Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaScienza e… spiritualità

di Luca Bertolotti e Silvia Salese

E’ sempre più evidente il fatto che le nuove rivelazioni scientifiche presto o tardi si imporranno sulla visione classica e riduzionistica della vita in tutti gli ambiti di studio e di pensiero.

Scienza e spiritualitàEppure, non ci si riesce a rallegrare nel vedere che sempre più frequentemente gli argomenti promossi dalla nuova scienza – proprio per la loro portata rivoluzionaria – si prestano ad essere facilmente adottati, in modo semplicistico, da una qualsivoglia improvvisata corrente di pensiero filosofica, psicologica o spirituale. Pensiamo ai vari libri e dvd di pensiero creativo, leggi dell’attrazione e acrobazie simili, che certamente mal si prestano dall’offrire una visione concreta e realmente trasformativa della vita umana.

A tal proposito, si avverte l’esigenza di rimarcare un profondo atteggiamento di rispetto nei confronti di quelle correnti mistiche o religiose, che da sempre hanno accompagnato l’essere umano nel tentativo di migliorarne le condizioni di vita (interiormente, non tecnologicamente), cercando di offrirgli la possibilità di assumere un atteggiamento più nobile e dignitoso nei confronti dell’esistenza.

Anche se, bisogna sottolineare, che non tutte queste correnti sono oggi vissute seguendo i dettami tradizionali (che le accomunano tutte, al di là dei differenti linguaggi simbolici utilizzati), ma spesso subiscono l’ingiuria di essere distorte, interpretate e divulgate, a seconda dei propri obiettivi o interessi personali – cosa che accade frequentemente quando una religione diviene istituzionalizzata.

Non accade di rado, infatti, di incontrare persone che promuovono “dottrine” di qualunque tipo, siano esse di origine antica o di formazione recente, basando su di esse i propri introiti economici personali – e a volte anche con significativi giri di affari – avendo oltretutto il coraggio di proporle come sistemi di evoluzione spirituale, e presentandosi essi stessi come motivati da uno spirito missionario nei confronti del prossimo!

Sempre più spesso colpiti da titoli altisonanti e da progetti (definiti “scientifici”) che hanno come banale scopo quello di “salvare l’umanità”, ci si chiede se questo ‘corri corri’ verso le nuove frontiere della scienza sia, alla fine, un bene o un male. Il tono con cui qualcuno si avvicina a questo affascinante percorso, ha qualcosa di molto più simile ad un tentativo di rivalsa e di interesse personale, che non ad una reale curiosità ed esigenza di comprendere come stanno veramente le cose o, meglio, di come non stanno le cose.

Consapevolezza di séLa nostra personale idea sul concetto di spiritualità è strettamente legata al concetto di consapevolezza di sé, di ricerca di una trasformazione che passa primariamente attraverso il riconoscimento di come si è fatti, di come si “funziona”. Non escludiamo quindi che vi siano persone che si muovono in tal senso, esempi pratici di un modo di vivere rispettoso nei confronti dell’esistenza. Ma, certo, queste persone non si definiscono come portavoce di verità e conoscenze universali.

In questo triste mercato della spiritualità dei nostri giorni – che molte volte si rivela essere una paradossale strada per rifuggire dalle difficoltà quotidiane, dimenticandosi di se stessi – ci è capitato spesso di immaginare la reazione di un ipotetico Gesù contemporaneo di fronte a questo caos di mercanti… forse si indignerebbe rovesciando tutti i banchi come già in passato (a quanto si può leggere) ha fatto, accusando tutti costoro di aver abusato degli insegnamenti originari, trasformando la sacralità in lucro.

Ben lontani dal voler fare di tutta l’erba un fascio, non ci si può comunque esimere dal sottolineare disapprovazione per tutti i vari “venditori di fumo” che, avvalendosi dei concetti scientifici moderni, si sentono in diritto di associarli alle loro improvvisate proposte religiose o tecniche terapeutiche, le cui conseguenze applicative possono rivelarsi spesso addirittura pericolose.

