Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaLe 12 frasi più belle del Dalai Lama

12 insegnamenti del Dalai Lama che possono cambiare il nostro modo di guardare alla vita e all’amore. Ecco come applicarle nella vita di tutti i giorni. “Se pensi di essere troppo piccolo per fare la differenza, prova a dormire con una zanzara” – Dalai Lama.

Dalai LamaCi sono frasi del Dalai Lama che sembrano scritte apposta per te, in questo momento della tua vita. Sono così tanti e preziosi gli insegnamenti da apprendere leggendo i suoi libri e le sue massime o ascoltando i suoi discorsi: in ognuno di essi la sensazione che ci arriva dritta al cuore è quella di profondo amore incondizionato e di immensa libertà, espressi in termini pratici e applicabili alla vita di ogni giorno.

1) Tieni sempre conto del fatto che un grande amore e dei grandi risultati comportano un grande rischio. Qualsiasi cosa che valga la pena vivere comporta un grande rischio, semplicemente perché come ogni cosa importante nella vita richiede un investimento di fiducia ed energia da parte tua. Abbandona quindi la paura, sii coraggioso, dimostra al tuo sogno e al tuo cuore che lo desideri davvero, e credici con tutto te stesso. Il rischio non è nulla in confronto alla gioia e alla felicità immense che stai per provare.

2) Quando perdi, non perdere la lezione. Non esiste fallimento se sai imparare dai tuoi errori e dai tuoi sbagli. Quando una relazione finisce e senti di “aver fallito”, quando il lavoro non va come vorresti e senti di “aver fallito”, quando non riesci a recuperare una situazione, a chiarire un litigio e a riuscire in quella cosa così importante e senti di “aver fallito” ricordati che non è finita lì, non hai fallito. Sono lezioni per essere migliori la prossima volta, sono semplici feedback nel lungo viaggio della vita.

3) Segui sempre le 3 “R”: Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. In questo ordine. Insieme. Ricordati le 3 “R” e farai fiorire ogni situazione e relazione rendendola significativa e profondamente appagante. Sii te stesso autenticamente e rispetta i tuoi valori, trova il modo, ce ne è sempre uno per unire il rispetto per te stesso al rispetto e alla comprensione dell’altro, mettiti nei suoi panni e chiediti quale è il modo migliore per rispettare l’unicità di quella persona. Ed infine qualsiasi cosa tu decida di fare, non dimenticare che la responsabilità non è mai della situazione, del posto in cui vivi, degli altri o della società, sono sempre le tue azioni a fare la differenza. Hai il potere di scegliere in quale direzione.

4) Quando ti accorgi di aver commesso un errore, fai immediatamente qualcosa per correggerlo. Notalo, ammettilo a te stesso, non ti mettere in croce per aver sbagliato ma nemmeno ignoralo. Pensa al modo migliore per correggerti e per dare una nuova direzione alla situazione. L’errore è il tuo punto di partenza. Tocca a te scegliere dove andare ora e come.

5) Apri le braccia al cambiamento, ma non lasciar andare i tuoi valori. Ovunque scegli di andare, con chiunque tu voglia condividere il tuo viaggio tieni sempre la bussola sui tuoi valori cardine. Forse la direzione non è definita, forse non sai come andrà la tua relazione o non sai se quello sia il lavoro giusto per te, ma non importa. Continua a vivere secondo i tuoi valori e aggiusta la rotta man mano che procedi nel tuo viaggio. Accogli gli imprevisti, le novità, le fini e i nuovi inizi, tutto questo fa parte della vita e opporsi al cambiamento è una battaglia persa dal principio. La vita è cambiamento. Scegli di abbracciarlo.

6) Impara bene le regole, in modo da infrangerle nel modo giusto. Informati, approfondisci, scopri secondo quali regole sta giocando la società e il mondo in cui vivi e trova le tue regole. Va bene sia che siano le stesse sia che siano diverse. Sapere è potere e avere ben chiaro “come gira il mondo”, ti permette di infrangere le regole che non sono allineate coi tuoi principi profondi, senza però sacrificare il tuo vivere con gli altri nella tua società e nel tuo paese.

7) Sii gentile con la Terra. È la tua casa. Sarà la casa dei tuoi figli. Bastano piccoli gesti come non gettare niente in terra anche se è la cosa più facile da fare o raccogliere una cartaccia nel parco e buttarla nel primo contenitore della spazzatura.

8) Almeno una volta l’anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima. Esplora. Esci dalla tua zona di comfort. Apri la mente e vai alla scoperta di una nuova città, un nuovo paese e perché no, un nuovo continente. Il viaggio, qualsiasi viaggio e nuova esperienza se affrontata con entusiasmo e apertura alla novità e al “diverso”, ti regala nuove prospettive sulla vita e su te stesso, occhi nuovi con cui guardare il mondo e la consapevolezza che esistono infinite possibilità da vivere e scoprire.

9) Il miglior rapporto è quello in cui ci si ama di più di quanto si abbia bisogno l’uno dell’altro. Per quanto suoni male, sarebbe egoista da parte nostra costruire e nutrire un rapporto, qualsiasi rapporto, solo perché ci sentiamo infelici, bisognosi e insicuri senza. Rendere la tua vita meravigliosa è il dono più grande che puoi fare a chi ami. Se sai essere felice da solo sei pronto per amare davvero.

