Il ruolo del femminile e del maschile per il divenire della Terra

Il ruolo del femminile e del maschile per il divenire della Terra

di Tiziano Bellucci
La donna dei tempi antichi aveva un rapporto diretto con le entità dell’universo e un ruolo di “ponte” tra la materia e lo spirito… poi, però, l’umanità smise di essere ispirata dalle donne, e incominciò a diventare “razionale”.
La donna rivestiva questo ruolo di mediatrice tra la materia e lo spirito. Riceveva dallo spirito le ispirazioni, le direttive dal mondo sovrasensibile: le cosiddette “muse” indovine, erano donne chiaroveggenti che effondevano nell’umanità bellezza e creatività. Attraverso la donna si è creata tutta la conoscenza…

Continua a leggere →


Il mondo assorbe l’Io dell’uomo

Percepire

di Tiziano Bellucci
Chi volge la sua attenzione al mondo, sa che osservarlo non è ancora comprenderlo; ma per comprenderlo deve “necessariamente” prima osservarlo. Il moto primo del conoscere è quindi il percepire.
Che sia l’Io il vero soggetto che percepisce, lo sperimentatore non lo viene a sapere dall’immediato percepire, osservare e comprendere, ma dal rivolgere verso tali attività l’attenzione: dal pensare su esse. Egli si sente un Io in virtù del fatto che le attività di percezione e comprensione gli rinviano il sentimento che lui è l’autore, il testimone o soggetto di…

Continua a leggere →


L’Eresia

Percezione del soprasensibile

di Tiziano Bellucci  
Solitamente, si ritiene che non sia bene per l’uomo conoscere taluni misteri e che se essi sono tali, quindi nascosti, vi deve essere un motivo; e anzi bisogna preservali dalla conoscenza di tutti gli uomini.
Tale problema di inconoscibilità non è però nei misteri, ma nell’uomo: essi infatti smettono di essere misteri nel momento in cui l’uomo viene a svelarli, a comprenderli. Ciononostante qualcuno potrebbe sostenere che non è bene indagare ciò che va oltre la comprensione umana, così come la chiesa taccia di eresia chiunque si spinga a volere indagare i…

Continua a leggere →

Indagine in stati di coscienza superiori

La pratica della meditazione

di Tiziano Bellucci
In ogni epoca, in ogni popolo o religione, anche se con differenti approcci, la base da cui partiva un’educazione occulta per il conseguimento di conoscenze superiori, era la pratica della meditazione.
Tramite essa infatti ci si poteva trasporre in uno stato diverso dall’usuale, pari a un “dormire cosciente”, così da potersi relazionare con eventi ed esseri esistenti nella dimensione trascendente e ricevere comunicazioni spirituali. Ancora oggi la piattaforma rimane la stessa, anche se con un differente metodo. I metodi per conseguire conoscenze occulte non sono mai stati gli stessi in ogni epoca, e differenti saranno in futuro, perché differente, era e sarà, l’organizzazione animica dell’uomo…

Continua a leggere →

La falsa libertà

Falsa libertà

di Tiziano Bellucci
Al tempo odierno si può assistere ovunque al diffondersi di un atteggiamento egoico sempre più crescente, che in nome di una Libertà individuale si proclama capace di dettarsi da sé i modelli comportamentali morali ed etici, che non tollera e non sopporta coercizioni dettate da norme o leggi esteriori; a tal punto è lecito domandarsi: tutto ciò è veramente proferito da un’anima Libera?
Colui che insinua questo è riuscito a sperimentare in modo vivente che non esiste alcuna Legge o norma esteriore, ma che queste sono state edificate da altri uomini, che come…

Continua a leggere →

Tutto è Uno: il Monismo

Monismo

di Tiziano Bellucci
I limiti della conoscenza umana si fondano sulla non conoscenza di una verità occulta, ben chiara invece ai popoli antichi, perdutasi nei tempi dalla svalutazione inflitta dalla concezione materialistica; tale verità è inconosciuta alla maggior parte degli uomini ed è il fondamento su cui si basa il senso della vita dell’uomo e la sua missione.
“L’uomo non è affatto separato dal mondo, ma è uno con esso. Non esiste la molteplicità. Il mondo nella sua realtà non è affatto distinto, ma costituito di una sola unità”. Tale “condizione reale”, o “stato…

