Buchi neri, buchi bianchi, buchi verme, extra-dimensioni

Buco nero di Paolo Di Sia
University of Verona – E-mail: paolo.disia@libero.it – Web: www.paolodisia.com
Un buco nero (black hole) è una stella nell’ultima sua fase di evoluzione, la cui gravità è così intensa che nulla, nemmeno la luce, può sfuggire a questa forza. Quindi, per definizione, un buco nero non può essere visto, poiché nulla può tornare indietro verso di noi per darci informazioni in merito. Allora come è possibile evidenziare un buco nero?
Gli scienziati del settore si concentrano sullo spazio che ci circonda e osservano cosa succede. Si vede ad esempio che ci sono dischi rotanti di gas che ruotano molto velocemente e intensamente; questo si può spiegare se una massa enorme (dell’ordine di alcuni miliardi più grande della …
Continua >>>


Esistenza dell’universo tra cosmologia e teismo

Esistenza dell'universo di Paolo Di Sia
University of Verona – E-mail: paolo.disia@libero.it – Web: www.paolodisia.com
Il teismo riguarda il credere nell’esistenza di almeno una divinità, si configura in generale come dottrina riguardante la natura di una divinità e il suo rapporto con l’universo. Dio viene concepito come personale, presente e agente in maniera attiva nell’organizzazione dell’universo. In questo senso il teismo descrive la concezione classica di Dio che si riscontra nelle più diffuse religioni, dal cristianesimo all’islam, dall’induismo all’ebraismo. Il teismo non va confuso con il “deismo” che supporta l’idea di una divinità trascendente e suprema, che per non interviene nel mondo naturale.
La scienza speculativa, in particolare la cosmologia, attraverso modelli cosmologici teorici ed elaborazioni numeriche, ritiene che il cambiamento, anche …
Continua >>>

Sulla metafisica dell’universo

Metafisica dell'universo di Paolo Di Sia
University of Verona – E-mail: paolo.disia@libero.it – Web: www.paolodisia.com
La metafisica, come disciplina che si occupa degli aspetti più fondamentali della realtà, studia gli enti “in quanto tali”, lasciando alle scienze particolari lo studio degli aspetti empirici e specifici, mutevoli ed instabili.
In questo senso la metafisica è vicina all’ontologia; le problematiche che affronta riguardano la questione dell’esistenza di Dio, l’essere “in sé” e l’immortalità dell’anima, l’origine e il senso dell’universo, e simili.
Alcune risposte
La domanda relativa al “perché esiste l’universo” è stata accuratamente considerata e profondamente dibattuta in ambito metafisico, arrivando a conclusioni non univoche; da una parte sono state date delle risposte, dall’altra la questione rimane un enigma insolubile. Tra le possibili risposte …
Continua >>>

Speculazioni della fisica contemporanea sull’universo

Universo di Paolo Di Sia 
University of Verona – E-mail: paolo.disia@libero.it – Web: www.paolodisia.com
Introduzione: La fisica è sempre stata interessata alle questioni inerenti la nascita e l’esistenza dell’universo, sia a livello tecnico (matematico), sia a livello di pensiero (anche in relazione alla filosofia).
Negli ultimi anni sono stati considerati e sviluppati interessanti concetti e idee, che coinvolgono le ultime teorie unificate quanto-relativistiche in fase di studio. Analizziamo in questo lavoro gli elementi fondamentali dei principali filoni di pensiero e ricerca sull’argomento [1,2].
Il principio antropico
Il “principio antropico” è un principio cosmologico basato sulla considerazione che tutte le osservazioni scientifiche sarebbero soggette al “vincolo” di avere gli esseri umani come osservatori [3]; le osservazioni dell’universo fisico dovrebbero pertanto “essere compatibili” …
Continua >>>

