Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaIl Coraggio di dire quello che si pensa in un Mondo di Maschere

Viviamo in un mondo di maschere, nel quale non è sempre facile dire quello che si pensa. C’è bisogno di molto coraggio e spesso si viene etichettati come persone non conformi e al di fuori delle regole.

Indossare maschereQuello che dovrebbe essere un vantaggio, un pregio, ossia il voler dire la propria verità, diventa una “scomodità” per il sistema, per chi ci circonda e per chi ogni giorno è abituato ad indossare una maschera diversa. In un mondo che abbiamo costruito noi stessi, fatto di apparenza, di inganni e di rapporti umani di circostanza, dire quello che si pensa, è spesso considerato poco opportuno, specie se non coincide con quello che pensa il nostro interlocutore e in generale la massa. Quindi, spesso preferiamo indossare una maschera, per adattarci a persone, eventi e luoghi. Queste maschere, sono frutto delle paure ereditate geneticamente da chi ci ha preceduto in questa società, nella quale esiste la paura tangibile di risultare inadeguati se si è sinceri, la paura di essere derisi, di rimanere soli, emarginati.

Ecco perché ci vuole coraggio per dire quello che si pensa, perché bisogna abbattere questa paura ancestrale, la paura di restare soli, la paura di non essere capiti, la paura del giudizio o di ritorsioni nei propri confronti. Ad esempio, conosco persone che pur essendo esemplari nel loro modo di vivere leale ed onesto, sono costrette a non poter esprimere quello che pensano, per il semplice motivo che se lo dovessero fare, i datori di lavoro gli direbbero magari cose del tipo… “quella è la porta!”, e con la crisi in atto e l’aumento della disoccupazione, la paura vince sul coraggio di essere se stessi. Per “convenienza” anche queste persone che magari spiccano per doti umane, si sentono costrette a non potersi esprimere a proprio piacimento, scelgono di recitare un “ruolo”, quello del dipendente burattino, e il prezzo da pagare è sempre quella maledetta maschera da indossare.

Il rischio nel non dire quello che si pensa, è quello di smettere di essere se stessi e di cadere in balia delle diverse personalità che affollano la nostra mente. Smettendo di essere “veri” si smetterà di essere se stessi: è una legge! Questo non vuol dire che il nostro Sé scomparirà da un giorno all’altro, ma giacerà addormentato nel profondo abisso della nostra essenza, sotto un immenso strato di pensieri compulsivi e personalità multiple sparate a raffica, a seconda dei contesti nei quali viviamo.

Nascono così gli atteggiamenti di “facciata”, le frasi di circostanza, l’essere carini con tutti, gentili, sempre disponibili, mai una parola fuori posto. Insomma, dei perfetti fantocci! Ma c’è di più… perché chi mente, compie uno spreco energetico non indifferente. L’indossare una maschera per ogni occasione così come il mentire comportano, infatti, un certo sforzo. Questo sforzo si traduce in un dispendio energetico inutile, perché lo scopo non è reale, bensì fittizio. Si indossa la maschera per fingere di essere reali, veri, genuini, quando in realtà la verità consiste nel coraggio di essere come siamo e nel dire ciò che pensiamo, senza maschere! Togliersi la maschera, essere se stessill non mentire, l’essere se stessi sempre e comunque, insieme al coraggio di dire quello che pensiamo, comportano un minor dispendio energetico e consentono, al contempo, di non renderci schiavi delle aspettative altrui. Smetteranno così di esistere la paure, non avremo il timore di non piacere o di non essere all’altezza. Saremo semplicemente ciò che siamo e diremo ciò che pensiamo.

In sostanza, dovremmo veramente smettere di indossare delle maschere per piacere agli altri, per essere alla moda, per non venire tagliati fuori dal gruppo. Non dobbiamo aver paura di venire allontanati da chi, non ancora soddisfatto del proprio sonno, desidera continuare a dormire e che anche gli altri dormano.

Ricordatevi che dire quello che si pensa fa parte della natura umana, pensate infatti ai bambini e alla loro capacità di dire sempre ciò che sentono senza remore. A volte, possono sembrare politicamente scorretti, fuori luogo, fin troppo sinceri, ma non esiste una “bella” menzogna che sia preferibile alla seppur cruda verità. Quindi non auto-priviamoci della libertà di poter dire liberamente ciò che pensiamo, lo stesso Freud diceva che scherzando si può dire tutto, anche la verità.

