Assistenza degli esseri di luce

Assistenza degli esseri di luce

Molte persone affermano di aver ricevuto visite da entità fatte di luce, che cercavano di assisterli mentre tentavano una proiezione astrale o mentre  cercavano di uscire dal corpo. Spesso gli esseri di luce, cercano di afferrare, per così dire, l’energia del corpo non fisico della persona, per tirarla fuori dal corpo fisico. La cosa più difficile in questi casi, è di rimanere abbastanza rilassati per consentire che quest’operazione abbia successo.

La maggior parte di queste persone, pur percependo le buone intenzioni di questi esseri, tendono a ritrarsi, perché quell’esperienza…

Continua a leggere →


Esercizi di preparazione alle OBE, durante il sogno

Esercizi di preparazione alle OBE, durante il sogno

Questo è un esercizio eccellente per stabilizzare la percezione. E’ anche l’approccio più naturale verso le OBE, perché lavora direttamente con i sogni. Parte dal presupposto corretto, che le OBE avvengano già naturalmente mentre dormiamo, ma che noi generalmente non ce ne ricordiamo. Piuttosto che creare un’OBE in modo diciamo “artificiale”, perciò, è più facile cercare di essere consapevoli del fenomeno mentre esso accade naturalmente nel sogno. E questo è possibile con esercizi mirati a questo scopo.

Modello G

1. Prima di addormentarti, datti il comando con pensieri e…

Continua a leggere →


Esercizi di preparazione alle OBE, durante lo stato ipnagogico

Esercizi di preparazione alle OBE, durante lo stato ipnagogico

Il confine tra la veglia ed il sonno, ci fornisce un terreno fertile per esplorare la nostra consapevolezza. Ci offre anche un ponte naturale per sviluppare le energie non fisiche, in quanto molte delle energie usate per mantenere la nostra percezione ordinaria, si spostano verso una prospettiva non fisica. Lo stato di dormiveglia assomiglia ad uno stato meditativo e può quindi essere usato anche come una generica meditazione, adatta a tutti gli usi, quando non è focalizzata alle OBE.

Modello E

1. Trovate un posto confortevole su cui stendervi o sedervi.
2. Stimolate i sensi fisici….

Continua a leggere →

Esercizi di preparazione alle OBE, da svegli

Esercizi di preparazione alle OBE, da svegli

Questi esercizi non solo ti aiuteranno a produrre un viaggio astrale consapevole, ma ti prepareranno anche a riconoscere meglio, le sensazioni che si succedono durante le varie fasi: la preparazione, la transizione e la separazione. Ti avvicinerai alle OBE da tre diverse prospettive: da sveglio, poi durante lo stato ipnagogico (cioè tra la veglia e il sonno) e in ultimo durante il sogno.

Gli esercizi da praticare da svegli, sono conosciuti come tecniche di “Robert Monroe”. Egli le ha rese pubbliche nel libro “Journey Out of the Body”e rappresentano un metodo eccellente per percepire la…

Continua a leggere →

Vita dopo la morte e altre considerazioni

Vita dopo la morte e altre considerazioni

Per quanto riguardo la vita dopo la morte, molte persone pensano che le OBE, costituiscano una prova dell’esistenza della vita dopo la morte. Per me, però, offrono solo la prova che abbiamo differenti modelli percettivi, a nostra disposizione. Usare la percezione come uno strumento per investigare su questioni di sopravvivenza, ci può portare ad incontri con spiriti di persone morte o con entità non fisiche, i quali ci potranno insegnare qualcosa riguardo alla vita dopo la morte. In questo modo, potremo accumulare dei dati, riguardanti la sopravvivenza dopo la morte e questo potrà…

Continua a leggere →

La tecnica di Dorothy per tornare nel corpo

La tecnica di Dorothy per tornare nel corpo

Il ritorno nel corpo dopo un viaggio astrale, consiste nel focalizzare l’attenzione sul corpo fisico e nel tornare a collegarsi con i propri sensi fisici. Di solito il solo desiderio di ritornare, è sufficiente perché ciò avvenga.
Tuttavia esiste una tecnica, chiamata “tecnica di Dorothy” che rappresenta sicuramente un buon modello da seguire, per assicurarsi un ritorno dolce e gradevole.