L’illusione della materia

illusione-della-materia-fb Il nostro mondo materiale non è affatto una realtà fisica. La Scienza quantica afferma che esiste un collegamento inconfutabile tra coscienza e realtà, la cui importanza è fondamentale nella trasformazione del nostro pianeta.
Niels Bohr, un fisico danese, che diede un significativo contributo per comprendere la struttura atomica e la teoria quantica, disse: “Se la meccanica quantistica non ti ha profondamente shockato, non l’hai ancora compresa”. La meccanica quantistica ha lasciato gli scienziati di tutto il mondo alquanto stupefatti, soprattutto con la scoperta che la nostra realtà materiale-fisica, non è affatto una realtà fisica. “Tutto ciò che chiamiamo reale è fatto di cose che non possiamo considerare reali”.
Sembra proprio che i filosofi del passato avessero ragione: i …
Continua >>>

La realtà come specchio della mente

Realtà specchio della mente L’immagine “quantistica” della realtà, non è più oggettiva come si riteneva in passato, ma dipende in parte dall’osservatore, come se fossimo circondati da un enorme specchio che riflette le proiezioni della nostra mente.
La fisica quantistica abbatte definitivamente l’utopia di una realtà oggettiva. La natura di ogni fenomeno osservato è inevitabilmente “soggettiva” e varia in relazione a colui che la percepisce. Una delle maggiori stranezze della fisica quantistica è che quando cerchiamo di isolare e osservare un singolo raggio di luce (fotone), in quell’istante il fotone si trasforma in una particella; allo stesso modo, quando osserviamo una particella, in quell’istante si ritrasforma in raggio di luce, come se noi, che stiamo osservando, potessimo influenzarne la natura.
Questo è il principio …
Continua >>>

La conoscenza è relativa

La conoscenza è relativa Il Buddhismo da sempre ha sottolineato il concetto di impermanenza, insegnandoci che tutto cambia ed è mutevole, e che possiamo solo trovare verità o conoscenze provvisorie. Anche il Tao afferma che il divenire è la legge di tutte le cose.
Ci troviamo immersi in una cultura che ha foggiato per noi regole e norme, e che ci fa reagire secondo schemi obbligati e convenzionali di comportamento e di pensiero. Quando invece un paradigma cambia, si assiste ad un forte scossone culturale e possiamo arrivare ad un punto in cui le cose che credevamo vere cessano di essere tali, ovvero l’assoluto diventa relativo. A questo punto perdiamo le nostre sicurezze acquisite, ma non si tratta di un punto finale, bensì di …
Continua >>>

La Legge di Attrazione spiegata dalla Fisica Quantistica

La fisica quantistica e le infinite possibilità della realtà La fisica quantistica presuppone che la realtà sia un insieme di possibilità potenzialmente infinite. Dalle sue sconcertanti scoperte chiunque può accorgersi, di quanto la realtà sia “elastica” e “malleabile”, e di quanto grande possa essere il potere che l’uomo ha su di essa.
La fisica quantistica è un insieme di teorie formulate nella prima metà del ventesimo secolo, che descrivono il comportamento della materia a livello microscopico, spiegando quei fenomeni che la fisica classica non riesce più a comprendere. Essa, infatti, elimina la precedente distinzione tra particelle e onde: un sistema quantistico presenta le caratteristiche tipiche delle onde, ma nel momento in cui viene misurato, o anche solo osservato, assume le caratteristiche di un insieme di particelle (quanti) (dal latino …
Continua >>>

Fisica Quantistica e Spiritualità

L'uomo è figlio dell'Universo Intervista di Giovanni Pelosini al Prof. Vittorio Marchi
Il prof. Vittorio Marchi è un insegnante e un ricercatore di fisica, ma da molti anni le sue indagini e i suoi studi sono stati indirizzati verso tematiche normalmente non esplorate dagli scienziati.
Studiando le ancora sconosciute potenzialità dell’essere umano, l’energia che permea tutto l’Universo, i misteri della vita e del cosmo, gli archetipi eterni, Vittorio Marchi ha sviluppato uno speciale ambito di ricerca della realtà tra scienza e spiritualità, tra razionalità e misticismo, che rendono la sua vasta conoscenza unica e degna della massima attenzione. Questa straordinaria intervista rilasciata a Giovanni Pelosini dal Prof. Vittorio Marchi – il 30 luglio 2011 durante lo svolgimento del “Festival della Letteratura di Cecina” (LI) …
Continua >>>


