Articolo in evidenza
HomeSpiritualitàCome riconoscere l’apertura dell’Occhio Interiore (ghiandola pineale)

L’apertura del terzo occhio è un processo lento e graduale, che è possibile riconoscere grazie ad alcuni segni o “sintomi”.

Apertura dell'occhio interiore “L’uomo, sapete, ha soltanto due occhi che vedono e registrano tutto, una vista che è come una straordinaria macchina fotografica che riprende immagini minute, molto nitide, minuscole; e con quell’immagine l’uomo dice a se stesso: Questa volta conosco la realtà delle cose, e per un momento è tranquillo.

Poi, sovrapponendosi gradualmente all’immagine, compare un altro occhio, che riprende un’immagine del tutto diversa. A questo punto il nostro uomo non vede più chiaramente; ha inizio una lotta tra i primi due occhi occhio e il terzo, una lotta feroce, e alla fine il terzo occhio ha la meglio, assume il controllo e così la lotta finisce. Ora che ha in mano la situazione, il terzo occhio può continuare il suo lavoro da solo ed elaborare la propria immagine, secondo le leggi della visione interiore. Questo occhio speciale si trova qui – disse Matisse – indicando il cervello”.

Per prima cosa, per riconoscere un’eventuale apertura dell’occhio interiore, puoi notare se ti riconosci in qualcuno di questi sintomi:

Stai trascorrendo un periodo in cui le cose che vedi non sono più come prima, non hanno più quelle sembianze, quel senso, quel significato/interpretazione, quel valore che gli attribuivi in precedenza;
Il mondo ti si rivela, ora, con particolari tratti che prima non riuscivi a cogliere;
Inizi a vedere e a volerti liberare da certe catene e continui a chiederti come mai gli altri non intravedano i lacci che li tengono legati e li costringono a sottomettersi a certi carcerieri;
– La nuova visione è così sbalorditiva da gettarti quotidianamente nello stupore;
– Ogni giorno, in misura progressiva, percepisci un non so ché di incorporeo che sollecita i tuoi sensi e, per quanto banale o insensato, stimola la tua meraviglia;
Hai il presentimento di possedere una vista che non sia solamente legata all’organo fisico, agli occhi, ma a un’area più sottile ed estesa del tuo Essere (in relazione col mondo e con l’universo);
Stai sperimentando dei bagliori intuitivi che ti mostrano tutte le cose da altre angolazioni o che illuminano come una torcia alcune zone buie ed incomprensibili.
Interagisci con agenti istruttori particolarmente evoluti di questo o altri piani (dimensioni), o sai che, in qualche modo, qualcuno o qualche forza primordiale, avvolge la tua vita e ti lascia ogni tanto degli indizi.

Se avverti uno o più di questi sintomi, significa che sei sulla buona strada e che probabilmente i tuoi occhi (interiori), che prima erano sigillati, coperti, ora si stanno parzialmente aprendo, stanno lasciando passare gradatamente piccoli raggi di luce, per consentirti di mettere a fuoco ed evitare di abbagliarti bruscamente.

Come qualunque altra cosa, è necessario che la pupilla (interiore-esteriore) non venga attraversata da una quantità eccessiva di luce. Siate parsimoniosi nel dosaggio. La cupidigia potrebbe portarvi a voler accumulare più di quanto vi serva o vi meritate, causandovi, con tale brama, più svantaggi che vantaggi, e un ritorno della cecità al posto della vostra luminosa facoltà. Sarebbe come fissare il Sole ed esporsi eccessivamente ai suoi raggi: l’abbaglio è inevitabile.

E’ un processo molto lungo ma gratificante per chi sa pazientare… e quando alla fine giungerà il momento e tutto l’alone svanirà, allora tu, con i tuoi nuovi occhi, abbraccerai con un sol sguardo il Cosmo in tutto il suo splendore, ed esso a sua volta ti avvolgerà in un senso di pace e serenità maestosa.

Fonte: http://www.animalibera.net/2012/10/come-fare-riconoscere-lapertura.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

Come riconoscere l’apertura dell’Occhio Interiore (ghiandola pineale) — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

Non esiste vera separazione tra vivi e morti

Non esiste vera separazione tra vivi e morti

di Fausto Carotenuto
L’umanità è una. Non ce ne sono due separate: una in Cielo e una in Terra.
C’è chi, come noi ora, sta indossando un corpo fisico in un luogo materiale come la Terra… e chi sta facendo altre esperienze per le quali il corpo non serve più. Quello che ci divide, è che qui nella dimensione terrena, siamo parzialmente chiusi in un bozzolo fatto dal corpo fisico e dai sensi, i quali da una parte ci fanno vedere, percepire la materia, ma dall’altra parte ci impediscono la visione del mondo dei sentimenti e dei pensieri, quello nel quale vivono i nostri cari…

Continua a leggere →

Sei un’anima antica?

Anime antiche

Quanti anni ha la tua anima? Sei un’anima giovane o antica?
C’è uno speciale tipo di persona nel nostro mondo, che trova se stesso solo ed isolato fin dall’infanzia. La sua esistenza di isolamento non è dovuta al temperamento antisociale – egli è semplicemente un’anima vecchia. Vecchia nel cuore, vecchia nella mente e nell’anima, questa persona trova la sua visione della vita in modo più maturo rispetto agli altri che le stanno intorno.