The Dorothy Technique (la tecnica di Dorothy):

1. Quando si è in astrale e si sente il bisogno di ritornare nel corpo fisico, bisogna picchiare i talloni uno contro l’altro, come Dorothy nel “Mago…

Continua a leggere →

Comunicazione e corda d’argento

Comunicazione e corda d’argento

A volte, ti sembrerà di comunicare con altre persone o entità, proprio come se fossi nel mondo fisico. I tuoi sensi ti diranno che stai conversando normalmente, anche se la maggior parte delle comunicazioni, avverrà in modo telepatico, cioè mandando e ricevendo immagini mentali ed emozioni. Un vantaggio della telepatia, è che puoi immediatamente comprendere le informazioni ricevute e quindi comunicare con chiunque. Imparerai inoltre ad interpretare il significato dei simboli e a seconda della tua personalità, essi potranno indicarti dei significati particolari.

In letture o…

Continua a leggere →

Panorami di percezione

Panorami di percezione

Non è insolito durante un’OBE, sperimentare una parziale visualizzazione di se stessi, di una gamba o di un braccio, ad esempio. Questa visualizzazione può diventare ancora più strana, quando percepiamo che la maggior parte della nostra consapevolezza, è ormai localizzata al di fuori del nostro corpo fisico, ma ci sentiamo ancora parzialmente connessi ad esso.

Visualizzazioni parziali, sono più probabili le prime volte, in cui proviamo ad avere delle esperienze di uscita dal corpo. Possono però anche succedere quando stiamo imparando qualcosa di nuovo. Quando la nostra percezione…

Continua a leggere →

Barriere e controllo del corpo astrale

Barriere e controllo del corpo astrale

Durante un’OBE, oltre alla paura dovuta alla separazione dal corpo fisico, possiamo incorrere in altri ostacoli. Nel corso della nostra vita infatti ci costruiamo continuamente degli ostacoli, che sono il risultato del modo in cui percepiamo e definiamo il mondo. Sono quei limiti che ci poniamo, quando pensiamo che le cose possano essere solo in un certo modo, e quando abbiamo una visione univoca e poco flessibile della realtà. Sono limiti che diamo ai nostri pensieri, sentimenti e azioni. Una insufficiente flessibilità, rigide convinzioni e rigidi comportamenti, induriscono questi…

Continua a leggere →

Esercizio di simulazione

Esercizio di simulazione

Il seguente esercizio simula i passaggi fra diversi stati di consapevolezza, facendoti anche imparare come rispondere ad una situazione inattesa, senza farti prendere dal panico.

1. Per prima cosa stabilisci una destinazione e due fermate intermedie. Le due fermate e la destinazione finale devono essere luoghi che ami visitare.
2. Centra ora l’energia all’interno del tuo corpo fisico.
3. Invia l’energia direttamente alla destinazione finale, oltrepassando le fermate intermedie.
4. Ritorna al tuo corpo fisico.
5. Torna alla tua destinazione, questa volta fermandoti brevemente alle due…

Continua a leggere →

La transizione

La transizione

Durante la transizione dallo stato di veglia, di meditazione, o di sonno/sogno, verso un’OBE, può succedere di tutto. Puoi semplicemente trovarti al di fuori del corpo, senza alcuna sensazione di transizione, oppure puoi sentire di essere passato attraverso una zona ad alta energia. Questa sensazione implica il trovarsi per un breve momento, nel mezzo di una tremenda energia. Questa è anche una zona ad alto potenziale, uno stato di coscienza dove tutto può accadere e dove il tuo più piccolo dubbio, paura o desiderio può giungere inaspettatamente in superficie.

La mia esperienza mi…

Continua a leggere →

Esercizio del “Corpo di Luce”

Esercizio del “Corpo di Luce”

Il seguente esercizio offre una maniera per circondarsi di luce. Io l’ho praticato per la prima volta, durante un corso presso “l’Istituto Monroe” ( quello creato da Robert Monroe, famoso viaggiatore astrale). Conosciuto anche come esercizio del “pallone di energia risonante”, è usato come uno strumento preparatorio per l’OBE.