Ecco come la Fisica Quantistica ha cambiato la concezione dell’Universo

Principio di non-località quantistico L’Universo è temporale o a-temporale? La Fisica Quantistica, ha cambiato la percezione dell’Universo, che è ben diverso da come ce lo hanno raccontato.
Ogni essere umano ha una percezione fisiologica immediata ed intuitiva del tempo vissuto, una percezione che deriva da fenomeni elementari come la successione dei giorni, delle stagioni, il processo di invecchiamento, il progressivo deteriorarsi dei manufatti. L’uomo, infatti, riesce a percepire solo i cambiamenti chimici, fisici e biologici della materia nel tempo e nello spazio fisico. Quando si cerca di capire che cosa sia realmente il tempo, come esso entri nella descrizione del mondo, ci si trova di fronte ad una serie di ostacoli descrittivi. Il mondo dell’uomo e delle sue credenze è sempre stato un mondo …
Continua >>>

L’Anima esiste: la spiegazione di un fisico

Esistenza dell'anima Esiste l’anima? Fino a qualche decennio fa, questa domanda era lecita solo nell’ambito di una riflessione teologica. Oggi, invece, entra a pieno diritto nelle domande fondamentali della fisica teorica.
Henry P. Stapp, fisico teorico presso la University of California-Berkeley, non vuole dimostrare l’esistenza dell’anima, ma che essa si inserisce all’interno delle leggi della fisica. Quando parliamo di anima, siamo nel campo della metafisica o della fisica? Prima dell’avvento della “fisica quantistica”, tutto ciò che travalicava i confini del visibile, era tema di ricerca della metafisica, ovvero quella disciplina che indaga sulle cose “al di là” della fisica. Oggi, invece, all’indomani della scoperta del bizzarro mondo dei quanti, ciò che non è visibile e che non è determinabile è diventato oggetto …
Continua >>>

La fisica quantistica può davvero cambiare la nostra vita?

Il pensiero può guarire il corpo La realtà e la scienza convenzionale, tendono a voler limitare l’universo umano. Bisogna invece considerare l’idea che è la nostra mente a creare la realtà, di conseguenza i nostri pensieri e le nostre credenze possono modificare la biologia del nostro corpo. Non esiste la supremazia del DNA, esiste la supremazia della mente.
Negli ultimi decenni si sono diffuse le cosiddette “medicine alternative”, come la riflessologia, l’agopuntura, l’aromaterapia, il Reiki, la cromoterapia, la musicoterapia, l’omeopatia, ecc. Gli approcci curativi diversi dalla medicina ufficiale, ritengono che alla base della guarigione ci sia la fiducia del paziente nel metodo di cura. Sarebbe dunque soprattutto il pensiero a ripristinare la salute fisica, generando l’energia necessaria alla guarigione. Lo stesso corpo umano è energia che …
Continua >>>

Siamo esseri spirituali rivestiti di un bio-corpo

Siamo esseri spirituali I filosofi pitagorici ritenevano che il corpo fosse la prigione dell’anima, le religioni, poi, nel corso dei secoli hanno affermato con forza la componente spirituale dell’essere umano. In epoca contemporanea, la scienza si è spinta ad ipotizzare che la coscienza umana sia indipendente dal corpo.
La scienza, finalmente, sta allargando i propri confini oltre i limiti del corporeo, per cominciare ad esplorare, nell’ambito della fisica quantistica, la possibilità che la coscienza umana sia una realtà sussistente al di là del corpo fisico.
Molte persone descrivono William A. Tiller – professore emerito di Scienza e Ingegneria dei Materiali, presso la Stanford University – come uno scienziato in anticipo sui tempi. Tiller si è guadagnato la sua reputazione accademica per il suo …
Continua >>>

