Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaLe 12 frasi più belle del Dalai Lama

12 insegnamenti del Dalai Lama che possono cambiare il nostro modo di guardare alla vita e all’amore. Ecco come applicarle nella vita di tutti i giorni. “Se pensi di essere troppo piccolo per fare la differenza, prova a dormire con una zanzara” – Dalai Lama.

Dalai LamaCi sono frasi del Dalai Lama che sembrano scritte apposta per te, in questo momento della tua vita. Sono così tanti e preziosi gli insegnamenti da apprendere leggendo i suoi libri e le sue massime o ascoltando i suoi discorsi: in ognuno di essi la sensazione che ci arriva dritta al cuore è quella di profondo amore incondizionato e di immensa libertà, espressi in termini pratici e applicabili alla vita di ogni giorno.

1) Tieni sempre conto del fatto che un grande amore e dei grandi risultati comportano un grande rischio. Qualsiasi cosa che valga la pena vivere comporta un grande rischio, semplicemente perché come ogni cosa importante nella vita richiede un investimento di fiducia ed energia da parte tua. Abbandona quindi la paura, sii coraggioso, dimostra al tuo sogno e al tuo cuore che lo desideri davvero, e credici con tutto te stesso. Il rischio non è nulla in confronto alla gioia e alla felicità immense che stai per provare.

2) Quando perdi, non perdere la lezione. Non esiste fallimento se sai imparare dai tuoi errori e dai tuoi sbagli. Quando una relazione finisce e senti di “aver fallito”, quando il lavoro non va come vorresti e senti di “aver fallito”, quando non riesci a recuperare una situazione, a chiarire un litigio e a riuscire in quella cosa così importante e senti di “aver fallito” ricordati che non è finita lì, non hai fallito. Sono lezioni per essere migliori la prossima volta, sono semplici feedback nel lungo viaggio della vita.

3) Segui sempre le 3 “R”: Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. In questo ordine. Insieme. Ricordati le 3 “R” e farai fiorire ogni situazione e relazione rendendola significativa e profondamente appagante. Sii te stesso autenticamente e rispetta i tuoi valori, trova il modo, ce ne è sempre uno per unire il rispetto per te stesso al rispetto e alla comprensione dell’altro, mettiti nei suoi panni e chiediti quale è il modo migliore per rispettare l’unicità di quella persona. Ed infine qualsiasi cosa tu decida di fare, non dimenticare che la responsabilità non è mai della situazione, del posto in cui vivi, degli altri o della società, sono sempre le tue azioni a fare la differenza. Hai il potere di scegliere in quale direzione.

4) Quando ti accorgi di aver commesso un errore, fai immediatamente qualcosa per correggerlo. Notalo, ammettilo a te stesso, non ti mettere in croce per aver sbagliato ma nemmeno ignoralo. Pensa al modo migliore per correggerti e per dare una nuova direzione alla situazione. L’errore è il tuo punto di partenza. Tocca a te scegliere dove andare ora e come.

5) Apri le braccia al cambiamento, ma non lasciar andare i tuoi valori. Ovunque scegli di andare, con chiunque tu voglia condividere il tuo viaggio tieni sempre la bussola sui tuoi valori cardine. Forse la direzione non è definita, forse non sai come andrà la tua relazione o non sai se quello sia il lavoro giusto per te, ma non importa. Continua a vivere secondo i tuoi valori e aggiusta la rotta man mano che procedi nel tuo viaggio. Accogli gli imprevisti, le novità, le fini e i nuovi inizi, tutto questo fa parte della vita e opporsi al cambiamento è una battaglia persa dal principio. La vita è cambiamento. Scegli di abbracciarlo.

6) Impara bene le regole, in modo da infrangerle nel modo giusto. Informati, approfondisci, scopri secondo quali regole sta giocando la società e il mondo in cui vivi e trova le tue regole. Va bene sia che siano le stesse sia che siano diverse. Sapere è potere e avere ben chiaro “come gira il mondo”, ti permette di infrangere le regole che non sono allineate coi tuoi principi profondi, senza però sacrificare il tuo vivere con gli altri nella tua società e nel tuo paese.

7) Sii gentile con la Terra. È la tua casa. Sarà la casa dei tuoi figli. Bastano piccoli gesti come non gettare niente in terra anche se è la cosa più facile da fare o raccogliere una cartaccia nel parco e buttarla nel primo contenitore della spazzatura.

8) Almeno una volta l’anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima. Esplora. Esci dalla tua zona di comfort. Apri la mente e vai alla scoperta di una nuova città, un nuovo paese e perché no, un nuovo continente. Il viaggio, qualsiasi viaggio e nuova esperienza se affrontata con entusiasmo e apertura alla novità e al “diverso”, ti regala nuove prospettive sulla vita e su te stesso, occhi nuovi con cui guardare il mondo e la consapevolezza che esistono infinite possibilità da vivere e scoprire.

