Articolo in evidenza
HomeSalute ed alimentazioneMeditazione, DNA e invecchiamento

“La meditazione influenza il DNA e rallenta l’invecchiamento” questa l’affermazione della biologa Elisabeth Blackburn, premio nobel per la Medicina nel 2009.

Meditazione, DNA e invecchiamentoI nostri pensieri e la meditazione possono influenzare lo stato di salute del DNA e la velocità con cui invecchiamo. Col passare degli anni ed il susseguirsi delle moltiplicazioni cellulari, infatti, il DNA va incontro a progressivi deterioramenti e questa è una delle cause dell’invecchiamento generale del corpo. Ad affermarlo è il premio Nobel per la medicina, Elisabeth Blackburn, che insieme alla psicologa clinica Elissa Epel ed altri ricercatori, ha studiato cosa succede nel corpo di chi fa meditazione.

La Blackburn ha vinto il Nobel per la scoperta della telomerasi, un enzima che protegge il DNA dall’invecchiamento attraverso i telomeri, che sono delle specie di “cappucci protettivi” posizionati alle estremità dei cromosomi. Sono proprio i telomeri ad evitare la perdita di informazioni durante la duplicazione dei cromosomi. Col tempo, però, anche loro si deteriorano e così alcuni errori nella duplicazione del DNA sfuggono al controllo.

L’interessante scoperta della Blackburn e della Epel, indica che nelle persone abituate a meditare, l’attività della telomerasi è significativamente più alta. Si potrebbe dedurre, quindi – ma le ricercatrici vanno giustamente ancora caute – che nelle persone abituate a praticare la meditazione, i processi di protezione dall’invecchiamento siano molto più attivi.

Sono ormai numerosi gli studi scientifici che dimostrano come la meditazione abbia numerosi effetti positivi sul nostro corpo e sulla nostra vita in generale: dalla diminuzione della pressione alta, al miglioramento della depressione, fino all’aumento della vista o addirittura della materia grigia nel cervello.

Questi benefici non sono fuori dalla nostra portata. Spesso si tende invece a credere che la meditazione sia possibile solo in determinate condizioni favorevoli, come luoghi tranquilli immersi nel verde, o solo se si è liberi dagli impegni del lavoro, se non si è stanchi ecc.

Quello che lo zen e la “Mindfulzen”, la pratica zen di consapevolezza, propongono, è una nuova visione della meditazione, un nuovo modo di meditare, basato sulla psicologia cognitivista e le ultime ricerche scientifiche. Ciò che si suggeriscono è che ogni momento della nostra giornata possa essere trasformato in meditazione con tutti i relativi benefici, poiché meditare per il nostro cervello e il nostro corpo, non è necessariamente stare immobili in silenzio – anche se questa è l’immagine stereotipata che tutti abbiamo della meditazione.

Il Fulcro della meditazione è la consapevolezza che ci porta nel “Qui e Ora”, eliminando lo stress e il conflitto tra quello che siamo e quello che vorremmo essere e mettendo il corpo e la mente in un atteggiamento di tranquilla presenza mentale.

La “meditazione camminata” per una vita più lunga e consapevole

La “meditazione camminata”Il bisogno di camminare, si rivela in continuazione nella nostra vita, nulla nell’universo è fermo, e nulla nella nostra vita rimane immutato. Appena potete, andate in bicicletta o ancora meglio camminate, non pensate di abbreviare la strada che percorrete solitamente, ma al contrario nei limiti del possibile, allungatela, cambiate spesso itinerario, per esempio, per recarvi da casa all’ufficio. Cambiare percorso vi costringerà ad una maggiore attenzione, osservazione, svilupperà una maggior consapevolezza del tempo e delle persone nuove che incontrerete. Allungare la strada non è perdere tempo, ma al contrario, è guadagnare nuove possibilità e conoscenza della vita.

Mentre camminate respirate lentamente e mantenete l’attenzione concentrata sul respiro, osservando le persone attorno a voi respirate, una vetrina respirate, la strada respirate. Mantenete sempre l’attenzione sul vostro respiro e lo sguardo rivolto a tutto quello che incontrate, non bisogna essere assenti o assorti nei pensieri, ma “presenti nel qui e ora”. Dopo qualche minuto, sentirete il vostro intero corpo che respira e lo sentirete camminare, mentre solitamente noi non siamo consapevoli del corpo che si muove, perché muoversi è un automatismo.

