Articolo in evidenza
HomeScienza di confineE’ possibile curarsi con l’acqua?

Mentre molti di noi tentano invano di ristabilire la propria salute ingoiando ogni giorno un mucchio di pastiglie, gli studiosi sono sempre più propensi a credere che esista un mezzo molto più efficace ed accessibile a chiunque per guarire i nostri corpi: l’acqua.

Curare il proprio corpo con l'acquaL’acqua è la sostanza fondamentale senza la quale non esisterebbe la vita sulla Terra. Da molti anni laboratori di tutto il mondo conducono esperimenti stupefacenti su come modificare la struttura dell’acqua, ed è stato quindi scoperto che proprio dalla struttura dipendono le proprietà che l’acqua trasmette in seguito all’organismo vivente. Per conoscere le peculiarità della cura con l’acqua strutturata “La Voce della Russia” (una nota emittente russa) si è rivolta alla terapeuta Anna Jakovleva che già da alcuni anni cura efficacemente i suoi pazienti con l’aiuto di questo metodo.

La struttura variabile dell’acqua è molto più importante della sua composizione chimica costante. Ciò consente di conferire all’acqua le proprietà necessarie, di volta in volta. È noto che la struttura dell’acqua cambi sotto l’effetto della musica e delle parole. Così, quando viene suonata musica classica, quando vengono pronunciate preghiere, mantra o semplicemente parole di gratitudine, le molecole dell’acqua possono curarci. Al contrario, le bestemmie, le parole che umiliano e ingiuriano l’uomo, influiscono sull’acqua in modo tale da deteriorare la salute umana.

Ecco un fatto sorprendente: l’acqua è suscettibile a ciò che pensiamo e, quel che più conta, a ciò che diciamo. In presenza di pensieri positivi e di senso di gratitudine espressi dall’uomo, l‘acqua sarebbe in grado di operare miracoli e curare persino le malattie più gravi. Non a caso i nostri antenati recitavano preghiere prima di ogni pasto, pratica in uso ancora oggi in alcune congregazioni religiose. Oltre al significato sacrale, questo rito avrebbe quindi anche un significato pratico. Non solo: bisogna anche ricordare che il nostro stesso corpo è costituito prevalentemente di acqua e che la nostra acqua “interna” reagisce ai nostri ragionamenti. La nostra salute è, in sostanza, il risultato dei nostri pensieri.

Masaru EmotoCiò è descritto dettagliatamente nel libro “I Messaggi dell’Acqua” dello scrittore e scienziato giapponese Masaru Emoto. Il libro è uscito nel 1999, suscitando subito chiassose reazioni nel mondo scientifico. Masaru Emoto dimostra che l’acqua modifica in modo determinato e preciso la propria struttura, sotto l’influsso delle diverse emozioni umane. A titolo di prova, vi sono pubblicate foto di cristalli d’acqua congelati, subito dopo essere stati sottoposti all’azione di musica classica, di parole dal significato positivo o frasi contenenti messaggi positivi, e foto di cristalli che hanno “ascoltato” hard rock o metal e parole offensive. Nel primo caso i cristalli erano bellissimi ed avevano una forma perfetta. Nel secondo caso rappresentavano frammenti rotti e non strutturati.

Racconta Anna Jakovleva:

Tre anni fa ho deciso di svolgere un piccolo esperimento con i miei pazienti, per dimostrare loro l’effetto prodotto dall’acqua strutturata sulla salute umana. All’inizio molti partecipanti erano scettici, il che, del resto, non stupisce. Per interessare più persone possibile e dimostrare che il metodo funzionava, ho deciso di realizzare un piccolo esperimento con delle piante.