“L’uomo non vuole essere, ma apparire. Non vuole vedere ciò che è, cerca solo di prendersi per il personaggio che gli altri vedono in lui”. Svami Prajnanapada

“Gli uccelli nati in una gabbia pensano che volare sia una malattia”. Alejandro Jodorowsky

Fonte: http://www.tragicomico.it/dire-quello-che-si-pensa-maschere/

Potrebbero interessarti...



Commenti

Il Coraggio di dire quello che si pensa in un Mondo di Maschere — 1 commento

  1. Dire ciò che si pensa…Ma ciò che si pensa non è una proiezione del nostro ego, un pensiero condizionato dall’ambiente in cui viviamo, da chi ci ha cresciuti, da cosa ci hanno inculcato? È sempre “bene” avere un’opinione ed esprimerla? Quanti di noi hanno un’opinione e la cambiano a seconda del vento che tira? Io più che opinioni do retta alle sensazioni che fatico a tradurre in parole. Secondo me queste sono queste le sensazioni a cui dobbiamo dare retta, non l’istinto animale ma la nostra voce interiore che tenta di farsi sentire in mezzo a una folla di pensieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

Se riesci a ridere di te stesso… va tutto bene

Ridere

di Osho
Se riesci a ridere di te stesso, va tutto bene. La gente ride degli altri, ma mai di se stessa. È una cosa da imparare.
Se puoi ridere di te stesso, la serietà se n’è già andata. Non le lasci alcuno spazio se riesci a ridere di te stesso. Nei monasteri Zen, tutti i monaci devono ridere. La prima cosa che si fa al mattino è ridere, la primissima cosa. Non appena il monaco si accorge che non sta più dormendo, deve saltar giù dal letto, assumere un atteggiamento buffo – come un pagliaccio da circo – e cominciare a ridere, a ridere di se stesso. Non c’è modo migliore per…

Continua a leggere →

L’eterna “adultescenza” della nostra società

Adultescenza della società

di Gabriele Sannino
Viviamo tempi strani e bui, tempi in cui le persone vivono come adolescenti ma non lo sanno, dato che la qualità dei loro pensieri, dei ragionamenti e perfino delle loro vite, è imposta da mass media che rispondono a poteri occulti, calibrati decisamente su un livello anti-evoluzione.
L’ingrediente principale di questo cocktail è sempre uno: la paura. Del resto, cosa c’è di meglio per dominare le persone? Regressione e paura, oggi, sono gli elementi essenziali per un’eterna adolescenza – un’adultescenza – nella quale buona parte dell’umanità è sprofondata e non riesce più ad uscire, dato che non riesce a liberarsi di schemi mentali e automatismi comportamentali da tempo acquisiti…

Continua a leggere →

Scontro di civiltà

Nascita di una nuova civiltà

di Domenico De Simone
Ci siamo. L’umanità è arrivata al bivio dello scontro decisivo. Due civiltà sono a confronto, ed alla fine dello scontro… ne resterà una sola!
Non è la prima volta che accade nella storia dell’umanità né sarà l’ultima. Sempre che alla fine dello scontro resti qualcosa che somigli ad una civiltà. Perché stavolta è a rischio la sopravvivenza stessa dell’umanità: un conflitto nucleare ne segnerebbe, infatti, l’inevitabile declino e la scomparsa dalla faccia della terra nel breve volgere di qualche generazione. È un rischio di cui dobbiamo tenere conto… c’è e non possiamo fare finta di niente…

Continua a leggere →

Stanislav Petrov: l’uomo che salvò il mondo!

Stanislav Petrov premiato

di Alesia Miguens
A volte, nella storia, è più importante quello che è quasi successo che non ciò che è realmente accaduto. E forse, ciò che più colpisce di queste incredibili storie di eroi così lontani dallo scintillio, sono le sincronicità che li circondano.
Voglio raccontarvi di come trentaquattro anni fa un uomo, del quale la maggior parte del mondo non ha mai sentito parlare, sarebbe diventato il più grande eroe di tutti i tempi, avendo “letteralmente” salvato il mondo da un’apocalisse atomica.
Correva l’anno 1983, in piena guerra fredda, tempi “bollenti” come mai era accaduto dalla crisi dei missili di Cuba. Il 23 marzo, il Presidente Reagan lanciò la sua…

