Articolo in evidenza
HomeFisica QuantisticaFisica quantistica, immortalità, coscienza e Dio: illusione o realtà?

di Pablo Palazzi

Ogni giorno ci svegliamo, apriamo gli occhi e la realtà magicamente appare davanti a noi, ovunque puntiamo lo sguardo. Ma la realtà è sempre stata lì o si è «svegliata» insieme a noi?

Realtà o illusione?Se la fisica quantistica dimostra che l’osservatore è determinante nella formazione della realtà, una Teoria Quantistica della Coscienza dovrebbe dimostrare non solo che la nostra coscienza è alla base della realtà, ma che l’informazione quantistica è in grado d’esistere al di fuori del corpo a tempo indeterminato.  

Ma allora la morte, come noi la conosciamo, altro non sarebbe che una «messa in scena» all’interno dell’illusione dello spazio-tempo, generata dalla nostra coscienza con uno scopo ben preciso. Qual’è questo scopo? E soprattutto, la nostra vita ha un senso? Se esiste, qual é? Di fronte a queste domande, anche i misteri più complessi del cosmo, come «cosa ha scatenato il Big Bang?» o «cosa c’era prima del tempo?», risultano di fatto irrilevanti.

La particella di coscienza, o fattore di autocoscienza, potrebbe essere la chiave per smascherare l’illusione: come il ‘gravitone’ sarebbe capace di “saltare” da un universo all’altro, in accordo con gli schemi dell’interpretazione a molti mondi. Ed alcuni esperimenti sarebbero davvero in grado di fornircene la prova.

Questi frammenti di prove sembrano sparpagliarsi tra le varie linee ed i vari livelli della realtà, dove possono essere quasi “toccati con mano” attraverso esperimenti borderline, dove tracce di linee di realtà sviluppate in universi paralleli, vengono “impiantate” nel subconscio di soggetti appartenenti alle medesime linee di realtà.

Ma se viviamo davvero in un complesso multiverso dove le nostre particelle di coscienza fluttuerebbero secondo degli schemi precisi, la domanda che sorge conseguentemente è: «qual’è lo scopo dell’esperienza che facciamo nello spazio e nel tempo qui sulla Terra?» La risposta va cercata evidentemente nei livelli più alti della realtà, dove sembra aprirsi un mondo completamente sconosciuto. 

Quasi tutti i fisici più noti, concordano che è diventato ormai impossibile trovare le risposte a queste domande, senza mettere in primo piano la coscienza dell’osservatore. Negli ultimi 65-70 anni, una serie di straordinarie intuizioni e scoperte, hanno portato l’uomo a formulare alcune delle idee e teorie più complesse che la mente umana abbia mai prodotto. E con esse, scenari davvero inimmaginabili fino a qualche anno fa.

Bisogna ricomporre un puzzle formato da alcune tessere fondamentali che provengono da diverse discipline, da alcuni degli esperimenti più noti e da altri assolutamente mai divulgati prima d’ora. Dobbiamo capire se davvero viviamo dentro una grande illusione come il prodotto di un sogno perpetuo e senza un vero senso, al di là del tempo, o se siamo invece creature energetiche immortali, momentaneamente sottoposte all’esperienza dell’illusione dello spazio-tempo. 

Ma andiamo per gradi: tutto inizia sempre dall’irrisolta questione del libero arbitrio che si propaga, come un’ombra minacciosa e oscura, sulle più importanti scoperte della fisica quantistica e sulle più interessanti teorie mistiche, dalle equazioni di Schrödinger, ai molti mondi di Everett, dall’universo matematico di Tegmark al campo d’informazione di Zeland, dal biocentrismo di Lanza alla teoria dei buchi neri di Hawking. E che fa intravedere, qua e là, un meraviglioso multiverso di materia ed energia, governata dalla coscienza secondo uno schema, un programma. 

Dobbiamo inoltrarci senza timore oltre i limiti della fisica e della scienza ufficiale, per dare un’occhiata al programma che Dio ha riservato per noi, o che noi abbiamo riservato per Dio in uno straordinario destino congiunto e sincronico. 

Viviamo davvero all’interno della grande illusione che ci impedisce di percepire la nostra vera natura di esseri immortali?

