Articolo in evidenza
HomeSalute ed alimentazioneMeditazione, DNA e invecchiamento

“La meditazione influenza il DNA e rallenta l’invecchiamento” questa l’affermazione della biologa Elisabeth Blackburn, premio nobel per la Medicina nel 2009.

Meditazione, DNA e invecchiamentoI nostri pensieri e la meditazione possono influenzare lo stato di salute del DNA e la velocità con cui invecchiamo. Col passare degli anni ed il susseguirsi delle moltiplicazioni cellulari, infatti, il DNA va incontro a progressivi deterioramenti e questa è una delle cause dell’invecchiamento generale del corpo. Ad affermarlo è il premio Nobel per la medicina, Elisabeth Blackburn, che insieme alla psicologa clinica Elissa Epel ed altri ricercatori, ha studiato cosa succede nel corpo di chi fa meditazione.

La Blackburn ha vinto il Nobel per la scoperta della telomerasi, un enzima che protegge il DNA dall’invecchiamento attraverso i telomeri, che sono delle specie di “cappucci protettivi” posizionati alle estremità dei cromosomi. Sono proprio i telomeri ad evitare la perdita di informazioni durante la duplicazione dei cromosomi. Col tempo, però, anche loro si deteriorano e così alcuni errori nella duplicazione del DNA sfuggono al controllo.

L’interessante scoperta della Blackburn e della Epel, indica che nelle persone abituate a meditare, l’attività della telomerasi è significativamente più alta. Si potrebbe dedurre, quindi – ma le ricercatrici vanno giustamente ancora caute – che nelle persone abituate a praticare la meditazione, i processi di protezione dall’invecchiamento siano molto più attivi.

Sono ormai numerosi gli studi scientifici che dimostrano come la meditazione abbia numerosi effetti positivi sul nostro corpo e sulla nostra vita in generale: dalla diminuzione della pressione alta, al miglioramento della depressione, fino all’aumento della vista o addirittura della materia grigia nel cervello.

Questi benefici non sono fuori dalla nostra portata. Spesso si tende invece a credere che la meditazione sia possibile solo in determinate condizioni favorevoli, come luoghi tranquilli immersi nel verde, o solo se si è liberi dagli impegni del lavoro, se non si è stanchi ecc.

Quello che lo zen e la “Mindfulzen”, la pratica zen di consapevolezza, propongono, è una nuova visione della meditazione, un nuovo modo di meditare, basato sulla psicologia cognitivista e le ultime ricerche scientifiche. Ciò che si suggeriscono è che ogni momento della nostra giornata possa essere trasformato in meditazione con tutti i relativi benefici, poiché meditare per il nostro cervello e il nostro corpo, non è necessariamente stare immobili in silenzio – anche se questa è l’immagine stereotipata che tutti abbiamo della meditazione.

Il Fulcro della meditazione è la consapevolezza che ci porta nel “Qui e Ora”, eliminando lo stress e il conflitto tra quello che siamo e quello che vorremmo essere e mettendo il corpo e la mente in un atteggiamento di tranquilla presenza mentale.

La “meditazione camminata” per una vita più lunga e consapevole

La “meditazione camminata”Il bisogno di camminare, si rivela in continuazione nella nostra vita, nulla nell’universo è fermo, e nulla nella nostra vita rimane immutato. Appena potete, andate in bicicletta o ancora meglio camminate, non pensate di abbreviare la strada che percorrete solitamente, ma al contrario nei limiti del possibile, allungatela, cambiate spesso itinerario, per esempio, per recarvi da casa all’ufficio. Cambiare percorso vi costringerà ad una maggiore attenzione, osservazione, svilupperà una maggior consapevolezza del tempo e delle persone nuove che incontrerete. Allungare la strada non è perdere tempo, ma al contrario, è guadagnare nuove possibilità e conoscenza della vita.

Mentre camminate respirate lentamente e mantenete l’attenzione concentrata sul respiro, osservando le persone attorno a voi respirate, una vetrina respirate, la strada respirate. Mantenete sempre l’attenzione sul vostro respiro e lo sguardo rivolto a tutto quello che incontrate, non bisogna essere assenti o assorti nei pensieri, ma “presenti nel qui e ora”. Dopo qualche minuto, sentirete il vostro intero corpo che respira e lo sentirete camminare, mentre solitamente noi non siamo consapevoli del corpo che si muove, perché muoversi è un automatismo.