Joytouch: un salto quantico verso la gioia

Visione spirituale-scientifica di Joytouch Articolo di Alberto Giacomini
Joytouch è un’arte trasformativa sorta dal nuovo stato di coscienza planetario, che trascende ogni tecnica perché basata essenzialmente sulla creazione di un particolare stato interiore.
Il suo Campo Morfico è connesso sia con JoyField, il Campo della Gioia (vedi wvvw.giuliajordan.com), sia con quello della Fisica Quantistica, di cui applica i principi.
Affascinante e facile da apprendere, emozionante da praticare, dolcissimo da ricevere, JoyTouch amplifica l’intuizione e trasporta emozioni e pensieri a frequenze più elevate, facendo ri-sperimentare la gioia di vivere.
La visione spirituale-scientifica alla base di Joytouch:
Siamo Esseri divini venuti in esistenza per esprimere la nostra vera natura attraverso l’apparato psicosomatico, così come i raggi di luce diffondono l’energia luminosa emessa dalla Sorgente da …
Continua >>>

L’acqua e gli organismi viventi (in memoria di uno scienziato)

Acqua Intervista di Roberto Germano ad Emilio Del Giudice
Emilio Del Giudice ci racconta le proprietà dell’acqua biologica e descrive l’esperimento di Luc Montagnier sulla replicazione del DNA…
All’edizione 2011 del convegno di apertura dell’evento interdisciplinare “Le Connessioni Inattese: La Frontiera, L’Ignoto, L’Eresia”, è stato presente il Prof. Emilio Del Giudice, medaglia Prigogine 2009, ormai famoso per i suoi studi in biofisica che, partendo dalla meccanica quantistica, hanno fatto luce sul fondamentale ruolo dell’acqua nella vita. Lo ha intervistato Roberto Germano, uno dei padri de “Le Connessioni Inattese”.
Roberto Germano: Ciao Emilio, è sempre un piacere ed un onore riaverti qui a Napoli, nella tua città natale. Tu hai studiato, fin dagli anni ’80 del secolo scorso, il fondamentale ruolo dell’acqua
Continua >>>

Le incredibili scoperte della Fisica Quantistica

il segreto dell'universo dal libro “Il Segreto dell’universo”, di Fabrizio Coppola
L’universo comincia a sembrare
più simile ad un grande pensiero
che non a una grande macchina.James Jeans, astronomo e fisico.
I – La meccanica quantistica.
La meccanica quantistica delinea un quadro insolito della realtà fisica a livello microscopico, cioè molecolare, atomico, e subatomico. Eppure, nonostante le sue stranezze, la teoria “funziona” perfettamente ed ha permesso grandi progressi scientifici e tecnologici.
In questo capitolo esamineremo alcuni “paradossi” quantistici che sembrano mostrare i limiti della consueta concezione oggettiva e materialistica dell’universo. Alle scale microscopiche la natura non si comporta in conformità alle leggi della fisica classica, che descrive i fenomeni che coinvolgono i familiari oggetti della vita quotidiana.
Come abbiamo visto, il nome …
Continua >>>

La scelta o il collasso della funzione d’onda nelle “CostellAzioni della Gioia”

Richiedere una CostellAzione di Giulia Jordan
Ogni persona che richiede una “CostellAzione” (vedi articolo Le CostellAzioni della Gioia: il campo morfogenetico), prima che questa venga messa in scena, si trova in quello che la fisica quantistica chiama “sovrapposizione di stati.”
Ciò significa, che nel momento in cui il richiedente si presenta per fare la sua costellAzione, le tematiche su cui può lavorare sono potenzialmente molte, tutte compresenti e che s’influenzano vicendevolmente. Per esempio, egli può scegliere fra una difficoltà relazionale con se stesso o con un genitore, partner o figli, una situazione lavorativa che richiede una decisione, oppure migliorare la relazione con i colleghi, con il capo o con i collaboratori, oppure una questione di salute. Si trova in una specie di …
Continua >>>

