Articolo in evidenza
HomeSalute ed alimentazioneIl cibo come droga: sono dimostrate sia l’assuefazione che la dipendenza

di Stefano Tasca e Alessandro Tasca

Parleremo qui in generale dei meccanismi di assuefazione, dipendenza da cibo e astinenza che possono, tuttavia, insorgere già molto precocemente, a partire dall’epoca dello svezzamento del bambino.

Dipendenza da ciboPrendiamo spunto dalla relazione effettuata dal Dr. Alessandro Tasca, presso l’Università Campus Biomedico di Roma (“Caratterizzazione del circuito dopaminergico nel controllo dell’assunzione e nella ricompensa del cibo: implicazioni nell’obesità”), per avvalorare con elementi di tipo scientifico, alcuni importanti aspetti riguardanti l’alimentazione in generale, e quella infantile, in particolare.

Il carattere divulgativo di questo scritto, impedisce di scendere in particolari che renderebbero meno comprensibile e più noiosa la lettura ma, nondimeno, tenteremo di rendere ragione, semplificando molto, dei meccanismi che sono alla base della dipendenza da cibo che inizia già molto precocemente, a partire dall’epoca dello svezzamento.

E’ importante conoscere le dinamiche cerebrali che sono alla base della dipendenza, per prenderne coscienza e cercare di evitarne i danni, specie per ciò che attiene ai risvolti negativi che in età pediatrica iniziano a manifestarsi e che nell’età adulta provocano veri e propri disastri (obesità, dislipidemie, diabete, infarto, ictus, ipertensione arteriosa).

La fame è una forma di sindrome da astinenza. A ben pensarci, il fatto di avere fame (quindi uno stimolo alla ricerca di cibo gradevole e calorico) è una forma di dipendenza da cibo fisiologica, che ci impedisce di morire. Lo stimolo fisiologico, però, una volta soddisfatto con l’assunzione di cibo adeguato, spegne l’urgenza della ricerca, fino a che non ritorna di nuovo lo stimolo della fame, per fenomeni legati al movimento di metaboliti e di ormoni secreti a seguito del calo, ad esempio, degli zuccheri o dei grassi nel sangue.

In periodi di carestia, inoltre, i meccanismi garantiscono non solo l’impulso a ricercare cibo tout court, ma (e questo è illuminante) a scegliere quello più calorico (ricco in grassi e zuccheri) e quindi adatto, oltre che a saziare, a creare scorte sotto forma di adipe e di glicogeno epatico. Risulta abbastanza semplice comprendere come vi sia, quindi, una predisposizione neuro-ormonale a monte, che spinge a preferire questi alimenti, il cui alto contenuto in nutrienti, coincide quasi sempre con una maggior gradevolezza al palato.

I centri nervosi che sono preposti alla fame ed alla sazietà (nuclei della base e più in generale nuclei talamo/ipotalamici) funzionano usando un neurotrasmettitore, denominato dopamina, i cui recettori sono situati nelle porzioni profonde del cervello. Questi centri nervosi sono gli stessi su cui agiscono – e questo è cruciale – alcuni farmaci psicoattivi (cocaina, cannabinoidi, nicotina, amfetamine, ecc.).

Gli ormoni che sono attivi nel regolare la sensazione di fame e sazietà, vengono invece prodotti a livello dell’intestino (ghrelina, orexina, ecc.), del tessuto adiposo (leptina, ecc.), del pancreas (insulina). La leptina inibisce il senso di fame e di ricerca del cibo, l’orexina e la ghrelina lo incrementano, l’insulina lo deprime.

La sensazione di fame (astinenza fisiologica da cibo) si innesca prima che si verifichino sintomi (tremori, capogiri, sudorazione fredda, in casi estremi perdita di coscienza) in modo da sfruttare l’energia residua per rendere efficiente la ricerca di cibo.

Cibo gratificanteIn un mondo come quello di oggi, però, avviene qualcosa che in natura non è normale e che altera i meccanismi alla base della fisiologica ricerca di alimento: la reperibilità di cibi gratificanti è semplice, non richiede sforzo e soprattutto da un’ampia possibilità di scelta. Questo significa una cosa fondamentale: il cibo viene ricercato non per soddisfare una necessità metabolica, ma per ottenere una gratificazione. Questo, in termini pratici, si traduce in una alterazione del comportamento alimentare.

All’inizio di questo articolo dicevamo che il senso di fame, una volta soddisfatto, interrompe l’istinto di ricerca di alimenti fino alla prossima occasione: ebbene, la facile reperibilità di alimenti sapidi e grassi, ha stravolto la situazione. In termini semplici, non si ricerca più il cibo in quanto necessario al mantenimento del benessere fisico, ma lo si ricerca per l’attivazione di un fenomeno di dipendenza mediato dalla dopamina. Non si ha più bisogno di mangiare sostanze ipercaloriche perché necessario, ma se ne ha bisogno perché l’astinenza può determinare facilmente sintomi sia fisici che psicologici (ricerca di gratificazione dopamino-dipendente).