10) Dona a chi ami “ali per volare, radici per tornare e motivi per rimanere”. Sii libero e concedi la stessa libertà alle persone accanto a te. Non dimenticarti però che tutti cerchiamo quelle persone che ci facciano sentire “a casa”. Quando nutri le tue relazioni di gentilezza e rispetto e dedichi tempo e amore alle persone intorno a te, hai appena regalato ali e radici e un ottimo motivo per rimanerti accanto.

11) Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani, perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere. Hai presente quella cosa che stai rimandando? Falla ora. Hai presente quelle parole che hai paura di dire? Dille adesso. Hai presente tutte le cose meravigliose che hai in questo istante nella vita? Apprezzale e goditele.

12) Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo. Guarda il cielo. Senti il calore del sole sulla pelle o semplicemente osserva le nuvole passare. Respira profondamente, lascia che l’aria riempia i tuoi polmoni e ascolta il battito del tuo cuore. Non è forse abbastanza per cominciare la giornata col sorriso e scegliere di essere la migliore versione di te stesso? C’è così tanto al mondo per cui essere grati. Solo tu puoi scegliere con che occhi guardare il cielo che ti avvolge. Le decisioni sono un modo per definire se stessi. Sono il modo per dare vita e significato ai sogni. Sono il modo per farci diventare ciò che vogliamo.

Fonte: http://omnama.it/blog/frasi-dalai-lama

Potrebbero interessarti...



Commenti

Le 12 frasi più belle del Dalai Lama — 4 commenti

  1. Col Dalai Lama ci siamo avviati nel Tempio delle Massime Superstizioni: per noi occidentali è sufficiente che qualcuno, addobbato con un pastrano arancione, ci venga a parlare di saggezza, illuminazione, ecc, quando nessuno di loro ne ha avuto esperienza diretta, sopratutto non comunicano con Dio, ma col loro “Uper Ego”!… Strane cose, vero? Ero un suo massimo sostenitore, ma ora ho compreso che è solo un medium di qualcun altro che rimane sempre nell’ombra delle belle frasette e antiche citazioni sapienziali. Ciao a tutti il Mandato

  2. Ciao, se posso permettermi, mi interessa la tua posizione, quale esperienza ti ha fatto passare da essere per te prima un punto di riferimento ed ora solo un burattino? grazie.

  3. Anch’io ho lo steso dubbio di gio. Rishisan, forse sei in missione per conto di Dio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

Piacere o Felicità… una grande differenza!

Essere felici

di Marco Cammilli
Differenza tra Piacere e Felicità? Spesso facciamo l’errore di confonderli. E troppe volte rincorriamo il piacere pensando che possa offrirci un’autentica felicità. Chiediti se questa inesorabile corsa abbia mai funzionato fino ad ora? La risposta la conosciamo entrambi: no.
Ho trascorso le ferie d’Agosto in campeggio con la mia famiglia, esattamente in un bungalow. Quella sera i miei figli erano già a letto, mentre io e mia moglie eravamo seduti in veranda. Lei intenta a leggere un libro mentre io osservavo il cielo stellato che si stagliava oltre il profilo degli alberi.
Un silenzio, a cui non sono abituato, sembrava aver sfiorato ogni persona e ogni oggetto all’interno del campeggio. Le stelle brillavano con vigore nonostante la luna piena ostentasse tutto il suo chiarore. Un uccello notturno riempiva ritmicamente e con delicatezza quel silenzio. Alcune immagini si rincorrevano nella mia testa…

Continua a leggere →

Settanta libri di metallo potrebbero cambiare la storia cristiana

Libri-di-metallo scoperti in Giordania

Una scoperta avvenuta in Giordania ha allertato gli studiosi di storia biblica e potrebbe essere la più grande, dopo quella dei Rotoli del Mar Morto.
Un’antica collezione di 70 piccoli libri, rilegati con filo, potrebbe rivelare i segreti degli albori del cristianesimo e cambiarne parzialmente la storia. I libri sono stati scoperti cinque anni fa in una grotta situata in una zona remota della Giordania, dove è noto che i profughi cristiani fuggirono dopo la caduta di Gerusalemme nel 70 d.C. Documenti importanti, rispetto allo stesso periodo, erano già stati precedentemente scoperti…

Continua a leggere →

Scienza e… spiritualità

Scienza e spiritualità

di Luca Bertolotti e Silvia Salese
E’ sempre più evidente il fatto che le nuove rivelazioni scientifiche presto o tardi si imporranno sulla visione classica e riduzionistica della vita in tutti gli ambiti di studio e di pensiero.
Eppure, non ci si riesce a rallegrare nel vedere che sempre più frequentemente gli argomenti promossi dalla nuova scienza – proprio per la loro portata rivoluzionaria – si prestano ad essere facilmente adottati, in modo semplicistico, da una qualsivoglia improvvisata corrente di pensiero filosofica, psicologica o spirituale. Pensiamo ai vari libri e dvd di…