Avevamo tre viole, che in quel momento erano nella fase di riposo e non fiorivano. Abbiamo cominciato ad annaffiare la prima viola con acqua “caricata” di musica classica, prevalentemente di arie di Puccini e Verdi. La seconda viola è stata annaffiata con acqua che ha “ascoltato” la cronaca criminale trasmessa in tv. La terza viola è stata irrorata con acqua normale di rubinetto. Due settimane dopo, avevamo già ottenuto i primi risultati. La prima viola era fiorita, la seconda aveva perso alcune foglie ed aveva iniziato a marcire, la terza non mostrava alcun cambiamento significativo. Un mese dopo, la seconda viola era morta, mentre la prima fioriva rigogliosamente. La terza viola invece era rimasta così come era all’inizio dell’esperimento.

Molti miei pazienti hanno avuto quindi modo di vedere con i propri occhi che l’acqua è capace di influire sugli organismi viventi, ed hanno deciso di provare su di sé tale metodica. Come risultato, la maggior parte di loro ha cominciato a sentirsi molto meglio. È possibile allora, ci si chiede, sostituire la somministrazione di farmaci con un bicchiere di acqua “viva”, ovvero strutturata? E di cosa si tratta: di un vero miracolo o di effetto placebo? Che ciascuno decida per sé in che cosa credere. Ma durante la colazione, in ogni caso, ringraziate la vostra acqua. Semplicemente per provare. Forse funzionerà.

Autrice: Alyona Rakitina

Fonte: italian.ruvr.ru

Le due facce dell’acqua:

Cristalli dell'acquaMasaru Emoto è lo scienziato giapponese che ha dimostrato la capacità dell’acqua di “memorizzare” le informazioni che riceve dall’ambiente, dando forma a cristalli diversi per ogni tipo di “messaggio”. Masaru Emoto ha quindi messo a punto una tecnica che gli ha consentito di scoprire e di ammirare i molteplici segni del linguaggio figurativo, con cui l’acqua risponde agli stimoli esterni. Attraverso tale tecnica, è possibile fotografare i cristalli ottenuti dal congelamento di acqua sottoposta alle vibrazioni, non solo di parole o brani musicali, ma anche di pensieri e stati d’animo. L’acqua sottoposta alle vibrazioni di parole e pensieri positivi, forma dei cristalli bellissimi simili a quelli della neve, l’acqua sottoposta alle vibrazioni di parole e pensieri negativi, reagisce creando strutture amorfe e prive di armonia. L’acqua è infatti in grado di registrare la vibrazione di una energia estremamente sottile, definita nella cultura giapponese “Hado”.

Hado in giapponese significa “cresta dell’onda”. Questo termine indica la vibrazione energetica estremamente sottile che è all’origine della creazione. Grazie all’incontro con il dottor Lorenzen e all’utilizzo della M.R.A. (Magnetic Resonance Analyzer), una macchina in grado di misurare l’intensità di Hado, Emoto ha potuto dimostrare che l’acqua può migliorare le condizioni fisiche delle persone. Successivamente la ricerca si è focalizzata sulle immagini dei cristalli di acqua ghiacciata, poiché il cristallo d’acqua è il segno che rende visibile l’influsso di questa sottile vibrazione, non visibile all’occhio umano, ma in grado di influenzare la materia.

L’acqua ci ascolta, memorizza sul suo nastro magnetico le vibrazioni dei nostri pensieri e delle nostre emozioni e ci risponde nel linguaggio figurativo dei suoi cristalli. Questo dialogo con l’acqua consapevolizza e porta a galla l’immagine di ciò che siamo. E’ un concetto difficile da accettare, ma in realtà questo dialogo esiste. La Terra, chiamata anche il Pianeta d’Acqua, è coperta per il 70% della sua superficie di acqua, la stessa proporzione presente in un corpo umano. La neve, che cade sulla Terra da milioni di anni, contiene cristalli simili tra loro ma diversi uno dall’altro. Ogni cristallo porta in sé un’informazione. Più precisamente, la geometria del cristallo è l’informazione stessa che si cristallizza. L’acqua, attraverso la creazione e la contemplazione dei suoi cristalli, rende possibile un dialogo con l’uomo elevando la sua consapevolezza.

