HomeSpiritualitàJean-Edouard Lamy, il padre francese che comunicava con gli Angeli    

Commenti

Jean-Edouard Lamy, il padre francese che comunicava con gli Angeli — 3 commenti

  1. No vabbè, non siamo piu al medioevo, qui si parla di schizofrenia. L’ arcangelo gabriele è una figura inventata nel lungo corso di costruzione del cattolicesimo, come si fa a interagire con una figura inventata?
    Tutto il cattolicesimo è inventato, e questo ormai nel 2017 lo dovrebbero sare tutti, dall’ anno 70 a.c. ci sono state decine e decine di sedute e concili per crearlo secondo le necessità dell’ epoca.
    Inoltre al giorno d’ oggi tutti sanno che non esiste l’ aldilà, non esiste null’ altro che quello che esiste, non c’è un’ “altra parte”, bisogna lasciar andar il medioevo, è un’ epoca finita.

  2. Qui si tratta di fenomeni proiettivi chiamati “ideoplasmi”, che nascono dalle credenze di queste persone. Alcune persone ben disposte verso l’umanità, buone e miti e probabilmente dotate di poteri paranormali, proiettano in buona fede le loro credenze, ovvero “rivestono” ciò in cui credono di tutta una serie di particolari suggestivi ritenendo erroneamente che siano OGGETTIVI. Gli studiosi di metapsichica hanno plausibilmente postulato il fatto che anche nelle numerose visioni di premorte ognuno fa le sue proiezioni ideoplasmiche costruendosi il “suo” paradiso o il “suo” inferno. Detto questo, le comunicazioni interdimensionali non sono considerate impossibili nemmeno dalla scienza, per cui è possibile che Lamy comunicasse realmente con Intelligenze Benigne di altre dimensioni, solo che lui “rivestiva” il tutto con i dettami della sua fede religiosa. A mio avviso però le cose più importanti lasciate da questi mistici non sono queste, bensì il loro messaggio amorevole all’Umanità, indipendentemente dalle loro credenze religiose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"