Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaCICAP… se li conosci li eviti!

di Niccolò Talenti

È ormai da qualche anno (diciamo da quando mi occupo di controinformazione, che poi in tanti casi è l’unica informazione possibile), che non appena tocco un qualsiasi argomento “interessante” perché ancora da esplorare e da interpretare, mi imbatto in qualche “esperto” del CICAP.

CICAPSto parlando di tematiche comunemente (e spesso erroneamente) chiamate come “teorie del complotto”. Comincio dicendo che secondo me, l’utilizzo stesso dell’espressione “teorie del complotto” è fuorviante. Non ho mai avuto una chiara idea di come mai teorie e tesi alternative a quelle “ufficiali” vengano messe tutte insieme nello stesso calderone: insomma, uno che crede che la versione ufficiale degli attentati delle Torri Gemelle presenti molte incongruenze, per quale motivo deve essere messo dentro lo stesso gruppo di un “ufologo”? Che nesso hanno le due cose? Ecco per quale motivo mi fa storcere il naso l’espressione vaga “teorie del complotto”: ci sono le teorie valide e poi ci sono le panzane. Non bisogna buttare entrambe le categorie in un solo pentolone, il rischio è quello di non ragionare più con la propria testa, ma con quella degli altri.

Cos’è il CICAP?

Il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale) è un’organizzazione italiana no-profit fondata nel 1989, che si pone come obiettivi la divulgazione del metodo scientifico e la spiegazione razionale dei cosiddetti fenomeni paranormali. Tra i soci fondatori spicca Piero Angela, il famosissimo divulgatore televisivo italiano.

Cominciamo dai meriti (innegabili) del CICAP: i loro interventi e le loro inchieste hanno sicuramente salvato delle persone che rischiavano di cadere vittime di truffe (ad esempio, di sedicenti maghi, indovini, etc.) portando avanti campagne socialmente utili, per evitare che questi raggiri potessero perpetrarsi ancora. Fin qui tutto bene. Ma veniamo ora alle critiche (altrettanto innegabili) che dobbiamo fare a questi signori.

Il metodo

Mi dispiace, ma l’atteggiamento ultra-conservatore (quasi integralista) contro qualsiasi novità non è un atteggiamento scientifico. Esempio? L’omeopatia. Proprio sull’omeopatia sembra arenarsi spesso il CICAP; non a caso: pare che il drammatico calo di consensi e di soci (e quindi di entrate), siano in gran parte dovuti a questo atteggiamento di rifiuto anacronistico di ogni teoria alternativa (culminato con una brutta copia del “suicidio omeopatico” promosso dagli scettici inglesi).

CICAP eterno riposoQueste “posizioni medievali” non sono certo ben viste, neanche dalle comunità scientifiche. Non a caso, quando il CICAP ha promosso una campagna per raccogliere 500 nuove associazioni per salvarsi dalla chiusura (quasi inevitabile), quanti “grandi scienziati” hanno sentito il bisogno di soccorrere questi prodi guerrieri della scienza? Zero. Neanche uno. E non riusciranno neanche a fare 500 soci in un anno. Il che è tutto dire.

Questo atteggiamento di rifiuto, è infatti diametralmente opposto all’atteggiamento che dovrebbe tenere uno scienziato. La scienza avanza, non conserva. Non si ferma, ma procede. Si evolve. Ergo, fatti e fenomeni che oggi parrebbero assurdi e inspiegabili, in futuro potrebbero essere accompagnati da nuove scoperte scientifiche. Certo, non con l’atteggiamento chiuso e retrogrado del CICAP.

Lo scienziato deve sempre avere la mente aperta a nuove scoperte, anche se dovesse significare mettere in dubbio le passate certezze. Insomma, questi del CICAP sembrano più “talebani della scienza”, che scienziati o ricercatori. Se tutti gli scienziati avessero avuto le posizioni di Piero Angela (un “uomo di scienza” nuclearista contro l’energia eolica?) e del CICAP, saremmo ancora all’età della pietra.