9) Il miglior rapporto è quello in cui ci si ama di più di quanto si abbia bisogno l’uno dell’altro. Per quanto suoni male, sarebbe egoista da parte nostra costruire e nutrire un rapporto, qualsiasi rapporto, solo perché ci sentiamo infelici, bisognosi e insicuri senza. Rendere la tua vita meravigliosa è il dono più grande che puoi fare a chi ami. Se sai essere felice da solo sei pronto per amare davvero.

10) Dona a chi ami “ali per volare, radici per tornare e motivi per rimanere”. Sii libero e concedi la stessa libertà alle persone accanto a te. Non dimenticarti però che tutti cerchiamo quelle persone che ci facciano sentire “a casa”. Quando nutri le tue relazioni di gentilezza e rispetto e dedichi tempo e amore alle persone intorno a te, hai appena regalato ali e radici e un ottimo motivo per rimanerti accanto.

11) Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani, perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere. Hai presente quella cosa che stai rimandando? Falla ora. Hai presente quelle parole che hai paura di dire? Dille adesso. Hai presente tutte le cose meravigliose che hai in questo istante nella vita? Apprezzale e goditele.

12) Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo. Guarda il cielo. Senti il calore del sole sulla pelle o semplicemente osserva le nuvole passare. Respira profondamente, lascia che l’aria riempia i tuoi polmoni e ascolta il battito del tuo cuore. Non è forse abbastanza per cominciare la giornata col sorriso e scegliere di essere la migliore versione di te stesso? C’è così tanto al mondo per cui essere grati. Solo tu puoi scegliere con che occhi guardare il cielo che ti avvolge. Le decisioni sono un modo per definire se stessi. Sono il modo per dare vita e significato ai sogni. Sono il modo per farci diventare ciò che vogliamo.

Fonte: http://omnama.it/blog/frasi-dalai-lama

Potrebbero interessarti...



Commenti

Le 12 frasi più belle del Dalai Lama — 4 commenti

  1. Col Dalai Lama ci siamo avviati nel Tempio delle Massime Superstizioni: per noi occidentali è sufficiente che qualcuno, addobbato con un pastrano arancione, ci venga a parlare di saggezza, illuminazione, ecc, quando nessuno di loro ne ha avuto esperienza diretta, sopratutto non comunicano con Dio, ma col loro “Uper Ego”!… Strane cose, vero? Ero un suo massimo sostenitore, ma ora ho compreso che è solo un medium di qualcun altro che rimane sempre nell’ombra delle belle frasette e antiche citazioni sapienziali. Ciao a tutti il Mandato

  2. Ciao, se posso permettermi, mi interessa la tua posizione, quale esperienza ti ha fatto passare da essere per te prima un punto di riferimento ed ora solo un burattino? grazie.

  3. Anch’io ho lo steso dubbio di gio. Rishisan, forse sei in missione per conto di Dio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

Riprogramma il tuo inconscio e realizza i tuoi sogni

Programmare l'inconscio

Hai mai voluto qualcosa molto intensamente, senza mai riuscire ad ottenerla? Succede a molte persone. Spesso, indipendentemente da quanto lavoriamo o ci sforziamo, non riusciamo ad ottenere ciò che desideriamo.
Tutto ciò può essere molto frustrante, specialmente quando ti senti dire continuamente, che stabilire degli obiettivi è tutto quello di cui hai bisogno per realizzare i tuoi sogni. Quanti libri ti parlano di questo? Ti dicono di definire un obiettivo a lungo termine, poi di suddividerlo in obiettivi minori, fino a quando non sei in grado di stabilire esattamente ciò che devi fare…

Continua a leggere →

La misteriosa guida invisibile di cani e gatti

La misteriosa guida invisibile di cani e gatti

di Francesco Lamendola
Come fanno certi animali, a ritrovare la strada di casa, anche a distanza di mesi o anni da quando le circostanze li hanno separati dai loro padroni?
Come fanno questi animali a percorrere decine, centinaia di chilometri, a volte perfino per mare, imbarcandosi di nascosto su navi o aerei, senza nemmeno una traccia olfattiva da seguire? L’istinto… si dice, e con ciò si pensa di aver spiegato tutto; senza avere la lealtà di ammettere che parlare di “istinto”, in casi del genere, vuol dire appellarsi alla classica “formuletta magica”, che serve solo a coprire…

Continua a leggere →

432 Hertz

432 Hz

L’accordo a 432 Hertz (Hz) – la nuova alchimia della musica elettronica – risuona con le frequenze fondamentali del vivente: battito cardiaco, replicazione del DNA, sincronizzazione cerebrale, e con la Risonanza di Schumann e la geometria della creazione. Purtroppo, invece, la maggior parte della musica prodotta a partire dal 1939, vibra a frequenze incoerenti di accordi a 440 Hz.
Nel campo della “sintesi elettronica” sono stati compiuti balzi assolutamente sbalorditivi, in grado di aggiungere sempre nuovi elementi alle comuni frequenze generate dai normali oscillatori di base. Tali…

