Articolo in evidenza
HomeSpiritualitàSei depresso o sei sul Cammino Spirituale?

di Giulio Pietro Benati

Tutti nell’arco della vita abbiamo avuto una giornata storta, in cui si è giù di corda, tristi, irritabili. Per alcuni questa condizione si prolunga più a lungo e prima che uno se ne accorga, la giornata “no” diventa una settimana, poi un mese, fino a che non si trasforma nello stato normale in cui vivere.

Depressione o inizio del cammino spiritualeL’umore peggiora di giorno in giorno senza un apparente motivo e ci si ritrova costantemente chiusi in casa, tormentati da pensieri negativi e senza alcuna energia. La vita non ha più senso e viene vista più come un peso che come una gioia.

La crisi depressiva vera e propria è una delle esperienze più terribili che si possano avere: ci si sente senza speranza, senza risorse, completamente impotenti di fronte alla vita e alle persone. Si è troppo deboli per impegnarsi in qualsiasi attività, sia fisica che mentale, ma questo ha ben poca importanza! La cosa peggiore è piuttosto il fatto che nulla sembri più interessante o capace di destare piacere. Tutto nella propria vita sembra un fallimento, ci si sente arrabbiati con il mondo e l’isolamento sembra l’unica risposta sensata. Per questo ci si chiude in casa in uno stato di totale apatia. Questa condizione è considerata una malattia dalla medicina tradizionale, che cerca di curarla con la psicoterapia e con farmaci per riequilibrare la serotonina nel sangue.

Depressione: un’antica… nuova prospettiva

Esiste però un’altra maniera di guardare alla depressione: diversi maestri spirituali considerano questo stato (indubbiamente molto difficile) un’occasione per guardarsi dentro. Essendo isolati dal mondo e stando veramente male con se stessi, si sviluppa, infatti, un impulso naturale che induce a portare l’attenzione verso l’interno. La depressione, secondo questa visione, può dare una chance in più a chi ne soffre, di evolvere spiritualmente rispetto a chi è felice e contento della propria vita. Questo perenne stato di malinconia, come ogni altro evento traumatico, può essere utile per cominciare a porsi le domande fondamentali alla base di ogni genuino percorso spirituale: da dove vengo? Cosa ci faccio qui? Chi sono io?

Misticismo e depressione

Notte oscura dell'animaEsiste, dunque, un gran numero di mistici provenienti dalle più disparate tradizioni, che parla della depressione come fonte di trasformazione spirituale. Un esempio è San Giovanni della Croce, asceta cristiano vissuto nel 1500, il quale sosteneva che nel percorso di ascesa spirituale, il praticante, prima di trovare Dio, dovesse passare attraverso una fase denominata “notte oscura dell’anima”. In questa fase il cercatore, con molto dolore, si distacca e perde interesse per le cose materiali, per cercare lo Spirito. Tutto ciò che in passato destava piacere e gioia, ad un certo punto del percorso, provoca sentimenti esattamente opposti, come disgusto e ribrezzo. Il praticante si trova abbandonato da Dio e dagli uomini, niente sembra avere più senso nella sua vita. Tutto sembra futile, superficiale, privo di scopo.

“…il Signore ottenebra questa luce e chiude la porta, ed essi annegano in questa notte, la quale li lascia tanto aridi che essi non trovano alcun gusto nelle cose spirituali e nelle devozioni, in cui erano soliti trovare diletto e piacere, ma al contrario vi trovano disgusto e amarezza”. (San Giovanni della Croce – Poeta e Mistico)

Questo stato, secondo Giovanni della Croce, è fondamentale e addirittura benefico per il cercatore dello Spirito. La “notte oscura” è un passaggio obbligato per cercare risposte dentro se stessi, per porsi le domande fondamentali, per distaccarsi completamente dal superfluo e badare solo al sostanziale. Quando il ricercatore alla fine trova quello che cerca, la “notte oscura” della depressione si trasforma in “notte pacifica, abissale e oscura intelligenza divina”.