I temi

Le tematiche che toccano spesso, al contrario di quello che il loro nome lascerebbe intendere, non sono affatto paranormali. I cerchi nel grano sono fenomeni paranormali? No. L’assassinio di J.F. Kennedy a Dallas è un fenomeno paranormale? No. Il crollo delle Twin Towers l’11 settembre è un fenomeno paranormale? No. La morte di Lady Diana è un fenomeno paranormale? No.

Cos’è un fenomeno paranormale, innanzitutto? Un fenomeno paranormale è un evento che risulta contrario alle leggi della fisica e agli assunti scientifici. Cosa dovrebbe fare a questo punto il CICAP, se fosse composto da persone serie? Indagare! Spiegare cosa c’è di strano e, se il fenomeno è spiegabile scientificamente, dire perché. Se non lo fosse, la scienza deve saper ammettere che non riesce a trovare spiegazione a questo dato fenomeno. Cosa fa invece il CICAP? A priori, dice: “questo non è possibile”. Ed ecco che il gioco è fatto.

Ma ciò che fa il CICAP è ancora più grave. Il CICAP, infatti, “smascherando” maghi e impostori, assume una credibilità “a basso costo” (“Avete visto? Hanno scoperto il mago che ingannava la gente?”) per poi sfruttare strumentalmente questa credibilità, mettendo dentro un unico calderone assieme a maghi e buffoni ambulanti, anche questioni che il Sistema non vuole che vengano messe in discussione: vedi 11 settembre, Dallas e così via.

Quello che il CICAP sembra fare, quindi, non è smascherare bufale paranormali: l’obiettivo è sbufalare (in malo modo e in malafede) tematiche molto più delicate (come l’11 Settembre), per indurre la gente a credere (senza porsi domande) alle cosiddette “versioni ufficiali”. Certo, ci vuole una bella faccia tosta. Specialmente in Italia, il paese delle stragi di Stato, Ustica, le trattative Stato-Mafia, eccetera, eccetera, eccetera.

I membri

Membri del CICAPAnche i membri che compongono questo gruppo di “scienziati” (a questo punto le virgolette diventano obbligatorie), rappresentano un problema riguardo alla credibilità dell’organizzazione stessa. Tra i membri più attivi nell’arte dello “sbufalare” troviamo un certo Paolo Attivissimo.

Ecco alcune profonde convinzioni di Paolo Attivissimo (che non si sa per quale motivo stia nel CICAP, dato che si occupa di tutto, tranne che del paranormale): l’11 Settembre, due aerei che hanno causato incendi minori hanno buttato giù i grattacieli più alti degli Stati Uniti; i telefoni cellulari funzionano alla grande su aerei a oltre 10000 metri di altezza; dietro agli attentati delle Torri Gemelle non c’era nessuno nel governo americano che sapeva qualcosa (Michael Moore quindi? Tutte sciocchezze?); Osama Bin Laden è l’organizzatore dell’attentato, pur non avendolo mai rivendicato, ed è morto per mano dei soldati americani che hanno pensato bene di mettere una foto falsa sui giornali, buttando le ceneri del corpo in mare; non è mai successo che un governo abbia causato la morte di suoi concittadini (memorabile la sbiancata che Paolo Attivissimo si è preso davanti ad un testimone oculare di Ustica); Kennedy è stato ucciso dal magazzino di libri da cui non si vedeva manco la strada; il signoraggio bancario non esiste e… va benissimo che un ente privato stampi moneta al posto dello Stato; il Papa ha ragione sempre e comunque, guai a chi mette in dubbio l’esistenza di Dio (questo è un tipico atteggiamento scientifico, vero?); attenti a quei cattivoni in stile Alex Zanotelli che vi terrorizzano sul tema dell’acqua pubblica; non esistono cosmetici e rossetti contenenti sostanze nocive; il Papa non ha mai detto niente di maschilista, casomai sbagliano le agenzie di stampa a riportare frasi contro le donne a lui attribuite; la verità la so solo io.