Nel libro “Messaggi dall’Acqua, Volume II”, il dott. Emoto attribuisce particolare attenzione all’aspetto delle relazioni umane. Le immagini dei cristalli ivi mostrate, riflettono il risultato delle esperienze interpersonali all’interno di nuclei, quali la famiglia, la scuola e i gruppi di preghiera.

Cristalli d'acqua prima e dopo l'offerta di preghiereIn modo particolare viene trattato l’aspetto della preghiera e dell’energia che essa produce sull’acqua. L’esperienza della preghiera ha in sé le vibrazioni del sentimento e dell’emozione che accompagnano la parola. La risultante è una vibrazione sottile in grado di intervenire sulla materia modificandola. A questo proposito viene ricordato l’incantesimo provocato dall’energia della preghiera sulle sponde del lago Biwa, in Giappone. Il 25 luglio 1999, alle ore 4.30 del mattino, 350 persone si riunirono di fronte al lago inquinato, per offrire le proprie preghiere all’acqua. L’intenzione delle persone che pregavano insieme era sintonizzata su pensieri di armonia e gratitudine. Il risultato fu sbalorditivo! L’acqua prelevata dal lago inquinato prima di essere sottoposta alla vibrazione della preghiera non aveva prodotto alcun cristallo, mentre prelevata dopo la preghiera era stata in grado di produrre bellissimi cristalli per oltre sei mesi, fino a gennaio del 2000.

Il pianeta sta andando incontro ad un processo di deterioramento pressoché inevitabile. A questo proposito Emoto si è fatto promotore di un progetto che invita le persone ad inviare sentimenti di amore e gratitudine nei confronti dell’acqua che scorre in zone del mondo particolarmente a rischio. Questa sua proposta porta il nome di Progetto di Amore e Gratitudine all’Acqua…

Il dott. Emoto è convinto che la coscienza di ognuno di noi crei il nostro mondo: La vibrazione dell’amore e della gratitudine possono essere trasmesse, attraverso la nostra intenzione, ai corsi d’acqua che attraversano i paesi devastati dai conflitti e dalle guerre. Immaginiamo, ad esempio, di inviare la nostra preghiera, il nostro pensiero d’amore al fiume Giordano, sulle cui sponde vivono israeliani e palestinesi. L’acqua, informata da questa altissima vibrazione di luce, armonizzerà la terra e coloro che berranno o utilizzeranno questa acqua. Con questo gesto di preghiera all’acqua, è come se operassimo una trasfusione al pianeta, sostenendolo con la vibrazione più potente, quella dell’amore”.

Fonte: yogaesalute.blogspot.com

Intervista di Roberta Piliego al Dott. Masaru Emoto:

Bellissimo cristallo fotografato da EmotoHo avuto il privilegio e la felicità d’incontrare quel frammento di coscienza planetaria che è il dottor Masaru Emoto, lo scienziato giapponese che ha saputo dialogare con l’acqua, ponendo le basi di una nuova “ecologia spirituale” per il terzo millennio.

D) HADO, ovvero il mondo delle energie sottili riferito alla coscienza. Qual è il rapporto tra HADO e acqua?

R) “HADO è una parola giapponese con un significato ben preciso, che si riferisce ad un’energia piccola e sottile. Per il popolo giapponese HADO sta diventando popolare, in dieci anni ho venduto quindicimila libri con questa parola sempre presente nel titolo! In Giappone abbiamo un centinaio di libri con la parola HADO”.

D) Qual è stato il momento in cui ha capito che i cristalli d’acqua erano portatori di messaggi? Si è trattato d’intuizione o comprensione?

R) “Otto anni fa cominciai a scattare queste fotografie per provare una cosa che già conoscevo, e cioè che l’acqua era in grado di memorizzare le informazioni. L’osservazione dei cristalli ha reso evidente come l’acqua reagisca alle informazioni a cui viene sottoposta. Dopo anni di lavoro e una decina di migliaia di scatti fotografici, ho potuto verificare che l’acqua ha una certa tendenza. La geometria del cristallo è l’informazione stessa che si cristallizza.

D) L’informazione quindi diventa segno?

R) “Sì, certamente”.

