Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaPersuasori occulti e neuro marketing

di Marcello Pamio

Nel 1957 il giornalista “Vance Packard” scrisse “I persuasori occulti”, un libro che svelava i trucchi psicologici e le tattiche usate dal marketing, per manipolare le nostre menti e convincerci a comprare.

Neuro marketingLibro inquietante per l’epoca. Oggi però, i pubblicitari sono diventati più bravi, furbi e spietati. Grazie ai nuovi strumenti tecnologici, alle scoperte nel campo del comportamento, della psicologia cognitiva e delle neuroscienze, sanno cosa ha effetto su di noi molto meglio di quanto noi stessi possiamo immaginare.

Scansionano i nostri cervelli e mettono in luce le paure più nascoste, i sogni, i desideri, ripercorrono le orme che lasciamo ogni volta che usiamo una tessera fedeltà o la carta di credito al supermercato. Sanno cosa ci ispira, ci spaventa e cosa ci seduce, e alla fine, usano queste informazioni per celare la verità, manipolarci mentalmente e persuaderci a comprare.

Vediamo alcune strategie messe in atto dai “persuasori”.

Il Kids marketing

Gran parte del budget del marketing è impiegata per impiantare i brands (marchi) nel cervello dei piccoli consumatori, perchè le nostre preferenze per i prodotti attecchiscono dentro di noi ancora prima di nascere. Il linguaggio materno è udibile dall’utero, ma quello che non si sapeva è che la musica lascia nel feto un’impressione duratura in grado di plasmare i gusti che avranno da adulti.

Le ultime scoperte confermano che ascoltare reclame e jingle pubblicitari nell’utero ci predispone favorevolmente nei confronti dei brand associati. Il marketing lo sa e ha iniziato ad escogitare modi per capitalizzare tale spregiudicato fenomeno…

Con il kids marketing si coinvolgono i bambini nei giochi, monitorando il loro comportamento e preferenze, il tutto per aggiornare gli assortimenti dei supermercati: ridisegnare forma e colore degli scaffali, arricchire i totem posizionati di fianco alle casse, ecc. Non a caso giocattoli e merendine sono disposti a circa un metro da terra, alla portata dei più piccoli.

I bambini sotto i tre anni (guardano 40.000 spot pubblicitari all’anno e conoscono più nomi di personaggi pubblicitari che di animali); solo negli Usa, rappresentano un mercato da 20 miliardi di dollari! A 6 mesi i bambini sono in grado di formarsi un’immagine mentale dei loghi, e infatti i biberon e passeggini vengono decorati con personaggi ad hoc. I loghi riconosciuti a 18 mesi saranno preferiti anche da adulti.
Per finire, condizionando i bambini agli acquisti si condizionano anche i genitori: il 75% degli acquisti spontanei può essere ricondotto ad un bambino, e una madre su due, compra un alimento che è stato richiesto dal figlio.

Marketing della paura e nostalgia

La paura è un’emozione che stimola la secrezione di “adrenalina”, scatenando il riflesso primordiale del combatti o fuggi. Tale riflesso produce a sua volta un altro ormone, “l’epinefrina” che determina un piacere estremo. Il sangue affluisce ad arti e muscoli, per cui il cervello ne sarà privato, e questo ci rende incapaci di pensare con lucidità: la paura è un persuasore molto efficace (psicofarmaci, vaccini, ecc.). Le case farmaceutiche infatti pendono decine di miliardi di dollari per inventare nuove malattie ed alimentare le nostre paure. Risultato? Le vendite di farmaci da ricetta in America raggiungono i 235 miliardi di dollari all’anno.

Spesso l’approccio consiste nell’evocare emozioni negative, indi presentare l’acquisto del prodotto come l’unico e veloce modo di liberarsi di quell’emozione. Pubblicità più sofisticate adoperano invece l’umorismo come rinforzo positivo: far ridere è un ottimo mezzo per far simpatizzare con il prodotto.

Viceversa, struggersi nei ricordi migliora l’umore, l’autostima e rafforza le relazioni. La nostra predilezione per la nostalgia dipende dal fatto che il cervello è programmato per ricordare le esperienze passate come più piacevoli di quanto le avessimo ritenute allora. Tendiamo a valutare gli eventi passati in una luce più rosea.

