Articolo in evidenza
HomeSalute ed alimentazioneMeditazione, DNA e invecchiamento

“La meditazione influenza il DNA e rallenta l’invecchiamento” questa l’affermazione della biologa Elisabeth Blackburn, premio nobel per la Medicina nel 2009.

Meditazione, DNA e invecchiamentoI nostri pensieri e la meditazione possono influenzare lo stato di salute del DNA e la velocità con cui invecchiamo. Col passare degli anni ed il susseguirsi delle moltiplicazioni cellulari, infatti, il DNA va incontro a progressivi deterioramenti e questa è una delle cause dell’invecchiamento generale del corpo. Ad affermarlo è il premio Nobel per la medicina, Elisabeth Blackburn, che insieme alla psicologa clinica Elissa Epel ed altri ricercatori, ha studiato cosa succede nel corpo di chi fa meditazione.

La Blackburn ha vinto il Nobel per la scoperta della telomerasi, un enzima che protegge il DNA dall’invecchiamento attraverso i telomeri, che sono delle specie di “cappucci protettivi” posizionati alle estremità dei cromosomi. Sono proprio i telomeri ad evitare la perdita di informazioni durante la duplicazione dei cromosomi. Col tempo, però, anche loro si deteriorano e così alcuni errori nella duplicazione del DNA sfuggono al controllo.

L’interessante scoperta della Blackburn e della Epel, indica che nelle persone abituate a meditare, l’attività della telomerasi è significativamente più alta. Si potrebbe dedurre, quindi – ma le ricercatrici vanno giustamente ancora caute – che nelle persone abituate a praticare la meditazione, i processi di protezione dall’invecchiamento siano molto più attivi.

Sono ormai numerosi gli studi scientifici che dimostrano come la meditazione abbia numerosi effetti positivi sul nostro corpo e sulla nostra vita in generale: dalla diminuzione della pressione alta, al miglioramento della depressione, fino all’aumento della vista o addirittura della materia grigia nel cervello.

Questi benefici non sono fuori dalla nostra portata. Spesso si tende invece a credere che la meditazione sia possibile solo in determinate condizioni favorevoli, come luoghi tranquilli immersi nel verde, o solo se si è liberi dagli impegni del lavoro, se non si è stanchi ecc.

Quello che lo zen e la “Mindfulzen”, la pratica zen di consapevolezza, propongono, è una nuova visione della meditazione, un nuovo modo di meditare, basato sulla psicologia cognitivista e le ultime ricerche scientifiche. Ciò che si suggeriscono è che ogni momento della nostra giornata possa essere trasformato in meditazione con tutti i relativi benefici, poiché meditare per il nostro cervello e il nostro corpo, non è necessariamente stare immobili in silenzio – anche se questa è l’immagine stereotipata che tutti abbiamo della meditazione.

Il Fulcro della meditazione è la consapevolezza che ci porta nel “Qui e Ora”, eliminando lo stress e il conflitto tra quello che siamo e quello che vorremmo essere e mettendo il corpo e la mente in un atteggiamento di tranquilla presenza mentale.

La “meditazione camminata” per una vita più lunga e consapevole

La “meditazione camminata”Il bisogno di camminare, si rivela in continuazione nella nostra vita, nulla nell’universo è fermo, e nulla nella nostra vita rimane immutato. Appena potete, andate in bicicletta o ancora meglio camminate, non pensate di abbreviare la strada che percorrete solitamente, ma al contrario nei limiti del possibile, allungatela, cambiate spesso itinerario, per esempio, per recarvi da casa all’ufficio. Cambiare percorso vi costringerà ad una maggiore attenzione, osservazione, svilupperà una maggior consapevolezza del tempo e delle persone nuove che incontrerete. Allungare la strada non è perdere tempo, ma al contrario, è guadagnare nuove possibilità e conoscenza della vita.

Mentre camminate respirate lentamente e mantenete l’attenzione concentrata sul respiro, osservando le persone attorno a voi respirate, una vetrina respirate, la strada respirate. Mantenete sempre l’attenzione sul vostro respiro e lo sguardo rivolto a tutto quello che incontrate, non bisogna essere assenti o assorti nei pensieri, ma “presenti nel qui e ora”. Dopo qualche minuto, sentirete il vostro intero corpo che respira e lo sentirete camminare, mentre solitamente noi non siamo consapevoli del corpo che si muove, perché muoversi è un automatismo.

