Articolo in evidenza
HomeVerità nascosteI Voladores

di Chiara Croce

“Gli sciamani dell’antico Messico scoprirono che abbiamo un compagno che resta con noi per tutta la vita, un predatore che emerge dalle profondità del cosmo e assume il dominio della nostra vita, cibandosi della nostra energia”.

Carlos CastanedaQuesta frase detta da Carlos Castaneda a una conferenza tenuta a Santa Monica nel 1993, mi ha fatto capire tante cose sull’infelicità umana. Per chi non lo sapesse, secondo gli sciamani Toltechi, gente che la sapeva lunga, ognuno di noi ha il suo Volador, una specie di “zeccone energetico” che ci assale quando siamo piccini e si nutre della nostra energia vitale fino al giorno della nostra morte.

In pratica succede così: tu sei un bambino molto piccolo e sei il fortunato possessore di un uovo di energia pura e splendente. Sei aperto a persone ed esperienze, vivi nel “qui e ora”, ti entusiasmi per ogni piccola cosa, non hai paura di niente che non sia una reale minaccia, non sai cosa sia il giudizio e non hai altri bisogni se non quelli primari di nutrimento, riparo e amore. Sei felice con quello che hai e non ti tormenti con pensieri negativi. Praticamente senza sforzo alcuno sei una persona realizzata, un Buddha, uno che della vita ha già capito tutto quello che c’è da capire.

Poi però accade qualcosa. I tuoi genitori, la scuola, gli amici, la società, cominciano a “educarti”, ovvero a insegnarti a essere infelice. Con pazienza e determinazione ti insegnano a dubitare di te stesso, a sentirti sbagliato, sporco, incapace, incompleto, stupido, cattivo, peccatore. Ti insegnano a diffidare e a giudicare il tuo prossimo. Ti insegnano che quello che hai non è mai abbastanza, e a volere sempre di più. Ti insegnano che quello che sei non è mai abbastanza e che si può SEMPRE migliorarsi (ovvero che non andrai MAI bene come sei). Ti insegnano a non desiderare ciò che è naturale, come ad esempio il sesso, la giustizia e la condivisione e a desiderare cose inutili e dannose come le cose, i soldi e il potere. Ti insegnano che il prossimo può essere un pericolo e un ostacolo al raggiungimento dei TUOI scopi e che per questo va combattuto, dominato e tenuto a distanza.

Finché finalmente sei socializzato e ti bevi la cavolata che la vita è sofferenza. E l’uovo di energia splendente che ti circondava diventa, secondo gli sciamani che queste cose le vedono con gli occhi, una misera pozzanghera di luce fioca che ti copre a malapena i piedi e ti nutre quel tanto che basta per tirare avanti fino al giorno della tua dipartita.

Ormai è da tempo che mi domando il motivo di tutto ciò. Perché tutti noi esseri umani, senza eccezione alcuna, a parte rari esempi che nella storia si contano sulla punta delle dita, quali Gesù, Buddha, il Dalai Lama, Nelson Mandela, San Francesco, Madre Teresa e pochi altri, facciamo questo a noi stessi e ai nostri figli?

Come dice Mauro Scardovelli, i gatti non lo fanno. I gatti non hanno ansie, rimpianti e sensi di colpa, non insegnano ai loro figli che fare l’amore è peccato, non giudicano gli altri gatti stronzi, sfigati, perdenti o ciccioni. Al massimo gli danno una graffiata se cercano di mangiargli i croccantini o rubargli una bella gattina, ma dopo, amici come prima.

Noi invece ci facciamo la guerra da un paese all’altro (pezzi di terra su cui abbiamo tracciato linee immaginarie per le quali siamo pronti a morire), ci massacriamo per convincerci a vicenda che il nostro dio (un signore inventato che vive in cielo che nessuno ha mai visto) è migliore di un altro, e ci scagliamo contro i nostri fratelli per i motivi più impensati: perché parcheggiano male, perché tengono a una squadra di calcio diversa dalla nostra, o perché fuggono da una zona di guerra e osano chiederci ospitalità nel “nostro” paese.

Ma nostro di chi, che tra 100 anni saremo tutti, ma proprio tutti, morti? Eppure tutti lo sappiamo bene che la più grande felicità la proviamo quando amiamo. Tutti. E allora perché non riusciamo a liberarci dei pensieri che ci fanno soffrire e sostituirli con pensieri di accettazione, amore e fratellanza?