Anche la nostra età percepita è un fattore cruciale nelle decisioni di acquisto: più invecchiamo e più rimpiangiamo il passato. Il “marketing della nostalgia” è una strategia di grande efficacia, con cui i pubblicitari riportano in vita immagini, suoni e spot del passato per venderci un brand.

Le dipendenze

I cibi ricchi di grassi e zuccheri (cioccolato, patatine, merendine…) sono tra i prodotti che generano più dipendenza. Le aziende arricchiscono appositamente i loro prodotti con sostanze che creano assuefazione (glutammato monosodico, caffeina, sciroppo di mais, aspartame, zucchero). Uno studio pubblicato su “Nature Neuroscience”, dimostra che questi alimenti agiscono sul cervello in modo quasi identico alla cocaina e all’eroina!

Lo zucchero stimola la secrezione della “dopamina”, il neurotrasmettitore del benessere, mentre la caffeina ne inibisce il suo riassorbimento, facendoci sentire briosi e vivaci, e dall’altra  stimola l’adrenalina che ci fa sentire carichi.

Anche i giochi danno una dipendenza fisiologica fortissima, il cervello infatti reagisce rilasciando più dopamina. Per questo le aziende cercano di aumentare le vendite di videogiochi, anche perché hanno scoperto che quando i giochi sono progettati a dovere, non fanno sviluppare soltanto una dipendenza dal gioco stesso, ma possono riprogrammare il cervello rendendo dipendenti dall’atto di comprare, dallo shopping. Usano i videogiochi per trasformarci in drogati dello shopping: brandwashing.

Vanity sizing

E’ un bieco trucco con cui alcuni negozi vendono abiti più larghi per farci credere di indossare una taglia più piccola. Le taglie riportate nelle etichette di abbigliamento spesso non corrispondono a quelle reali: sono di una taglia più bassa. Il neuromarketing sa benissimo che ambo i sessi comprano più volentieri un prodotto che li fa sembrare più magri, anche se ciò non è vero.

Celebrity marketing

Sfruttano la fama delle celebrità (attori, sportivi, ecc.) per lavarci il cervello, perché un prodotto associato a una persona famosa esercita un ascendente subliminale potentissimo. Il “celebrity marketing” fa leva sul fatto che sogniamo di diventare famosi, belli e popolari, vogliamo essere loro o perlomeno essere come loro.

Non a caso il numero delle persone famose si è moltiplicato negli ultimi anni, grazie a programmi creati ad arte: reality show, intrattenimento, ecc. Aumentano i testimonial presenti nelle pubblicità.

Data mining

Si tratta di un business enorme che consiste nel tracciare e analizzare il comportamento dei consumatori, per poi categorizzare ed elaborare i dati e usarli per persuaderci a comprare e, a volte, a manipolarci. Le aziende possono conoscere le nostre abitudini, l’etnia, il sesso, l’indirizzo, il telefono, il numero dei componenti della famiglia e molto altro ancora. Il nome tecnico è “Ricerca motivazionale”: in pratica vanno alla ricerca delle motivazioni che stanno alla base dei comportamenti di acquisto dei consumatori.

Analizzando i dati delle carte fedeltà e incrociandoli con quelli delle carte di credito, è possibile scoprire delle cose inquietanti su tutti noi. I “programmi fedeltà” infatti esistono solo per persuaderci a comprare di più. Ogni volta che usiamo tali carte, viene aggiunta al nostro archivio digitale l’indicazione di quello che abbiamo comprato, le quantità, l’ora, il giorno e il prezzo. Quando usiamo le carte di credito, l’azienda archivia la cifra e la tipologia merceologica: ad ogni transazione è assegnato un codice di quattro cifre che indica la tipologia di acquisto. Dove questi dati vadano a finire è facile da immaginare.

Percorsi ed orientamento

Sapevate che si spende di più se ci si muove nel negozio in senso antiorario? Il braccio destro ha più margine di movimento per afferrare i prodotti; la guida delle auto, tranne alcuni paesi, è a destra e leggiamo da sinistra a destra, per cui i nostri occhi tendono a seguire questo movimento anche quando si è davanti a uno scaffale.