Alcuni alimenti più di altri hanno la tendenza ad innescare dipendenza e quindi astinenza. In particolare, gli zuccheri, i grassi e le spezie/salse (alimenti sapidi sia per il contenuto salino sia per lo stimolo esercitato sulle papille gustative). L’astinenza da zuccheri, determina tremori, sudorazione; quella da grassi induce ansia.

Dipendenza da cibo spazzaturaIn sostanza, in caso di dipendenza da cibo “palatabile” (molto saporito, dolce o grasso), i meccanismi di ricerca dell’alimento sono alterati, sconvolti. Non si ricerca più del cibo, ma ‘solo’ quel particolare tipo di cibo.

I risvolti, sono di importanza cruciale. In una società come l’attuale (mi riferisco ai paesi cosiddetti “ricchi”), dove la reperibilità di alimenti di quel genere (cibo spazzatura) è semplice ed ubiquitaria, il fenomeno genera ovviamente l’obesità e la dipendenza. Non si tratta più, infatti, di soddisfare emergenze alimentari in momenti di carenza: si mangia quello e solo quello, ed ogni alimento che non contenga quelle sostanze così gratificanti viene evitato, anche se indubbiamente più sano. Chi è assuefatto a quel tipo di cibo, non riesce semplicemente più a mangiare altro, perché lo trova disgustoso, insipido e poco stimolante, a livello dei circuiti cerebrali di ricompensa.

Merendine cibo non sanoLe industrie produttrici di alimenti “pronti” e “precotti” e le catene di “take away” (oltre che una buona quantità di produttori di cibi cosiddetti “per l’infanzia”) sfruttano ovviamente questo meccanismo per incrementare le vendite: aggiungono grassi, zuccheri, spezie e salse, additivi chimici, poiché chi si abitua a mangiare questi cibi, semplicemente non vuole più altro e anzi… tende ad assumerne sempre di più.

Attenzione dunque, già nella fase di svezzamento, è importante usare sempre cibi freschi, preparati in casa, evitando dolci e grassi in eccesso, e quando i bambini sono più grandicell, evitare di ricompensarli con cibi sbagliati, tipo caramelle, dolcetti, merendine industriali, ecc. L’assuefazione e la dipendenza iniziano, infatti, da bambini! Occorre sempre essere consapevoli di quanto dannose siano certe abitudini e di quanto sia poi difficile uscire dai problemi che queste abitudini determinano nel tempo.

Articolo di Stefano Tasca e Alessandro Tasca

Fonte: http://www.informasalus.it/it/fonti/blog-stefano-tasca.php

Potrebbero interessarti...



Commenti

Il cibo come droga: sono dimostrate sia l’assuefazione che la dipendenza — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Salute ed alimentazione"

I rischi del mangiar carne

Mangiatori di carne

Dottor George Clements
La carne è stata a lungo sospettata di essere un cibo inadatto per l’uomo. Un’ampia esperienza sta ora provando che il sospetto è più che fondato.
Gli uomini un tempo credevano che la carne fosse necessaria per produrre sangue. Da tempo è noto che la frutta fresca, le bacche e le verdure riforniscono il corpo di nutrienti migliori (assolutamente essenziali), di quelli che danno le tanto famigerate quanto pessime bistecche.

Il brodo di manzo è stato a lungo considerato un valido tonico e stimolante, quasi indispensabile per i malati deboli. Ora è noto che è…

Continua a leggere →

Ricerche scientifiche dimostrano che l’acqua rende felici

Il colore blu del mare

Lo confermano nuovi studi: stare vicino all’acqua rende l’uomo più felice. Ecco perché le vacanze al mare sono le più rigeneranti in assoluto.
Lo abbiamo sperimentato sulla nostra pelle, ma è bello che la scienza ce ne dia conferma e ci spieghi il perché. Noi veniamo dall’acqua ed è per questo che quando siamo in contatto con essa, viene stimolata in noi la produzione di neurotrasmettitori della felicità e del piacere: come la dopamina, la serotonina e l’ossitocina. E poi l’acqua è blu, il colore rasserenante per eccellenza.

Istintivamente sappiamo che stare vicino…

Continua a leggere →

Proteine: da dove le ottengono vegetariani, vegani e crudisti?