Continua a leggere →

L’alterazione dell’attività percettiva nell’uomo

Vedere un fiore

di Tiziano Bellucci
Analizziamo un ostacolo che si pone come interferenza fra l’Io dell’uomo e la conoscenza del mondo.
Solitamente l’attività di percezione si attua tramite il passaggio: corpo fisico, anima e Io; l’apparire delle forme del mondo si realizza tramite tale connessione. Nell’anima o corpo astrale però sono presenti delle forze che tendono ad alterare i contenuti percettivi, i quali arrivano all’Io in modo distorto. Anziché lasciare passare intatte le impressioni oggettive ricavate tramite gli organi di senso fisici, queste vengono filtrate, ricevendo una…

Continua a leggere →

Con-centrare il pensiero

Concentrare il pensiero

di Tiziano Bellucci
L’esercizio della concentrazione è il fondamento da cui parte ogni pratica occulta: è la condizione indispensabile per attuare la trasposizione della coscienza di veglia in stati superiori della coscienza.
Senza il pieno possesso della tecnica della concentrazione, che conduce all’esperienza del pensiero libero dai sensi, non vi è meditazione, preghiera o atto cultico che non sia soggetto a pericoli per l’anima e per il corpo: tuttavia, nel migliore dei casi, ogni pratica sarà puro tempo perso.

Si tratta di creare silenzio nella coscienza, facendo astrazione

Continua a leggere →

La storia occulta dell’uomo

Cosmo spirituale

di Tiziano Bellucci
L’uomo proviene da una passata condizione spirituale.
La storia passata dell’uomo si basa su un primordiale distacco dall’essenzialità cosmica, nella quale l’uomo come essere spirituale era congiunto, e in comunione con essa, ma in uno stato della coscienza e della materia diverso da ora. In quello stato egli viveva a contatto con le essenzialità e le spiritualità, ma in piena dipendenza da esse. Come un neonato fra le braccia della madre. Tale madre si occupava di lui in tutto, essendo egli impossibilitato dal potersi autogestire, alimentarsi e sopravvivere….

Continua a leggere →

Il suono della Luce

Suono e Luce primordiali

di Tiziano Bellucci

In ogni forma illuminata dalla Luce è incantata l’eco di un Suono primordiale, che attende da ora sino alla fine del mondo, di essere un giorno udita dall’uomo.
Suono antico che fu forza, evento, comando: energia capace di generare mondi. A mezzo di esso venne ad esistere la Luce, e tramite essa divenne visibile la Sua esistenza. Suono e Luce erano allora una cosa sola: ora sono due cose.
Quel Suono non era solo vibrazione fisica, ma sostanza di vita: pulsare ritmico di leggi planetarie e stellari, di notti e giorni, di spazi e forme, di cuori e anime. Quella…

Continua a leggere →

L’incantesimo del mondo

L’incantesimo del mondo

di Tiziano Bellucci
L’umano è un essere posto entro un sortilegio, che gli occulta la vera natura della realtà che lo circonda, al di fuori di sé e dentro di sé.
Tramite l’osservazione sensoriale non gli è data la realtà intera; l’immagine del mondo consegnatagli dai sensi è qualcosa d’incompleto, ed è proprio questa la causa occulta della continua insoddisfazione che lo accompagna sulla Terra: il mancargli la metà della realtà. Non si deve neppure credere che sia la Natura a voler nascondere all’uomo il suo vero Essere: è l’umano ad essere fatto in modo da celare a se…

Continua a leggere →

Esperienze sulla Soglia dei due mondi

Esperienze sulla Soglia dei due mondi

di Tiziano Bellucci
Alle prime fasi dell’attività di concentrazione, meditativamente si ha un arresto del processo di “cerebrazione”.
La mente è immobilizzata, come stordita. Come avviene durante il sonno, l’anima fuoriesce dal corpo fisico, ma rimane in contatto con il corpo vitale; per un certo tempo risulta impossibile pensare come si fa solitamente: subentra una sorta di atrofia nel pensare, il pensare usuale viene meno.