Le “CostellAzioni della Gioia”: il campo morfogenetico

La molteplicità dell'unità di Giulia Jordan
Conosciamo il campo della medicina, quello dell’arte, dell’informazione, oppure il campo gravitazionale, elettromagnetico. Usiamo spesso il concetto di campo. Anche nelle CostellAzioni della Gioia, come in quelle familiari, si parla di campo, anzi si lavora con esso.
Che cos’è questo campo e che cosa vi si può trovare? Secondo il biologo “Rupert Sheldrake”, ogni cosa esistente nell’universo ha un proprio campo di energia e informazioni, che si trova all’interno e tutt’attorno all’unità morfica – un’unità di forma o di organizzazione.
Il campo morfico è il progetto o matrice che organizza sia la struttura caratteristica, sia lo schema di attività del campo stesso. I campi morfici includono i campi morfogenetici, i campi d’informazione, sociali, culturali, comportamentali e persino …
Continua >>>

La “vita dopo la morte” è inevitabile

Il tempo non esiste La “nuova fisica” afferma, grazie a semplici deduzioni logiche e matematiche, che la “vita dopo la morte” è inevitabile.
La lettura che segue è un efficace compendio delle nuove acquisizioni a cui ci sta conducendo la cosiddetta “nuova fisica”, figlia di una scienza senza condizionamenti o paraocchi ideologici, né di stupidi e sorpassati pregiudizi materialistici, ormai stantio retaggio ottocentesco. Questa “gemma” che contiene la sintesi scientifica fatta dal fisico teorico “Frederik Van Der Veken” ci conduce ad implicazioni davvero fondamentali per la nostra esistenza ed il nostro modo di guardare alla vita, che in futuro certamente modificheranno radicalmente culture, costumi, mentalità e modi di vivere.
Nel corso degli ultimi cento anni abbiamo assistito a grandi cambiamenti nei paradigmi scientifici, e …
Continua >>>

La morte non esiste: la fisica quantistica lo dimostra

La morte non esiste Per molti scienziati, il concetto di vita ultraterrena è una sciocchezza, mentre per altri semplicemente non è dimostrabile. Eppure c’è un esperto, il Professor “Robert Lanza”, che spiega perché la morte non esiste.
Egli sostiene di avere le prove per confermare l’esistenza della “vita dopo la morte” e che questa conferma si trovi nella fisica quantistica. La “teoria del biocentrismo”, sostenuta da Lanza, afferma che la morte come noi la conosciamo, è un’illusione creata dalla nostra stessa coscienza. Egli ritiene che è la nostra coscienza a creare l’universo, e non il contrario, e una volta che accettiamo che spazio e tempo siano solo “strumenti della nostra mente”, la morte non può esistere in alcun senso reale.
“Pensiamo che la vita
Continua >>>

Perché sogniamo? Dalla psicanalisi agli universi paralleli…

Dormire e sognare Il “dormire”, già rappresenta di per sé, una di quelle funzioni umane che ancora fanno discutere i circoli scientifici.
Infatti, alla domanda “perché dormiamo” i ricercatori non hanno ancora trovato una risposta convincente e condivisa. Eppure, si tratta di una funzione di fondamentale importanza, senza la quale un essere vivente muore.
Sono molte le teorie che cercano di spiegare perché l’uomo passi un terzo della propria vita dormendo. Si è passati dal riconoscere al sonno una funzione di recupero energetico, tramite l’inattività mentale e fisica, fino all’idea di sonno “attivo”, caratterizzato da sotto-processi indispensabili per la vita dell’essere umano. Il sonno, insomma, è uno dei misteri della biologia.
Ma a porre altri interrogativi è l’attività legata al sonno, cioè il …
Continua >>>


