Articolo in evidenza
HomeSalute ed alimentazioneIl cibo come droga: sono dimostrate sia l’assuefazione che la dipendenza

di Stefano Tasca e Alessandro Tasca

Parleremo qui in generale dei meccanismi di assuefazione, dipendenza da cibo e astinenza che possono, tuttavia, insorgere già molto precocemente, a partire dall’epoca dello svezzamento del bambino.

Dipendenza da ciboPrendiamo spunto dalla relazione effettuata dal Dr. Alessandro Tasca, presso l’Università Campus Biomedico di Roma (“Caratterizzazione del circuito dopaminergico nel controllo dell’assunzione e nella ricompensa del cibo: implicazioni nell’obesità”), per avvalorare con elementi di tipo scientifico, alcuni importanti aspetti riguardanti l’alimentazione in generale, e quella infantile, in particolare.

Il carattere divulgativo di questo scritto, impedisce di scendere in particolari che renderebbero meno comprensibile e più noiosa la lettura ma, nondimeno, tenteremo di rendere ragione, semplificando molto, dei meccanismi che sono alla base della dipendenza da cibo che inizia già molto precocemente, a partire dall’epoca dello svezzamento.

E’ importante conoscere le dinamiche cerebrali che sono alla base della dipendenza, per prenderne coscienza e cercare di evitarne i danni, specie per ciò che attiene ai risvolti negativi che in età pediatrica iniziano a manifestarsi e che nell’età adulta provocano veri e propri disastri (obesità, dislipidemie, diabete, infarto, ictus, ipertensione arteriosa).

La fame è una forma di sindrome da astinenza. A ben pensarci, il fatto di avere fame (quindi uno stimolo alla ricerca di cibo gradevole e calorico) è una forma di dipendenza da cibo fisiologica, che ci impedisce di morire. Lo stimolo fisiologico, però, una volta soddisfatto con l’assunzione di cibo adeguato, spegne l’urgenza della ricerca, fino a che non ritorna di nuovo lo stimolo della fame, per fenomeni legati al movimento di metaboliti e di ormoni secreti a seguito del calo, ad esempio, degli zuccheri o dei grassi nel sangue.

In periodi di carestia, inoltre, i meccanismi garantiscono non solo l’impulso a ricercare cibo tout court, ma (e questo è illuminante) a scegliere quello più calorico (ricco in grassi e zuccheri) e quindi adatto, oltre che a saziare, a creare scorte sotto forma di adipe e di glicogeno epatico. Risulta abbastanza semplice comprendere come vi sia, quindi, una predisposizione neuro-ormonale a monte, che spinge a preferire questi alimenti, il cui alto contenuto in nutrienti, coincide quasi sempre con una maggior gradevolezza al palato.

I centri nervosi che sono preposti alla fame ed alla sazietà (nuclei della base e più in generale nuclei talamo/ipotalamici) funzionano usando un neurotrasmettitore, denominato dopamina, i cui recettori sono situati nelle porzioni profonde del cervello. Questi centri nervosi sono gli stessi su cui agiscono – e questo è cruciale – alcuni farmaci psicoattivi (cocaina, cannabinoidi, nicotina, amfetamine, ecc.).

Gli ormoni che sono attivi nel regolare la sensazione di fame e sazietà, vengono invece prodotti a livello dell’intestino (ghrelina, orexina, ecc.), del tessuto adiposo (leptina, ecc.), del pancreas (insulina). La leptina inibisce il senso di fame e di ricerca del cibo, l’orexina e la ghrelina lo incrementano, l’insulina lo deprime.

La sensazione di fame (astinenza fisiologica da cibo) si innesca prima che si verifichino sintomi (tremori, capogiri, sudorazione fredda, in casi estremi perdita di coscienza) in modo da sfruttare l’energia residua per rendere efficiente la ricerca di cibo.

Cibo gratificanteIn un mondo come quello di oggi, però, avviene qualcosa che in natura non è normale e che altera i meccanismi alla base della fisiologica ricerca di alimento: la reperibilità di cibi gratificanti è semplice, non richiede sforzo e soprattutto da un’ampia possibilità di scelta. Questo significa una cosa fondamentale: il cibo viene ricercato non per soddisfare una necessità metabolica, ma per ottenere una gratificazione. Questo, in termini pratici, si traduce in una alterazione del comportamento alimentare.

All’inizio di questo articolo dicevamo che il senso di fame, una volta soddisfatto, interrompe l’istinto di ricerca di alimenti fino alla prossima occasione: ebbene, la facile reperibilità di alimenti sapidi e grassi, ha stravolto la situazione. In termini semplici, non si ricerca più il cibo in quanto necessario al mantenimento del benessere fisico, ma lo si ricerca per l’attivazione di un fenomeno di dipendenza mediato dalla dopamina. Non si ha più bisogno di mangiare sostanze ipercaloriche perché necessario, ma se ne ha bisogno perché l’astinenza può determinare facilmente sintomi sia fisici che psicologici (ricerca di gratificazione dopamino-dipendente).