Con questa meditazione consapevole i nostri Propriocettori, i centri del sistema nervoso responsabili della consapevolezza del movimento, si attiveranno e noi “ci sentiremo camminare” come non ci è mai successo. Diverremo consapevoli dei nostri piedi che si muovono, delle nostre gambe che ci portano da una parte all’altra della vita, della nostra testa che si orienta nella strada, sarà come scoprire il nostro corpo per la prima volta nella vita, sentiremo persino i nostri pensieri che nascono dal nostro corpo.

Sentiremo la sensazione del corpo che si rilassa e si muove in armonia con tutto quello che lo circonda, le tensioni si allenteranno e ci sembrerà di camminare sulle nuvole, ma perfettamente presenti, senza rischiare di finire sotto una macchina. Stiamo provando la “meditazione camminata”, una delle meditazioni più antiche: il risultato è che ci sentiremo immersi nella vita e non più spettatori. L’ansia si calmerà e il nostro DNA sorriderà

Camminate… camminate… camminate… il più possibile consapevolmente.

Tratto da scienzaeconoscenza.it – La redazione – 12/12/2014

Fonte: www.scienzaeconoscenza.it/articolo/meditazione-fa-vivere-di-piu-in-salute.php

Potrebbero interessarti...



Commenti

Meditazione, DNA e invecchiamento — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Salute ed alimentazione"

Hunza

Hunza

Gli Hunza, la popolazione più longeva del mondo.
Il popolo degli “Hunza” è considerato il più longevo al mondo. Non solo vivono in media 130-140 anni, ma non conoscono neppure le nostre tanto temute patologie degenerative, il cancro, le malattie del sistema nervoso, ecc. Vivono al confine nord del Pakistan, all’interno di una valle sulla catena Himalayana e sono la popolazione, in assoluto, più longeva della Terra.

La nostra èlite medica si vanta di tenere in vita i nostri anziani fino agli 80 anni e oltre. Ebbene, gli Hunza, senza ricorrere ai prodigi della nostra scienza medica,…

Continua a leggere →

La frequenza vibrazionale degli alimenti

Radiazioni di un organismo sano

La moderna dietologia si basa sul calcolo delle calorie degli alimenti, senza prendere in considerazione la frequenza vibrazionale emessa dagli stessi, che costituisce invece un fattore di fondamentale importanza.
In questo modo ci troviamo ad assumere spesso alimenti morti, il cosiddetto cibo spazzatura, ricco di calorie ma povero di ogni informazione utile per la vita. André Simoneton, ingegnere elettronico francese, dimostrò nella prima metà del ‘900, che le radiazioni emesse da un organismo sano si aggirano sui 6500 Angstroms (esattamente tra 6250 e 7000), mentre sono più basse…

Continua a leggere →

Come capire se il proprio corpo è intossicato

Corpo intossicato

In questo articolo spiegheremo che cos’è l’intossicazione del corpo, un problema molto frequente, ma che spesso viene sottovalutato.
Vi fa male la testa, la vostra pelle è opaca anche se la state curando, mancate di concentrazione o soffrite di edema? …potreste essere intossicati. Sono molte le reazioni chimiche che si producono all’interno del nostro organismo, la cui funzione è quella di equilibrarlo internamente e mantenerlo sano. Tuttavia, l’organismo può essere attaccato da aggressioni che vengono dall’interno, come i virus, i batteri, o dall’esterno attraverso la…

Continua a leggere →

Proteine: da dove le ottengono vegetariani, vegani e crudisti?