VoladoresQuando ho letto dei Voladores mi è balenata una possibile spiegazione. Secondo ciò che dice Castaneda, questi esseri astutissimi e molto evoluti che vengono dallo spazio profondo, si nutrono della nostra energia e in particolare dell’energia che ha una qualità egoica. Avidità, rabbia, prevaricazione, vittoria, sete di potere, lussuria, disperazione, invidia, risentimento, disprezzo, eccessi di ogni tipo. Queste sono le cose che i Voladores prediligono. Pare invece che l’amore, la generosità, l’empatia, la comprensione, la pace e la serenità gli facciano schifo. Gli lasciano l’amaro in bocca, come carciofi andati a male. E siccome questi parassitoni spaziali sono dei tipi dall’appetito robusto, si sono inventati un modo intelligentissimo di provocare in noi le emozioni con cui gli piace far merenda: CI HANNO DATO LA LORO MENTE!

Quando siamo piccolini e le nostre madri, i nostri padri, i nostri amici, i nostri maestri, ci criticano, ci umiliano, ci deridono, ci insultano, ci sgridano per “aiutarci a migliorare”, per “insegnarci a vivere” per “educarci”, non sono in sé. Sono schiavi del Volador, che ci porta a manipolare e distruggere la volontà, l’autostima e l’essenza dei nostri figli, perché si consegnino inermi al loro Volador personale.

Tutti quei pensieri che ci fanno soffrire, che ci fanno sentire separati, ostili a noi stessi e agli altri, che ci fanno paura, che ci fanno desiderare cose che non avremo mai, che ci fanno pensare che dovremmo e potremmo essere diversi, che meritiamo di meglio, che la vita fa schifo, che siamo brutti grassi e stupidi, che sbagliamo troppo spesso, che i musulmani sono delle bestie, che le donne non sanno guidare, che i soldi danno la felicità, che il Milan quest’anno fa schifo, che gli uomini sono dei traditori e le donne delle zoccole, che i politici sono dei ladri, che la terra sta per collassare, che mia madre è una stronza ma mia suocera di più, che senza un armadio pieno di vestiti di marca non posso essere felice, che il mio telefonino è più importante di qualsiasi persona sia accanto a me, che il mio valore si misura dai like che mi danno su Facebook e chi più ne ha più ne metta, perché ogni Volador conosce il suo umano e trova il modo di instillargli i pensieri peggiori più adatti a suscitare in lui le reazioni volute; tutti questi pensieri che noi crediamo di produrre con il nostro cervello e a cui crediamo come se fossero la Bibbia, sono tutte MENZOGNE.

Te ne accorgi quando cominci a esercitare la consapevolezza. Mediti, ti osservi dal di fuori, guardi i pensieri che passano e ti accorgi che tu non sei quei pensieri. Te ne accorgi quando cominci a togliere attenzione a quei pensieri (e alla sofferenza che provocano), e a darla a pensieri di accettazione, amore, tolleranza, comprensione, che ti fanno stare bene veramente (non come comprarsi un paio di scarpe, fare una battuta cattiva o vincere una partita di calcio, che sono piaceri che durano un secondo e che non ti bastano mai) e che sono i tuoi veri pensieri.

Perché, grazie al cielo, anche noi abbiamo una mente, anche se per il 99% del tempo viene oscurata e zittita da quella del Volador. Una mente sana e intelligente, che sa che quello che davvero va bene per noi è SOLO ciò che va bene anche per il resto dell’umanità, per la nostra madre terra e per tutte le creature viventi e non, che popolano il nostro mondo (esclusi i Voladores). Quella mente che emerge e prende forza quando riusciamo a zittire il dialogo interiore, quel continuo “blah, blah, blah…” che ci accompagna da così tanto tempo che ci siamo identificati con esso.

Intelligenza del cuore e morte del voladorL’intelligenza del cuore, tanto disprezzata dalla società razionale e scientifica perché è l’unica cosa che può portare il nostro Volador alla morte e l’umanità alla liberazione definitiva.

Quella che ci porta a essere sereni, in pace, amorevoli, empatici, teneri, generosi e giusti; a spalancare la porta piuttosto che chiuderci in casa, a perdonare invece di criticare, ad ascoltare piuttosto che parlare, ad aprire il cuore invece che diffidare, a comprendere invece che giudicare, a condividere piuttosto che competere, ad amarci esattamente come siamo invece che a disprezzarci e criticarci per tutta la nostra breve vita. Tutte cose che al Volador restano sullo stomaco, peggio dell’olio di fegato di merluzzo.