Potrei andare avanti, ma tanto per dare un’idea, questo è Paolo Attivissimo, questo è il vero volto del CICAP, questo è il vero volto di Piero Angela (come dimenticarsi la sua scandalosa puntata sul “complottismo” e l’altrettanto scandalosa puntata sull’energia nucleare?). Tra gli altri membri troviamo un elemento che molti di noi conoscono bene, brillante medico, ma ancor più brillante imprenditore, scaltro politico e furbo uomo d’affari: Umberto Veronesi.

Veronesi, pur essendo un grande scienziato (peraltro in attrito con molti dei temi del CICAP stesso, come l’abolizione della sperimentazione animale e la legalizzazione della canapa) è anche quello della triste affermazione “Quanti danni provocano gli inceneritori alla salute umana? Zero”. Veronesi è quello che si dice a favore delle centrali nucleari. Veronesi è quello che è senatore nelle file del Partito (anti)Democratico. Se a causa di interessi economici personali, viene meno l’onestà intellettuale e l’evidenza scientifica, è una brutta cosa. Poi, altri membri del CICAP? Sim Sala Bim: Aldo Savoldello, alias Mago Silvan (non ho parole).

Conclusioni

Per tirare le conclusioni, vorrei proporre un mio personale punto di vista sul CICAP: il modo in cui provano a guadagnarsi una credibilità, è profondamente disonesto. Non ci vogliono scienziati per dire alla gente di non fidarsi di maghi e truffatori, basta un comitato di persone oneste e una corretta informazione.

Il tentativo di guadagnarsi con poco sforzo una credibilità a livello pubblico è riprovevole. Utilizzare poi la credibilità ottenuta, per affermare la propria visione riguardo un certo argomento, spacciandola per certezza scientifica, è ancora peggio.

Parlando dell’11 Settembre: ci sono oltre 2000 architetti nel mondo che affermano che il crollo delle torri e altri episodi riportati nella versione “ufficiale” non quadrano; ci sono i familiari delle vittime che chiedono verità perché non si bevono la versione “ufficiale” dei fatti. Un atteggiamento veramente scientifico, suggerirebbe di rifare delle indagini accurate e realmente indipendenti, e poi di rivalutare la faccenda. Le follie di Paolo Attivissimo sull’attentato delle Torri Gemelle, sono un’offesa all’intelligenza umana, nonché una tematica fortemente al di fuori del reparto “paranormale”, a cui dovrebbero attenersi questi signori del CICAP, stando al nome che loro stessi si sono dati.

Che dire, tutta questa storia, oltre all’avermi fatto conoscere meglio questi disinformatori di professione, mi ha anche dato una percezione più esatta di chi è il Sig. Piero Angela: un ultra-conservatore dalla dubbia onestà intellettuale, un buon divulgatore (buono, ma niente di più), una persona che dovrebbe avere il buon gusto di tacere su quello che non gli compete.

Comunque tanto vale non scaldarsi: questi talebani della scienza vedranno presto la loro fine, ormai non li ascolta più nessuno. Falliranno e potranno essere felici di gingillarsi con i loro dogmi, mentre la Scienza (quella vera) andrà avanti.

“L’immaginazione è più importante della conoscenza” (A. Einstein)

Articolo di Niccolò Talenti

Fonte: http://www.peggiopalaiablog.it/2013/08/cicap-se-li-conosci-li-eviti.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

CICAP… se li conosci li eviti! — 2 commenti

  1. Bellissimo articolo,complimenti all’autore,a chi lo divulga e chi si prende il tempo di leggere e ragionare. Condivisibile in toto ; del resto non potevano durare ancora molto nella loro messinscena al servizio dei loro padroni volontariamente , nonstante gli ampi spazi loro concessi e membri “illustri” in prima linea hanno perso di credibilità in talmente tante occasioni che iniziavano ad essere imbarazzanti anche per loro stessi ; per poi tentare di salvare la faccia man mano che tante verità non erano più eludibili.A sempre più gente “comune” non interessa più giocare a fare i creduloni , ma neppure sentir negare ciò che ormai si percepisce con tutti i sensi , anno dopo anno ,esempi che si moltiplicano e vengono sistematicamente sepolti se non derisi.Autogol . signori spacciatori di sapienza superiore ;troppa roba da tenere controllata , troppa gente che non ci sta e preferisce aprire gli occhi propri