Alimentazione vegetariana

di Serena Pacquola (ildragoparlante.com)

Da dove ottengono le loro proteine atleti come Seba Johnson (vegana, attrice e scrittrice), Rob Bigwood (vegano), George Hackenschmidt (the “Russian Lion” – wrestler vegano/crudista)? O ancora attori famosissimi come Pamela Anderson, Tommy Lee, Natalie Portman, Anne Hathaway, Brad Pitt?
George Hackenschmidt, con un peso di 220 libre (circa 100 kg), ha girato il mondo in competizione con i più grandi wrestler del suo tempo. Secondo il Dr. George R. Clements, la sua dieta consisteva in una colazione a base di lattuga e 5-6 noci brasiliane, un primo…

Continua a leggere →

Quella droga chiamata rabbia

Avere pensieri negativi

di Paolo Marrone
Siamo portati a pensare che il problema della dipendenza da sostanze chimiche non ci riguardi affatto. In fondo facciamo una vita regolare e sana, molti di noi fanno anche sport, non facciamo uso di droghe, e non beviamo alcolici o quasi… insomma crediamo di essere del tutto estranei a questo problema.
Non è così. Ognuno di noi è dipendente da diverse sostanze chimiche e anche se tale affermazione può sembrarvi strana, risponde a verità.

La dipendenza infatti non riguarda solo le sostanze chimiche immesse nel corpo dall’esterno, come droghe o alcool; quella di…

Continua a leggere →

La causa principale del cancro: l’acidità organica

Liberi dal cancro

La causa principale del cancro è stata ufficialmente scoperta parecchi decenni fa, precisamente nel 1923, dallo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg, poi premio Nobel per la medicina nel 1931.
Da allora nulla è stato fatto, se non continuare a raccogliere in tutto il mondo soldi per la ricerca, quando la causa primaria del cancro è (ed era) sostanzialmente nota. Poche persone in tutto il mondo ne sono a conoscenza, poiché questi fatti vengono tenuti opportunamente nascosti dall’industria farmaceutica e da quella alimentare.

Otto Heinrich Warburg ha scoperto che il cancro è il…

Continua a leggere →

Il Metodo Gerson

Succhi di frutta freschi

di Marcello Pamio
Un medico illuminato. Un ebreo scampato all’Olocausto. Un’emicrania invalidante. Una dieta in grado di curare tutto, anche il tumore. Qual è il comun denominatore di tutte queste cose? Max Gerson, un medico tedesco nato nel 1881 in Polonia e morto a New York nel 1959.
Per parlare dello straordinario Metodo Gerson approfitto di una recente intervista radiofonica che ho fatto su Gamma 5 a Margaret Straus, una delle poche persone al mondo che più hanno diritto di parlare del Metodo: Gerson era suo nonno!

D: Gentile Margaret cosa ci può dire di suo nonno?

R: Mio…

Continua a leggere →

Alimentazione vegetariana e nutrizione

Vegetarianismo

Le diete vegetariane risultano non solo nutrizionalmente adeguate in tutte le fasi dello sviluppo umano, ma sono anche salutari e possono essere valide per la prevenzione e nel trattamento di alcune malattie.
“Luciana Baroni” è presidente della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana, nota per essere stata la prima associazione no-profit in Italia, a studiare la dieta vegetariana da un punto di vista scientifico. La S.S.N.V. non ha mai volutamente concentrato la propria attività sull’aspetto etico della scelta vegetariana, ossia il rispetto per la vita degli animali, scegliendo…

Continua a leggere →

Uno stile di vita Olistico

Siamo tutti collegati

di Sebastiano Tringali
Tutto è relazionato con tutto. Per capire i tuoi malesseri e dargli una risposta adeguata, impara, quindi, a guardare al di là del sintomo, ad avere una visione d’insieme e andare alla radice del problema.
Tutte le parti del corpo lavorano in stretta ed intima comunicazione e collaborazione, all’insegna del “Tutti per uno e uno per tutti”. L’energia viene distribuita nel corpo in modo intelligente, secondo le esigenze più urgenti del momento. Qualche esempio: se si fa un pasto pesante, la digestione assorbirà per sé tutta l’energia che le serve e…

Continua a leggere →

Superare la paura della malattia

Paura

di Marcello Salas
Molte persone, pur essendo a conoscenza di alcune teorie legate alle cosiddette medicine alternative, nonché di alcuni specifici processi corporei, si intimoriscono quando si parla di cancro o di altre malattie a forte impatto sociale.
Queste persone non riescono, in sostanza, a superare la massiccia programmazione mediatica – perché di questo si tratta – che è andata avanti in questi ultimi decenni. Chiariamoci subito: tutti abbiamo paura, è naturale ed è biologico che sia così, la paura ha la sua funzione e guai se non ne avessimo, tuttavia se essa dipende da una…

Continua a leggere →

Massaggiare il Punto “Zu San Li”

Punto "Zu San Li"

Una leggenda giapponese racconta che una volta, ad un uomo furono tramandate preziose conoscenze dal padre: queste comprendevano l’identificazione della posizione del “Punto di longevità” o “Punto delle 100 malattie”. Pare che il figlio seguendo i suoi consigli (massaggiando questo punto), visse abbastanza per vedere la nascita e la morte di diversi imperatori.
Massaggiare alcuni punti specifici, è parte dei più antichi metodi di trattamento orientale. Il nostro corpo è dotato di una sottile energia elettromagnetica denominata “KI” (in giapponese) che costituisce l’energia che…

Continua a leggere →