Articolo in evidenza
HomeScienza di confineLa malattia come blocco del flusso di energia: la prospettiva energetico-spirituale

La prospettiva energetico-spirituale è un modo prezioso e complementare di conoscere l’origine dei nostri disturbi e/o malattie.

La malattia come blocco energeticoChe la malattia sia un messaggio del corpo fisico, che ci dice che si è alterato un equilibrio, è banale e scontato. Non è invece banale sapere e comprendere che la causa non è esterna, ma interna e che quindi si può guarire. Virus e microbi ci colpiscono infatti dove e quando siamo più vulnerabili, non per cause genetiche, ma per cause interne, legate alle tensioni che creiamo dentro di noi quando facciamo scelte o prendiamo decisioni che non ci fanno sentire bene.

Questo succede quando non ascoltiamo la nostra guida interiore, alterando di conseguenza il nostro equilibrio energetico. La tecnica energetico-spirituale parte dalla considerazione che, a monte della malattia, ci sia un blocco energetico, un blocco del flusso di energia, un disequilibrio che genera la malattia, la quale si localizza proprio dove avviene tale blocco. Per spiegare il nostro sistema energetico, dobbiamo prima capire che l’unità infinitesimale di ogni cellula è energia, di cui il tessuto, l’organo, il corpo fisico sono la parte più densa, ovvero quella che vediamo. Tutto ciò non è invenzione, bensì scienza, quella quantistica.

Bene… detto questo, torniamo alla prospettiva energetico-spirituale di lettura dei disturbi e delle malattie. I “motori” che regolano il flusso del nostro sistema energetico sono i chakra. La funzione dei chakra è simile a quella del cuore: regolare il flusso dell’energia nel nostro sistema energetico, che è governato dalla coscienza. E’ importante sottolineare che, in questo contesto, il significato di coscienza è esteso a tutto ciò che possiamo sperimentare a livello fisico, emotivo, mentale e spirituale nella nostra esistenza.

Tutto procede bene se le decisioni che prendiamo sono coerenti con la nostra essenza, con il nostro progetto intimo di vita, ma se non ci ascoltiamo, se neghiamo la nostra essenza, iniziano a sorgere problemi. “Può accadere, ad esempio, che per una decisione errata si crei un blocco, una tensione. Da quel momento in avanti la nuova configurazione della nostra energia funzionerà come una calamita, attirandoci esperienze che confermano la tensione originaria” ci racconta Rossella Panigatti, studiosa e praticante della tecnica.

ChakraConoscere i chakra diviene così indispensabile per capire la malattia e sbloccare il flusso energetico. Sottolinea ancora R. Panigatti: per riacquistare la salute, dobbiamo intraprendere un lavoro personale di ricerca, comprendendo ciò che stiamo facendo ‘contro di noi’ e, soprattutto, dobbiamo attuare una serie di cambiamenti nella nostra vita, lasciando andare quei modi di essere che ci creano tensione, ritrovando la nostra vera essenza. Dobbiamo semplicemente tornare ad essere noi stessi, e in questo cammino il sintomo è un nostro alleato, e ci aiuta.

Questo lavoro personale di ricerca, di collocazione del sintomo all’interno del sistema energetico, per essere ben capito, deve anche tenere in considerazione il lato, destro o sinistro, in cui la patologia si manifesta; questo aspetto è importante perché legato alla polarità Yin (delle emozioni) e Yang (della volontà).

Bene, a questo punto vediamo cosa sono i chakra. I chakra sono i nostri centri energetici, sono sette e sono associati a specifici organi e parti del corpo. Il sintomo localizzato in una specifica parte del corpo è quindi rapportabile ad un blocco nel chakra corrispondente, per effetto di una decisione presa riguardante la nostra vita, che non è in sintonia con la nostra unicità ed essenza.

Allora, vediamoli:

1° chakra o chakra della radice: riguarda il rapporto con noi stessi, in particolare l’area della fiducia e della sicurezza; il suo elemento è la Terra; è in relazione con il rapporto materno, la nostra “radice”, la nostra fonte di nutrimento; se c’è tensione in questo chakra vediamo il mondo attraverso un filtro percettivo d’insicurezza, se la tensione aumenta sentiamo paura, se aumenta ancora di più proviamo panico, nel caso estremo proviamo una vera e propria minaccia alla nostra sopravvivenza; i messaggi del corpo, cioè i sintomi, sono localizzati nel sistema scheletrico e nei sistemi di eliminazione (reni, vescica, ultimo tratto intestinale, pelle nella sua funzione di traspirazione), nel sistema linfatico.