Che poi questi Voladores esistano davvero o siano una metafora di una mente oscura intrinseca nell’essere umano, è di secondaria importanza. Quello che è importante è sviluppare la CONSAPEVOLEZZA che ci porta a capire cosa ci fa stare DAVVERO bene, dove vogliamo DAVVERO andare, cosa vogliamo DAVVERO ottenere e a mettere TUTTE LE NOSTRE ENERGIE LI’. Ritirandole da falsi obiettivi, che non ci portano che soddisfazione effimera e momentanea.

Io ci ho meditato a lungo, e ho capito con certezza che ho solo due veri bisogni: sopravvivere e amare.

Il resto sono minchiate da Voladores.

Articolo di Chiara Croce, counsellor e life coach.

Sito web dell’autrice: https://clearcross.wordpress.com 

Potrebbero interessarti...



Commenti

I Voladores — 1 commento

  1. I Voladores fanno il lavoro di opposizione, sta a noi combatterli, e una sfida sulla terra, servono per la crescita interiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Verità nascoste"

L’incubo in cui viviamo

Sistema piramidale del potere

di David Icke
Nel 1990 iniziai consapevolmente un incredibile viaggio alla scoperta di me stesso. Non avevo la minima idea riguardo a dove mi avrebbe condotto, ma decisi che lo avrei intrapreso comunque. Ne avevo abbastanza.
Questo «mondo» non aveva mai avuto senso per me: le ingiustizie, la stupidità, il modo in cui il sistema trasforma le persone in poco più che macchine, le quali operano attraverso un ciclo continuo di esperienze e comportamenti ripetitivi che ossessivamente ci ostiniamo a chiamare «vita».

Non siamo noi a vivere la vita – è la vita a viverci. Vi sono delle…

Continua a leggere →

Strani fenomeni interessano le piramidi di tutto il mondo

Piramide maya di Kukulkan

Negli ultimi anni si sono verificati fenomeni incredibili, che hanno interessato diverse piramidi in tutto il mondo.
Sono stati visti potenti fasci di luce ed energia, uscire dalla sommità di diverse piramidi e proiettarsi in cielo, verso lo spazio e la regione fotonica. E tutto ciò è stato, in molti casi, anche ben documentato e fotografato. Allo stesso tempo, molte persone in tutto il mondo, stanno ascoltando e registrando inquietanti rumori, che sembrano provenire dalla Terra stessa. Tutti questi fenomeni, come anche le gigantesche turbolenze e interferenze elettromagnetiche…

Continua a leggere →

La confessione di Cagliostro

La confessione di Cagliostro

Nel corso dei secoli, in molti hanno scritto interi volumi e versato fiumi d’inchiostro per cercare d’interpretare la misteriosa e controversa figura del Conte di Cagliostro.
Del Conte (di) Cagliostro (il cui vero nome è Giuseppe Balsamo, nato a Palermo nel 1743) si è parlato molto: esoteristi, ricercatori, storici ma anche molti ciarlatani ignoranti hanno riempito migliaia di pagine su di lui, con le loro tesi e interpretazioni a volte probabilmente veritiere, a volte false, spesso calunniose ed infamanti. Ma qual’è la verità? Chi era veramente il Conte Cagliostro?

A tal riguardo…

Continua a leggere →

Dieci validi motivi per non fidarsi mai dei Media Mainstream

Media mainstream

di Ettore Guarnaccia
L’opinione pubblica continua a perdere fiducia sia verso l’informazione ufficiale, fornita da media mainstream, come giornali ed emittenti televisive, sia verso le istituzioni, enti governativi, partiti politici e Unione Europea.
Secondo recenti sondaggi, infatti, questo progressivo calo della fiducia è giunto ai minimi livelli mai registrati, con solo il 20% degli intervistati che mantiene una qualche fiducia verso le fonti di informazione televisive (contro il 46% del 1993) e un risicato 25% verso le testate giornalistiche. Lo stesso fenomeno è riscontrabile anche a livello internazionale: negli Stati Uniti, ad esempio, il 66% degli intervistati accusa i media mainstream di scarsa accuratezza, il 77% di essere schierati e parziali, e l’80% di essere fortemente influenzati dal potere…