Come risultato vive la sua vita interiore camminando nella propria solitudine, mentre il resto della gente intorno a lei segue altre…

Continua a leggere →

“Cibo” per lo Spirito

Cibo per lo spirito

Siamo nati anche con una parte spirituale, di cui molti non sono neppure consapevoli. L’anelito che ci spinge a voler dare un senso alla nostra vita, il desiderio di esistere al di là della nascita e della morte, fanno parte dell’essere umano.
Le religioni, create dall’uomo dopo la morte di grandi Maestri, hanno ideato una serie di dogmi a cui dover credere obbligatoriamente, e una serie di rituali che fanno sentire ben integrati nella società in cui si vive. Tuttavia, non è detto e non è scontato che i ministri di culto siano necessariamente un esempio da seguire…

Continua a leggere →

Una delle questioni più controverse

Una delle questioni più controverse

di Giovanni Ravani

Una delle questioni più controverse, dibattuta fra le protochiese cristiane del terzo e quarto secolo D.C. fu quella sul libero arbitrio.
Proprio a quell’epoca, un grande dottore della chiesa, esegeta, nonchè ex maestro in eloquenza e potente avvocato dei fori romani, probabilmente risolse per primo la complicata questione. Nonostante ciò, occorsero ancora dei secoli prima che le sue soluzioni fossero completamente recepite dal clero, finalmente unificato in un sol movimento. É quasi inutile ricordare che questo grande personaggio del passato fù Aurelio Agostino…

Continua a leggere →

Falsi Guru, falsi discepoli

Falsi guru

di Mariana Caplan
La spiritualità è divenuta negli ultimi anni non solo popolare e “di moda”, ma anche un grande affare per alcuni. Il ricercatore spirituale può quindi cadere vittima di illusioni e percorsi fuorvianti.
Negli ultimi 40 anni, l’occidente è stato invaso da una marea di informazioni spirituali che ormai riempiono le pagine dei quotidiani, gli spettacoli televisivi e le riviste patinate a larga tiratura. Classi di meditazione sono offerte alle Nazioni Unite, lo yoga è insegnato in molte grandi aziende e la vita spirituale di celebrità e vip è frequentemente oggetto…

Continua a leggere →

Sesto e Settimo Chakra: intuizione e unione con l’Universo

I chakra

di Rita Modica
Nella tradizione tibetana, il VI e il VII Chakra sono collegati. Il VI chakra è posto al centro della fronte, il VII al centro del capo ed è definito ‘chakra corona’ proprio perché è nel coronale.
Sesto Chakra, terzo occhio: l’intuizione
‘Ajna’ è il VI chakra ed è il centro dell’intuizione. Ajna significa infatti “visione interiore”. Quando è ben funzionante, “il terzo occhio” è aperto e quindi riusciamo ad avere le giuste intuizioni e molto discernimento nelle scelte e nella percezione della realtà. È anche collegato all’immaginazione creativa, alla…

Continua a leggere →

La nascita dell’Essere

Riequilibrio maschile/femminile

Secondo il calendario Maya, dal 21 febbraio 2013 siamo entrati in un nuovo anno “portato” dal glifo Ik, il vento, che rappresenta il soffio vitale, quindi la comunicazione, il movimento, la spiritualità, la trasformazione.
Il 2013 è stato un anno di interconnessione globale e di forza spirituale, e “dall’altra parte”, di massima oscurità. Un anno che può essere visto come l’anno della nascita di qualcosa che non abbiamo ancora mai sperimentato: la nascita dell’Essere. Ci troviamo quindi in un momento di profondo cambiamento strutturale: le vecchie istituzioni patriarcali…

Continua a leggere →

Magia, simboli e “medicina degli animali”

Animali nell'immaginario dell'uomo

di Mirial
C’era un tempo in cui l’umanità si riconosceva parte della natura e viceversa. Sogno e veglia erano realtà inseparabili. Il naturale e il soprannaturale si fondevano e si mescolavano tra loro.
La gente usava le immagini della natura per esprimere questa unità e per comunicare un genere di esperienza transpersonale. In passato, sciamani, sacerdoti e sacerdotesse erano i custodi della sacra conoscenza della vita. Questi individui erano legati ai ritmi e alle forze della natura, e capaci di camminare sul filo che lega il mondo invisibile a quello visibile…

Continua a leggere →

Indagine sull’Oltrevita

La transizione dopo la morte

di Alessia Giovannini
Una scoperta di “enormi proporzioni spirituali”. Il dott. Michael Newton (noto ipnoterapeuta) afferma che è possibile rievocare i ricordi che l’anima registra dopo la morte fisica fino all’incarnazione successiva.
Il dott. Michael Newton non avrebbe mai potuto immaginare che la sua attività di ipnoterapeuta, esperto di regressione nelle vite precedenti, stesse per prendere una piega a dir poco incredibile. Era un pomeriggio di dicembre di inizio anni ’70, quando una donna si presentò nel suo studio per chiedergli di aiutarla a superare la depressione da cui era…

Continua a leggere →

Lasciate andare i vostri morti

Lasciare andare i morti

di Georgia Briata
Improvvisamente vi sentite senza energia? Alle volte avete la testa confusa? Vivete situazioni che sembrano non avere niente a che fare con voi? Avete la sensazione di vivere la vita di qualcun altro?
La vostra religione, la vostra cultura, vi hanno insegnato a chiedere aiuto ai vostri defunti. Vi hanno insegnato a piangerli, a pensarli, ad immaginarli come vostri protettori, come vostri aiutanti. Ma non è esattamente così.

Quando il corpo muore, l’anima passa per un certo periodo in un primo piano molto vicino a quello materiale. In questo livello, l’anima è…

Continua a leggere →