Charles Judd, responsabile editoriale della pubblicazione sul Journal of Personality and Social Psychology, ha fatto sapere che l’articolo sarà comunque accompagnato da un editoriale che solleverà dei dubbi. “La speranza – ha precisato – è che altri studiosi colgano la sfida e provino a replicare questi risultati”. Finora, si è cimentato solo un gruppo di scienziati dell’Università di Pittsburgh, ma senza successo (forse per aver utilizzato un questionario via internet). Daryl Bem, intanto, ha affermato di essere già stato contattato da decine di ricercatori con la richiesta di maggiori dettagli.

Credere l’impossibile

Prevedendo lo scetticismo che avrebbe incontrato, Bem conclude il suo articolo con una citazione da “Alice nel paese delle meraviglie”, il capolavoro con cui Lewis Carroll ha fatto sognare intere generazioni di bambini: …al termine del suo incontro con la Regina di Cuori, Alice esclama: “Non si può credere a una cosa impossibile!”. “Oserei dire che non ti sei allenata molto”, risponde la Regina. “Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz’ora al giorno. A volte riuscivo a credere anche a sei cose impossibili prima di colazione”.

Articolo di Giulia Belardelli

Fonte: http://www.esonet.org/index.php/articoli-2/42-articoli-scienza-ed-esoterismo/528-il-futuro-qsi-puo-sentireq-uno-studio-divide-gli-psicologi

Fonte originale: La Repubblica

Potrebbero interessarti...



Commenti

Il futuro “si può sentire” — 1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Scienza di confine"

La malattia come blocco del flusso di energia: la prospettiva energetico-spirituale

La malattia come blocco energetico

La prospettiva energetico-spirituale è un modo prezioso e complementare di conoscere l’origine dei nostri disturbi e/o malattie.
Che la malattia sia un messaggio del corpo fisico, che ci dice che si è alterato un equilibrio, è banale e scontato. Non è invece banale sapere e comprendere che la causa non è esterna, ma interna e che quindi si può guarire. Virus e microbi ci colpiscono infatti dove e quando siamo più vulnerabili, non per cause genetiche, ma per cause interne, legate alle tensioni che creiamo dentro di noi quando facciamo scelte o prendiamo decisioni che non ci fanno sentire bene…

Continua a leggere →

Esperienze Extracorporee: realtà o allucinazione?

OBE, realtà o allucinazione

di Ciro Scotto
La separazione dell’anima dal corpo viene associata prevalentemente al concetto definitivo di morte. Tuttavia, esistono esperienze particolari in cui l’anima di un soggetto può temporaneamente uscire dal proprio involucro materiale, per poi farvi di nuovo ritorno.
Si tratta di esperienze, di cui anche le religioni e le tradizioni di ogni tempo e luogo, riportano notizie nei loro testi sacri e filosofici. Nell’antichità, letterati e filosofi come Socrate, Plotonio, Platone, Plinio e Plutarco ci narrano di esperienze fuori dal corpo. In particolare, Plotonio afferma di…

Continua a leggere →

Coscienza Globale: un esperimento ne conferma finalmente l’esistenza

Coscienza globale

La Princeton University ha dimostrato scientificamente l’esistenza della Coscienza Globale e che la Noosfera, cioè la mente umana collettiva, riesce ad influenzare in qualche modo anche gli elaboratori informatici.
«Anche con molti uomini colti non si può parlare di Inconscio senza venir tacciati di misticismo. L’angoscia è giustificata perché la nostra visione razionale del mondo, con le sue certezze scientifiche e morali ardentemente credute (perché dubbiose), è scossa dai dati dell’altra parte». Carl Gustav Jung

“Cittadini del mondo, tutti noi disincantati e delusi dal

Continua a leggere →

Quoziente Emotivo (Qe) e Qi

Intelligenza emotiva

di Marcello Andriola
Si stanno affacciando nuovi paradigmi dall’ambito delle neuroscienze, che cercano di unificare le nuove scoperte della ricerca scientifica: si tratta della “teoria del Quoziente Emotivo”, delle Intelligenze Multiple, della “teoria dei due Cervelli”.
L’interesse per una struttura ad elevata complessità (e ancora per molti versi sconosciuta) come il cervello, ha condotto a elaborare nuove metodologie integrate di ricerca, applicabili al sistema nervoso nel suo insieme e nelle sue parti strutturalmente e funzionalmente correlate, dando nuovo impulso a quel settore di…

Continua a leggere →

Siamo fatti… di Luce

Tutto è Luce

di Gabriele Sannino
Fare un viaggio dentro la materia è emozionante, proprio per capire – a mio avviso – la sua inconsistenza.
Qualunque cosa fatta di materia, come si sa, è in realtà un composto chimico di atomi e molecole, unitesi in modo “unico” e generanti ogni volta forme e caratteristiche differenti per qualunque elemento del “creato”. Ogni tipo di materia, dunque, è composto sempre dalle stesse “pedine”, combinate solo in modo diverso a seconda degli atomi.