Dunque, ci si astiene dal luogo comune secondo cui un individuo che si reputa scientifico, si debba sentire in dovere di screditare o considerare non accettabile una visione non “razionalizzabile” dell’esistenza; così come, parallelamente, ci si astiene dal luogo comune secondo cui un uomo di fede debba guardare con sospetto e diffidenza le ricerche compiute dalla scienza.

Infatti, l’una non esclude l’altra, dato che la scienza e il misticismo impiegano metodi incompatibili, ma i loro risultati non sono incompatibili. Una volta che sia stato realizzato che la scienza non ha niente da dire circa un mondo che si trova oltre l’esperienza razionale, non ci deve essere un conflitto, poiché la scienza e la fede si occupano di domini di esperienza completamente diversi.

D’altro canto, reputiamo che la scienza moderna porti con sé una moltitudine di spunti di riflessione sulla natura dell’essere umano e sul significato della sua esistenza, cosa che ne rappresenta forse il suo tesoro più prezioso; essa apre le porte ad una riesamina dello stile di vita attuale della civiltà (autodistruttivo), conducendo ciascuno di noi verso una presa in carico delle proprie responsabilità.

Volgere gli occhi all’esistenza con spirito critico e analitico, non significa necessariamente assumere una posizione antropocentrica nell’universo, ma può anche voler dire riconoscere, con umiltà, la nostra incapacità attuale di comprendere l’immenso mistero che la vita costantemente utilizza per stupirci, nella sua imprevedibilità, e nella sua bellezza.

Fonte: https://spaziomente.wordpress.com/2010/03/13/scienza-e-spirito/

Potrebbero interessarti...



Commenti

Scienza e… spiritualità — 6 commenti

  1. Negli ultimi anni sono cresciuti in modo esponenziale libri e corsi di spiritualità che ben poco hanno a che fare con il benessere del anima questi pseudo profeti approfittano del fatto che moltissime persone sono stressate da una vita che è basata più sull avere che sull essere ma da buona ottimista quale sono spero che la nostra intelligenza ci porti a distinguere chi si prende gioco di noi per riempirsi il portafoglio.
    Ps buon inizio settimana a te Beatrice a e Mauro

  2. un altro bell’articolo da leggere e rileggere con attenzione ; pieno appoggio basato sulla ricerca personale , passando dal buddismo allo yoga,dalla biodanza alle arti marziali , bagni di gong,trance dance , approfondimenti su argomentazioni parapsicologiche ecc ecc. I luoghi comuni si sprecano pur volendo spesso affermare l’escusiva della verità assoluta in ogni ambito. No , non si fa di tutta l’erba un fascio , ma quasi . Va bene tutto in quanto esperienza conoscitiva specie se provato sulla propria pelle , purchè non se ne crei una dipendenza e non si vada a danneggiare fasce più vulnerabili di individui non sempre al passo con il proprio risveglio . Non per essere allarmisti a tutti i costi , ma realisti nel senso stretto del termine. Tanti mercanti del sapere le cui consulenze guarda caso ti snelliscono il portafogio . Vi osservo con sospetto , provo a non giudicarvi e promuovo auspicando un rispetto maggiore nei confronti altrui in quanto parte di Sè.

  3. Grazie Cinzia, anche a te, anche da Beatrice!
    Per quanto riguarda queste nuove “figure professionali”, sono d’accordo con te. In fondo, quella che attraversiamo, possiamo credere si tratti di una fase: stiamo andando verso nuove conoscenze, e lo facciamo per gradi, passando prima per le speranze, le illusioni, e perfino gli inganni di qualcuno e i comodi insegnamenti di qualcun altro. A volte sembra proprio che qualcuno cerchi di raccontarci le favole giuste per noi, allo scopo di venderci qualcosa. Ma è vero, sarà inevitabile metabolizzare anche costoro, capiremo che la vera profondità dell’uomo interiore ha radici anche nella realtà materiale, nell’esperienza quotidiana, nei rapporti con gli altri, e nel vero movente di pensieri ed azioni. E invece ci sono persone che ti voglio vendere ali in offerta speciale, per farti volare chissà dove, facendoti perdere il buon senso guadagnato in una vita di vicende e sofferenza. Questo è quello che credo. Un grande abbraccio, Mauro

