Articolo in evidenza
HomeSpiritualitàCome riconoscere l’apertura dell’Occhio Interiore (ghiandola pineale)

L’apertura del terzo occhio è un processo lento e graduale, che è possibile riconoscere grazie ad alcuni segni o “sintomi”.

Apertura dell'occhio interiore “L’uomo, sapete, ha soltanto due occhi che vedono e registrano tutto, una vista che è come una straordinaria macchina fotografica che riprende immagini minute, molto nitide, minuscole; e con quell’immagine l’uomo dice a se stesso: Questa volta conosco la realtà delle cose, e per un momento è tranquillo.

Poi, sovrapponendosi gradualmente all’immagine, compare un altro occhio, che riprende un’immagine del tutto diversa. A questo punto il nostro uomo non vede più chiaramente; ha inizio una lotta tra i primi due occhi occhio e il terzo, una lotta feroce, e alla fine il terzo occhio ha la meglio, assume il controllo e così la lotta finisce. Ora che ha in mano la situazione, il terzo occhio può continuare il suo lavoro da solo ed elaborare la propria immagine, secondo le leggi della visione interiore. Questo occhio speciale si trova qui – disse Matisse – indicando il cervello”.

Per prima cosa, per riconoscere un’eventuale apertura dell’occhio interiore, puoi notare se ti riconosci in qualcuno di questi sintomi:

Stai trascorrendo un periodo in cui le cose che vedi non sono più come prima, non hanno più quelle sembianze, quel senso, quel significato/interpretazione, quel valore che gli attribuivi in precedenza;
Il mondo ti si rivela, ora, con particolari tratti che prima non riuscivi a cogliere;
Inizi a vedere e a volerti liberare da certe catene e continui a chiederti come mai gli altri non intravedano i lacci che li tengono legati e li costringono a sottomettersi a certi carcerieri;
– La nuova visione è così sbalorditiva da gettarti quotidianamente nello stupore;
– Ogni giorno, in misura progressiva, percepisci un non so ché di incorporeo che sollecita i tuoi sensi e, per quanto banale o insensato, stimola la tua meraviglia;
Hai il presentimento di possedere una vista che non sia solamente legata all’organo fisico, agli occhi, ma a un’area più sottile ed estesa del tuo Essere (in relazione col mondo e con l’universo);
Stai sperimentando dei bagliori intuitivi che ti mostrano tutte le cose da altre angolazioni o che illuminano come una torcia alcune zone buie ed incomprensibili.
Interagisci con agenti istruttori particolarmente evoluti di questo o altri piani (dimensioni), o sai che, in qualche modo, qualcuno o qualche forza primordiale, avvolge la tua vita e ti lascia ogni tanto degli indizi.

Se avverti uno o più di questi sintomi, significa che sei sulla buona strada e che probabilmente i tuoi occhi (interiori), che prima erano sigillati, coperti, ora si stanno parzialmente aprendo, stanno lasciando passare gradatamente piccoli raggi di luce, per consentirti di mettere a fuoco ed evitare di abbagliarti bruscamente.

Come qualunque altra cosa, è necessario che la pupilla (interiore-esteriore) non venga attraversata da una quantità eccessiva di luce. Siate parsimoniosi nel dosaggio. La cupidigia potrebbe portarvi a voler accumulare più di quanto vi serva o vi meritate, causandovi, con tale brama, più svantaggi che vantaggi, e un ritorno della cecità al posto della vostra luminosa facoltà. Sarebbe come fissare il Sole ed esporsi eccessivamente ai suoi raggi: l’abbaglio è inevitabile.

E’ un processo molto lungo ma gratificante per chi sa pazientare… e quando alla fine giungerà il momento e tutto l’alone svanirà, allora tu, con i tuoi nuovi occhi, abbraccerai con un sol sguardo il Cosmo in tutto il suo splendore, ed esso a sua volta ti avvolgerà in un senso di pace e serenità maestosa.

Fonte: http://www.animalibera.net/2012/10/come-fare-riconoscere-lapertura.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

Come riconoscere l’apertura dell’Occhio Interiore (ghiandola pineale) — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Magia, simboli e “medicina degli animali”

Animali nell'immaginario dell'uomo

di Mirial
C’era un tempo in cui l’umanità si riconosceva parte della natura e viceversa. Sogno e veglia erano realtà inseparabili. Il naturale e il soprannaturale si fondevano e si mescolavano tra loro.
La gente usava le immagini della natura per esprimere questa unità e per comunicare un genere di esperienza transpersonale. In passato, sciamani, sacerdoti e sacerdotesse erano i custodi della sacra conoscenza della vita. Questi individui erano legati ai ritmi e alle forze della natura, e capaci di camminare sul filo che lega il mondo invisibile a quello visibile…

Continua a leggere →

Gli “Angeli Umani”

Angeli in forma umana

“Gli adulti indaco sono qui per creare una rivoluzione diversa da tutte quelle precedenti. Uno tsunami di consapevolezza cosciente, che spazzerà il pianeta e scuoterà il nostro mondo moderno fino al suo nucleo”. (“Pronto soccorso emozionale” di Monia Zanon)
Gli Adulti Indaco e Cristallo sono composti da due gruppi. Innanzitutto, ci sono quelli che erano nati come Indaco e che ora stanno compiendo la transizione verso lo stadio Cristallo. Questo significa che intraprendono una trasformazione spirituale e fisica che risveglia la loro coscienza “Cristica” o “Cristallo” e li collega ai bambini Cristallo, come parte dell’ondata di cambiamento evolutivo. Il secondo gruppo è rappresentato da coloro che…

Continua a leggere →

Indaco, demolitori di sistemi

Bambini indaco pieni di energia

di Celia Fenn
Il termine “Bambino Indaco” fa riferimento al colore indaco dell’aura di questi individui. Essa caratterizza un’Anima Maestra che funge da insegnante o guaritore. Per un certo verso, infatti, ogni bambino Indaco intraprenderà questa missione di insegnante o guaritore, spesso semplicemente rimanendo sé stesso.
È da molto tempo che gli Indaco stanno giungendo sul nostro Pianeta. Alcuni asseriscono che Gesù e Buddha fossero degli Indaco, dato che la loro missione, su scala globale, era quella di insegnare, di guarire e di trasformare la coscienza…

Continua a leggere →

Riconnettiti a chi sei veramente!