Alimentazione vegetariana

di Serena Pacquola (ildragoparlante.com)

Da dove ottengono le loro proteine atleti come Seba Johnson (vegana, attrice e scrittrice), Rob Bigwood (vegano), George Hackenschmidt (the “Russian Lion” – wrestler vegano/crudista)? O ancora attori famosissimi come Pamela Anderson, Tommy Lee, Natalie Portman, Anne Hathaway, Brad Pitt?
George Hackenschmidt, con un peso di 220 libre (circa 100 kg), ha girato il mondo in competizione con i più grandi wrestler del suo tempo. Secondo il Dr. George R. Clements, la sua dieta consisteva in una colazione a base di lattuga e 5-6 noci brasiliane, un primo…

Continua a leggere →

I rischi del mangiar carne

Mangiatori di carne

Dottor George Clements
La carne è stata a lungo sospettata di essere un cibo inadatto per l’uomo. Un’ampia esperienza sta ora provando che il sospetto è più che fondato.
Gli uomini un tempo credevano che la carne fosse necessaria per produrre sangue. Da tempo è noto che la frutta fresca, le bacche e le verdure riforniscono il corpo di nutrienti migliori (assolutamente essenziali), di quelli che danno le tanto famigerate quanto pessime bistecche.

Il brodo di manzo è stato a lungo considerato un valido tonico e stimolante, quasi indispensabile per i malati deboli. Ora è noto che è…

Continua a leggere →

La terapia della risata

La terapia della risata

Si chiama “gelotologia” ovvero lo studio del riso, ed è una nuova materia specifica della scienza.
Oggi, sempre più spesso si sente parlare di comicoterapia, “terapia della risata” o in modo più raffinato di gelotologia (dal greco ghelos: risata), che è appunto lo studio metodologico del ridere in relazione alle sue potenzialità terapeutiche. Per quanto non si lasci facilmente vestire di pomposità accademica, questo particolare campo di studio ha già prodotto come risultato, la riduzione della necessità di consumare antidepressivi, ed altri svariati risultati in diversi campi…

Continua a leggere →

Il sintomo è la cura

Processo infiammativo

Tutte le malattie che terminano per “ite” indicano l’infiammazione di una specifica area del corpo (ad es.artrite, tonsillite, bronchite ecc.) Queste etichette patologiche denotano semplicemente la parte affetta, ma falliscono nel comprendere la causa dell’infiammazione.
L’infiammazione manifesta di solito dolore acuto, dovuto alla pressione esercitata dai tessuti infiammati sui nervi. E questo è un bene, poiché il dolore limita i comportamenti che potrebbero danneggiare ancora di piú l’organismo. Ad esempio, se ci fa male la schiena, eviteremo di alzare carichi pesanti, se fa…

Continua a leggere →

Come il cibo influenza corpo, mente e spirito

Alimentazione vegetariana

Le reazioni ossidative innescate dai processi metabolici, lasciano nel corpo umano dei residui chiamati radicali liberi, ovvero dei frammenti di molecole con uno o più elettroni spaiati.
Ogni giorno se ne producono moltissimi. A causa di tale squilibrio, i radicali liberi causano nell’organismo reazioni negative, come alterazione del DNA, invecchiamento precoce, abbassamento delle difese immunitarie, Alzheimer e Parkinson, patologie cardiovascolari, tumori, artrite reumatoide, diabete, sclerosi laterale atrofica, ansia, depressione, calo di energia, formazione di rughe e macchie sulla…

Continua a leggere →

La causa principale del cancro: l’acidità organica

Liberi dal cancro

La causa principale del cancro è stata ufficialmente scoperta parecchi decenni fa, precisamente nel 1923, dallo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg, poi premio Nobel per la medicina nel 1931.
Da allora nulla è stato fatto, se non continuare a raccogliere in tutto il mondo soldi per la ricerca, quando la causa primaria del cancro è (ed era) sostanzialmente nota. Poche persone in tutto il mondo ne sono a conoscenza, poiché questi fatti vengono tenuti opportunamente nascosti dall’industria farmaceutica e da quella alimentare.

Otto Heinrich Warburg ha scoperto che il cancro è il…

Continua a leggere →

L’Earthing

Earthing

Da sempre l’uomo ha riscontrato benefici stando a piedi nudi sul terreno.
Come si sta bene al mare, quando si passeggia sul bagnasciuga… I benefici si sentono anche a distanza di ore e perfino di giorni. Se ci pensiamo il concetto è semplicissimo: ci siamo evoluti per milioni di anni camminando a piedi nudi, mentre le invenzioni della plastica e della gomma, che ormai vengono utilizzate per la costruzione delle suole delle scarpe, è assolutamente moderna. Tale invenzione è comoda per chi produce, ma per chi indossa poi le scarpe potrebbe rilevarsi veramente poco salutare.

La…

Continua a leggere →