  2. Mi sono fatta una bella risata vedendo i membri del Cicap, un prestigiatore, un comico e una che non so chi sia ma assomiglia alla Toffa delle Iene.
    Di sicuro di serio c’è ben poco e comunque uno sano di mente che ha davvero delle facoltà, non ci andrebbe mai in un centro come il CIcap manco se gli dessero molti soldi manco fosse un povero sotto un ponte, chiunque andrebbe dopo verrebbe perseguitato da analisi su analisi se non peggio per capire come fa.
    Loro parlano sempre di cose false ma ora ci crederò manco sotto zero per i ciarlatani che ci sono al Cicap. Sono persone indegne della spiritualità e di quei femonemi inonsueti o che spesso sono incomprensibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

Le ideologie organizzate e la manipolazione delle masse

Contollo-delle-masse

Karl Marx diceva che la religione organizzata era l’oppio dei popoli. Marx non teneva però conto del ruolo che potevano avere le ideologie organizzate, che si potrebbe ben dire che fungono come “eroina” per i popoli. La fine dell’Ottocento e soprattutto tutto il Novecento sono stati il periodo d’oro delle ideologie organizzate, periodi segnati da guerre, genocidi e violenza perpetrati nel nome dell’ideologia, o meglio giustificati con essa.
Il problema non è tanto l’ideologia in sé come non lo è la religione, ma l’uso strumentale che ne viene fatto e il dogmatismo assolutista,…

Continua a leggere →

Piramidi emergono dai ghiacci dell’Antartide

Avvicinamento-alla-piramide-in-Antartide

In Antartide, a causa dello scioglimento dei ghiacci, sono state scoperte da un team di scienziati statunitensi ed europei, tre antiche piramidi.
Due sono state scoperte nell’entroterra, a circa 16 chilometri dalla costa, mentre la terza si trova proprio in prossimità della costa. Le prime informazioni riguardo a queste piramidi, sono apparse sui media occidentali lo scorso anno. Alcune immagini sono state pubblicate, e sembrano comprovare che questo continente di ghiaccio, una volta fosse abbastanza caldo da ospitare una civiltà avanzata in grado di costruire monumenti grandi…

Continua a leggere →

La paura altera il DNA

La vera manipolazione genetica nell’uomo, avviene tramite paure e timori protratti nel tempo: la paura di vivere o di morire, la paura di non avere soldi sufficienti, la paura della “punizione” divina, la paura di non essere in grado di affrontare la vita, o di essere traditi, la paura che impedisce di amare, di avere fiducia...

di “Babaji Francesco Isha Atmananda”
L’uomo, con le sue paure, si è auto-manipolato geneticamente.
La vera manipolazione genetica nell’uomo, avviene tramite paure e timori protratti nel tempo: la paura di vivere o di morire, la paura di non avere soldi sufficienti, la paura della “punizione” divina, la paura di non essere in grado di affrontare la vita, o di essere traditi, la paura che impedisce di amare, di avere fiducia… la paura di perdere qualcosa o qualcuno. Ogni tipo di timore e di paura, se protratto nel tempo, va a modificare geneticamente il DNA dell’uomo, dopo aver…

Continua a leggere →

Come smantellare, punto per punto, la retorica immigrazionista

Immigrazione

di Lorenzo Fernetti
E’ in atto una trasformazione epocale, in cui la nostra società così come l’abbiamo conosciuta finora, potrebbe presto scomparire grazie ad una globalizzazione che sta proseguendo spedita, assieme all’attacco finale contro gli stati nazionali.
Essi sono per definizione costituiti da popolo, territorio e sovranità, tre elementi ormai in via di profonda modificazione, se non di estinzione. Una sovranità ormai completamente sostituita da un virulento potere finanziario, da interessi stranieri e da istituzioni sovranazionali spesso non elette da nessuno. Un…

Continua a leggere →

Quando la distrazione diventa un’abitudine

Distrazione e iperconnettività

Quando la distrazione diventa un’abitudine, un modo di essere, ti ruba e ti appiattisce la vita, ti trasporta in quel limbo dove tutto sembra frenetico, pieno di impegni, di cose da fare, ma dove in realtà non succede nulla… è solo del tempo che vola via.
Soprattutto da quando esiste il mondo di internet, degli smartphone, delle notifiche, tutti abbiamo ormai dimenticato cosa significhi essere davvero concentrati, focalizzati completamente in un’attività di valore, riuscire finalmente a realizzare qualcosa di importante nella nostra vita.