I supermercati sono pensati per favorire la circolazione dei clienti da destra a sinistra, col risultato che le cose più acquistate sono sempre sugli scaffali a destra. Le grosse industrie, sapendo questo, posizionano i loro prodotti civetta sempre a destra. La porta d’ingresso è sempre a destra, e questo è un modo subdolo nel determinare il flusso d’acquisto antiorario.

Infine i percorsi contorti all’interno servono per farci camminare lentamente, e più lentamente ci muoviamo, più prodotti vedremo…e saremo tentati di comprare. I beni di prima necessità, inoltre, come sale, zucchero, ecc. sono posizionati lontanissimo dall’ingresso e difficili da scovare, obbligandoci a ripercorrere più volte le corsie facendoci girare l’intero supermercato. Addirittura in molti supermercati cambiano di posto i prodotti una volta al mese, per impedirci di trovare facilmente quello che cerchiamo.

L’istituto “ID Magasin”, specializzato in ricerche comportamentali e di mercato, ha messo a punto un dispositivo per registrare ciò che il cliente guarda da quando entra a quando esce, scoprendo che l’area più osservata negli scaffali è a circa 20 centimetri al di sotto del nostro orizzonte visivo. Un prodotto collocato a un metro e mezzo d’altezza ha la massima probabilità d’essere notato e quindi di essere acquistato.

La musica è servita

Quale musica è meglio: rock, metallica, samba o sinfonica? A questo ci pensano aziende come “Muzak”, gli “architetti audio”, che hanno progettato 74 programmi musicali in 10 categorie diverse, che spaziano dal rock, alla classica. E tutte sortiscono un effetto psicologico ben preciso e diverso.

Anche la velocità e il ritmo sono importanti. Nei supermercati la musica è lenta perchè dobbiamo muoverci più lentamente per comprare di più, mentre nei fast-food e ristoranti è più veloce, allo scopo di accelerare il ritmo della masticazione, in questo modo ci spingono ad andarcene prima per servire più clienti.

I carrelli della spesa

Il carrello è stato inventato nel 1938, con l’unico intento di stimolare gli acquisti, e nel corso degli anni le dimensioni sono aumentate permettendo di contenere più prodotti. Oggi si trovano carrelli di dimensione ridotta dedicati ai bambini. In questa maniera da una parte vengono abituati e indottrinati fin da piccoli ad usarlo, dall’altra possono riempirlo con i prodotti posizionati alla loro altezza.

Esposizioni

Le industrie pagano per posizionare i loro prodotti dove possono essere visti più facilmente dalle persone: un metro e mezzo da terra, a destra e a fine corsia. Posizionano a fine corsia, dove c’è anche più spazio, prodotti ad alto profitto, come il cioccolato e prodotti che ispirano acquisti compulsivi. Le persone comprano in media il 30% in più di prodotti che sono posizionati nelle esposizioni di fine corsia, rispetto a quelli posizionati a metà corridoio, perché si pensa che “il vero affare sia alla fine”.

Attenzione agli amici

Paradossalmente i persuasori occulti più potenti sono proprio gli amici. Il marketing e le aziende non possono nulla in confronto all’influenza esercitata da un consumatore sull’altro. Nulla è più persuasivo quanto osservare una persona che conosciamo e rispettiamo intenta a usare un prodotto.

Quando un brand ci è raccomandato da un’altra persona, nel nostro cervello le aree razionali e procedurali si disattivano. Tali meccanismi spiegano come mai la pubblicità basata sul passaparola ci resta in testa per settimane, mentre non ricordiamo gli spot televisivi visti allamattina.

Conclusione

Aveva ragione “Edward L. Bernay”, padre della Propaganda, quando scrisse nel 1928 che “gli uomini raramente sono consapevoli delle vere ragioni che stanno alla base delle loro azioni”.

Questo articolo è incompleto perchè il materiale su tali argomenti è faraonico, ma dopo questa lettura forse saremo un po’ più consapevoli del piano diabolico del neuromarketing.

La consapevolezza, assieme a un percorso di crescita evolutivo-spirituale, rimangono gli strumenti più potenti per difendersi dalla persuasione… e non solo. Partendo da hic et nunc, qui e ora, è molto importante essere presenti il più possibile nella nostra vita. La tv, in quanto strumento principe della manipolazione, meno la guardiamo e meglio è. Soprattutto è bene non farla vedere ai bambini. Infine, sarebbe meglio evitare di fare la spesa durante gli orari di pranzo e cena, perchè lo stimolo della fame incentiva acquisti compulsivi e portarsi sempre la lista della spesa.

