Ultimi commenti
rishisan: Col lama ci siamo avviati nel Tempio delle Massime Superstizioni: per noi occidentali è sufficiente che qualcuno, addobbato con un pastrano arancione, ci venga...     rishisan: Avete tutti una così gran paura di testimoniare che è Dio, solo Dio che può portarci alla Realizzazione del nostro Sé Divino? In Verità...     biagio tuberga: bello,bello, ma come si fà, visto che non ce lo hanno insegnato, ad andare nel corpo astrale da vivi ?     marco: non resta altro da fare se non esercitarsi a diventare coscienti del proprio corpo astrale in modo tale che, una volta disincarnati, potremo interagire...     mario bertucci: "Mi piego ma non mi spezzo" oppure "mi spezzo ma non mi piego" ?     efisio crabu: "Talvolta non crediamo a ciò che vediamo ... ma vediamo ciò che crediamo!"     diana: E"molto istruttivo, mi auguro che tutti imparassimo a prendere consapevolezza di cio' che mangiamo. Grazie.     mario bertucci: Mi sembra di leggere il blog di Beppe Grillo...!!!! Stessi concetti Grazie     roberto: La domanda che mi pongo è la seguente: il corpo astrale del defunto è capace di vivere almeno all inizio tra i suoi cari...     gianfranco giambarrasi: Interessante scoprire nuove realtà che possono spiegare anche tante piccole particolarità del quotidiano, cordiali saluti     max: ma quindi...come liberarsi dalle paure ??     mauro vanzini: Ciao Cinzia, grazie, anche noi ci stupiamo dell'affetto che riceviamo attraveso questo sito. Il forum sta tardando perchè purtroppo abbiamo avuto qualche problema prioritario....     cinzia: Buon pomeriggio Mauro e Beatrice mi siete tanto cari anche se non vi conosco personalmente, riuscite sempre a stupirmi con i vostri articoli...     mauro vanzini: Grazie infinite Fabiana, la colla di cui sei vittima è il vero ed unico scopo del sito. Gran abbraccio da Mauro & Beatrice     fabiana: Siete grandi! Interessantissimi tutti i vostri articoli che mi incollano praticamente al video facendomi perdere la relazione del tempo che e' una cosa meravigliosa. ...    
HomeIl tempo non esisteLa fisica è più chiara se il tempo non esiste

Dal punto di vista della fisica, una volta che accettiamo che il tempo non è reale, molte idee che fino ad ora erano “strane”, diventano chiare. In meccanica quantistica, si parla di ΔE*Δt>h. Ciò significa che il prodotto della variazione di energia moltiplicata per l’indeterminatezza del tempo deve essere più grande di una costante, la costante di Planck, che è la dimensione del momento angolare di un elettrone in un atomo. Questa è la base del fenomeno della creazione di coppie di particelle. Una coppia di particelle può essere creata dal nulla in violazione del principio di conservazione dell’energia, purché entrambe le particelle scompaiano rapidamente: la varizione di energia, ΔE, moltiplicata per il tempo in cui esse esistono, Δt, deve essere inferiore a h.

Ma ha senso parlare di una indeterminatezza del tempo? Cosa significa Δt, se il tempo è reale e scorre continuamente? Possiamo capirlo nell’idea che il tempo equivalga semplicemente ad una sequenza di “istantanee” di stati passati: nessuno stato viene in effetti creato durante il tempo Δt.

Un elettrone si muove in uno stato più elevato nell’atomo. Che cosa accade durante la transizione ad uno stato inferiore? Gli unici dati che hanno significato nella sua storia sono i diversi stati “fotografati”, e non ci sono istantanee del tempo dell’elettrone durante la fase della transizione, mentre cambia di orbita. Questo chiarisce la mancanza di significato nella situazione dell’elettrone durante la transizione.

Questo può anche aiutare a chiarire la dilatazione del tempo nella relatività speciale: meno “fotografie” sono disponibili, per l’orologio in movimento, e più lento è il tempo.


Commenti

La fisica è più chiara se il tempo non esiste — Nessun commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>