Subentra poi uno stato speciale, che si può chiamare: “stato di chiarezza o di evidenza”. In questo stato non si sperimenta più necessità di ragionare, di…

Continua a leggere →

E’ bene indagare misteri occulti?

E’ bene indagare misteri occulti?

di Tiziano Bellucci
Solitamente, si ritiene che non sia bene per l’uomo conoscere taluni misteri, perché se essi sono tali, quindi nascosti, vi deve essere un motivo; e bisogna preservali dalla conoscenza di tutti gli uomini.
Tale problema di inconoscibilità non è però nei misteri, ma nell’uomo: essi infatti smettono di essere misteri nel momento in cui l’uomo viene a svelarli, a comprenderli. Ciononostante, qualcuno potrebbe sostenere che non è bene indagare ciò che va oltre la comprensione umana, così come la Chiesa taccia di eresia chiunque si spinga a volere indagare i…

Continua a leggere →

Il sesso è una via tramite cui lo Spirito cerca Sé stesso

Il sesso è una via tramite cui lo Spirito cerca Sé stesso

di Tiziano Bellucci
La riproduzione, il perpetuarsi della specie è presente in tutti i regni, escluso il minerale.
L’impulso insito nelle forze sessuali, impegnato per la lotta per l’esistenza, cela una segreta intenzione promanante dallo spirito universale: il generare continue e incessanti occasioni per esperire il fenomeno dell’esistenza, il processo della vita entro un corpo fisico.

Il nascere, il vivere, il morire, il rinascere sono una scusa, un pretesto, uno stratagemma ideato dall’Io del cosmo (Dio), per arrivare ad avere un auto esperienza di sé. Afferrarsi, sapere di…

Continua a leggere →

Il risveglio: introduzione ai misteri

Il risveglio: introduzione ai misteri

di Tiziano Bellucci

La storia passata dell’uomo, si basa su un primordiale distacco dall’essenzialità cosmica, alla quale l’uomo come essere spirituale era congiunto.
Egli era in comunione con essa, ma in uno stato della coscienza e della materia diverso da ora. In quello stato egli viveva a contatto con le essenzialità e le spiritualità, ma in piena dipendenza da esse. Come un neonato fra le braccia della madre. Tale madre si occupava di lui in tutto, essendo egli impossibilitato dal potersi autogestire, alimentare e sopravvivere. La vita dell’uomo di quei tempi era un…

Continua a leggere →

Amare senza desiderare: una meta umana

Amare senza desiderare

di Tiziano Bellucci
Noi umani viviamo come occultati in un incantesimo, che ci nasconde la reale natura della condizione in cui viviamo.
La scienza dello spirito ci dice, che se potessimo vederci con gli “occhi dello spirito”, vedremmo che noi umani non siamo separati gli uni dagli altri, e che come spiriti viviamo in una completa unità, in una compenetrazione assoluta. La realtà della nostra vita ci appare frammentata in percezione e concetto, soggetto e oggetto come due cose distinte, divise. In sé la natura, le nostre entità non sono separate, ma parte di un unico corpo, di…

Continua a leggere →

Anima Gemella

Anima Gemella

di Tiziano Bellucci
Ciò che si crede l’incontro con l’anima gemella non è un fatto esteriore, ma un processo interiore. E’ un appuntamento che ha luogo dentro l’essere umano.
Vi è una parte in noi, che ci attrae verso l’alto. L’anima presente in ogni uomo e donna, è quell’elemento femminile tramite cui sentiamo attrazione verso l’eterno maschile cosmico, il divino. Così come il “magnete” attrae il “ferro”, un eterno femminile alberga in noi e ci attira verso il regno dal quale siamo nati. Lo spirito.