Alcuni alimenti più di altri hanno la tendenza ad innescare dipendenza e quindi astinenza. In particolare, gli zuccheri, i grassi e le spezie/salse (alimenti sapidi sia per il contenuto salino sia per lo stimolo esercitato sulle papille gustative). L’astinenza da zuccheri, determina tremori, sudorazione; quella da grassi induce ansia.

Dipendenza da cibo spazzaturaIn sostanza, in caso di dipendenza da cibo “palatabile” (molto saporito, dolce o grasso), i meccanismi di ricerca dell’alimento sono alterati, sconvolti. Non si ricerca più del cibo, ma ‘solo’ quel particolare tipo di cibo.

I risvolti, sono di importanza cruciale. In una società come l’attuale (mi riferisco ai paesi cosiddetti “ricchi”), dove la reperibilità di alimenti di quel genere (cibo spazzatura) è semplice ed ubiquitaria, il fenomeno genera ovviamente l’obesità e la dipendenza. Non si tratta più, infatti, di soddisfare emergenze alimentari in momenti di carenza: si mangia quello e solo quello, ed ogni alimento che non contenga quelle sostanze così gratificanti viene evitato, anche se indubbiamente più sano. Chi è assuefatto a quel tipo di cibo, non riesce semplicemente più a mangiare altro, perché lo trova disgustoso, insipido e poco stimolante, a livello dei circuiti cerebrali di ricompensa.

Merendine cibo non sanoLe industrie produttrici di alimenti “pronti” e “precotti” e le catene di “take away” (oltre che una buona quantità di produttori di cibi cosiddetti “per l’infanzia”) sfruttano ovviamente questo meccanismo per incrementare le vendite: aggiungono grassi, zuccheri, spezie e salse, additivi chimici, poiché chi si abitua a mangiare questi cibi, semplicemente non vuole più altro e anzi… tende ad assumerne sempre di più.

Attenzione dunque, già nella fase di svezzamento, è importante usare sempre cibi freschi, preparati in casa, evitando dolci e grassi in eccesso, e quando i bambini sono più grandicell, evitare di ricompensarli con cibi sbagliati, tipo caramelle, dolcetti, merendine industriali, ecc. L’assuefazione e la dipendenza iniziano, infatti, da bambini! Occorre sempre essere consapevoli di quanto dannose siano certe abitudini e di quanto sia poi difficile uscire dai problemi che queste abitudini determinano nel tempo.

Articolo di Stefano Tasca e Alessandro Tasca

Fonte: http://www.informasalus.it/it/fonti/blog-stefano-tasca.php

Potrebbero interessarti...



Commenti

Il cibo come droga: sono dimostrate sia l’assuefazione che la dipendenza — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Salute ed alimentazione"

Programma di “riparazione-manutenzione” del corpo

Corpo sano

Il corpo umano ha in sé un orologio interno, in base al quale, a seconda delle diverse ore del giorno, vengono eseguite delle operazioni di riparazione e manutenzione dei vari organi, con lo scopo di mantenere tutto il sistema in perfetto stato.
Perciò, se in alcune ore della giornata accusiamo disturbi (come ad esempio: mal di testa, debolezza ecc.), ciò può essere un segnale che ci informa che un certo organo che sta facendo “manutenzione”, rileva qualche disordine: quel che sentiamo è il risultato dell’energia spesa per fare queste riparazioni.

L’orologio degli organi…

Continua a leggere →

Il digiuno è la tavola operatoria della natura

Digiuno terapeutico

di Valdo Vaccaro
Il digiuno viene definito spesso la “tavola operatoria della natura”, poiché tramite esso – senza bisturi, senza l’uso di alcun prodotto chimico-farmaceutico, e dunque anche senza controindicazioni di sorta – è possibile far sparire in pochi giorni lipomi, miomi, tumori al seno e altro.
Far sparire in pochi giorni lipomi, miomi e tumori al seno, mediante autolisi o auto-scioglimento, senza orribili mutilazioni e senza l’uso di farmaci, è cosa normalissima per l’igienismo, anche se medici e medicalizzati rimangono spesso perplessi, sbalorditi ed increduli, di fronte a…

Continua a leggere →

Stevia: una piccola pianta contro l’industria dello zucchero

Stevia: una piccola pianta contro l’industria dello zucchero

di Corinne Smith
Originaria del Paraguay, la “Stevia rebaudiana Bertoni” presenta delle foglie che hanno un potere dolcificante quaranta volte superiore a quello dello zucchero.
La “stevioside” estratta dalla pianta è, a sua volta, trecento volte più dolcificante! La Stevia è attualmente utilizzata come edulcorante in Giappone, in America latina, in Cina, e come complemento alimentare negli Stati Uniti ma è… proibita in Europa.

Un’alternativa allo zucchero, ai dolcificanti di sintesi… e agli industriali del settore?