Ecco come si svolge:
1. Percepisci con l’immaginazione e le sensazioni, un’energia luminosa che entra dalla base dei tuoi piedi e risale lungo il tuo corpo.
2. Lascia che l’energia fuoriesca dalla cima della testa.
3. Percepiscila fluire, agitarsi,…

Continua a leggere →

Problemi e considerazioni riguardanti il fenomeno OBE

Problemi e considerazioni riguardanti il fenomeno OBE

Ci sono alcuni aspetti, riguardo alle OBE, che andrebbero considerati attentamente, per fare in modo di avere poi un’esperienza più piacevole e gratificante:

La chiarezza: Quali che siano i tuoi interessi, chiediti perché ricerchi questo tipo di esperienza, come vorresti che ti fosse utile, quali sono le tue paure e a che cosa esse sono legate. La piena accettazione di se stessi e del proprio ambiente, procura chiarezza. Dobbiamo pazientemente misurare i nostri sforzi, procedendo passo dopo passo e rafforzandoci ad ogni passaggio. Bisogna esplorare e poi esaminare tutte le varie…

Continua a leggere →

Il metodo delle 3E per indurre le OBE

Il metodo delle 3E per indurre le OBE

Grazie alle mie esperienze personali, alle conoscenze acquisite tramite il contatto con persone del “Monroe Institute” e allo studio delle letture psichiche di “Edgar Cayce”, ho sviluppato un processo in tre fasi per indurre le OBE.
Il metodo delle 3E, si concentra su tre aspetti: sulle aspettative (Expectation), sull’Eccitazione (bilanciare la percezione) e sull’Esplorazione (cioè sul focalizzare la percezione verso una meta precisa).

L’aspettativa consiste nell’aprire e rendere più chiara la consapevolezza, in modo che l’OBE diventi un obbiettivo raggiungibile. Durante…

Continua a leggere →

OBE (out of body esperience o esperienza fuori dal corpo)

OBE (out of body esperience o esperienza fuori dal corpo)

L’OBE è una tecnica avanzata di esplorazione della conoscenza, che presenta tre caratteristiche principali:

Primo: la consapevolezza è portata fuori dal corpo fisico. Una volta che si è sperimentato questo fenomeno personalmente, non si hanno più dubbi, che la consapevolezza possa esistere al di fuori del corpo fisico. Mediante un’OBE è infatti possibile vedere il proprio corpo fisico, ad esempio dal soffitto della camera dove si stà dormendo.
Secondo: questa prospettiva non fisica ha una qualche forma, che chiameremo corpo del sogno o corpo astrale. Esso può assomigliare al…

Continua a leggere →

La terza persona – Viaggio nella spiritualità

La terza persona – Viaggio nella spiritualità

di Giovanni Ravani
A partire da una ricerca trasversale in scienza, filosofia e teologia, questo saggio offre interessanti stimoli di riflessione sulla spiritualità, sulla sua natura e sulle teorie che nel corso degli anni ne hanno tratto fondamento. Con nuove logiche e risposte a complessi quesiti, scioglie in un linguaggio accessibile dissacrazioni di  massime filosofiche, la teorizzazione di nuove unità fisiche, una inusuale psicoanalisi della personalità di Lucifero  e soluzioni in chiave metafisica ai problemi psichici, generando alfine un apprendimentoprolifico e assolutamente…

Continua a leggere →

La Grande Invocazione

La Grande Invocazione

Oggi l’umanità si trova in un particolare, eccezionale punto intermedio, tra un passato infelice e un futuro pieno di promesse.
Tali promesse po­tranno attuarsi, se la riapparizione del Cristo verrà riconosciuta come tale e la gente si sarà preparata per quest’avvenimento. Il presente è quindi colmo di promesse, ma anche di enormi difficoltà: in questo momento infatti il destino del mondo e (se possiamo dirlo con la massima reverenza) l’attività immediata del Cristo, sono nelle mani degli uomini.

Le atroci sofferenze della guerra e le angosciose condizioni dell’intera famiglia…

Continua a leggere →

Stabilire un collegamento con il mondo spirituale

Stabilire un collegamento con il mondo spirituale

Se vi sentite ancora immersi nel mondo materiale, è soltanto perché non avete coltivato alcun tipo di “collegamento” con il mondo spirituale.
Cercate pertanto di lavorare a questo scopo. Sarà sufficiente non giudicare, essere buoni, sinceri, fidati, ecc. La lista è ovviamente lunga, ma sempli­ce da intuire e seguire. Vedrete allora come ad un certo momento, vi ritroverete a vive­re una vita diversa, che ora potete sol­tanto supporre nella vostra immaginazione.