Vi è però una complicazione: l’anima umana non nasce pura,…

Continua a leggere →

Il crepuscolo degli Dei: la morte dell’antico mondo divino

Il crepuscolo degli Dei: la morte dell’antico mondo divino

di Tiziano Bellucci
Si potrebbe chiamare “antica religione” ogni culto o dottrina del passato, ovvero tutto ciò che fu paganesimo: tutto ciò che venne prima del cristianesimo.
In altri termini “l’antico mondo spirituale”, ossia le entità che avevano guidato e sostenuto come madri nutrici l’uomo, le stesse che lo avevano fatto divenire ciò che ora è, trasportandolo di era in era, possono essere rappresentate come ciò che era il senso del “divino”, ciò per cui provava devozione e venerazione l’uomo di una determinata epoca. Il mondo degli Dei pagani, i molteplici Dei…

Continua a leggere →

Esercizio del volere: la rinuncia come atto di amore

Esercizio del volere: la rinuncia come atto di amore

di Tiziano Bellucci
Occorre proporsi di cambiare in un dato tempo questa o quella abitudine. Imporsi di “cambiare” qualcosa in sé stessi durante la vita, sviluppa una enorme forza di comprendere ed interessarsi al mondo, agli altri.
Capire gli altri, “comprenderli” significa amare. Solo se capisco le necessità di un altro, cosa lo ha condotto nella sua biografia ad essere ciò che è, solo conoscendolo profondamente posso aiutarlo a migliorare il suo benessere interiore. E aiutare un altro è amare. Ma questa capacità di “comprendere”, che significa anche avere senso di…

Continua a leggere →

La libertà può essere solo conquistata

La libertà può essere solo conquistata

di Tiziano Bellucci
La libertà non si trova mai già compiuta, nell’uomo. Non esiste un uomo che nasce già libero: tutt’al più si può dire che nell’uomo vi è in lui la possibilità della libertà, “il diventare libero”.
Libero non è dunque colui che fa quel che gli pare, ma colui che sa che nascere uomo significa venire al mondo come esseri limitati e determinati. Schiavi delle leggi esteriori. E di leggi interiori: quelle leggi che si credono sostanza della propria natura, ma nient’altro sono che l’impulso della natura animale che si affaccia, e in lui comanda le sue…

Continua a leggere →

Il male non viene dalla natura umana

Il male non viene dalla natura umana

Riflessioni antroposofiche a cura di Tiziano Bellucci
L’esoterismo ci dice che nessun uomo è in sé cattivo: l’atto malvagio non appartiene alla natura umana.
Essendo l’uomo della stessa sostanza dello Spirito divino, il problema del male si origina nella sua anima o entità egoica, per cause che non provengono dal suo Spirito. La scienza esoterica dice che il delinquere non proviene né da un’intuizione, né dalla natura umana, bensì da elementi extraideali e extraumani. “Il mio Io umano non è i miei sentimenti e i miei istinti: in questi vi è un qualcosa, che li ha corrotti

Continua a leggere →

Parabola delle 10 vergini

Parabola delle 10 vergini

Commento a cura di Tiziano Bellucci
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: “Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi”. VANGELO (Matteo 25,1-13)

Si parla del momento in cui avverrà la fine dell’evoluzione terrestre, quando avverrà la fine fisica, minerale della terra: l’avvento del “Regno dei cieli”, la…

Continua a leggere →

Sulla “Musica oggettiva” – considerazioni esoteriche

Musica oggettiva

di Tiziano Bellucci
Dai primordi, l’uomo si interroga sulla possibilità di una tanto anelata creazione di musica oggettiva.

E’ possibile creare una sinfonia che trasmetta sensazioni oggettive, valevoli allo stesso modo per ogni diverso ascoltatore? Sappiamo che, attraverso l’esecuzione musicale l’autore non comunica in modo intatto l’idea musicale che ha ricevuto in ispirazione, ma ciò che tale idea ha suscitato in lui in merito a sentimenti ed emozioni. La stessa idea, in un altro compositore, verrebbe espressa in altro modo. Sono le qualità animiche dell’uomo che…

Continua a leggere →