– 2° chakra o chakra arancione: anche questo riguarda il rapporto con noi stessi, in particolare le parti della coscienza relative all’area della sessualità, del cibo e del permettersi di sentire le emozioni; il suo elemento è l’Acqua; per esempio, se abbiamo paura di nuotare o di andare in barca e così via, significa che abbiamo tensioni nelle parti della coscienza correlate a questo chakra; dovremo pertanto vedere se l’area della nostra sessualità è risolta, oppure se ascoltiamo quello che il nostro corpo ci chiede in materia di cibo o di emozioni; i messaggi del corpo sono localizzati negli organi sessuali, nel sistema di assimilazione (intestino tenue e crasso) e nella lingua.

– 3° chakra o chakra del plesso solare: riguarda ancora il rapporto con noi stessi, in particolare il sentirsi liberi di essere sé stessi, il sentirsi bene con sé stessi e la capacità di esercitare il potere di essere sé stessi; il suo elemento è il fuoco; la relazione che abbiamo con il fuoco o con il sole, ci rivela il nostro rapporto con le aree della coscienza rappresentate da questo centro energetico, cioè se abbiamo una sensibilità verso il sole, significa che siamo particolarmente sensibili al potere o alla personalità di qualcun altro; se manifestiamo una patologia che tocca gli organi compresi in questo chakra (sistema muscolare, pelle, sistema digerente, occhi e viso) significa che abbiamo una tensione che riguarda la libertà o il controllo.

– 4° chakra o chakra del cuore: è collegato al rapporto con gli altri, in particolare rappresenta le relazioni con le persone più vicine al nostro cuore, ed indica anche se ci sentiamo amati e se ci sentiamo capaci di dare amore agli altri; l’elemento collegato è l’Aria; chi manifesta patologie che riguardano il sistema immunitario, il sistema circolatorio (cuore e vasi) e il sistema respiratorio (polmoni e bronchi) ha problemi a dare o a ricevere amore.

– 5° chakra o chakra della gola: è anch’esso collegato al rapporto con gli altri, in particolare riguarda l’espressione di noi stessi e la capacità di ricevere, nonché la capacità di manifestare i nostri obiettivi; il suo elemento è l’etere. Quando questo chakra è in equilibrio, noi fluiamo nella vita, seguendo attimo per attimo la nostra guida interiore e le sue indicazioni, ovvero ‘siamo nel flusso’ e seguiamo il sentiero senza incontrare ostacoli, ci troviamo sempre nel posto giusto al momento giusto, a fare la cosa giusta per noi” ci racconta la Panigatti; quando invece manifestiamo delle patologie che interessano gli organi collegati (la gola, il collo, le spalle, le braccia, le mani, il metabolismo) dobbiamo chiederci se abbiamo evitato di esprimere qualcosa che era importante per noi, oppure se abbiamo rinunciato alla realizzazione dei nostri obiettivi, oppure se ci siamo “chiusi”.

– 6° chakra o chakra delle sopracciglia: è collegato alla parte profonda dell’essere, lo Spirito, a quello che realmente siamo, al di là di ciò che abbiamo imparato; quando questo chakra è in equilibrio noi siamo in contatto con la nostra parte più profonda e ci lasciamo guidare da essa; è il livello dal quale dobbiamo attuare la trasformazione, prendendo una decisione differente da quella che ha creato il sintomo.

– 7° chakra o chakra della corona: rappresenta la parte più intima, il vero nucleo di ciò che siamo (l’Anima); esso è collegato alle parti della nostra coscienza che riguardano la percezione dell’unità o della separazione; questo centro energetico mostra, per prima cosa, il rapporto con il padre biologico; se abbiamo deciso che questa relazione era negativa, perché il padre era autoritario o assente, ad esempio, abbiamo chiuso il chakra della corona; questo blocco determina un senso di separazione, di solitudine, come se fossimo in un guscio e fosse difficile sentire il contatto con le persone che stanno fuori.

Questi sono i sette chakra, ma all’atto pratico, cosa bisogna fare? Rossella Panigatti, nel suo libro “I sintomi parlano”, propone un approccio induttivo: analizzare la patologia, l’effetto della tensione e vedere in dettaglio che cosa essa vuole comunicarci, qual è il messaggio intrinseco del sintomo. In altri termini, chiedendoci: che effetto ha quel sintomo sulla persona? Che cosa le impedisce di fare? In questo modo arriviamo a metà dell’opera di guarigione.