Articolo di Pablo Palazzi

Articolo pubblicato su fisicaquantistica.it per gentile concessione dell’autore

Tratto da: “La grande illusione: la particella della coscienza e i livelli di realtà” di Pablo Palazzi

La Grande Illusione: La Particella Della Coscienza E I Livelli Di Realtà

Potrebbero interessarti...



Commenti

Fisica quantistica, immortalità, coscienza e Dio: illusione o realtà? — 1 commento

  1. leggendo tutto il materiale che mi avete mandato nn posso far altro che ringraziarvi . nn esistono parole siete

    veramente grandi , ho trovato risposte vere che oscuravano la mia mente ed il mio cuore finalmente so che nn conoscevo abbastanza me stessa e la vera verità . siete grandi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Fisica Quantistica"

Il Velo di Einstein

Il Velo di Einstein

Il nuovo mondo della fisica quantistica
di Anton Zelinger

L’artefice di uno dei più sconcertanti e sconvolgenti esperimenti del secolo – il teletrasporto instantaneo di un fotone a una distanza indefinita – ci illustra una disciplina dalle implicazioni che un tempo avremmo definito fantascientifiche.

«Nessuno capisce davvero la meccanica quantistica», diceva sempre con una punta di ironia il grande fisico Richard Feynman. In effetti la meccanica quantistica è scritta in una complessa lingua matematica, ed è piena di apparenti paradossi e di affermazioni che sembrano cozzare…

Continua a leggere →

La sincronicità

Sintonia tra due soggetti

Quante volte ci è capitato di pensare ad un amico che non si vedeva da tempo e poco dopo, per caso, incontrarlo per strada?
Quante volte abbiamo vissuto serie di eventi che accadevano proprio come dovevano accadere, in una strana ed eccezionale coincidenza? E sempre ci siamo posti la fatidica domanda: Esiste il caso? O forse esiste un principio scientifico ancora sconosciuto, il quale fa accadere gli eventi con tale sottile armonia? Questo principio esiste e prende il nome di “sincronicità”, e la sua componente fisico-matematica è la coerenza e la non-località.

Spesso la coincidenza…

Continua a leggere →

Nuove scoperte sul DNA in Russia

schema grammaticale del DNA

Molti maestri spirituali sanno già da tempo, che il nostro corpo può essere programmato da lingua, parole e pensieri. Ora questo è stato scientificamente provato.
Il DNA umano funziona come una specie di “Internet biologico”, ed è sotto molti aspetti superiore a quello artificiale. Nuove ricerche scientifiche in Russia, direttamente o indirettamente, spiegano fenomeni quali chiaroveggenza, intuizione, guarigioni spontanee e guarigioni a distanza, autoguarigioni, tecniche di affermazione, aloni di luce attorno alle persone e molto altro.

In più, si potrebbe affermare una medicina…

Continua a leggere →

Fisica degli eventi sincronici: dalla fisica quantistica ai fenomeni psichici

Sincroniticità

di Massimo Teodorani
Misteriosi eventi sincronici accadono spesso in particolari momenti della vita di molte persone.
Il movimento New Age ne ha fatto una specie di mito, propagandone – più o meno innocentemente – gli aspetti misteriosofici, ma ben pochi sanno che fisici quantistici come Wolfgang Pauli, assieme al grande psicologo Carl Jung, già 60 anni fa stavano studiando questi misteriosi fenomeni, nel tentativo di creare una cosmologia, in cui la “non-località” quantistica si interseca con la località newtoniana, per generare la realtà come la esperimentiamo ogni…

Continua a leggere →

Buchi neri, buchi bianchi, buchi verme, extra-dimensioni

Buco nero

di Paolo Di Sia
University of Verona – E-mail: paolo.disia@libero.it – Web: www.paolodisia.com

Un buco nero (black hole) è una stella nell’ultima sua fase di evoluzione, la cui gravità è così intensa che nulla, nemmeno la luce, può sfuggire a questa forza. Quindi, per definizione, un buco nero non può essere visto, poiché nulla può tornare indietro verso di noi per darci informazioni in merito. Allora come è possibile evidenziare un buco nero?