Con questa meditazione consapevole i nostri Propriocettori, i centri del sistema nervoso responsabili della consapevolezza del movimento, si attiveranno e noi “ci sentiremo camminare” come non ci è mai successo. Diverremo consapevoli dei nostri piedi che si muovono, delle nostre gambe che ci portano da una parte all’altra della vita, della nostra testa che si orienta nella strada, sarà come scoprire il nostro corpo per la prima volta nella vita, sentiremo persino i nostri pensieri che nascono dal nostro corpo.

Sentiremo la sensazione del corpo che si rilassa e si muove in armonia con tutto quello che lo circonda, le tensioni si allenteranno e ci sembrerà di camminare sulle nuvole, ma perfettamente presenti, senza rischiare di finire sotto una macchina. Stiamo provando la “meditazione camminata”, una delle meditazioni più antiche: il risultato è che ci sentiremo immersi nella vita e non più spettatori. L’ansia si calmerà e il nostro DNA sorriderà

Camminate… camminate… camminate… il più possibile consapevolmente.

Tratto da scienzaeconoscenza.it – La redazione – 12/12/2014

Fonte: www.scienzaeconoscenza.it/articolo/meditazione-fa-vivere-di-piu-in-salute.php

Potrebbero interessarti...



Commenti

Meditazione, DNA e invecchiamento — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Salute ed alimentazione"

Hunza

Hunza

Gli Hunza, la popolazione più longeva del mondo.
Il popolo degli “Hunza” è considerato il più longevo al mondo. Non solo vivono in media 130-140 anni, ma non conoscono neppure le nostre tanto temute patologie degenerative, il cancro, le malattie del sistema nervoso, ecc. Vivono al confine nord del Pakistan, all’interno di una valle sulla catena Himalayana e sono la popolazione, in assoluto, più longeva della Terra.

La nostra èlite medica si vanta di tenere in vita i nostri anziani fino agli 80 anni e oltre. Ebbene, gli Hunza, senza ricorrere ai prodigi della nostra scienza medica,…

Continua a leggere →

La salute senza medicine

Curarsi con l'igienismo

di Daniele Bricchi
Prevenire e curare le malattie: con l’igiene naturale è possibile
L’uomo primitivo mangiava semplicemente. Gli animali allo stato brado consumano una o due sole varietà di cibo per pasto. E’ stato osservato che gli uccelli mangiano insetti in un’ora della giornata e semi in un’altra. L’uomo civile dispone di una grande varietà di alimenti nello stesso pasto, illudendosi di mangiare bene. Gli enzimi dell’apparato digerente umano, hanno limiti ben definiti; mangiando in modo da oltrepassare questi limiti, si incorre in disturbi digestivi.

Associando…

Continua a leggere →

Stevia: una piccola pianta contro l’industria dello zucchero

Stevia: una piccola pianta contro l’industria dello zucchero

di Corinne Smith
Originaria del Paraguay, la “Stevia rebaudiana Bertoni” presenta delle foglie che hanno un potere dolcificante quaranta volte superiore a quello dello zucchero.
La “stevioside” estratta dalla pianta è, a sua volta, trecento volte più dolcificante! La Stevia è attualmente utilizzata come edulcorante in Giappone, in America latina, in Cina, e come complemento alimentare negli Stati Uniti ma è… proibita in Europa.

Un’alternativa allo zucchero, ai dolcificanti di sintesi… e agli industriali del settore?

La “Stevia rebaudiana Bertoni” fa parte della famiglia delle…

Continua a leggere →

Quella droga chiamata rabbia

Avere pensieri negativi

di Paolo Marrone
Siamo portati a pensare che il problema della dipendenza da sostanze chimiche non ci riguardi affatto. In fondo facciamo una vita regolare e sana, molti di noi fanno anche sport, non facciamo uso di droghe, e non beviamo alcolici o quasi… insomma crediamo di essere del tutto estranei a questo problema.
Non è così. Ognuno di noi è dipendente da diverse sostanze chimiche e anche se tale affermazione può sembrarvi strana, risponde a verità.