Ritornare a essere se stessiPer completarla, dopo aver capito, dobbiamo decidere di cambiare qualcosa nella nostra vita, nel nostro stile di vita, scegliendo percezioni diverse, differenti credenze, o semplicemente cambiando le parole che usiamo per riferirci alla patologia, e allora il sintomo, che è un messaggio, non avrà più ragione di esistere. Come dice R. Panigatti: ” la guarigione è il ritornare a essere voi stessi, nel modo più vero e più profondo”.

 

Tratto da:

 

Fonte: http://www.vitamine.altervista.org/index.php/metamedicina/196-la-malattia-come-blocco-del-flusso-di-energia-la-prospettiva-energetico-spirituale.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

La malattia come blocco del flusso di energia: la prospettiva energetico-spirituale — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Scienza di confine"

Demolire il paradigma dei falsi limiti

Guarigione spontanea

di Gregg Braden
Nuove scoperte suggeriscono che la guarigione spontanea attraverso la fiducia, è possibile. La chiave di questi miracoli risiede nelle nuove scoperte della fisica e della biologia, e nelle connessioni che queste hanno con la nostra vita.
Tendiamo a condurre la nostra esistenza in base a ciò che pensiamo del mondo, di noi stessi, delle nostre capacità e dei nostri limiti. Con poche eccezioni, queste convinzioni vengono da ciò che la scienza, la storia, la religione e altre persone ci dicono. Storicamente, ci è stato insegnato che siamo un “incidente” evolutivo,…

Continua a leggere →

Effetti dell’intenzione umana sulla realtà fisica

Effetti del pensiero umano sulla realtà fisica

Nell’articolo intitolato “Un potente campo energetico tra le particelle, influenzato dal pensiero umano”, il Prof. W.A. Tiller, Professore emerito della Stanford University, illustra brevemente i risultati delle ricerche incentrate sul rapporto esistente tra la cosiddetta realtà fisica e le proprietà del pensiero umano.
Afferma il Prof. W.A. Tiller: “Negli ultimi secoli, un assunto della scienza ha affermato che l’intenzione umana non può produrre effetti sulla realtà fisica. La nostra ricerca sperimentale degli ultimi decenni mostra invece che, nel mondo di oggi e sotto speciali condizioni, questo assunto non è più corretto. Noi umani siamo molto più di quel che pensiamo di essere e la scienza psicoenergetica continua ad espandersi e a dare prova di ciò”

Continua a leggere →

L’anima è fatta di quanti

L’ anima è fatta di quanti

di Carmen Di Muro
Informazione, energia, materia, vibrazione, campo elettromagnetico: la fisica e la medicina quantistica aprono nuove prospettive conoscitive sul legame tra cuore, emozioni e salute umana.
“Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c’è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica”

Ci hanno sempre fatto credere che tutto ciò che si palesa di fronte ai nostri occhi e che viene colto attraverso i nostri apparati sensoriali sia l’unica…

Continua a leggere →

La ghiandola pineale e il risveglio della coscienza

Epifisi

I campi elettromagnetici limitano la ghiandola pineale e la consapevolezza umana.
Mentre l’umanità continua il suo viaggio nel nuovo millennio, la tecnologia e la comunicazione giocano un ruolo sempre più importante nella vita di ognuno di noi: la maggior parte delle persone nei paesi sviluppati, sono collegate tra loro tramite telefoni cellulari, tablets e computers. Le case moderne hanno una crescente varietà di apparecchi elettrici/elettronici, dai modem wireless, agli elettrodomestici intelligenti, ecc. Le persone oggi sono dunque continuamente esposte a campi elettromagnetici…

Continua a leggere →

Marco Todeschini come Nikola Tesla, “vittima” di una cultura oscurantista

Psicobiofisica di Marco Todeschini

di Autori Vari
Marco Todeschini, uno dei più grandi fisici teorici del XX° secolo, fu cancellato dai libri di storia come era già successo con Tesla e la sua opera volutamente non divulgata, “grazie” all’azione di forze oscurantiste e materialiste, che mal tolleravano che egli, nelle sue teorie, parlasse apertamente di forze spirituali, dimostrandone addirittura l’esistenza.
Nacque a Valsecca, in provincia di Bergamo, il 25 aprile 1899, un piccolo paesino, situato nella Valle Imagna. Si laureò in ingegneria meccanica ed elettronica al Politecnico di Torino. Si specializzò e si diplomò in vari rami della fisica e della fisioneurologia. Divenne Professore Ordinario di meccanica razionale ed elettronica, al biennio di Ingegneria Superiore STGM di Roma e docente di Termodinamica…