Déjà vu… una sbirciatina negli universi paralleli

denomeno del déjà vu Chi non ha mai sperimentato, almeno una volta nella vita, quel curioso e famoso fenomeno denominato “déjà vu”?
L’espressione “déjà vu”, in francese, significa letteralmente “già visto” e si riferisce a quella strana sensazione che proviamo quando ci sembra di aver già vissuto una certa situazione, della quale però non ricordiamo né il luogo nel quale è avvenuta, né il tempo. Si tratta di un fenomeno piuttosto comune nell’esperienza sensoriale umana, ma ancora poco compreso.
Cosa genera dunque questa particolare condizione della nostra percezione? In passato, era attribuita per lo più a fenomeni paranormali o a disturbi di tipo neurologico. Negli ultimi anni, tuttavia, l’interesse degli scienziati per questo singolare fenomeno è cresciuto, facendo emergere nel contempo una serie di …
Continua >>>

“Oneness” – l’Uno è infinito

L'Uno e il molteplice Uno dei contributi più rilevanti che la fisica quantistica ha offerto alla visione unitaria, olistica della realtà, ossia il concetto di “oneness” e di coerenza elettrodinamica, ci permette di comprendere come vi sia una profondissima interrelazione tra ogni elemento fisico (campo-particella) che costituisce la realtà.
La “teoria della coerenza elettrodinamica quantistica”, ci permette anche di comprendere l’evoluzione in termini unitari, che parte dalle particelle elementari e porta all’organizzazione della vita biologica. La fisica quantistica dice che il numero elevatissimo (tendente all’infinito) di campi-particelle rappresentano una Unità. Ovvero l’identità dell’Uno e del molteplice.
I concetti quantistici di vuoto e di campo implicano il concetto di “oneness”, di Unità. Questo fondamentale contributo della fisica quantistica, rappresenta una concezione profondamente olistica dell’esistenza, e …
Continua >>>

Benessere e Malattia

Benessere e malattia di Marco Fincati
Il corpo umano cerca sempre di vivere  in una costante condizione di equilibrio, mantenuto soprattutto dall’energia elettromagnetica prodotta dalle cellule stesse del nostro organismo.
L’energia elettromagnetica è necessaria quindi per far funzionare bene le varie parti della cellula, le cellule di uno stesso organo e quindi i vari organi di uno stesso sistema vivente. Le cellule di uno stesso organo, inoltre, avendo identica composizione molecolare, comunicano ed interagiscono, utilizzando uno stesso segnale elettromagnetico, che propagandosi le fa “vibrare” con la medesima frequenza, ed entrare in risonanza tra loro.
Le conoscenze del codice genetico e della scienza chimica classica, non sono sufficienti per rendere chiara la complessità dei processi metabolici. Infatti, il nostro organismo è in grado di …
Continua >>>

Il Vuoto Sub-Quantistico

Il Vuoto Sub-Quantisticodi Ervin Laszlo
Una delle ipotesi di maggiore interesse nella nuova scienza olistica, è il concetto di “Vuoto Sub-Quantistico” proposto da “Ervin Laszlo”.
Secondo Laszlo, la fisica ha evidenziato che il vuoto sarebbe una vera e propria dimensione, una matrice che sottostà ai quanti, dalla quale emergono e ritornano i quanti, ossia le particelle elementari; un vuoto dalle incredibili potenzialità e densità, che potrebbe rappresentare il quinto campo da cui, originariamente, sono emerse e da cui si sono differenziate, per rottura della simmetria, le quattro forze della fisica attuale: la forza di gravità, l’elettromagnetismo e le due forze nucleari “forte” e “debole”.
Il vuoto è la dimensione unitaria che connette ogni particella ed ogni essere vivente all’intero universo, che li …
Continua >>>