Tutti i più grandi maestri spirituali, sono dovuti passare attraverso questo percorso di sofferenza, prima di giungere all’apice del loro percorso spirituale. Eckhart Tolle, mistico contemporaneo, scrittore del best seller “Il potere di adesso” e maestro di Advaita Vedanta, è dovuto passare anch’esso attraverso questa “notte oscura” di cui parlava San Giovanni della Croce.

Secondo Tolle è stato proprio questo continuo stato di depressione a risvegliare in lui le domande fondamentali e ad illuminarlo con una conoscenza più profonda di se stesso, della sua vita e della sua missione su questa terra. A questo proposito afferma: “Fino al mio trentesimo anno di età, ho vissuto in uno stato di ansia quasi continua, intervallato da periodi di depressione suicida. Adesso mi sembra di parlare di qualche vita passata o della vita di qualcun altro”.

Come utilizzare la depressione per scoprire la tua vera natura

Utilizzare la depressione per scoprire la propria vera naturaSe sei depresso, perciò, non ti sconfortare, potresti essere nel mezzo del percorso spirituale (forse senza che nemmeno tu lo sappia) o se ancora non hai mosso i primi passi sul cammino della RR, adesso potrebbe essere un ottimo momento per farlo. Anche se tutto sembra essere senza senso, continua a cercare, e ad un certo punto vedrai che le risposte arriveranno!

Ti assicuro che alla fine del difficile percorso che stai attraversando, la vita continuerà e riprenderà a scorrere con la gioia di un tempo, ma tu avrai una accresciuta consapevolezza di te stesso. Il percorrere la strada tortuosa e difficile della depressione ti avrà insegnato tanto: ti sarai posto le domande e in qualche modo ti sarai dato (o ti saranno arrivate) le risposte.

Quando sei senza energia e senza entusiasmo, o nel bel mezzo di una crisi acuta di tristezza e malinconia, l’atteggiamento che ti consiglio di tenere è quella che descrive Rumi, filosofo, mistico ed importantissimo esponente del Sufismo vissuto nel XIII secolo, in questa poesia:

“Questo essere umani è come un ostello.
Ogni mattina un nuovo arrivo.
Una gioia, una depressione, una meschinità,
un momento di consapevolezza passeggera,
giungono come ospiti inattesi.
Dà loro il benvenuto e intrattienili tutti!
Anche se sono una moltitudine di dispiaceri,
che scuotono con violenza la tua casa
svuotandola di ogni cosa,
comunque, tratta ogni ospite con onore.
Forse qualcuno di loro ha in serbo per te una nuova delizia.

I cattivi pensieri, la vergogna, la malizia,
dà loro il benvenuto sulla soglia, ridendo, e invitali a entrare.
Sii grato per chiunque arriva,
perché ognuno di loro è stato inviato
come guida dal mondo dello spirito”.

Cosa succederebbe se invece di considerare la depressione una malattia, tu provassi a considerarla un ospite degno di onore, come dice Rumi? E se le emozioni negative che sentiamo fossero veramente messaggi mandati dal mondo dello spirito, dal nostro io più profondo, non varrebbe la pena ascoltarle?

La prossima volta che uno di questi “ospiti” bussa alla tua porta, prova semplicemente ad invitarlo ad entrare. Dagli la seggiola più comoda e ascolta le storie che ha da raccontarti. Potresti meravigliarti di quello che ha da dirti! Ovviamente non sarà né facile, né piacevole… ma provaci! Potrebbe essere l’inizio di una trasformazione profonda che ti regalerà frutti meravigliosi.

Articolo di Giulio Pietro Benati

Fonte: https://www.ilgiornaledelloyoga.it/sei-depresso-o-sul-cammino-spirituale

Potrebbero interessarti...