Molti pensano, erroneamente, che comunicare significhi necessariamente porre una domanda ver­bale ed ottenere una risposta…

Continua a leggere →

Benedizione ed auto esame

Benedizione ed auto esame

Che cos’è una benedizione?
La benedizione, può essere considerata come una proiezione o trasferimento di energia, la cui intensità e potenza è in relazione al nostro sviluppo spirituale, e che ci permette di divenire centri di irradia­zione. Con la benedizione noi creiamo una forma pensiero, intensa e vibrante, che vale come atto di servizio.

Perciò, siccome la benedizione crea armonia, dedichiamo costantemente, alcuni minuti al giorno, per be­nedire l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo e il cibo che ci dà forza e salute, per mantenerci al servizio, nel posto che ci è stato…

Continua a leggere →

Come aiutare i Maestri

Come aiutare i Maestri

Come è possibile aiutare i Maestri nella loro opera umanitaria?
In primo luogo, insegnando alla gente la legge dell’evoluzione ed il fatto che esistono grandi Anime (i Maestri) interamente dedicate al servizio del prossimo, e che lavorano costantemente per la salvezza del mondo. In secondo luogo, discepoli e aspiranti dovrebbero vivere armoniosamente sotto ogni aspetto ed amare incondizionatamente tutto e tutti. E’ necessario che le vibrazioni violente dei nostri ambienti, vengano smorzate con una forte contro-vi­brazione d’amore, ricordando sempre che, quando si opera in sintonia con…

Continua a leggere →

Come realizzare progetti per il bene dell’umanità

Come realizzare progetti per il bene dell’umanità

Come si può realizzare un progetto per il bene comune?
Colui che si è posto questa intenzione deve soltanto deciderlo e questo proposito permetterà all’ambiente esterno di adattarsi, affinché egli possa conseguire ciò che si è ripromesso di fare. Così facendo tutto diventa possibile, ma in che modo? Può avvenire grazie al chakra del cuore, che è il luogo in cui si entra in contat­to con i “Maestri” e anche l’epicentro delle energie relative alla natura umana. Lo spirito dell’uomo, la sua volontà ed il suo amore focalizzandosi su questo chakra lo inducono ad irradiare, attraverso…

Continua a leggere →

Lavorare al proprio auto sviluppo significa servire l’umanità

Lavorare al proprio auto sviluppo significa servire l’umanità

Una meditazione difficilmente potrà permettere all’uomo di trovare la propria natura divina, dunque ci si dovrà far bastare la fede!
Il bi­sogno di conoscere Dio a tutti i costi, sul piano intellettivo e razionale, ci fa infatti spendere parecchie energie, che potrebbero invece essere dirette in qualche lavoro proficuo. Molti individui sostengono che farebbero volentieri qualcosa a favore degli altri, se solo Dio mostrasse loro la strada da seguire e li aiutasse a superare le eventuali difficoltà.

Queste persone, devono invece comprendere, che ognuno di noi deve assumersi le proprie…

Continua a leggere →

L’amore vero

L’amore vero

Cos’è l’amore vero? L’amore non consiste nello scegliere o preferire una persona piuttosto che un’altra.
E’ infatti un er­rore generale chiamare “amore” quel qualcosa che ci spinge ad avvicinarci ad una determinata persona, questo non è amore ma solo un desiderio di pace, sicurezza, armonia. Nel migliore dei casi potrà essere un affetto profondo, ma certamente non sarà amore!

In generale, sono le idee personali, i pregiudizi e i preconcetti, a causare i nostri comportamenti, mentre invece dovrebbe essere sempre l’amore vero, il “motore” che sta alla base di tutto il nostro operato….

Continua a leggere →

Il Maestro conosce le necessità dei propri allievi

Il Maestro conosce le necessità dei propri allievi

In che modo l’ispirazione del Maestro giunge ai propri discepoli?
Il Maestro, pur vivendo una vita in­dipendente rispetto ai discepoli, quando li accoglie nella propria aura, conosce già ciò che è necessario ad ognuno di loro e regolarmente, ad ogni luna piena, invia a ciascuno un pro­gramma di ispirazioni. In questi momenti, il Maestro pensa profondamente ad ogni discepolo, proiettando nelle loro aura, tutto il programma di lavoro che essi dovrebbero svolgere. Questa rapporto di­scepolo/Maestro può protrarsi per molto tempo: in questo modo il discepolo viene ispirato riguardo a ciò…