Continua a leggere →

Coscienza Globale: un esperimento ne conferma finalmente l’esistenza

Coscienza globale

La Princeton University ha dimostrato scientificamente l’esistenza della Coscienza Globale e che la Noosfera, cioè la mente umana collettiva, riesce ad influenzare in qualche modo anche gli elaboratori informatici.
«Anche con molti uomini colti non si può parlare di Inconscio senza venir tacciati di misticismo. L’angoscia è giustificata perché la nostra visione razionale del mondo, con le sue certezze scientifiche e morali ardentemente credute (perché dubbiose), è scossa dai dati dell’altra parte». Carl Gustav Jung

“Cittadini del mondo, tutti noi disincantati e delusi dal

Continua a leggere →

Canalizzare l’energia cosmica

Canalizzare l'energia cosmica

È ormai incontestabile che esista un tipo di energia in grado di guarire e rigenerare il corpo e lo spirito. Oggi conosciamo diverse terapie che utilizzano la trasmissione di questo “fluido” attraverso le mani o, addirittura, il pensiero.
Lo spazio, secondo le scoperte dei fisici, non sembrerebbe vuoto, bensì immerso in un campo energetico dalla concentrazione estremamente elevata. Gerald Feinberg, nel 1966, fisico dell’Università della Columbia (USA), lo ha descritto come composto da particelle che si muovono più velocemente della luce. Da questa caratteristica deriva il nome…

Continua a leggere →

Gli uomini non sono originari della Terra: lo sostiene uno scienziato

Origine non terrestre dell'uomo

Un ecologista statunitense, il dottor Ellis Silver, avanza un’ipotesi incredibile riguardante il genere umano.
Qualche tempo fa, una teoria piuttosto estrema sosteneva la possibilità che una specie “aliena” intelligente avesse visitato il nostro pianeta migliaia di anni fa e modificato il codice genetico umano, facendo compiere al genere “homo” un salto evolutivo che altrimenti avrebbe richiesto milioni di anni. Ora, il dottor Ellis Silver, nel suo ultimo libro “Humans are not from Earth: scientific evaluation of the evidence”, avanza un’ipotesi ancora più ardita secondo la quale gli…

Continua a leggere →

Medicina quantistica

La medicina quantistica si occupa dell’esplorazione profonda della dimensione anatomo-energetica del corpo umano.

La medicina quantistica si occupa dell’esplorazione profonda della dimensione anatomo-energetica del corpo umano.
Si interessa dell’energia vitale – considerata come veicolo essenziale di trasmissione e coesione delle corrette informazioni, sotto forma di frequenze – dalla quale dipende tutta la nostra vita. La medicina quantistica o quantica interagisce con l’attività di strutture quali atomi, molecole, cellule, tessuti, organi e sistemi. L’energia vitale contenuta in ogni cosa e dentro di noi, amministra i peculiari rapporti energetici che strutturano lo stato di salute. Quando il flusso di questa energia viene perturbato, per diverse motivazioni, siano esse fisiche o psichiche, si riscontra un’alterazione del giusto rapporto tra le diverse energie, dando luogo a sintomi e disturbi…

Continua a leggere →

I Cristalli, una Porta sull’Invisibile

Poteri nascosti dei cristalli

di Rosalba Nattero
Madre Natura ci fornisce molti strumenti per indagare sulle realtà ancora sconosciute che ci circondano. Dalle proprietà delle rocce o dell’acqua all’uso dei colori, delle piante o delle stesse forze telluriche del pianeta, tutto ciò che ci circonda potrebbe fornirci preziosi elementi di studio, se non fossimo ipotecati dai limiti dello scientismo che ha creato delle barriere invalicabili nella ricerca.
Uno di questi strumenti è rappresentato dai poteri nascosti dei cristalli, un’antica scienza che ancora oggi i Popoli nativi usano correntemente per curare, per predire il futuro e soprattutto come guida nel loro percorso spirituale…

Continua a leggere →