Commenti

Sei depresso o sei sul Cammino Spirituale? — 2 commenti

  1. sono d’accordo , credo che stia avvenendo su larga scala, depressione globale e tante possibilità di risvegliarsi…..

  2. Cari Sig. secondo un mio parere, la depressione avviene quando si cerca di dare un segnale e non si viene percepiti. Faccio un esempio: se una persona si trovasse sola sulla terra, la prima cosa che farebbe è di lanciare un messaggio di comunicazione a tutto ciò che potrebbe circondarlo, se si accorge che il segnale gli ritorna indietro senza aver trovato nessuno che ascoltasse, in questo caso si accorgerebbe di essere solo o sola. Tutto questo darebbe un momento di sconforto che con il tempo diventerebbe depressione, pertanto la scintilla è la solitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Spiritualità"

La respirazione, secondo la Fratellanza Bianca Universale

Respirare con consapevolezza

di Andrea Diletti
Il Respiro è Vita. La respirazione cosciente porta dei benefici incalcolabili per la vita psichica, emozionale, intellettuale e spirituale.
“Dovete osservarne gli effetti favorevoli nel vostro cervello, nella vostra anima, in tutte le vostre facoltà; è davvero un aiuto molto potente per tutte le vostre attività. Non trascurate di servirvi delle enormi possibilità che vi offre” (Regole d’oro per la vita quotidiana – Omraam Mikhael Aivanhov).

L’importanza della respirazione nella vita di un essere umano è un concetto ormai abbastanza diffuso, grazie anche alla…

Continua a leggere →

Arrendersi… la chiave per l’Ascensione

Arrendersi… la chiave per l’Ascensione

La Terra è attualmente presa in un vortice energetico che porta gli esseri umani ad una diversa percezione del tempo e dello spazio.
Queste mutate percezioni stanno modificando il modo delle persone di percepire sé stesse ed anche il modo in cui gli esseri umani si relazionano tra loro e con l’ambiente. Questo cambiamento di percezione servirà ad attenuare la necessità di un cambiamento fisico dannoso, e sebbene un grande cambiamento fisico avverrà in ogni caso, esso sarà il risultato della modificata percezione umana di queste relazioni. In questo modo, gli esseri umani…

Continua a leggere →

Elevazione spirituale e distacco dalla società

Solitudine dei risvegliati

Si leggono sempre più spesso articoli dove si inneggia alla “solitudine dei risvegliati”. Ma siamo proprio sicuri che una persona spiritualmente elevata debba per forza isolarsi o essere distaccata dalla società?
L’elevazione spirituale, secondo me, è realmente tale quando riesci a diventare empatico con tutti, ma proprio tutti, quando la tua empatia è riuscita a forare tutte le barriere (sia le tue che quelle di chi si relaziona con te), quando riesci a mettere a proprio agio tutti quelli che ti ascoltano, quando tutti quelli che ascolti non ti creano disturbo, ma al massimo un…

Continua a leggere →

Realtà post-mortem

Vita dopo la morte

L’ambiente in cui è immerso il trapassato, il piano astrale, è solo un’illusione che rispecchia ciò che egli è veramente.
Il trapassato si troverà circondato, ed entrerà in risonanza vibratoria, con esseri simili a lui: esseri amorevoli se in vita è stato amorevole, con ladri se era un ladro, altruisti se era altruista, tossicodipendenti se era tale anche lui, con esseri gioiosi se era gioioso, iracondi se era propenso alla rabbia, ecc. Esattamente come accadeva quando era ancora nel corpo fisico, ognuno si circonda delle circostanze e degli individui che attrae per…

Continua a leggere →

“Cibo” per lo Spirito

Cibo per lo spirito

Siamo nati anche con una parte spirituale, di cui molti non sono neppure consapevoli. L’anelito che ci spinge a voler dare un senso alla nostra vita, il desiderio di esistere al di là della nascita e della morte, fanno parte dell’essere umano.
Le religioni, create dall’uomo dopo la morte di grandi Maestri, hanno ideato una serie di dogmi a cui dover credere obbligatoriamente, e una serie di rituali che fanno sentire ben integrati nella società in cui si vive. Tuttavia, non è detto e non è scontato che i ministri di culto siano necessariamente un esempio da seguire…

Continua a leggere →

Quando la bellezza salverà il mondo!