Ma di cosa sono fatti questi atomi? Come molti sapranno gli atomi sono composti da una differente combinazione di…

Continua a leggere →

La prova scientifica che la coscienza influenza la realtà

La coscienza influenza la realta

di Niccolò Angeli
Una nidiata di pulcini e un robot con un generatore di numeri casuali, sono stati sufficienti a dimostrare che la coscienza esiste e influenza la materia. Un piccolo ma geniale esperimento mai diffuso dai media ufficiali.
Chi ha detto che la scienza non è ancora in grado di verificare e misurare i più insondabili misteri spirituali? La verità è che ogni volta che uno scienziato scopre qualcosa di importante in tal senso, i suoi risultati vengono ignorati sistematicamente, oppure ridotti al silenzio molto rapidamente.
Sono rimasto fulminato dalla semplicità del lavoro di Rene Peoc’h, un ricercatore francese, che nel 1986 ha effettuato una serie di esperimenti con pulcini, conigli, umani e un robot…

Continua a leggere →

L’espansione dell’Aura

Espandere l'aura

Molti di noi non posseggono un’aura abbastanza grande.
Ciò avviene perché pensiamo a noi stessi solo come corpo fisico, e siccome la materia psichica sensibile del nostro sé interiore segue il pensiero, troppo poca materia astrale viene attratta dalla forma fisica, causando talvolta una leggera congestione nervosa.

Dovremmo liberarci dall’idea che noi siamo il corpo fisico. Il Maestro Gesù lo chiamò “il cavallo sul quale montate” ed è questa la migliore delle similitudini, perché è una cosa vivente con una vaga coscienza elementare sua propria… San Francesco invece…

Continua a leggere →

Il futuro “si può sentire”

Prevedere il futuro

di Giulia Belardelli
Una delle più importanti riviste americane di psicologia, pubblicherà presto il lavoro di un professore – Daryl Bem – il quale sostiene di aver dimostrato come gli eventi non ancora accaduti possano influenzare quelli presenti.
A tal riguardo, come spesso accade, la comunità scientifica è scettica e divisa. Ma qui non c’entra la palla di cristallo, né i fondi di caffè. Il futuro “si può sentire” e a dirlo non è un manipolo di finti chiaroveggenti e fattucchiere, ma un gruppo di scienziati della Cornell University di Ithaca, nello Stato di New York. Il loro…

Continua a leggere →

Multiverso e Viaggi Interdimensionali

Multiverso

Abbiamo tutti sentito parlare di dimensioni parallele ed universi alternativi. Molti teorici ritengono che la nostra realtà sia solo una delle infinite frequenze coesistenti all’intero di un multiverso.
C’è chi sostiene che la nostra realtà sia continuamente visitata da esseri provenienti da altre dimensioni, e chi è convinto che qualsiasi decisione assunta da qualsiasi essere umano, crei dal nulla nuovi universi, nei quali prenderebbe corpo ognuna delle possibili scelte, in una intricata ramificazione ad albero, costruita da tutte le possibili opzioni e relative conseguenze, un…

Continua a leggere →

Marco Todeschini come Nikola Tesla, “vittima” di una cultura oscurantista

Psicobiofisica di Marco Todeschini

di Autori Vari
Marco Todeschini, uno dei più grandi fisici teorici del XX° secolo, fu cancellato dai libri di storia come era già successo con Tesla e la sua opera volutamente non divulgata, “grazie” all’azione di forze oscurantiste e materialiste, che mal tolleravano che egli, nelle sue teorie, parlasse apertamente di forze spirituali, dimostrandone addirittura l’esistenza.
Nacque a Valsecca, in provincia di Bergamo, il 25 aprile 1899, un piccolo paesino, situato nella Valle Imagna. Si laureò in ingegneria meccanica ed elettronica al Politecnico di Torino. Si specializzò e si diplomò in vari rami della fisica e della fisioneurologia. Divenne Professore Ordinario di meccanica razionale ed elettronica, al biennio di Ingegneria Superiore STGM di Roma e docente di Termodinamica…

Continua a leggere →