D) Nell’intervallo tra i meno venti gradi e i meno cinque gradi, l’acqua passa dallo stato solido del cristallo a quello liquido. In questo passaggio lei ha individuato un tempo, pari a una ventina di secondi, dove si tenta, attraverso una serie di scatti fotografici, di fermare l’emanazione di quell’energia sottile chiamata HADO. Cosa accade in quei venti secondi?

R) “Intorno ai meno dieci gradi la cristallizzazione incomincia a formarsi. Il punto di cumulo è individuabile intorno ai meno cinque gradi, ma l’attività massima di emanazione dell’energia avviene a meno un grado. In quel secondo l’energia fiorisce nel cristallo che subito dopo si scioglie”.

La vibrazione dello spirito:

D) Gli esperimenti, ripetuti “a parità di condizioni”, hanno evidenziato strutture simili ma cristalli non uguali. Questa continua modificazione può essere spiegata in termini quantistici?

R) “La coscienza umana vuole evolversi, non può stare ferma; e poiché è la coscienza ad influenzare l’acqua, non è possibile parlare di parità di condizioni”.

D) A questo proposito abbiamo visto che le parole, i pensieri, le emozioni, i sentimenti e i segni informano l’acqua che memorizzandoli li ritraduce, attraverso gli innumerevoli disegni dei suoi cristalli, in linguaggio figurativo. Ma prima di tutto ciò cosa c’è?

R) “C’è lo spirito. L’acqua traduce la vibrazione dello spirito che diventata forma, geometria, informazione udibile”.

D) Dottor Emoto, esponendo l’acqua alla vibrazione di due parole, una positiva ed una negativa, lei ha ottenuto un’immagine in cui il segno della parola positiva appare come il più forte e dominante. L’immagine indica la predominanza della bellezza. Questo risultato suggerisce una serie di considerazioni. Penso al ruolo della preghiera e della meditazione, ma anche alla nostra responsabilità di uomini nel coltivare pensieri, parole e gesti.

R) “Sì, è vero. Questo processo, questa energia, può essere guidata solo dalla coscienza umana, e la responsabilità a cui lei ha fatto riferimento è estremamente importante. Se molte persone nutrono sentimenti e pensieri di amore e di gratitudine, il mondo non potrà che andare in quella direzione. Non esserne coscienti vuole dire rovinare il mondo e distruggere la vita”.

Ritrovare l’unità con il Divino:

D) Il suo lavoro induce ad un ripensamento del concetto di ecologia, suggerendo l’ipotesi di una nuova ecologia, un’ecologia spirituale per il terzo millennio che utilizza, come strumento d’intervento, l’espansione della coscienza.

R) Se io fossi Dio invierei sali minerali, 108 elementi affinché si formi il pianeta. Quindi, invierei il mio pensiero affinché si crei l’acqua come messaggero della mia intenzione. Questa intenzione, in risonanza con il pianeta e gli altri elementi, darebbe luogo al cristallo, ovvero alla matrice della mia intenzione di creare la vita. Come un legame chimico, prima occorre legare due elementi”.

“Questo primo legame formerebbe materia, forme e nuovi elementi più complessi. Ma, essendo Dio, sarei molto impegnato perché avrei molti altri bambini di cui occuparmi. Mi sarebbe necessario qualcuno che mi rappresentasse mantenendo quell’intenzione. In altre parole, avrei bisogno della razza umana la cui intenzione, all’inizio, era in risonanza e in unità con il Creatore”.

“Indubbiamente, in questo momento, c’è molto da fare. Se l’umanità riuscisse a intuire questa idea del Creatore, il mondo sarebbe armonioso. Questo fenomeno lo abbiamo chiamato cristallo, “Christus ist in allem”, che in tedesco significa Cristo è in tutto. Questa è la mia favola”.

D) Il cristallo più bello è quello ottenuto dalla reazione dell’acqua sottoposta alla vibrazione delle parole “amore e gratitudine”.

R) “Sì, assolutamente”.