La dipendenza infatti non riguarda solo le sostanze chimiche immesse nel corpo dall’esterno, come droghe o alcool; quella di…

Continua a leggere →

Dieta vegan: vantaggi “extra” per la salute

Insalatona vegan

La dieta vegana ha risvolti altruistici: per gli animali, per il pianeta, per i popoli più poveri. Però… la cosa bella è, che come “effetto collaterale”, questa scelta ci porta anche notevoli vantaggi per la salute!
Anzi, ci sono persone che magari non hanno ancora approfondito gli aspetti etici – e quindi altruistici – per compiere questa scelta, ma decidono di passare a un’alimentazione totalmente vegetale soltanto per risolvere alcuni problemi di salute, oppure per prevenire problemi futuri.

Quali problemi, in particolare? Quelli creati dalle malattie “croniche” o…

Continua a leggere →

Endorfine naturali per stare meglio

Stimolare le endorfine naturali

di Marta Albè
E’ possibile stimolare naturalmente le nostre endorfine?
La produzione di endorfine nel nostro organismo può dar luogo ad una piacevole sensazione di benessere. Le endorfine inoltre aiutano ad alleviare il dolore. Queste sostanze fanno parte di antichi meccanismi di sopravvivenza, che ci permettono di continuare a lottare anche quando siamo sotto stress.

Cosa sono dunque le endorfine? Le endorfine sono delle sostanze prodotte dal cervello nel lobo anteriore dell’ipofisi e classificate come neurotrasmettitori. Hanno proprietà analgesiche che le rendono più potenti…

Continua a leggere →

La frequenza vibrazionale degli alimenti

Radiazioni di un organismo sano

La moderna dietologia si basa sul calcolo delle calorie degli alimenti, senza prendere in considerazione la frequenza vibrazionale emessa dagli stessi, che costituisce invece un fattore di fondamentale importanza.
In questo modo ci troviamo ad assumere spesso alimenti morti, il cosiddetto cibo spazzatura, ricco di calorie ma povero di ogni informazione utile per la vita. André Simoneton, ingegnere elettronico francese, dimostrò nella prima metà del ‘900, che le radiazioni emesse da un organismo sano si aggirano sui 6500 Angstroms (esattamente tra 6250 e 7000), mentre sono più basse…

Continua a leggere →

Cibo cotto… cibo morto

La cottura dei cibi

La cottura distrugge le proprietà curative dei cibi, sviluppando leucocitosi.
La leucocitosi è un fenomeno dovuto all’aumento di globuli bianchi nel sangue. Esiste una diretta correlazione tra aumento di globuli bianchi e stato di infezione di un organismo, come esiste una diretta correlazione tra ingestione di cibi cotti ed aumento dei globuli bianchi. La cottura dei cibi risulta essere la causa più rilevante dell’insorgere di malattie umane. Che il cibo cotto sia un alimento morto viene dimostrato dal fatto che un seme cotto non germina più, un uovo di gallina fecondato, se cotto,…

Continua a leggere →

Meditare fa bene

Meditare

Rinforza il sistema immunitario, previene le malattie, combatte la depressione e attiva il cervello.
La pratica della meditazione promette di allungare la vita umana e modificare i geni responsabili di molte malattie. Ad essere sotto esame oggi, sono i benefici molto “terreni” che si possono ottenere con l’antica pratica della meditazione. Lo dimostra, innanzitutto, uno studio realizzato dall’Università di San Francisco, che mette d’accordo scienza e tradizione, visto che può contare sull’endorsement del “Dalai Lama” e di “Elisabeth Blackburn”, premio Nobel per la medicina nel…

Continua a leggere →

I rischi del mangiar carne

Mangiatori di carne

Dottor George Clements
La carne è stata a lungo sospettata di essere un cibo inadatto per l’uomo. Un’ampia esperienza sta ora provando che il sospetto è più che fondato.
Gli uomini un tempo credevano che la carne fosse necessaria per produrre sangue. Da tempo è noto che la frutta fresca, le bacche e le verdure riforniscono il corpo di nutrienti migliori (assolutamente essenziali), di quelli che danno le tanto famigerate quanto pessime bistecche.

Il brodo di manzo è stato a lungo considerato un valido tonico e stimolante, quasi indispensabile per i malati deboli. Ora è noto che è…

Continua a leggere →