La sincronicità

Sintonia tra due soggetti Quante volte ci è capitato di pensare ad un amico che non si vedeva da tempo e poco dopo, per caso, incontrarlo per strada?
Quante volte abbiamo vissuto serie di eventi che accadevano proprio come dovevano accadere, in una strana ed eccezionale coincidenza? E sempre ci siamo posti la fatidica domanda: Esiste il caso? O forse esiste un principio scientifico ancora sconosciuto, il quale fa accadere gli eventi con tale sottile armonia? Questo principio esiste e prende il nome di “sincronicità”, e la sua componente fisico-matematica è la coerenza e la non-località.
Spesso la coincidenza è solo l’evidenza di una legge di natura, invero assai comune, che si manifesta in modo ancora assai misterioso, e che sembra agire oltre …
Continua >>>

Entanglement quantistico

Entanglement quantisticoNella Matrix Divina tutto è unito e ciò che avviene in ogni singola particella influenza la Matrix stessa.
In fisica quantistica la non-separabilità, ovvero la correlazione tra quantità fisiche a qualsiasi distanza, è definita dal termine “entanglement quantistico”, fenomeno in cui due o più particelle che si sono trovate in interazione reciproca per un certo periodo, anche se separate spazialmente, rimangono in qualche modo legate indissolubilmente (entangled), nel senso che quello che accade ad una di esse, si ripercuote istantaneamente anche sull’altra, indipendentemente dalla distanza che le separa.
Un esperimento fu condotto nel 1997 su due fotoni legati tra loro. Entrambi furono inseriti in una macchina speciale che aveva il compito di separarli fino ad una distanza di 14 miglia. …
Continua >>>

La Matrice

Matrix Pensiamo di vivere in un “mondo”. In realtà viviamo intrappolati in una gamma di frequenze e quindi in un’illusione.
Si tratta di ciò che il famoso film chiama “Matrix”. Il mondo che vediamo intorno a noi è solamente una minuscola frazione di un’infinità multidimensionale, cui abbiamo accesso attraverso i nostri sensi fisici come la vista, l’udito, il tatto, l’odorato e il gusto. Il mondo materiale che percepiamo è come una stazione radiofonica e i nostri sensi fisici sono sintonizzati su quella frequenza. Tutto qui.
Si trovano tutt’intorno a noi, su frequenze che superano la gamma dei nostri sensi fisici. Queste sono le frequenze che possono essere percepite dagli animali, come ad esempio i gatti.
Si tratta delle frequenze a cui …
Continua >>>

Memorie cellulari

Memorie cellulariIl corpo umano è stato osservato attraverso la lente della fisica quantistica e gli scienziati hanno scoperto che è molto di più di una macchina che risponde a leggi biochimiche.
Le nostre cellule infatti sono trasmettitori e ricettori di informazioni e controllano la nostra salute, in un modo che non avremmo mai ritenuto possibile. E se avessimo gli strumenti scientifici non solo per spiegare certi fenomeni, ma anche per dare avvio a processi di cura miracolosi?
L’essere umano è costituito di materia ed energia, indissolubilmente legate tra loro e trasformabili l’una nell’altra. Inoltre l’energia è anche vibrazione e quindi frequenza, pertanto un corpo materiale (fisico) non solo possiede energia, ma può anche emettere o assorbire frequenza. Ogni cellula del nostro …
Continua >>>


L’universo è un ologramma

L’universo è un ologramma di Richard Boylan
Le teorie di Aspect, Bohm, Pribram sulla nuova fisica scuotono i principi della scienza tradizionale: dalle particelle subatomiche alle galassie giganti, tutto è parte infinitesimale e totalità di “Tutto”.
Universo, mente, materia: il paradigma quantistico
Nel 1982 un’équipe di ricerca dell’Università di Parigi, diretta dal fisico Alain Aspect, condusse forse il più importante esperimento del ventesimo secolo. Aspect ed il suo team scoprirono che, sottoponendo a determinate condizioni delle particelle subatomiche come gli elettroni, esse sono capaci di comunicare istantaneamente una con l’altra indipendentemente dalla distanza che le separa, sia che si tratti di 10 metri o di 10 miliardi di chilometri. Come se ogni singola particella sappia esattamente cosa stiano facendo tutte le altre.
Un fenomeno …
Continua >>>