Continua a leggere →

Il denaro è potere sul prossimo

Il denaro è potere sul prossimo

Prefazione del libro La Formula della Servitù, e il nostro vero Potere d’Acquisto di Mauro Vanzini
Per lungo tempo hanno lavorato con zelo per farci credere che l’unico valore possibile fosse il denaro, e noi con lo stesso zelo ci siamo cascati. Ne è conseguita inevitabile la folle corsa all’accumulo, a superare il prossimo, per vincere alla lotteria della vita.
Questo è il “loro” potere d’acquisto, quello che aumenta o diminuisce dietro le onde dell’economia, quello che ci è concesso solo se nelle nostre mani ci sono dei soldi. Il denaro è potere sul prossimo, è una sicurezza…

Continua a leggere →

DNA e Nuovo Ordine Mondiale

DNA e Nuovo Ordine Mondiale

di Luciano Gianazza
Attualmente, stiamo vivendo una Rinascita Spirituale. E’ necessario, tuttavia, avere alcune informazioni perché questa rinascita arrivi a compimento.
Al fine di impedire l’estinzione del nostro pianeta, dobbiamo aumentare la nostra conoscenza, liberando per prima cosa la nostra mente da quella falsa fornita dal mainstream. Livelli superiori di coscienza, che conferiscono o meglio riabilitano capacità ritenute miracolose, comportano dei cambiamenti nel DNA. Parti del DNA, definite dagli scienziati DNA spazzatura, vengono riattivate da pratiche spirituali efficaci,…

Continua a leggere →

I “Maghi Neri” non ci domineranno per sempre

Elites occulte e maghi neri

di Fausto Carotenuto
Fa più rumore un albero che cade, lo sappiamo… l’immensa foresta cresce in silenzio. Oggi però di alberi ne cadono a migliaia, tutti i giorni. E’ un fragore spaventoso, che provoca smarrimento. Il che non è casuale: più che il legname, infatti, al taglialegna interessa proprio la paura che il crollo provoca. Guerre, disperazione, crisi economiche accuratamente progettate.
Ma l’indotto globalizzato della strage quotidiana, il “core business del male”, non è nemmeno il lucro: l’obiettivo numero uno è lo scoraggiamento di massa, planetario. La resa dell’umanità. I trilioni di dollari contano, eccome… perché sono la lussuosa paga dei grandi mercenari, gli strumenti della “piramide oscura”. Al cui vertice però siedono tenebrosi “sacerdoti”, i Maghi Neri, il cui vero “fatturato” non è misurabile in denaro, ma in dolore…

Continua a leggere →

L’Ideologia Luciferica – gli Illuminati della Nobiltà Nera

Illuminati Nobiltà Nera

di Gianni Tirelli
Quell’abominio incommensurabile che oggi si sta consumando sulla Terra, è il risultato di un ultimo efferato piano d’attacco, che Satana ha sferrato contro Dio, attraverso gli uomini di potere, che lui stesso ha scelto e selezionato.
L’organizzazione sociale delle democrazie occidentali, nello specifico, si avvia sempre di più ad assomigliare al meccanismo logico di un database. Le nostre scelte, azioni e interazioni, comportamenti e pensieri, sono sempre più simili e corrispondenti alle funzioni di un computer, e dipendenti dalle logiche del ‘Grande Sistema…

Continua a leggere →

10 regole usate dai potenti per ingannarci

Strategia problema-reazione-soluzione

Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno generato un divario crescente tra le conoscenze del pubblico e quelle possedute e utilizzate dalle élites dominanti.
Grazie alla biologia, alla neurobiologia e alla psicologia applicata, il “sistema” ha goduto di una conoscenza avanzata e profonda dell’essere umano, dal punto di vista fisico e psichico, e ha sfruttato tale conoscenza per scopi di potere e dominio. Il sistema è riuscito a conoscere l’essenza dell’individuo meglio di quanto egli stesso si conosca. Questo significa che, nella maggior parte dei casi, il…

Continua a leggere →

I Voladores

Voladores

di Chiara Croce
“Gli sciamani dell’antico Messico scoprirono che abbiamo un compagno che resta con noi per tutta la vita, un predatore che emerge dalle profondità del cosmo e assume il dominio della nostra vita, cibandosi della nostra energia”.
Questa frase detta da Carlos Castaneda a una conferenza tenuta a Santa Monica nel 1993, mi ha fatto capire tante cose sull’infelicità umana. Per chi non lo sapesse, secondo gli sciamani Toltechi, gente che la sapeva lunga, ognuno di noi ha il suo Volador, una specie di “zeccone energetico” che ci assale quando siamo piccini e si nutre della…

Continua a leggere →