Continua a leggere →

Il discepolo resta sempre libero nella propria identità

Il discepolo resta sempre libero nella propria identità

Un Maestro, per aiutare un proprio discepolo, avrà sempre e comunque bisogno del suo consenso.
Soltanto la confidenza reciproca permetterà al discepolo di superare tutte le prove che gli verranno presentate, e solo la fiducia che egli ripone nel Maestro, gli permetterà di riceverne l’influenza migliore. Questa fiducia nel proprio Maestro, è una delle qualità che permette al discepolo di risvegliare la propria intuizione, anche se ciò non si deve mai identificare, col lasciare da parte la propria volontà, in attesa che il Maestro indichi cosa fare o come ci si dovrebbe…

Continua a leggere →

Il sentiero del Discepolo accettato

Il sentiero del Discepolo accettato

Aver ricevuto le prime due Iniziazioni, significa essere ormai un discepolo accettato.
Significa aver acquisito l’assoluta certezza dell’esistenza della “Gerarchia Spirituale” e il principio per cui tutte le Anime sono un’anima unica. Il discepolo ha quindi assunto l’impegno di operare come Anima e di servire il Piano divino.

Ma qual’è la differenza tra un allievo ed un discepolo? Nessuno può dirsi “discepolo”, o rivendicare questo titolo, se non può anche dimostrare con i fatti che possiede la persistenza e la costanza sufficienti a compiere un la­voro fino in fondo. Se non si…

Continua a leggere →

Iniziazione

Iniziazione

Non esiste una chiave d’oro che ammetta al “tempio”: ciò che conta è il merito, ossia il prodotto accumulato dalle precedenti buone azioni.
Il candidato all’iniziazione è di solito perfettamente inconscio di esserlo, egli vive ordi­nariamente la propria vita nella comunità, aiutando i propri simili senza alcun pensiero, fino a che un bel giorno appare nella sua vita un Maestro.

Fino a questo momento il candidato ha coltivato in sé certe facoltà, ed accumulato certe capacità di servizio e di aiuto, delle quali è generalmente inconsapevole o che non sa come utilizzare in modo…

Continua a leggere →

Andare a scuola nel mondo astrale

Andare a scuola nel mondo astrale

Prima di andare a letto alla sera, passate dieci o quindici minuti esaminando come avete passato la giornata e osservando gli sbagli che avete commesso.
Riparate quindi mentalmente ai vostri errori, in­spirate profondamente un paio di volte e quando vi sarete calmati, andate a letto. Il sonno sarà buono e rivitalizzante. Se riuscite a prendere l’abitudine di andare a letto presto, sarete capaci di dare al vostro corpo la quantità di prana necessaria, per restare in ottima salute.

Quando voi dormite andate a scuola nel mondo astrale. Ciò che imparate di notte viene poi applicato…

Continua a leggere →

Diventare aspiranti

Diventare aspiranti

Come si diventa aspiranti?
In teoria si dovrebbe incominciare dalle cose più semplici ma, sfortunatamente, molti vogliono passare subito alle cose complicate, come aprire i chakras, leggere li­bri tediosi o peggio assistere ad interminabili seminari sull’argomento. Altri vogliono gettarsi ai piedi di un Maestro o ripetere e ripetere all’infinito un mantra segreto. Le cose più semplici invece non interessano, perché sono anche le più dure da mettere in pratica, e sono rappresentate dai suggerimenti concernenti il dominio della personalità: come il non giudicare, il non ru­bare (nel…

Continua a leggere →

Il sentiero dell’aspirante

Il sentiero dell’aspirante

Si definisce aspirante o allievo, un individuo che si sente sollecitato da un’inconscia spinta interiore verso il mondo dello spirito, e che pertanto si sforza di conseguire purezza di pensiero, retto movente e giusta azione.
Il discepolo invece, è un allievo che è arrivato ad un livello di coscienza tale, per cui la sua vita è diretta dall’Anima, ed il suo lavoro è diretto a favore del Piano d’evoluzione dell’umanità. Viene poi l’Iniziato, che è colui che ha ricevuto “la terza iniziazione”, mentre il Maestro, è un essere umano che, attraverso l’esperienza di molte vite, ha conseguito…

Continua a leggere →