D) Mi è piaciuta molto la sua rilettura della formula dell’acqua, H2O, in termini di due parti di gratitudine ed una di amore…

R) “A questo proposito voglio raccontarle una storia. Gli uomini hanno due orecchie e una bocca. Ascoltare è gratitudine, perché ascoltare significa accettare, accogliere. La bocca, invece, è amore, poiché attraverso la parola, quella vera, emana amore. Per questo esiste il concetto delle due orecchie e della bocca…ed ecco H2O”.

Tratto da REALTA’ ALTERNATIVE: http://members.xoom.virgilio.it/r_a)

Potrebbero interessarti...



Commenti

E’ possibile curarsi con l’acqua? — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Scienza di confine"

Chiaroveggenza, intuito, telepatia: l’altra dimensione dell’uomo

L'altra dimensione dell'uomo

Nominare fenomeni che esulano dall’ambito ordinario con cui siamo abituati a interagire, suscita, ancora oggi, in molte persone grande sospetto.
Quando si cerca di parlare di campo magnetico umano, di stadi diversi della coscienza, di intelligenza collettiva ed emotiva o di altri argomenti affini, inevitabilmente si finisce per essere bollati come visionari o invasati.
Sono, quindi, ancora molti gli argomenti che non ricevono una giusta attenzione e tante le scoperte nel campo della scienza che rimangono confinate nei propri ambiti. Provare a rompere questi argini, può portarci a…

Continua a leggere →

Gli scienziati trovano tracce dell’immortalità dell’anima

Stato quantico dello Spirito

Dr. Rolf Froböse
“Ancora un’altra conferma che la coscienza è il paradigma fondamentale. Sempre più il materialismo appare come una religione scientifica”. (Stephan A. Schwartz)
Alcuni fisici internazionali sono convinti che il nostro spirito abbia uno stato quantico e che il dualismo tra corpo e anima sia altrettanto reale quanto il “dualismo onda-particella” (detto anche “dualismo onda-corpuscolo”) delle particelle più piccole.
Il Dottor James G. di San Francisco, un ex collaboratore della società tedesca Max-Planck di Francoforte, ha riportato la seguente incredibile storia personale: “Ho studiato negli U.S.A., ma per alcuni semestri ho studiato chimica anche a Londra. Quando arrivai in Inghilterra

Continua a leggere →

Gli uomini non sono originari della Terra: lo sostiene uno scienziato

Origine non terrestre dell'uomo

Un ecologista statunitense, il dottor Ellis Silver, avanza un’ipotesi incredibile riguardante il genere umano.
Qualche tempo fa, una teoria piuttosto estrema sosteneva la possibilità che una specie “aliena” intelligente avesse visitato il nostro pianeta migliaia di anni fa e modificato il codice genetico umano, facendo compiere al genere “homo” un salto evolutivo che altrimenti avrebbe richiesto milioni di anni. Ora, il dottor Ellis Silver, nel suo ultimo libro “Humans are not from Earth: scientific evaluation of the evidence”, avanza un’ipotesi ancora più ardita secondo la quale gli…

Continua a leggere →

Vivere come esseri immortali

Siamo esseri immortali

di Carmen Di Muro
La chiave dell’immortalità è nella vita stessa, nella sua profondità che chiama a esistere e a gioire quotidianamente.
“Ogni anima è uno specchio vivente dell’universo”: è con queste celebri parole di G. W. Leibniz che prende forma uno degli interrogativi di fondo che appartiene inscindibilmente alla natura stessa dell’uomo e al senso dell’esistenza di ognuno.
Siamo esseri immortali che pur raggiungendo la morte fisica non avranno mai fine, ma una parte di noi continuerà a esistere infinitamente, oppure siamo destinati verso il totale annichilimento e scomparsa di tutto ciò che siamo stati?…

Continua a leggere →

Il ruolo del DNA nell’Ascensione

Il ruolo del DNA nell’Ascensione

Il 15-17 % di quel 97% del DNA umano, arrogantemente etichettato “DNA spazzatura”, avrebbe un “fine superiore” che gli scienziati stanno ancora cercando di decodificare.
Dopo migliaia di anni, durante i quali il nostro DNA è stato scollegato dalle frequenze dimensionali superiori, esso si sta finalmente liberando dai vecchi schemi bloccati della Matrix planetaria. Presto, gli esseri umani sapranno e capiranno perché il 97% del DNA umano ha uno scopo superiore, e perché la sua trasformazione ci sta portando ad risveglio che non avremmo mai potuto immaginare.

