HomeVerità nascostePercezioni extra-sensoriali o normalità percettiva?    

Commenti

Percezioni extra-sensoriali o normalità percettiva? — 2 commenti

  1. LA VITILIGINE
    Le persone affette da questa malattia possono ritenersi fortunate in quanto è una malattia “buona” che dà potere, a chi ne è affetto, di percepire le oscillazioni/variazione della psiche altrui.
    Essa può svilupparsi a qualsiasi età; è variabile nella manifestazione ed è visibile in diverse parti del corpo non sempre le stesse a soggetti diversi.
    Quando si manifesta in modo molto aggressivo e sfacciatamente vistosa è indice che il soggetto non riesce a capire che cosa gli sta dicendo il proprio corpo.
    Se invece è più leggera e meno estesa è segno che l’individuo affetto è più cosciente di ciò che il proprio corpo vuole comunicargli.
    Ritengo che la vitiligine sia un “termometro” organo misuratore della parte invisibile del corpo umano.
    Le comunicazioni che la vitiligine vuole dare a chi la possiede sono di carattere sensoriale in quanto riesce
    a percepire lo stato d’animo di persone a lui vicine, a trasmettere sensazioni e sentimenti e vedendo le diverse personalità attraverso le immagini del viso; riesce a vedere in una persona, in momenti diversi , un suo simile oppure il suo “negativo” .

    Probabilmente la manifestazione cutanea sparisce nel momento in cui si ha la consapevolezza che è stato un “messaggio” per far comprendere un modo con cui alcune persone possono comunicare e capire situazioni extrasensoriali.

  2. Non ho capito bene cosa vuoi dire. Sono interessata….puoi spiegare meglio e contattarmi a < <>>? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Verità nascoste"