Continua a leggere →

Cervello, Arte e Scienza Quantistica

Cervello, Arte e Scienza Quantistica

Per rinnovare la percezione dell’Arte contemporanea

Premessa:
Le teorie che perseguono una linearità interpretativa del rapporto tra sensazione e percezione cerebrale spesso conducono a confondere  la percezione della realtà con la realtà stessa. Ciò depriva la mente della naturale creatività perché induce a considerare l’interpretazione cognitiva del mondo percepito, come se fosse esattamente il mondo reale anziché quello che è stato cerebralmente percepito. Diversamente gli scenari visivi e sensoriali che percepiamo sulla base della Teoria del “Quantum Brain”, sviluppata…

Continua a leggere →

Il confine tra fede e materia

Esperienza pre morte

di Mauro Vanzini
E’ da un po’ di tempo che la mia “immaginazione cosciente” viene presa con interesse dal concetto di linea di confine, come la linea di schiuma che separa il mare dalla sabbia della spiaggia, oppure la linea sul gelato tra il bianco della panna e il marrone del cioccolato.
Ma soprattutto, ciò che più mi fa pensare, è la linea permanente che esiste tra il nostro dentro e il nostro fuori. Questa linea si sposta nel tempo, poiché noi cambiamo, portandoci dentro molte cose che prima erano fuori, e viceversa. Noi lavoriamo per comprendere che cosa veramente siamo, e dove…

Continua a leggere →

La “liquefazione” della sfera intima nell’era informatica

Social Network

di Raffaella Addato
I social network sono lo specchio della realtà, o uno spazio fittizio in cui si insediano relazioni sociali occasionali e altrettanto fittizie? L’istantaneità informatica riduce o aumenta le distanze tra le persone?
C’era un tempo in cui l’individuo e la sua identità erano privati di ogni forma di autonomia, minacciati dal peso incombente della collettività di cui si era parte. Un individuo di cui emergeva esclusivamente la sfera pubblica, e a cui non era consentito percepire bisogni esclusivi e differenti rispetto all’aggregato di cui faceva parte. Un…

Continua a leggere →

Non esiste altro peccato che la stupidità…

Stupidità

«Non esiste altro peccato che la stupidità» è un celebre pensiero di Oscar Wilde, che risulta impossibile non condividere.
Pochi sono stati gli studi condotti su uno dei mali che da sempre affligge l’umanità e ne condiziona il cammino storico. E non è difficile comprenderne il motivo, né esserne stupiti: definire la stupidità o intraprendere uno studio su un argomento così vasto che investe la sfera soggettiva di ognuno di noi è decisamente complicato.

La stupidità è molto potente e si potrebbe associare ad uno stato di apatia letargica, a differenza dell’intelligenza che…

Continua a leggere →

Evoluzione storica-sociale e Arte Quantistica

di Roberto Denti
In un momento di crisi totale dei sistemi economici che governano il pianeta occorre trovare un nuovo modello di sviluppo che vada al di là della concezione meccanicistica dell’economia. Vediamo cosa si intende con questo aggettivo, partendo dalla concezione newtoniana dell’astronomia.

Nei Principia Newton scrive: “Lo spazio assoluto, per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno, rimane sempre uguale e immobile” … “Il tempo assoluto, vero, matematico, in sé e per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno, scorre uniformemente”.

Il…

Continua a leggere →

La categorizzazione sociale come strategia di sopravvivenza

di Raffaella Addato
C’era un tempo in cui l’individuo e la sua identità erano privati di ogni forma di autonomia, minacciati dal peso incombente della collettività di cui si era parte.
Un individuo, di cui emergeva esclusivamente la sfera pubblica, a cui non era consentito percepire bisogni esclusivi e differenti rispetto all’aggregato di cui faceva parte. Un soggetto che neppure poteva essere definitivo tale, privo di identità, a cui era richiesto un adattamento ed una assimilazione totali al gruppo sociale di appartenenza.

Con il tempo, con l’affermazione…

Continua a leggere →

Reincarnazione: i ricordi hollywoodiani di Ryan

Ryan

di Sabrina Pieragostini
Incredibile, ma (forse) vero: Ryan, un bambino americano, afferma di aver vissuto una vita precedente ad Hollywood, tra party esclusivi, ville di lusso e grandi star del cinema.
I ricordi di quell’esistenza passata, riemersi nella memoria di Ryan, sembrano corrispondere alla realtà in modo incredibile. Si tratta allora di un caso di reincarnazione? Non è certo un evento raro che i bimbi, soprattutto in tenera età, parlino ai genitori sbigottiti di esperienze che non possono aver vissuto, o di luoghi che non hanno mai visto. Frutto di una spiccata fantasia o…

Continua a leggere →