Con questa meditazione consapevole i nostri Propriocettori, i centri del sistema nervoso responsabili della consapevolezza del movimento, si attiveranno e noi “ci sentiremo camminare” come non ci è mai successo. Diverremo consapevoli dei nostri piedi che si muovono, delle nostre gambe che ci portano da una parte all’altra della vita, della nostra testa che si orienta nella strada, sarà come scoprire il nostro corpo per la prima volta nella vita, sentiremo persino i nostri pensieri che nascono dal nostro corpo.

Sentiremo la sensazione del corpo che si rilassa e si muove in armonia con tutto quello che lo circonda, le tensioni si allenteranno e ci sembrerà di camminare sulle nuvole, ma perfettamente presenti, senza rischiare di finire sotto una macchina. Stiamo provando la “meditazione camminata”, una delle meditazioni più antiche: il risultato è che ci sentiremo immersi nella vita e non più spettatori. L’ansia si calmerà e il nostro DNA sorriderà

Camminate… camminate… camminate… il più possibile consapevolmente.

Tratto da scienzaeconoscenza.it – La redazione – 12/12/2014

Fonte: www.scienzaeconoscenza.it/articolo/meditazione-fa-vivere-di-piu-in-salute.php

Potrebbero interessarti...



Commenti

Meditazione, DNA e invecchiamento — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Salute ed alimentazione"

Come il cibo influenza corpo, mente e spirito

Alimentazione vegetariana

Le reazioni ossidative innescate dai processi metabolici, lasciano nel corpo umano dei residui chiamati radicali liberi, ovvero dei frammenti di molecole con uno o più elettroni spaiati.
Ogni giorno se ne producono moltissimi. A causa di tale squilibrio, i radicali liberi causano nell’organismo reazioni negative, come alterazione del DNA, invecchiamento precoce, abbassamento delle difese immunitarie, Alzheimer e Parkinson, patologie cardiovascolari, tumori, artrite reumatoide, diabete, sclerosi laterale atrofica, ansia, depressione, calo di energia, formazione di rughe e macchie sulla…

Continua a leggere →

La dieta vegana è per tutti

Tutti possono diventare vegani

di Marina Perotta
Ecoblog ha posto a 8 esperti di alimentazione vegan – tra cui medici e nutrizionisti tra soci fondatori e appartenenti al Comitato Scientifico dell’Associazione Vegani Italiani-Assovegan – 12 domande sulla dieta vegana.
Gli esperti si sono prestati (in esclusiva per Ecoblog) a dissipare dubbi e incertezze nel merito di una corretta alimentazione priva di prodotti di origine animale, incluso il pesce. Le risposte sono molto complete e esaustive, perché racchiudono diversi punti di vista e aprono interessanti spunti di discussione in merito a questa scelta alimentare, che…

Continua a leggere →

Il nostro corpo e le malattie

Corpo e malattia

di Angela Panarese
Il nostro corpo si ammala a causa di errati stili di vita, ossia quando vengono violate le “Leggi Biologiche Naturali”, che ogni organismo dovrebbe invece assecondare.
Potremmo considerare il nostro corpo alla stessa stregua di un terreno e fare un parallelismo. Ciascun terreno ha delle caratteristiche particolari, a seconda di una serie di fattori, quali la sua collocazione rispetto al Polo Nord, al Polo Sud e all’equatore, la sua esposizione ai raggi solari, le condizioni climatiche alle quali è sottoposto, ecc. Un buon agricoltore naturalmente conosce questi…

Continua a leggere →

Ascolta il tuo corpo: ne sa più di te!

Voglia di stare bene

di Daria Cozzi
E’ sempre più forte la voglia di stare bene. Con consapevolezza.
Vorremmo sapere di più. Capire meglio. Comprendere ciò che ci succede. E perché. Abbiamo bisogno di dare significati, cerchiamo la salute, l’equilibrio, la forza, la sicurezza, la luce. Vorremmo imparare a distinguere ciò che è necessario da ciò che è inutile, per poterci sgravare dai pesi che rallentano, intristiscono, impediscono di vivere una vita piena e gratificante.
Vorremmo liberarci dai sensi di colpa che attanagliano le nostre coscienze, anche quando non è nostra la responsabilità di ciò che succede. Vorremmo essere capaci di dire no, quando qualcosa non ci piace, non sta nelle nostre corde, non ci interessa. Vorremmo sentirci liberi di seguire il nostro istinto e appagare i nostri bisogni senza sentirci colpevoli ed egoisti.
Vorremmo non temere i giudizi degli altri, vorremmo avere più autostima, più equilibrio e più pace. Vorremmo essere più assertivi, più lucidi, più sicuri. Vorremmo cambiare e cambiare subito. Per piacerci di più e per sentirci più felici e più leggeri.
Allora cerchiamo qualcuno che possa insegnarci qualcosa. Qualcuno che sa. Un maestro, un guru, un insegnante, uno scienziato, un portatore di carisma e di sicurezze…