Gli scienziati del settore si concentrano sullo spazio che ci circonda e osservano cosa succede. Si vede ad esempio che ci sono…

Continua a leggere →

Le frequenze dominanti del campo quantico: la porta verso la guarigione

Le frequenze dominanti del campo quantico: la porta verso la guarigione

di Carmen Di Muro 
Tutta la natura è un continuum. L’architettura della vita è disposta in schemi che ripetono perpetuamente se stessi, e il mondo dell’energia è molto più complesso nelle sue dinamiche rispetto a quello materiale.
Ciò che vediamo e tocchiamo, trova concretizzazione dapprima nell’invisibile, laddove lo sguardo non vede, né la nostra mente comprende, ma soltanto l’anima afferra interamente.

Ogni cosa presente nel reale è composta da atomi, i quali a loro volta sono costituiti da particelle cariche elettricamente, che oscillando producono campi…

Continua a leggere →

Terapia Quantistica Emozionale

Terapia quantistica emozionale

di Gaetano Conforto
La fisica quantistica ha rivoluzionato non solo il modo di vedere la realtà, ma anche il modo di vedere i nostri pensieri, le nostre emozioni, le nostre impressioni. Da ciò nasce la ‘Terapia Quantistica Emozionale’.
La ‘Terapia quantistica emozionale’ prende le basi quantistiche per trasporle nelle problematiche psicologiche. Sappiamo che l’uomo è un pensiero, un evento quantistico, una fluttuazione di energia immerso nel grande corpo quantistico dell’universo. Un pensiero è un evento quantistico di natura energetica, e come tale non differisce da qualsiasi altro…

Continua a leggere →

L’acqua e gli organismi viventi (in memoria di uno scienziato)

Acqua

Intervista di Roberto Germano ad Emilio Del Giudice
Emilio Del Giudice ci racconta le proprietà dell’acqua biologica e descrive l’esperimento di Luc Montagnier sulla replicazione del DNA…
All’edizione 2011 del convegno di apertura dell’evento interdisciplinare “Le Connessioni Inattese: La Frontiera, L’Ignoto, L’Eresia”, è stato presente il Prof. Emilio Del Giudice, medaglia Prigogine 2009, ormai famoso per i suoi studi in biofisica che, partendo dalla meccanica quantistica, hanno fatto luce sul fondamentale ruolo dell’acqua nella vita. Lo ha intervistato Roberto Germano, uno…

Continua a leggere →

Esistenza dell’universo tra cosmologia e teismo

Esistenza dell'universo

di Paolo Di Sia
University of Verona – E-mail: paolo.disia@libero.it – Web: www.paolodisia.com

Il teismo riguarda il credere nell’esistenza di almeno una divinità, si configura in generale come dottrina riguardante la natura di una divinità e il suo rapporto con l’universo. Dio viene concepito come personale, presente e agente in maniera attiva nell’organizzazione dell’universo. In questo senso il teismo descrive la concezione classica di Dio che si riscontra nelle più diffuse religioni, dal cristianesimo all’islam, dall’induismo all’ebraismo. Il teismo non va confuso con il “deismo”…

Continua a leggere →

Déjà vu… una sbirciatina negli universi paralleli

L'espressione "déjà vu", in francese, significa letteralmente "già visto" e si riferisce a quella strana sensazione che proviamo quando ci sembra di aver già vissuto una certa situazione, della quale però non ricordiamo né il luogo nel quale è avvenuta, né il tempo. Si tratta di un fenomeno piuttosto comune nell'esperienza sensoriale umana, ma ancora poco compreso.

Chi non ha mai sperimentato, almeno una volta nella vita, quel curioso e famoso fenomeno denominato “déjà vu”?
L’espressione “déjà vu”, in francese, significa letteralmente “già visto” e si riferisce a quella strana sensazione che proviamo quando ci sembra di aver già vissuto una certa situazione, della quale però non ricordiamo né il luogo nel quale è avvenuta, né il tempo. Si tratta di un fenomeno piuttosto comune nell’esperienza sensoriale umana, ma ancora poco compreso.
Cosa genera dunque questa particolare condizione della nostra percezione? In passato, era attribuita per lo più a fenomeni paranormali o a disturbi di tipo neurologico. Negli ultimi anni, tuttavia, l’interesse degli scienziati per questo singolare fenomeno è cresciuto, facendo emergere…

Continua a leggere →