Continua a leggere →

Piramidi emergono dai ghiacci dell’Antartide

Avvicinamento-alla-piramide-in-Antartide

In Antartide, a causa dello scioglimento dei ghiacci, sono state scoperte da un team di scienziati statunitensi ed europei, tre antiche piramidi.
Due sono state scoperte nell’entroterra, a circa 16 chilometri dalla costa, mentre la terza si trova proprio in prossimità della costa. Le prime informazioni riguardo a queste piramidi, sono apparse sui media occidentali lo scorso anno. Alcune immagini sono state pubblicate, e sembrano comprovare che questo continente di ghiaccio, una volta fosse abbastanza caldo da ospitare una civiltà avanzata in grado di costruire monumenti grandi…

Continua a leggere →

Quando la distrazione diventa un’abitudine

Distrazione e iperconnettività

Quando la distrazione diventa un’abitudine, un modo di essere, ti ruba e ti appiattisce la vita, ti trasporta in quel limbo dove tutto sembra frenetico, pieno di impegni, di cose da fare, ma dove in realtà non succede nulla… è solo del tempo che vola via.
Soprattutto da quando esiste il mondo di internet, degli smartphone, delle notifiche, tutti abbiamo ormai dimenticato cosa significhi essere davvero concentrati, focalizzati completamente in un’attività di valore, riuscire finalmente a realizzare qualcosa di importante nella nostra vita.

Purtroppo concentrazione e distrazione…

Continua a leggere →

La standardizzazione del pensiero umano

Propaganda mediatica

La fusione delle aziende mediatiche, nelle ultime decadi, ha generato una piccola oligarchia di gruppi di controllo. Gli spettacoli televisivi che seguiamo, la musica che ascoltiamo, i film che guardiamo e i giornali che leggiamo, sono tutti prodotti da cinque corporations, che in questo modo riescono a creare una standardizzazione e omologazione del pensiero umano.
I proprietari di questi gruppi di controllo hanno legami stretti con le elites di potere e, in molti casi, fanno parte di quelle stesse elites. Possedendo gran parte dei mercati in grado di raggiungere le masse, hanno il potere…

Continua a leggere →

Il Segreto della “Milites Templi”

Prima dell’assalto delle truppe romane al Tempio di Re Salomone, alcuni sacerdoti che erano stati avvertiti del pericolo imminente, pensarono di nascondere i tesori più sacri per il popolo ebraico, nei sotterranei del Tempio stesso.
Secondo la documentazione esistente, Re Salomone all’epoca aveva commissionato la costruzione del Tempio ad un valente architetto, che aveva collaborato anche alle costruzioni egizie e che aveva appositamente riempito i sotterranei di labirinti e trappole, al fine di renderli inaccessibili.

Il cuore del Tempio, era una stanza segreta del sotterraneo, chiamata…

Continua a leggere →

Barbarie o civiltà?

Francesco Guadagnuolo: Pace in Terra Santa

di Giovanna D’Arbitrio
Un inevitabile, epocale bivio…

Ogni giorno i telegiornali e le altre fonti di informazione ci mostrano orrende immagini di violenza e morte: tra attentati terroristici, decapitazioni, roghi, torture e quant’altro sembra di essere ritornati ai secoli bui del Medio Evo, in un progressivo oscuro sprofondamento nell’abisso dell’inciviltà.

Siamo sgomenti e ci chiediamo attoniti quali siano le cause che producono tali effetti. C’è una spiegazione a tutto ciò? Noi comuni mortali, lontani dai complicati interessi internazionali ci poniamo inquietanti…

Continua a leggere →

Le ideologie organizzate e la manipolazione delle masse

Contollo-delle-masse

Karl Marx diceva che la religione organizzata era l’oppio dei popoli. Marx non teneva però conto del ruolo che potevano avere le ideologie organizzate, che si potrebbe ben dire che fungono come “eroina” per i popoli. La fine dell’Ottocento e soprattutto tutto il Novecento sono stati il periodo d’oro delle ideologie organizzate, periodi segnati da guerre, genocidi e violenza perpetrati nel nome dell’ideologia, o meglio giustificati con essa.
Il problema non è tanto l’ideologia in sé come non lo è la religione, ma l’uso strumentale che ne viene fatto e il dogmatismo assolutista,…

Continua a leggere →