HomeSpiritualitàLa Seconda Venuta del Cristo e il senso della storia    

Potrebbero interessarti...



Commenti

La Seconda Venuta del Cristo e il senso della storia — 3 commenti

  1. Non vedo un ritorno di Cristo in forma fisica, bensì un innalzamento di coscienza collettiva che lo renderà vivo.
    Preso o lasciato?, molti lascieranno il corpo, causa incompatibilità vibrazionale, mentre la Terra salirà vibrazionalmente curando Se stessa con l’aiuto di molti Esseri evoluti che potranno finalmente manifestare le Loro capacità latenti.
    Così è come la vedo io.
    Un caro saluto.
    Renzo

  2. Si fa confusione tra Gesù e Cristo (Kristos = Unto)
    Gesù fu un Uomo, un Alchimista, che riuscì a cristificarsi, rinascendo e non nascendo da una Vergine, La simbolica acqua battesimale, il 25 dicembre, rinascita della Luce, che per effetto del solstizio, inizia ad aumentare (dopo il 21 dic.) Anche Mitra, prima di Gesù nacque (simbolicamente) in una grotta, il 25 dic.
    Dopo la rinascita è indispensabile la cristificazione, cioè la solirizzazione, e quindi, la passione e morte iniziatica con la discesa agli inferi. Segue la Resurrezione come Orfeo, come Arnaldo da Villanova, il Conte Trevisani, Raimondo Lullo, Pernety e tantissimi altri che raggiunsero lo stato di cristificazione, stato di Horus, di Tao, di Visnu, ecc. che li fece esclamare: Io e il Padre mio siamo una sola cosa.
    Se si prendono alla lettera le scritture, si diventa di fatto un Testimone di Geova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"