Questi consigli sono banalità o possono far tremare i polsi alle multinazionali? Lo sapremo solo se li metteremo in pratica…

Articolo scritto da Marcello Pamio – 27 novembre 2012 – tratto da Effervescienza nr. 46 l’inserto di Biolcalenda mese ottobre 2012 www.labiolca.it/effervescienza

Fonte: http://www.disinformazione.it/persuasori_occulti.htm

Potrebbero interessarti...



Commenti

Persuasori occulti e neuro marketing — 2 commenti

  1. Sono finita qua dopo avere visto il video di programmazione subliminale quantica e non riesco ancora a capire la parte reale e la parte bufala del loro prodotto ma il vostro articolo è estremamente preciso e chiaro. Continuo le ricerche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

La paura altera il DNA

La vera manipolazione genetica nell’uomo, avviene tramite paure e timori protratti nel tempo: la paura di vivere o di morire, la paura di non avere soldi sufficienti, la paura della “punizione” divina, la paura di non essere in grado di affrontare la vita, o di essere traditi, la paura che impedisce di amare, di avere fiducia...

di “Babaji Francesco Isha Atmananda”
L’uomo, con le sue paure, si è auto-manipolato geneticamente.
La vera manipolazione genetica nell’uomo, avviene tramite paure e timori protratti nel tempo: la paura di vivere o di morire, la paura di non avere soldi sufficienti, la paura della “punizione” divina, la paura di non essere in grado di affrontare la vita, o di essere traditi, la paura che impedisce di amare, di avere fiducia… la paura di perdere qualcosa o qualcuno. Ogni tipo di timore e di paura, se protratto nel tempo, va a modificare geneticamente il DNA dell’uomo, dopo aver…

Continua a leggere →

Io… non voglio vedere!

Scie chimiche nel cielo

di Corrado Penna
Il fisico Corrado Penna analizza le varie reazioni dei cittadini di fronte all’agghiacciante realtà delle scie chimiche, che si rivelano, in questo modo, un formidabile strumento di indagine psicologica e sociologica.
Le disquisizioni sui parametri fisici necessari alla creazione di una scia di condensa, di fronte allo scempio quotidiano dei nostri cieli, ormai non hanno quasi nemmeno più senso. Forse possono essere utili per chi vive in quelle regioni o in quei paesi in cui l’irrorazione è ancora a bassi livelli, ma adesso qui in Italia (almeno al Centro, al Nord e in…

Continua a leggere →

Come stanno funzionando i vostri Chakra?

I sette chakra

I 7 Chakra: le chiavi per manifestare ciò che desideri
Fin dalla nascita, possediamo sette preziose chiavi che ci permettono di ritrovare il nostro equilibrio fisico, mentale e spirituale. Sono i centri energetici attraverso cui fluisce tutta l’energia del nostro corpo… i 7 chakra.
Quando uno o più chakra sono deboli o bloccati, accade che alcune aree della nostra vita non siano affatto come le desideriamo e che questa energia stagnante possa addirittura portare a problemi di salute. Ecco perché è importante conoscerli da vicino e permettere alla nostra energia di fluire libera.
Potete scoprire come stanno funzionando i vostri 7 Chakra con questa breve guida…

Continua a leggere →

La categorizzazione sociale come strategia di sopravvivenza

di Raffaella Addato
C’era un tempo in cui l’individuo e la sua identità erano privati di ogni forma di autonomia, minacciati dal peso incombente della collettività di cui si era parte.
Un individuo, di cui emergeva esclusivamente la sfera pubblica, a cui non era consentito percepire bisogni esclusivi e differenti rispetto all’aggregato di cui faceva parte. Un soggetto che neppure poteva essere definitivo tale, privo di identità, a cui era richiesto un adattamento ed una assimilazione totali al gruppo sociale di appartenenza.