Scopo dell'arte

di Elisabetta Mastrocola
“La storia dell’umanità è stata caratterizzata sin dall’inizio dall’arte; successivamente ha avuto la preponderanza la religione, e poi è riuscita a imporsi la scienza. Ma, in avvenire, sarà di nuovo l’arte a essere più importante”. (Maestro Omraam Mikhaël Aïvanhov)
“Perché l’arte? Perché non la religione o la scienza? Solo l’arte può raggiungere il cuore degli uomini con immediatezza, risvegliandoli alla vera vita. Tuttavia, ciò non significa che non abbia alcuna critica da fare alle sue odierne forme di espressione; anzi, si può affermare che esse sono molto lontane da ciò che gli Iniziati intendono per “arte”, cioè quell’attività che riunisce la vera scienza e la vera religione

Continua a leggere →

Droghe e dipendenze: malattie dell’anima

Droghe e dipendenze

di Omraam Mikhaël Aïvanhov
Nel convincere gli esseri umani che non c’è Dio, che non c’è la Provvidenza e la speranza di una vita dopo la morte, i pensatori materialistici li hanno derubati di quella realtà che da senso alla vita umana: la realtà dell’anima e dello spirito.
Proclamano che la religione sia “l’oppio dei popoli” e che l’essere umano può essere perfettamente felice fintanto che ha sufficiente cibo, un tetto sopra la testa e la possibilità di studiare e crescere una famiglia. Ma è questo quel che vediamo nella realtà? No. Anche quando il corpo fisico…

Continua a leggere →

La Supermente

La Supermente

Il passaggio dal livello di uomo a quello di Superuomo è la prossima realizzazione dell’evoluzione terrestre. Questo cammino ascendente è il nostro inevitabile destino e la logica conseguenza del processo naturale.
Tutti coloro che tentano di superare la natura ordinaria, che tentano di realizzare materialmente la più intima esperienza che li ha messi in relazione con la Verità Divina, tutte queste persone, se invece di rivolgere il loro sguardo verso l’aldilà o i Piani Superiori, provassero a realizzare fisicamente ed esternamente il cambiamento di coscienza che hanno realizzato in…

Continua a leggere →

Identificazione ed attaccamento alla forma

Identificazione con il corpo fisico

Oltre le forme si nasconde la vita spirituale che dà vita ad ogni cosa: un oggetto materiale, un atomo, un albero, un uomo, un universo.
Tutto, assolutamente tutto, è vitalizzato dallo “Spirito Divino e Immortale”, che è alieno alle leggi naturali di nascita e morte. Nelle regioni dell’inconscio e del sopracosciente della mente, si trova la conoscenza di questa e di altre fondamentali verità, come la certezza dell’esistenza di una “Suprema Potestà” che compenetra e mantiene l’universo, e la certezza dell’immortalità del nostro vero Essere, l’Io.

Ancora oggi tuttavia, la morte…

Continua a leggere →

Aprire il cuore

Apertura del cuore

Il principale compimento del lavoro magico/alchemico consiste nell’apertura del Cuore. Questa esperienza è comunemente nota come “illuminazione” o “salvezza”.
E’ bene sapere che quasi tutti i nostri problemi derivano esclusivamente dall’aridità del nostro Cuore, cioè dalla mancata apertura di questo. Problemi di denaro o di salute, difficoltà a trovare il lavoro più adatto o il partner giusto, incapacità di farsi accettare e senso di inadeguatezza… nessuno di questi fenomeni ha la sua fonte all’esterno di noi: ogni difficoltà origina al nostro interno ed è sempre causata…

Continua a leggere →