Continua a leggere →

Come l’ordine di nascita incide sulla personalità

L'ordine di nascita incide sulla personalità

I figli unici sono noti per il loro perfezionismo, mentre i primogeniti si distinguono per voler essere dei leaders, i mezzani per le loro doti di mediatori e i più piccoli sono sempre i ribelli della famiglia.
I figli unici sono noti per il loro perfezionismo e per il fatto di raggiungere spesso obiettivi ambiziosi. Alla ricerca costante di attenzioni, hanno bisogno dell’approvazione di genitori e amici. Ma caratteristiche specifiche si possono attribuire anche agli individui con fratelli. E questo proprio in relazione all’ordine di nascita all’interno della famiglia. Certo, non è solo…

Continua a leggere →

Il lavoro “mortifica” l’uomo

Operai sospesi in aria

di Giovanni Marano
Questo scritto è una ferma contestazione nei confronti di tutti coloro che hanno confuso il lavoro (dovere civico e morale, non coercitivo, svolto dall’uomo nell’interesse proprio e della comunità) con uno strumento di vessazione e costrizione atto a soggiogare l’intera umanità.
E’ inoltre l’espressione di un forte disappunto nei riguardi di chi crede (prescindendo da chi ne detiene la proprietà) che quello monetario sia l’unico sistema possibile, ed è anche una critica all’indirizzo di chi, pur condividendo tale tesi, inizi a mostrare segni di indulgenza verso…

Continua a leggere →

Desideri indotti

Condizionamento mentale

Noi tutti, viviamo oggi una condizione che ci imbriglia ad un volgare conformismo, oltre al quale non riusciamo ad andare.
E chiamiamo questo conformismo “buon senso”, “saper vivere” e persino lealtà alla patria, o addirittura fede. Così siamo giunti al punto che manifestare un desiderio di conoscere, di pensare, oppure dichiarare di avere un punto di vista diverso da quanto le varie autorità ci propongono, significa candidarsi al sospetto o giudizio altrui e trovarsi emarginati.

L’attuale sistema ha come presupposto che qualcuno pensi e giudichi per tutti. Ed allora,…

Continua a leggere →

Sul pensiero creativo

Pensierio creativo

L’educazione può essere una benedizione o una maledizione. La scuola è ottima per molti aspetti, ma oggi omette – forse volutamente – moltissimi aspetti utili alla nostra crescita individuale. In particolare, ci sono diverse cose che nessuno ci insegna riguardo al pensiero creativo.
Tutti siamo creativi. Gli artisti non sono persone speciali, ognuno di noi è un artista a suo modo. Ognuno di noi è nato con una capacità spontanea di pensiero. L’unica differenza tra le persone creative e quelle che non lo sono, è una semplice credenza. I creativi sanno di essere creativi. Le persone…

Continua a leggere →

La Grande Menzogna in cui viviamo

La menzogna in cui viviamo

Viviamo nell’ignavia e apatia quotidiana, plagiati e bombardati dai media di regime. E non ci spingiamo mai oltre per cercare di comprendere la china discendente e inesorabile che sta colpendo tutti noi indistintamente.
Ogni giorno ci svegliamo nella stessa stanza e ci predisponiamo a vivere esattamente come il giorno prima. Eppure, un tempo, ogni giorno era una nuova avventura. Lungo il percorso è cambiato qualcosa… e adesso i nostri giorni sono scanditi e programmati.
È questo ciò che significa essere cresciuti? Essere liberi? Ma siamo davvero liberi? Gli elementi stessi di cui abbiamo bisogno per sopravvivere sono di proprietà di multinazionali. Non c’è cibo per noi sugli alberi, l’acqua del rubinetto è inquinata e dobbiamo comprarla imbottigliata…

Continua a leggere →

Di che intelligenza sei?

Di che intelligenza sei?

di Valeria Zacconi
Intelligenze: il plurale è d’obbligo!
Che di intelligenze ne esistano di diversi tipi oramai è un fatto acquisito, così come è assodato che nelle diverse epoche e culture, si intendono talvolta abilità differenti fra loro per ‘intelligenti’, e se ne bollano altre (penso a come fosse bollato chi era dotato di forte intuito e capacità empatica nella nostra società, fino ai primi decenni del secolo scorso) come scarsamente dotate.

Dopo il flop dei test, in particolar modo della misurazione del QI, si è visto che in realtà l’intelligenza non è esattamente…

Continua a leggere →

Il confine tra fede e materia

Esperienza pre morte

di Mauro Vanzini
E’ da un po’ di tempo che la mia “immaginazione cosciente” viene presa con interesse dal concetto di linea di confine, come la linea di schiuma che separa il mare dalla sabbia della spiaggia, oppure la linea sul gelato tra il bianco della panna e il marrone del cioccolato.
Ma soprattutto, ciò che più mi fa pensare, è la linea permanente che esiste tra il nostro dentro e il nostro fuori. Questa linea si sposta nel tempo, poiché noi cambiamo, portandoci dentro molte cose che prima erano fuori, e viceversa. Noi lavoriamo per comprendere che cosa veramente siamo, e dove…

Continua a leggere →