  4. Ciao Mauro hai esposto in maniera eccellente il mio pensiero solo che tu hai più dimestichezza nel mettere nero su bianco i tuoi pensieri un abbraccio a te e Beatrice dalla vostra amica Cinzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

La Grande Menzogna in cui viviamo

La menzogna in cui viviamo

Viviamo nell’ignavia e apatia quotidiana, plagiati e bombardati dai media di regime. E non ci spingiamo mai oltre per cercare di comprendere la china discendente e inesorabile che sta colpendo tutti noi indistintamente.
Ogni giorno ci svegliamo nella stessa stanza e ci predisponiamo a vivere esattamente come il giorno prima. Eppure, un tempo, ogni giorno era una nuova avventura. Lungo il percorso è cambiato qualcosa… e adesso i nostri giorni sono scanditi e programmati.
È questo ciò che significa essere cresciuti? Essere liberi? Ma siamo davvero liberi? Gli elementi stessi di cui abbiamo bisogno per sopravvivere sono di proprietà di multinazionali. Non c’è cibo per noi sugli alberi, l’acqua del rubinetto è inquinata e dobbiamo comprarla imbottigliata…

Continua a leggere →

La dittatura del Denaro

Il sistema del potere

Nella società moderna il denaro, da utile strumento di scambio economico, è diventato un forte emblema di status sociale e simbolo di potere. Senza di esso si crede che nulla sia possibile, e a buon ragione si può parlare di una vera e propria religione basata sul culto del denaro.
Praticamente tutto al giorno d’oggi è mercificato e sottoposto alla dittatura del denaro. I valori umanistici, artistici e spirituali non contano più niente, oppure sono snaturati e/o ingabbiati dall’onnipresente mercificazione. L’interiorità, l’etica e tante altre caratteristiche che hanno a che vedere con…

Continua a leggere →

Sul pensiero creativo

Pensierio creativo

L’educazione può essere una benedizione o una maledizione. La scuola è ottima per molti aspetti, ma oggi omette – forse volutamente – moltissimi aspetti utili alla nostra crescita individuale. In particolare, ci sono diverse cose che nessuno ci insegna riguardo al pensiero creativo.
Tutti siamo creativi. Gli artisti non sono persone speciali, ognuno di noi è un artista a suo modo. Ognuno di noi è nato con una capacità spontanea di pensiero. L’unica differenza tra le persone creative e quelle che non lo sono, è una semplice credenza. I creativi sanno di essere creativi. Le persone…

Continua a leggere →

Felicità…

di Antonino Schipilliti

Questo simpatico e delicato scritto ci è stato gentilmente inviato da un lettore. Una persona che sa sicuramente che cosa siano la felicità e la gioia delle cose semplici! Riuscire a trovare nelle piccole cose della propria quotidianità la bellezza, rappresenta sicuramente un grande passo nel cammino della vita. (Beatrice – fisicaquantistica.it)
Felicità…
Felicità è cogliere gli istanti nella quotidianità allorquando si percepiscono speciali sensazioni che arrecano benessere interiore.