Riconnettiti a chi sei realmente

di Marcello Salas
Stai vivendo una vita piena di problemi da cui ti riesce difficile uscire, stai tirando avanti il tuo vivere in attesa che qualcosa cambi, nel frattempo però non ti stai accorgendo che tu non esisti più, ti sei annullata/o in favore di altri.
Stai donando tutto il tuo amore a chi ti circonda e sai bene che loro lo meritano, come anche le tue attenzioni, ma pare che sia sempre un dare a senso unico, non c’è alcun ritorno. Pare che chi ami non riesca a vedere il tuo dolore, la tua necessità di attenzioni, di amore, e anche se tu non lo chiedi ne hai bisogno, hai…

Continua a leggere →

Mantra e Guarigione

Recitare mantra

Ci sono molte teorie relative al legame tra mantra e guarigione, ma solo con l’osservazione individuale e la crescente comprensione, ogni soggetto acquisirà intuizioni uniche.
Con la nostra mente limitata, che funziona soltanto su un piano spazio-temporale, non possiamo effettivamente abbracciare tutta la legge del Divino o la legge stessa della Natura, e neppure comprendere le cause complesse delle malattie. Tuttavia, cantando, o recitando dei mantra, concentrandoci con la mente, rinforzando tale concentrazione con l’azione e governando la volontà, la purificazione e la guarigione potrà avere luogo in maniera naturale dentro di noi…

Continua a leggere →

Matrice Spirituale

Matrice spirituale

di Daria Pambianchi
Percorso molto inusuale, atipico, a ritroso, il mio; ufficialmente mi sono messa in cammino nel 1999, per sanare un mio rapporto personale con Dio (contenzioso che durava da… parecchie vite!), e dopo che sono stata accontentata, mi è stato chiesto di invertire la marcia, e ritornare a casa, che per me significava ritornare al genere umano!
Ho dovuto sondare allora una parte della nostra storia energetico/evolutiva passata, presente, futura, ed è questo che vi sto proponendo, nei miei articoli, un’esperienza che non ha la presunzione di porsi come Verità, ma come…

Continua a leggere →

Che cosa succede dopo la morte, secondo Silver Birch (Betulla d’Argento)

Mondo spirituale

Silver Birch (Betulla d’Argento) canalizzato da Maurice Barbanell
Silver Birch ci descrive sinteticamente ciò che dobbiamo aspettarci dopo il “Passaggio”, e ‘come’ e ‘dove’ vivono i nostri cari che hanno già varcato la Soglia.
Silver Birch è uno Spirito-Guida che non si è mai incarnato sulla Terra. Per fornire un aspetto “umano” di se stesso al medium Maurice Barbanell, si presentò a lui sotto le spoglie di un Nativo Americano vissuto più di 3.000 anni fa. I messaggi da lui trasmessi nei primi decenni del secolo scorso sono ancora attualissimi e trovano pieno riscontro con tutto ciò…

Continua a leggere →

Che timbro aveva la Voce di Gesù Cristo?

Gesù insegna alla folla

di Daniel Meurois-Givaudan
La sua voce non si avvicinava al Verbo, Lo incarnava davvero, pur tenendo conto dei limiti della natura vibratoria di questo nostro mondo.
La sua voce, era caratterizzata da due aspetti: il timbro e il ritmo. Vi parlerò prima del timbro. In esso la legge degli armonici era costantemente evidente, sebbene in modo sottile. Alcuni dei suoni che uscivano dalla gola del Maestro, se ci si prestava attenzione, erano perfettamente costruiti come gli armonici. Lasciavano dunque sull’anima un’impronta che invitava a un ascolto e a una ricettività davvero speciali. Oggi,…

Continua a leggere →

Il Canto dell’Anima

Essenza dell'anima

Tratto da: “Gleanings, 17:1-6 – The Kolbrin Bible” a cura di Alessandra Ricci 
“Sono il dormiente risvegliato dal torpore. Sono il seme della Vita Eterna. Sono la perpetua speranza dell’uomo. Sono il bagliore dello Spirito Divino. Io sono l’Anima”.
Esisto dagli albori del tempo e sarò per sempre. Sono il disegno intrecciato tra le curve e le trame della Creazione. Sono l’indistruttibile essenza della Vita. Sono lo scrigno dei tesori delle speranze e le aspirazioni dell’uomo. Sono il deposito di amori perduti e sogni realizzati.

Prima del tempo ero un inconscio potenziale…

Continua a leggere →

Dalla sofferenza nascono le anime più forti

Anime coraggiose

Dalla sofferenza nascono le anime più forti, quelle che, nonostante le difficoltà e i problemi, hanno scelto di non arrendersi. Anime resistenti, anime resilienti.
Anime che sono passate per la valle degli sforzi e delle complicazioni, ma poi sono risorte con nuove lezioni di vita. Anime che hanno navigato le profondità della pigrizia e della sofferenza, veleggiato sull’oceano delle paure, ma anche del coraggio. Anime forti, anime docili.

Anime che si sono perse nel labirinto degli ostacoli, sono rimaste intrappolate in avvolgenti ragnatele e incatenate nella prigione delle loro…

Continua a leggere →