La “Stevia rebaudiana Bertoni” fa parte della famiglia delle…

Continua a leggere →

Il grande “inganno-affare” dei virus

Influenza

I virus non sono esseri viventi, come possono allora causare malattie? Nell’immaginario collettivo, il virus è una microscopica forma di vita in grado di infettare altre cellule, e vivere come parassita fino alla distruzione dell’ospite. Ciò deriva dalle prime teorie di Pasteur.
Ai virus vengono attribuiti comportamenti quali “iniettarsi”, “incubare”, “essere in latenza”, “invadere”, avere uno “stadio attivo”, “impadronirsi”, “riattivarsi”, “mascherarsi”, “infettare”, “assediare” ed essere “devastanti” e “mortali”. Tutte azioni che…

Continua a leggere →

Dieta Smartfood: i 30 cibi intelligenti che proteggono la salute

Dieta Smartfood

I 30 cibi ‘intelligenti’ che proteggono la salute, sono i protagonisti del programma di nutrizione Smartfood, elaborato dall’IEO di Milano – l’Istituto Europeo di Oncologia fondato da Umberto Veronesi.
Il programma è stato elaborato sotto la supervisione di Pier Giuseppe Pelicci, direttore di ricerca dell’Istituto e della nutrizionista Lucilla Titta. Non si tratta di una dieta restrittiva, ma di un diverso approccio all’alimentazione, che viene intesa come uno strumento per “ridurre il rischio di malattie croniche e aumentare l’aspettativa di vita”.

I risultati del…

Continua a leggere →

I Segreti del pH, per avere un corpo sano e pieno di energia

Vita sana e piena di energia

Il corpo umano potrebbe tranquillamente arrivare a 120 anni, eppure quasi nessuno riesce a raggiungere questa veneranda età. Perché?
Le cause di questo, se escludiamo alcune gravi patologie, possono essere collegate al pH. L’equilibrio del pH è la chiave per vivere una vita sana e piena di energia. I concetti di salute e guarigione si basano sulla nozione di equilibrio. Equilibrio tra acidità e alcalinità. Tale equilibrio, è il più cruciale dell’organismo ed è essenziale per garantire salute, energia e vitalità.

Tutte le reazioni che definiscono le condizioni essenziali di un…

Continua a leggere →

Hunza

Hunza

Gli Hunza, la popolazione più longeva del mondo.
Il popolo degli “Hunza” è considerato il più longevo al mondo. Non solo vivono in media 130-140 anni, ma non conoscono neppure le nostre tanto temute patologie degenerative, il cancro, le malattie del sistema nervoso, ecc. Vivono al confine nord del Pakistan, all’interno di una valle sulla catena Himalayana e sono la popolazione, in assoluto, più longeva della Terra.

La nostra èlite medica si vanta di tenere in vita i nostri anziani fino agli 80 anni e oltre. Ebbene, gli Hunza, senza ricorrere ai prodigi della nostra scienza medica,…

Continua a leggere →

I rischi del mangiar carne

Mangiatori di carne

Dottor George Clements
La carne è stata a lungo sospettata di essere un cibo inadatto per l’uomo. Un’ampia esperienza sta ora provando che il sospetto è più che fondato.
Gli uomini un tempo credevano che la carne fosse necessaria per produrre sangue. Da tempo è noto che la frutta fresca, le bacche e le verdure riforniscono il corpo di nutrienti migliori (assolutamente essenziali), di quelli che danno le tanto famigerate quanto pessime bistecche.

Il brodo di manzo è stato a lungo considerato un valido tonico e stimolante, quasi indispensabile per i malati deboli. Ora è noto che è…

Continua a leggere →

Meditazione, DNA e invecchiamento

Meditazione, DNA e invecchiamento

“La meditazione influenza il DNA e rallenta l’invecchiamento” questa l’affermazione della biologa Elisabeth Blackburn, premio nobel per la Medicina nel 2009.
I nostri pensieri e la meditazione possono influenzare lo stato di salute del DNA e la velocità con cui invecchiamo. Col passare degli anni ed il susseguirsi delle moltiplicazioni cellulari, infatti, il DNA va incontro a progressivi deterioramenti e questa è una delle cause dell’invecchiamento generale del corpo. Ad affermarlo è il premio Nobel per la medicina, Elisabeth Blackburn, che insieme alla psicologa clinica Elissa…

Continua a leggere →

Il cibo come droga: sono dimostrate sia l’assuefazione che la dipendenza

di Stefano Tasca e Alessandro Tasca
Parleremo qui in generale dei meccanismi di assuefazione, dipendenza da cibo e astinenza che possono, tuttavia, insorgere già molto precocemente, a partire dall’epoca dello svezzamento del bambino.
Prendiamo spunto dalla relazione effettuata dal Dr. Alessandro Tasca, presso l’Università Campus Biomedico di Roma (“Caratterizzazione del circuito dopaminergico nel controllo dell’assunzione e nella ricompensa del cibo: implicazioni nell’obesità”), per avvalorare con elementi di tipo scientifico, alcuni importanti aspetti riguardanti l’alimentazione in generale, e quella infantile, in particolare…

Continua a leggere →