Il sonno della nottata è ristoratore. La giornata inizia con…

Continua a leggere →

Il confine tra fede e materia

Esperienza pre morte

di Mauro Vanzini
E’ da un po’ di tempo che la mia “immaginazione cosciente” viene presa con interesse dal concetto di linea di confine, come la linea di schiuma che separa il mare dalla sabbia della spiaggia, oppure la linea sul gelato tra il bianco della panna e il marrone del cioccolato.
Ma soprattutto, ciò che più mi fa pensare, è la linea permanente che esiste tra il nostro dentro e il nostro fuori. Questa linea si sposta nel tempo, poiché noi cambiamo, portandoci dentro molte cose che prima erano fuori, e viceversa. Noi lavoriamo per comprendere che cosa veramente siamo, e dove…

Continua a leggere →

Le ideologie organizzate e la manipolazione delle masse

Contollo-delle-masse

Karl Marx diceva che la religione organizzata era l’oppio dei popoli. Marx non teneva però conto del ruolo che potevano avere le ideologie organizzate, che si potrebbe ben dire che fungono come “eroina” per i popoli. La fine dell’Ottocento e soprattutto tutto il Novecento sono stati il periodo d’oro delle ideologie organizzate, periodi segnati da guerre, genocidi e violenza perpetrati nel nome dell’ideologia, o meglio giustificati con essa.
Il problema non è tanto l’ideologia in sé come non lo è la religione, ma l’uso strumentale che ne viene fatto e il dogmatismo assolutista,…

Continua a leggere →

Una società a rischio esaurimento

Sindrome da esaurimento

di Gabriele Sannino
La “sindrome da esaurimento” o “burn out syndrome” è una moderna patologia causata da eccessivo stress psichico.
Questa enorme quantità di stress nasce dalla routine del lavoro, da una vita affettiva non appagante, ma anche e soprattutto dalla mancanza di autenticità nei rapporti con gli altri, cosa che porta ad un isolamento ascrivibile a numerose cause caratteriali e/o sociali.

I sintomi psichici sono sempre gli stessi: insonnia, astenia, difficoltà di concentrazione, visione pessimistica della vita, senso di tristezza e di impotenza generali, fino ad arrivare a…

Continua a leggere →

Riprogramma il tuo inconscio e realizza i tuoi sogni

Programmare l'inconscio

Hai mai voluto qualcosa molto intensamente, senza mai riuscire ad ottenerla? Succede a molte persone. Spesso, indipendentemente da quanto lavoriamo o ci sforziamo, non riusciamo ad ottenere ciò che desideriamo.
Tutto ciò può essere molto frustrante, specialmente quando ti senti dire continuamente, che stabilire degli obiettivi è tutto quello di cui hai bisogno per realizzare i tuoi sogni. Quanti libri ti parlano di questo? Ti dicono di definire un obiettivo a lungo termine, poi di suddividerlo in obiettivi minori, fino a quando non sei in grado di stabilire esattamente ciò che devi fare…

Continua a leggere →

Cervello, Arte e Scienza Quantistica

Cervello, Arte e Scienza Quantistica

Per rinnovare la percezione dell’Arte contemporanea

Premessa:
Le teorie che perseguono una linearità interpretativa del rapporto tra sensazione e percezione cerebrale spesso conducono a confondere  la percezione della realtà con la realtà stessa. Ciò depriva la mente della naturale creatività perché induce a considerare l’interpretazione cognitiva del mondo percepito, come se fosse esattamente il mondo reale anziché quello che è stato cerebralmente percepito. Diversamente gli scenari visivi e sensoriali che percepiamo sulla base della Teoria del “Quantum Brain”, sviluppata…

Continua a leggere →

Conservare intatti i propri sogni per non morire dentro

Conservare intatti i propri sogni per non morire dentro

di Francesco Lamendola
Tutti gli esseri umani, al di là di ciò in cui dicono di credere e delle formule con le quali sono soliti ammantarsi, possono essere divisi in due sole, grandi categorie antropologiche: quella di quanti hanno saputo conservare i propri sogni e quella di coloro che li hanno seppelliti.
Questa ripartizione equivale, in sostanza, a quella solo apparentemente più drastica, tra quanti sono realmente “vivi”, con l’anima desta e pronta ad accogliere fervidamente il reale, e quanti sono, in realtà, “morti”: morti spiritualmente, morti dentro; anche se magari, non se ne…

Continua a leggere →