Purtroppo concentrazione e distrazione…

Continua a leggere →

Se riesci a ridere di te stesso… va tutto bene

Ridere

di Osho
Se riesci a ridere di te stesso, va tutto bene. La gente ride degli altri, ma mai di se stessa. È una cosa da imparare.
Se puoi ridere di te stesso, la serietà se n’è già andata. Non le lasci alcuno spazio se riesci a ridere di te stesso. Nei monasteri Zen, tutti i monaci devono ridere. La prima cosa che si fa al mattino è ridere, la primissima cosa. Non appena il monaco si accorge che non sta più dormendo, deve saltar giù dal letto, assumere un atteggiamento buffo – come un pagliaccio da circo – e cominciare a ridere, a ridere di se stesso. Non c’è modo migliore per…

Continua a leggere →

La categorizzazione sociale come strategia di sopravvivenza

di Raffaella Addato
C’era un tempo in cui l’individuo e la sua identità erano privati di ogni forma di autonomia, minacciati dal peso incombente della collettività di cui si era parte.
Un individuo, di cui emergeva esclusivamente la sfera pubblica, a cui non era consentito percepire bisogni esclusivi e differenti rispetto all’aggregato di cui faceva parte. Un soggetto che neppure poteva essere definitivo tale, privo di identità, a cui era richiesto un adattamento ed una assimilazione totali al gruppo sociale di appartenenza.

Con il tempo, con l’affermazione…

Continua a leggere →

E’ possibile smettere di lavorare?

E’ possibile smettere di lavorare?

di Davide Ragozzini
Questo è un tempo che impone cambiamenti radicali del pensiero, del costume, delle abitudini.
E’ un tempo che impone lo sviluppo di capacità che ci consentano di avere una visione allargata, quanto meno in termini di possibilità, dell’universo e della sua multidimensionalità, e delle nostre latenti possibilità intellettive e spirituali. È il tempo che impone una rivisitazione degli schemi sociali, economici, ma soprattutto è il tempo in cui urge la nascita di una potente pretesa della nostra libertà.

L’evoluzione, nella sua manifestazione, contraddistingue…

Continua a leggere →

Falsi e Bugiardi

ben kingsley - the love guru

di Parsifal A. Drake
Il fenomeno della manipolazione può avvenire su diversi piani dell’individuo. Anche sul piano della spiritualità e della ricerca interiore, è molto attiva e numerosa la schiera dei manipolatori di professione. Diviene quindi necessario restare in guardia, così da essere in grado di riconoscere tempestivamente i tentativi di manipolazione perpetrati ai nostri danni.
Costoro hanno un modo d’agire spropositato che segue le linee guida delle sette. Tutto ciò, per quanto possa puzzare di vecchio e apparentemente morto, è in realtà più vivo che mai…

Continua a leggere →

Efeso e il mistero della tomba di Maria

Meryem Ana Evi

Sulle colline che circondano Efeso, straordinario centro dell’antichità e una delle più grandi città ioniche in Anatolia, esiste la Meryem Ana Evi, ovvero la Casa di Maria, considerata l’ultima dimora della Madre di Gesù Cristo. Anche a Gerusalemme, tuttavia, nella Valle di Giosafat, un santuario sotterraneo accoglie il luogo dove si suppone che i discepoli abbiano sepolto la Madonna.
Ad Efeso, quando si arriva sul posto, una lunga fila di pellegrini anticipa l’arrivo alla casa di Maria, una piccola costruzione posta tra i boschi, che ormai ricorda una piccola chiesa. A convalidare il…

Continua a leggere →