Con il tempo, con l’affermazione…

Continua a leggere →

Vampirismo energetico

Vampirismo energetico

In ogni epoca, cultura e tradizione, sono stati descritti esseri assimilabili all’odierno concetto di vampiro, ma come spesso capita per le leggende o per le credenze popolari, anche il fenomeno del vampirismo cela in realtà una metafora.
I vampiri esistono (e vivono in mezzo a noi) ma non nella forma che ci è stata tramandata dalla fantasia per secoli. Essi si nutrono non di sangue ma dell’energia altrui. Questo fenomeno è stato recentemente classificato come “Vampirismo Energetico”. È vero, tuttavia, che esistono alcune patologie assimilabili al concetto classico di vampiro, come la “Sindrome di Renfield”, l’emofilia, ecc., ma si tratta di malattie che nulla hanno di misterioso o fantasioso. In questa sede ci occuperemo invece di vampirismo energetico…

Continua a leggere →

L’inizio della fine del consumismo

Consumismo al collasso

di Lilia
Molti anni fa si pensava che in futuro avremmo lavorato di meno, che il tempo libero a disposizione sarebbe stato maggiore e ciò avrebbe di conseguenza apportato un miglioramento alla qualità della nostra vita.
Coloro che avevano presagito un futuro così roseo, resterebbero oggi sbalorditi dinnanzi ad una simile involuzione, che tristemente affligge la vita dell’uomo contemporaneo. Oggi lavoriamo molto di più e siamo più stressati dei nostri genitori e dei nostri nonni. Camminiamo velocemente, comunichiamo in modo essenziale e dormiamo meno delle generazioni che ci hanno…

Continua a leggere →

Il confine tra fede e materia

Esperienza pre morte

di Mauro Vanzini
E’ da un po’ di tempo che la mia “immaginazione cosciente” viene presa con interesse dal concetto di linea di confine, come la linea di schiuma che separa il mare dalla sabbia della spiaggia, oppure la linea sul gelato tra il bianco della panna e il marrone del cioccolato.
Ma soprattutto, ciò che più mi fa pensare, è la linea permanente che esiste tra il nostro dentro e il nostro fuori. Questa linea si sposta nel tempo, poiché noi cambiamo, portandoci dentro molte cose che prima erano fuori, e viceversa. Noi lavoriamo per comprendere che cosa veramente siamo, e dove…

Continua a leggere →

Decrescita: utopia o autentica alternativa?

Decrescita felice

Intervista a Alain de Benoist – di Manuel Zanarini
La crisi economica e finanziaria sta portando i “padroni della globalizzazione” alla distruzione dello stato sociale e all’impoverimento delle classi lavoratrici; ma da nessuna parte si sentono voci di un ripensamento del “capitalismo selvaggio”, vero responsabile dello “stato del mondo”.
Il crollo della “finanza virtuale”, il colossale indebitamento a cui tutti noi siamo sottoposti dal mercato, la devastazione delle risorse naturali, non stanno spingendo i cosiddetti “grandi della Terra”, verso un cambio di rotta. In…

Continua a leggere →

La pericolosa “Cultura dello Sballo”

Cultura dello sballo

di Luciano Lago
In qualsiasi sistema sociale, senso di vitalità e felicità sono proporzionali alla conservazione della propria coscienza individuale (opposta alla massa) e dipendono dalla capacità di rigettare le “illusioni” che derivano dai tentativi di manipolazione mentale.
Soggetti a queste illusioni sono maggiormente le persone che non hanno ancora raggiunto uno stadio sufficiente di maturità, come gli adolescenti e i giovanissimi. Questo spiega la vulnerabilità delle nuove generazioni ai falsi miti del consumo, del divertimento, del godimento ad ogni costo e della…

Continua a leggere →

Riprogramma il tuo inconscio e realizza i tuoi sogni

Programmare l'inconscio

Hai mai voluto qualcosa molto intensamente, senza mai riuscire ad ottenerla? Succede a molte persone. Spesso, indipendentemente da quanto lavoriamo o ci sforziamo, non riusciamo ad ottenere ciò che desideriamo.
Tutto ciò può essere molto frustrante, specialmente quando ti senti dire continuamente, che stabilire degli obiettivi è tutto quello di cui hai bisogno per realizzare i tuoi sogni. Quanti libri ti parlano di questo? Ti dicono di definire un obiettivo a lungo termine, poi di suddividerlo in obiettivi minori, fino a quando non sei in grado di stabilire esattamente ciò che devi fare…

Continua a leggere →