Il genoma umano è dotato di…

Continua a leggere →

Canalizzare l’energia cosmica

Canalizzare l'energia cosmica

È ormai incontestabile che esista un tipo di energia in grado di guarire e rigenerare il corpo e lo spirito. Oggi conosciamo diverse terapie che utilizzano la trasmissione di questo “fluido” attraverso le mani o, addirittura, il pensiero.
Lo spazio, secondo le scoperte dei fisici, non sembrerebbe vuoto, bensì immerso in un campo energetico dalla concentrazione estremamente elevata. Gerald Feinberg, nel 1966, fisico dell’Università della Columbia (USA), lo ha descritto come composto da particelle che si muovono più velocemente della luce. Da questa caratteristica deriva il nome…

Continua a leggere →

Il futuro “si può sentire”

Prevedere il futuro

di Giulia Belardelli
Una delle più importanti riviste americane di psicologia, pubblicherà presto il lavoro di un professore – Daryl Bem – il quale sostiene di aver dimostrato come gli eventi non ancora accaduti possano influenzare quelli presenti.
A tal riguardo, come spesso accade, la comunità scientifica è scettica e divisa. Ma qui non c’entra la palla di cristallo, né i fondi di caffè. Il futuro “si può sentire” e a dirlo non è un manipolo di finti chiaroveggenti e fattucchiere, ma un gruppo di scienziati della Cornell University di Ithaca, nello Stato di New York. Il loro…

Continua a leggere →

Cooperare: ce lo insegnano le nostre cellule

Cooperazione

Per Bruce Lipton l’evoluzione umana compie dei salti, non è un evento casuale… (contrariamente a quanto sostenuto dal culto darwinista). Lipton afferma che a periodi di stabilità seguono dei salti evolutivi, e che questi hanno a che fare, o sono la diretta conseguenza, della capacità di singole entità di unirsi in comunità. Ogni comunità si trasforma poi, essa stessa, in una nuova entità.
Il primo esempio di questo concetto, sono i batteri che hanno imparato a riunirsi in comunità e che la scienza chiama eucarioti. Dopo un periodo monocellulare, il salto successivo…

Continua a leggere →

Le nuove frontiere della parapsicologia

La-coscienza-attua-il-fenomeno

di Felice Masi
Il fenomeno “paranormale” messo a confronto con le risultanze e le conclusioni della fisica quantistica, mostra di trovare in esse una piena corrispondenza, un inquadramento, una giustificazione e una validità scientifica.
La fisica quantistica ci dice che il mondo e l’universo sono una realtà fenomenica (costituita cioè da fenomeni) e che i fenomeni, così costitutivi della realtà, sono una realtà realizzata e osservata dalla Coscienza quantica. Il fenomeno paranormale è anch’esso un fenomeno ed è anch’esso un prodotto della mente, dell’anima umana, incarnata…

Continua a leggere →

Il dio Scienza e i suoi comandamenti

Rupert Sheldrake

Rupert Sheldrake, uno degli scienziati più innovativi a livello mondiale, ci spiega perché i dogmi della scienza sono limitanti e quindi un potenziale pericolo per il futuro dell’umanità.
Il credo materialista, professato da scienziati che hanno assunto l’autorità di un nuovo sacerdozio, ha trasformato la scienza da un metodo d’indagine aperto e flessibile a un massiccio sistema di convinzioni. Sheldrake ci invita a porci con coraggio nuove domande, offrendoci al contempo la possibilità di scoperte inimmaginabili e una nuova visione del reale, e di ciò che è possibile.

I…

Continua a leggere →