Continua a leggere →

Stevia: una piccola pianta contro l’industria dello zucchero

Stevia: una piccola pianta contro l’industria dello zucchero

di Corinne Smith
Originaria del Paraguay, la “Stevia rebaudiana Bertoni” presenta delle foglie che hanno un potere dolcificante quaranta volte superiore a quello dello zucchero.
La “stevioside” estratta dalla pianta è, a sua volta, trecento volte più dolcificante! La Stevia è attualmente utilizzata come edulcorante in Giappone, in America latina, in Cina, e come complemento alimentare negli Stati Uniti ma è… proibita in Europa.

Un’alternativa allo zucchero, ai dolcificanti di sintesi… e agli industriali del settore?

La “Stevia rebaudiana Bertoni” fa parte della famiglia delle…

Continua a leggere →

La “dieta” della Luce

Luce del sole, energia vitale

di Daniel Lumera
La Luce del sole è la più potente, gratuita ed efficiente medicina che esista.
La luce del sole è l’alimento più importante per l’essere umano, capace di nutrire e di mantenere in salute il corpo fisico, l’energia vitale, le emozioni e i pensieri. Quando la nostra relazione con questa fonte di vita si altera viene compromesso l’equilibrio interno dell’individuo e di riflesso anche la sua relazione con l’ambiente esterno. Noi siamo esseri cha hanno bisogno di luce, perché in essa sono contenute le informazioni che riguardano la nostra salute, la nostra…

Continua a leggere →

Hunza

Hunza

Gli Hunza, la popolazione più longeva del mondo.
Il popolo degli “Hunza” è considerato il più longevo al mondo. Non solo vivono in media 130-140 anni, ma non conoscono neppure le nostre tanto temute patologie degenerative, il cancro, le malattie del sistema nervoso, ecc. Vivono al confine nord del Pakistan, all’interno di una valle sulla catena Himalayana e sono la popolazione, in assoluto, più longeva della Terra.

La nostra èlite medica si vanta di tenere in vita i nostri anziani fino agli 80 anni e oltre. Ebbene, gli Hunza, senza ricorrere ai prodigi della nostra scienza medica,…

Continua a leggere →

Essere in sovrappeso dipende anche dall’acidità

Sovrappeso e acidità

di Matt Traverso
Personalmente non credo nelle diete. Credo che una dieta sia difficile da seguire, poiché richiede una lotta continua con se stessi. Per giunta le diete negano il piacere di mangiare.
L’organismo può addirittura reagire a una dieta con ribellione o senso di colpa. Mettersi a dieta inoltre genera una serie di pesanti conseguenze fisiche ed emotive. I possibili effetti includono depressione, insicurezza, affaticamento, debolezza, isolamento sociale, calo del desiderio sessuale, fiacchezza e inedia. Le diete che si basano sul calcolo di calorie, grassi e carboidrati,…

Continua a leggere →

Il valore di un abbraccio!

Dare o ricevere abbracci consente al corpo di produrre e rilasciare grandi quantità di ossitocina – un ormone presente nel corpo – con conseguenti notevoli benefici per la salute.
Paul Zak, neuroeconomista noto anche come “Dr. Love”, consiglia almeno otto abbracci al giorno per essere più sani, più felici e godere di migliori relazioni. Questa potrebbe essere la “soglia minima degli abbracci” che permette al corpo di produrre e rilasciare grandi quantità di ossitocina, come risposta al contatto fisico. L’ossitocina è un neuropeptide, prodotto dalla ghiandola pituitaria, un ormone…

Continua a leggere →

Proteine: da dove le ottengono vegetariani, vegani e crudisti?

Alimentazione vegetariana

di Serena Pacquola (ildragoparlante.com)

Da dove ottengono le loro proteine atleti come Seba Johnson (vegana, attrice e scrittrice), Rob Bigwood (vegano), George Hackenschmidt (the “Russian Lion” – wrestler vegano/crudista)? O ancora attori famosissimi come Pamela Anderson, Tommy Lee, Natalie Portman, Anne Hathaway, Brad Pitt?
George Hackenschmidt, con un peso di 220 libre (circa 100 kg), ha girato il mondo in competizione con i più grandi wrestler del suo tempo. Secondo il Dr. George R. Clements, la sua dieta consisteva in una colazione a base di lattuga e 5-6 noci brasiliane, un primo…

Continua a leggere →